WIFIVE
Creatività

Oh.. Hey, Ciao!

Sono Nicolas e ora ti racconto WIFIVE in 5 punti più 1 extra.

1. Che cos'è

WIFIVE è un gioco. Un mazzo di 50 carte per quando non funziona il wifi. Ogni carta ti racconta un’attività da fare quando il wifi non va (o quando decidi di sabotarlo).

L'obiettivo è trasformare un momento fastidioso in cui si è nervosi o arrabbiati in un’occasione gratificante. Una formidabile necessità.

Il nome è una combinazione tra wifi e five – le 5 categorie delle carte, lo scopri qui sotto –, nonché un gioco di parole che richiama l'high five, darsi il cinque con il braccio alto: un bel modo, un po' americano, per connettersi con le persone.

2. Come funziona

Pesca a caso oppure sfoglia e trova la tua preferita. Gioca da solo o in gruppo: valgono tutte le età, e si può fare con gli amici, con i colleghi e familiari.

Usa le carte come ispirazione e se vuoi cambia le regole. Soprattutto, fidati e lasciati trasportare.

Insomma, così:

3. Le carte

Sono 50 raggruppate in 5 categorie e 5 colori per indicare diversi tipi di attività. Oltre al testo, al fondo di ogni carta ci sono 3 indicazioni per svolgere l’attività: tempo, numero di persone e dove farlo (dentro e/o fuori). Sul retro, poi una citazione.

4. Come userò i soldi

Il traguardo della campagna serve a coprire i costi di stampa delle carte e del mazzo, le spese di trasporto e spedizione. La tipografia c'è già (Ludocards di Alessandria) e gli accordi sono fatti: a luglio verranno consegnati i mazzi che pre-ordinerete durante questa campagna.

Però ci sono degli obiettivi più grandi per portare il progetto in giro per il mondo, il web, l'universo. Ecco un'infografica per capirlo. Se superiamo insieme i 5.000€ questi sono gli step successivi:

5. Chi sono

Sono uno di quei tipi che sta tutto il giorno a computer e non si capisce bene cosa faccia. Nemmeno io lo so.

Volevo fare il giornalista. O lo stand-up comedian. Lavorare nell'intelligence. Fare l'artigiano del legno.

Oggi, 2016, metà giornata la passo con i miei colleghi di iMerica: proviamo a spiegare le cose con infografiche e mappe. L'altra metà studio o scrivo, per lo più racconti (i miei amici Coccodrilli dal cilindro lo sanno bene). Ho studiato Scienze Internazionali e Diplomatiche e alla Scuola Holden. Ho lavorato a Londra e nell'ultimo anno ho ripreso a giocare a calcio, in porta: ho preso tantissimi gol e mi sono rotto il naso.

Non sono un tipo zen, anzi. Sono sempre con l'iPhone in mano, Fastweb in casa e un po' di stress sotto pelle per quando le cose vanno piano o non funzionano.

Perché WIFIVE, allora? Nel prossimo punto ve lo spiego.

EXTRA: Perché lo faccio

L'idea per WIFIVE è nata questo Natale.

Sono tornato a casa dai miei. Ad Alnicco, provincia di Udine. Ogni dicembre con mio fratello, Federico, 13 anni, abbiamo una tradizione. Anche se non ci crediamo più, scriviamo la lettera a Babbo Natale. Un lungo elenco (e un divieto: niente calzini).

Quest'anno però Federico è stato chiaro: «Io vorrei solo il WIFI». Perché dove viviamo non c'è la connessione veloce.

Mi sono sentito impotente. Una realtà che non potevo cambiare o spiegare. Non potevo nemmeno risolvere tutto con una storiella. Non potevo fare nessuna delle cose che mi piace fare o sogno di fare da sempre: emozionare, informare o, ambizione mai nascosta, cambiare il mondo.

È così che ho iniziato a pensare.

Dopo sei mesi è nato WIFIVE. Non è la risposta esatta al problema. Non arriverà internet ad Alnicco. Né potrò tranquillizzare un impiegato a cui salta la connessione prima di una scadenza. Non sono nemmeno così sicuro che WIFIVE possa aiutare qualcuno. Non so se vi farà divertire, se vi farà stare meglio.

Però ci spero tanto e ci scommetto. Perché basta davvero mezzo millimetro. Un istante in cui la prospettiva cambia. Un momento in cui invece di sbattere i pugni sul tavolo si fa una cosa nuova.

