Un Food Truck nel Borgo Fantasma
Castelpoto, Italia
Food
Obiettivi:
Lavoro dignitoso e crescita economicaCittà e comunità sostenibiliConsumo e produzione responsabili

S.N.C. – Salsicce Nostrane Castelpoto è un progetto non solo di ristorazione, ma di rilancio di un territorio.

Castelpoto è un piccolo paese dell’appennino meridionale, che da anni sta trovando il modo di farsi conoscere in Italia e nel mondo tramite il suo prodotto tipico: la Salsiccia Rossa di Castelpoto1, presidio slow food da quasi 20 anni.

Nonostante il prodotto sia apprezzato e conosciuto, tanto che è possibile trovarlo in molti ristoranti d’Italia - come ad esempio Sorbillo2, che nel proprio menù fisso ha una pizza con la Salsiccia Rossa - a Castelpoto attualmente non esiste un posto dove poterla gustare.

Lo scopo quindi del progetto è quello di riprendere una precedente attività di street food3, chiusa a causa dell’emergenza Covid, che faceva della Salsiccia Rossa di Castelpoto il prodotto principale, per trasformarla da attività itinerante a presidio fisso sul territorio dove poter gustare finalmente il prodotto tipico locale.

L’attività, nella quale lavoravo come dipendente con la funzione di chef, aveva già iniziato ad ottenere una certa notorietà, tramite la partecipazione a sagre ed eventi su tutto il territorio regionale.

Il finanziamento avrebbe lo scopo di trasformare l’attività in potenziale punto di attrazione per tutta la provincia, con l’acquisto dell’arredamento necessario a permettere ai clienti di potersi godere una cena o un aperitivo all’aperto con la massima comodità.

Inoltre, essendo la Salsiccia Rossa un prodotto artigianale, tramite il crowfunding si vorrebbe acquisire l’attrezzatura necessaria per la realizzazione del prodotto partendo da materie a kilometro 0; l’attrezzatura per la realizzazione culinaria di piatti capaci di valorizzare il prodotto, ed infine l’attrezzatura necessaria per affiancare altri prodotti alla salsiccia, come hamburger, bistecche ed aperitivi, al fine di creare a tutti gli effetti una braceria/vineria su 4 ruote.

La stessa formula braceria/vineria è attualmente poco diffusa in zona e soprattutto è attualmente molto difficile gustare una buona bistecca, anche nella vicina Benevento.

Di mio posso invece mettere a frutto l’esperienza lavorativa degli ultimi anni, in una delle macellerie migliori4 di Benevento, che negli anni è emersa soprattutto per la scelta di carni frollate e come principale punto vendita del marchio IGP della Marchigiana del Sannio5.

Castelpoto d’altronde si trova a pochi minuti di macchina dalla stessa Benevento ed in passato è stata sufficiente la presenza di una singola attività, come il pub KeyWest, per renderla meta di numerosi abitanti della provincia.

La scelta della location, inoltre, pensata vicina al borgo antico, punta a valorizzare una parte del paese abbandonata, che potrebbe essere fonte di rilancio dell’economia dell’intero paese, che già è di per sé fonte di interesse paesaggistico e storico-culturale6, anche internazionale.


 

1https://www.fondazioneslowfood.com/it/presidi-slow-food/salsiccia-rossa-di-castelpoto/

2https://www.instagram.com/p/BAPVdhmno-J/?hl=it

3https://www.facebook.com/sncstreetfood

4https://www.facebook.com/macelleriavolpe/

5http://www.sangiorgiocarni.it/index.php/79-marchigiana/103-la-razza-marchigiana

6https://derivesuburbane.it/borghi-e-castelli/borghi-fantasma/castelpoto/  

Commenti (0)
0 €
Obiettivo 5.000 €
0
Sostenitori
0
Condivisioni
Castelpoto, Italia
Food
Obiettivi:
Lavoro dignitoso e crescita economicaCittà e comunità sostenibiliConsumo e produzione responsabili

S.N.C. – Salsicce Nostrane Castelpoto è un progetto non solo di ristorazione, ma di rilancio di un territorio.

Castelpoto è un piccolo paese dell’appennino meridionale, che da anni sta trovando il modo di farsi conoscere in Italia e nel mondo tramite il suo prodotto tipico: la Salsiccia Rossa di Castelpoto1, presidio slow food da quasi 20 anni.

Nonostante il prodotto sia apprezzato e conosciuto, tanto che è possibile trovarlo in molti ristoranti d’Italia - come ad esempio Sorbillo2, che nel proprio menù fisso ha una pizza con la Salsiccia Rossa - a Castelpoto attualmente non esiste un posto dove poterla gustare.

Lo scopo quindi del progetto è quello di riprendere una precedente attività di street food3, chiusa a causa dell’emergenza Covid, che faceva della Salsiccia Rossa di Castelpoto il prodotto principale, per trasformarla da attività itinerante a presidio fisso sul territorio dove poter gustare finalmente il prodotto tipico locale.

L’attività, nella quale lavoravo come dipendente con la funzione di chef, aveva già iniziato ad ottenere una certa notorietà, tramite la partecipazione a sagre ed eventi su tutto il territorio regionale.

Il finanziamento avrebbe lo scopo di trasformare l’attività in potenziale punto di attrazione per tutta la provincia, con l’acquisto dell’arredamento necessario a permettere ai clienti di potersi godere una cena o un aperitivo all’aperto con la massima comodità.

Inoltre, essendo la Salsiccia Rossa un prodotto artigianale, tramite il crowfunding si vorrebbe acquisire l’attrezzatura necessaria per la realizzazione del prodotto partendo da materie a kilometro 0; l’attrezzatura per la realizzazione culinaria di piatti capaci di valorizzare il prodotto, ed infine l’attrezzatura necessaria per affiancare altri prodotti alla salsiccia, come hamburger, bistecche ed aperitivi, al fine di creare a tutti gli effetti una braceria/vineria su 4 ruote.

La stessa formula braceria/vineria è attualmente poco diffusa in zona e soprattutto è attualmente molto difficile gustare una buona bistecca, anche nella vicina Benevento.

Di mio posso invece mettere a frutto l’esperienza lavorativa degli ultimi anni, in una delle macellerie migliori4 di Benevento, che negli anni è emersa soprattutto per la scelta di carni frollate e come principale punto vendita del marchio IGP della Marchigiana del Sannio5.

Castelpoto d’altronde si trova a pochi minuti di macchina dalla stessa Benevento ed in passato è stata sufficiente la presenza di una singola attività, come il pub KeyWest, per renderla meta di numerosi abitanti della provincia.

La scelta della location, inoltre, pensata vicina al borgo antico, punta a valorizzare una parte del paese abbandonata, che potrebbe essere fonte di rilancio dell’economia dell’intero paese, che già è di per sé fonte di interesse paesaggistico e storico-culturale6, anche internazionale.


 

1https://www.fondazioneslowfood.com/it/presidi-slow-food/salsiccia-rossa-di-castelpoto/

2https://www.instagram.com/p/BAPVdhmno-J/?hl=it

3https://www.facebook.com/sncstreetfood

4https://www.facebook.com/macelleriavolpe/

5http://www.sangiorgiocarni.it/index.php/79-marchigiana/103-la-razza-marchigiana

6https://derivesuburbane.it/borghi-e-castelli/borghi-fantasma/castelpoto/  


Per maggiori informazioni contattaci al nostro indirizzo privacy@eppela.com