E poi ci si dà il cinque: Federico e io. Tu e i tuoi amici.

Commenti (0)
0 €
Obiettivo 5.000 €
0
Sostenitori
0
Condivisioni
Scegli una ricompensa
5€ o più

SFONDO.

Per chi mi vuole sostenere al volo

— Un grazie sui social e uno sfondo WIFIVE per pc e smartphone

Consegna: Luglio 2016

10€ o più

EARLY BIRD.

Per i fedelissimi, gli amici e i primi della fila

— 1 dei primi 50 mazzi a un prezzo stracciato (risparmi 10€)

Consegna: Luglio 2016

Spedizioni: incluse in Italia (aggiungi 10€ per l'Estero)

15€ o più

PRIMI MAZZI.

Per chi arriva presto ma non prestissimo

— 1 mazzo a un prezzo scontato (risparmi 5€)

Consegna: Luglio 2016

Spedizioni: incluse in Italia (aggiungi 10€ per l'Estero)

20€ o più

WIFIVER.

Per chi non sa quale scegliere, si parte da qui

— 1 mazzo
— Un grazie sui social e uno sfondo per smartphone e pc

Consegna: Luglio/Agosto 2016

Spedizioni: incluse in Italia (aggiungi 10€ per l'Estero)

30€ o più

2 WIFIVER.

Per chi vuole bene a qualcuno

— 2 mazzi (risparmi 10€)
— Un grazie sui social e due sfondi per smartphone e pc

Consegna: Luglio/Agosto 2016

Spedizioni: incluse in Italia (aggiungi 10€ per l'Estero)

60€ o più

PERSONALIZZATO.

Per chi vuole una versione unica

— 2 mazzi con confezione personalizzata
— Un grazie sui social e 2 sfondi per smartphone e pc

Consegna: Luglio/Agosto 2016

Spedizioni: incluse in Italia (aggiungi 10€ per l'Estero)

100€ o più

10 MAZZI!

Per chi ha tanti colleghi o amici (o si vuole portare avanti con i regali di Natale)

— 10 mazzi a un prezzaccio (risparmi 100€)
— Un grazie sui social e 10 sfondi WIFIVE per pc e smartphone

Extra: Aggiungi 10€ per ogni mazzo aggiuntivo

Consegna: Luglio/Agosto 2016

Spedizioni: incluse in Italia (aggiungi 10€ per l'Estero)

150€ o più

DIETRO LE QUINTE.

Per chi vuole conoscere meglio me e il progetto

— 1 mazzo consegnato di persona
— Una cena a Torino (o a Udine)
— Una full immersion nel progetto, con bozzetti, prove e prototipi
— Un grazie sui social e uno sfondo WIFIVE per pc e smartphone

Extra: Aggiungi 5€ per ogni mazzo aggiuntivo (fino a un massimo di 10 mazzi - 50€)

Consegna: Luglio/Agosto/Settembre 2016

Spedizioni: incluse in Italia (aggiungi 10€ per l'Estero)

200€ o più

TOP 10.

Per chi mi vuole davvero bene e vuole sostenere me e il progetto a 360°

— 3 mazzi
— 1 bella lettera di ringraziamento personalizzata e una telefonata
— 1 menzione nel mazzo nella parte "rigraziamenti"
— Un grazie sui social e uno sfondo WIFIVE per pc e smartphone

Extra: Aggiungi 5€ per ogni mazzo aggiuntivo (fino a un massimo di 10 mazzi - 50€)

Consegna: Luglio/Agosto 2016

Spedizioni: incluse in Italia (aggiungi 10€ per l'Estero)

250€ o più

WORKSHOP.

Per chi vuole imparare qualcosa di nuovo, divertendosi

— 3 mazzi
— Un workshop su design, impaginazione, font e icone. 2 ore e un massimo di 5 persone
— Un grazie sui social e 3 sfondi WIFIVE per pc e smartphone

Consegna: Luglio/Agosto 2016 (per il workshop, invece, la data è da concordare)

Spedizioni: incluse in Italia (aggiungi 10€ per l'Estero)

5000€ o più

PARTNER ESCLUSIVO.

Per chi vuole rivendere WIFIVE

– 750 mazzi con confezione personalizzata e l'esclusiva a venderli in negozio fino a settembre 2016.

Consegna: Luglio 2016

Spedizioni: incluse in Italia (escluso l'estero)

Creatività

Oh.. Hey, Ciao!

Sono Nicolas e ora ti racconto WIFIVE in 5 punti più 1 extra.

1. Che cos'è

WIFIVE è un gioco. Un mazzo di 50 carte per quando non funziona il wifi. Ogni carta ti racconta un’attività da fare quando il wifi non va (o quando decidi di sabotarlo).

L'obiettivo è trasformare un momento fastidioso in cui si è nervosi o arrabbiati in un’occasione gratificante. Una formidabile necessità.

Il nome è una combinazione tra wifi e five – le 5 categorie delle carte, lo scopri qui sotto –, nonché un gioco di parole che richiama l'high five, darsi il cinque con il braccio alto: un bel modo, un po' americano, per connettersi con le persone.

2. Come funziona

Pesca a caso oppure sfoglia e trova la tua preferita. Gioca da solo o in gruppo: valgono tutte le età, e si può fare con gli amici, con i colleghi e familiari.

Usa le carte come ispirazione e se vuoi cambia le regole. Soprattutto, fidati e lasciati trasportare.

Insomma, così:

3. Le carte

Sono 50 raggruppate in 5 categorie e 5 colori per indicare diversi tipi di attività. Oltre al testo, al fondo di ogni carta ci sono 3 indicazioni per svolgere l’attività: tempo, numero di persone e dove farlo (dentro e/o fuori). Sul retro, poi una citazione.

4. Come userò i soldi

Il traguardo della campagna serve a coprire i costi di stampa delle carte e del mazzo, le spese di trasporto e spedizione. La tipografia c'è già (Ludocards di Alessandria) e gli accordi sono fatti: a luglio verranno consegnati i mazzi che pre-ordinerete durante questa campagna.

Però ci sono degli obiettivi più grandi per portare il progetto in giro per il mondo, il web, l'universo. Ecco un'infografica per capirlo. Se superiamo insieme i 5.000€ questi sono gli step successivi:

5. Chi sono

Sono uno di quei tipi che sta tutto il giorno a computer e non si capisce bene cosa faccia. Nemmeno io lo so.

Volevo fare il giornalista. O lo stand-up comedian. Lavorare nell'intelligence. Fare l'artigiano del legno.

Oggi, 2016, metà giornata la passo con i miei colleghi di iMerica: proviamo a spiegare le cose con infografiche e mappe. L'altra metà studio o scrivo, per lo più racconti (i miei amici Coccodrilli dal cilindro lo sanno bene). Ho studiato Scienze Internazionali e Diplomatiche e alla Scuola Holden. Ho lavorato a Londra e nell'ultimo anno ho ripreso a giocare a calcio, in porta: ho preso tantissimi gol e mi sono rotto il naso.

Non sono un tipo zen, anzi. Sono sempre con l'iPhone in mano, Fastweb in casa e un po' di stress sotto pelle per quando le cose vanno piano o non funzionano.

Perché WIFIVE, allora? Nel prossimo punto ve lo spiego.

EXTRA: Perché lo faccio

L'idea per WIFIVE è nata questo Natale.

Sono tornato a casa dai miei. Ad Alnicco, provincia di Udine. Ogni dicembre con mio fratello, Federico, 13 anni, abbiamo una tradizione. Anche se non ci crediamo più, scriviamo la lettera a Babbo Natale. Un lungo elenco (e un divieto: niente calzini).

Quest'anno però Federico è stato chiaro: «Io vorrei solo il WIFI». Perché dove viviamo non c'è la connessione veloce.

Mi sono sentito impotente. Una realtà che non potevo cambiare o spiegare. Non potevo nemmeno risolvere tutto con una storiella. Non potevo fare nessuna delle cose che mi piace fare o sogno di fare da sempre: emozionare, informare o, ambizione mai nascosta, cambiare il mondo.

È così che ho iniziato a pensare.

Dopo sei mesi è nato WIFIVE. Non è la risposta esatta al problema. Non arriverà internet ad Alnicco. Né potrò tranquillizzare un impiegato a cui salta la connessione prima di una scadenza. Non sono nemmeno così sicuro che WIFIVE possa aiutare qualcuno. Non so se vi farà divertire, se vi farà stare meglio.

Però ci spero tanto e ci scommetto. Perché basta davvero mezzo millimetro. Un istante in cui la prospettiva cambia. Un momento in cui invece di sbattere i pugni sul tavolo si fa una cosa nuova.

E poi ci si dà il cinque: Federico e io. Tu e i tuoi amici.


Per maggiori informazioni contattaci al nostro indirizzo privacy@eppela.com