Assegno di invalidità I.N.P.S. (Istituto Nazionale Persone Scomparse)
Perledo, Italia
Salute
Obiettivi:
Salute e benessereVita sulla terraPace, giustizia e istituzioni solide

Alberto Ongania, 53-enne, cuoco.

Uno dei tanti scomparsi che si è allontanato "volontariamente" da casa, a piedi per fare una passeggiata vicino a casa, e non ha fatto più ritorno. Era una mattina di novembre, precisamente l'11 novembre 2022 a Perledo, un piccolo comune sulla sponda orientale del lago di Como.

Un famigliare ha dato l'allarme il giorno successivo. Si è messa in moto la macchina dei soccorsi, coordinata dalla Prefettura di Lecco.

Alberto è uno dei tanti epilettici, persone con patologie che richiedono cure farmacologiche salva-vita, post ictus cerebrale, e che, rischiano la vita se interrompono l'assunzione del farmaco. Stante la possibilità di aver avuto un malore o anche problemi di orientamento e cognitivi di vario genere post crisi epilettica stereotipata.

Le forze dell'ordine, raccolto l'allarme, hanno attivato i soccorsi, che tuttavia sono stati sospesi dopo due giorni "per assenza di elementi" e ripresi un terzo giorno per una segnalazione di avvistamento nei pressi di una zona poco abitata vicino a casa.

Sospesi una seconda volta, la sera del 16 novembre 2022, con grande rammarico della famiglia, "perché non si possono ottenere i riscontri dei dati del suo telefono cellulare".

La legge sulla Privacy, nella sua complessità, e nei continui processi di aggiustamento, non permette di violare le comunicazioni e i dati di mobilità di una persona che si allontana volontariamente con modalità codificate dalle casistiche "non violente", "non penali", anche se lo sventurato di turno si trova potenzialmente in pericolo di vita.

La legge, viene spiegato alla famiglia (madre 79-enne, 3 fratelli), profani delle procedure, permette all'Autorità Giudiziaria di accedere ai dati degli operatori telefonici "solo in presenza di ipotesi di reato".

E cosa si intende?

Omicidi, stupri, rapimenti, estorsioni, violenza, minacce, bullismo, [...] - elementi che non necessariamente sono compatibili con il profilo della personalità di uno di noi. Del cittadino medio.

Quanti allontanamenti volontari si registrano ogni anno in Italia?

Quanti sono molto poco "volontari" e dettati invece da disturbi alla salute, o incidenti non desiderati e non prevedibili? 

Si è già scritto un libro bianco sul fenomeno. Ci sono associazioni che aitano le famiglie in questo senso, come PENELOPE, e probabilmente la storia di Alberto è l'ennesima pagina di quel libro in fieri, che è la cifra di un sistema imperfetto, di una grammatica ancora da scrivere sulla vera tutela della vita dei più deboli.

Alberto, per restare sul caso specifico che ha dato lo spunto alla petizione, è incensurato e non ha mai ricevuto una querela per comportamenti aggressivi, e nemmeno è stato oggetto di minacce, estorsioni, bullismo... Insomma è piuttosto difficile poter correlare la scomparsa a ipotesi di reato. O forse lo sarebbe accedendo a quei dati telefonici... E quindi?

Quindi niente tabulati, niente tracciamento delle celle telefoniche (triangolazioni deterministiche). A poco serve speculare sul fatto che se fosse stato un criminale,  o vittima di un criminale, lo avremmo potuto soccorrere con maggiore intelligenza ed efficacia.

Le condizioni di salute, certificate dalla sua cartella sanitaria, possono invocare il buonsenso a una deroga? Apparentemente no, alla famiglia è stato detto "la politica non può interferire con le indagini in corso". Benissimo, rassicurante, allora il prossimo "Alberto" sarà più fortunato (ci si è detti).

Ce lo auguriamo, ecco, ecco il senso della petizione e il tono volutamente retorico: viviamo tutti quanti una "presa in giro", siamo tutti quanti "complici" di una cecità delle istituzioni, ognuno "per quanto di sua competenza".

Ma è assurdo?

Lo è.

E Alberto, che riceve un assegno di invalidità per una cecità parziale di entrambi gli occhi nel campo visivo del 25%, non può essere soccorso con i dati ricavabili dai tabulati telefonici, dai dati dei suoi spostamenti - eppure aveva con sè il cellulare... Esatto, ma l'operatore telefonico non può rilasciare i dati ai famigliari, e la magistratura non li può richiedere, se manca un decreto che viene legittimato dalla presenza di ipotesi di reato.

"Se fosse stato un criminale di quelli veri, le forze dell'ordine ci avrebbero messo poco a rintracciarlo" - risuona come un'eco nelle pareti del torrente Esino, vicino a casa.

Invece capita che non è stato possibile.

ON LINE SI TROVA UNA PETIZIONE CHE MIRA A SENSIBILIZZARE IL PRESIDENTE DEL SENATO RISPETTO ALLA STUPIDITA' DI UNA LEGGE SCRITTA MALE CHE NON TUTELA LA VITA, LA SOFFOCA, IPER-TUTELANDO LA PRIVACY SUA E DI TUTTI COLORO CHE SONO STATI IN CONTATTO IL GIORNO DEL SUO ULTIMO AVVISTAMENTO - 11 NOVEMBRE 2022.

Il sistema paese ha clamorosamente fallito nell'assicurare i diritti alla sicurezza di una persona che ha avuto bisogno di aiuto, che ha bisogno di aiuto, ciononostante, ognuno ha compiuto il proprio dovere e "ha rispettato la legge".

IN SCENA, Il teatro dell'assurdo: la legge è stata rispettata, ma i soccorritori non hanno potuto ragionare con i dati ricavabili dalla sua utenza telefonica perché in tale azione si lederebbe la privacy della persona che stanno tentando di soccorrere o di coloro che sono stati in contatto mediante il cellulare che aveva con sè (e dire che lui lo portava come si porta un dispositivo di protezione, per sentirsi sicuro e poter avvisare un numero di emergenza alla bisogna).

E limitare l'accesso allo storico delle celle, oscurando i numeri delle chiamate e delle risposte? Troppo buonsenso, no, neppure questo è stato possibile.

SI INVITA IL LEGISLATORE A RIFORMARE LA NORMATIVA SULLA PRIVACY PER ANTEPORRE LA TUTELA DELLA VITA ALLA PRIVACY, E MODULARE CON PIU' AMPI MARGINI DI DISCREZIONALITA' L'AZIONE DELL'AUTORITA' GIUDIZIARIA, METTERE LA MAGISTRATURA NELLE CONDIZIONI DI FARE LA COSA GIUSTA IN CASI SIMILI A QUELLI DI ALBERTO.

"Fare la cosa giusta", allo stato attuale, non coincide con una ferrea applicazione della legge. Diversamente, dopo POCHE ORE, avremmo la disponibilità dei dati dell'operatore telefonico di Alberto, invece i soccorsi sono sospesi dalla sera del 16 novembre e, nel rispetto pieno del protocollo, nessuno lo cerca più; salvo i famigliari, e i volontari (per esempio l'associazione RESCUE DRONES NETWORK ODV), che si sono uniti al dolore della famiglia e impegnati attivamente nel proseguire autonomamente le ricerche.
 

In casi limite come questo, occorre vivificare la Costituzione!

Tu la puoi RENDERE VIVA LA COSTITUZIONE, puoi farlo oggi, firmando la petizione, appellandoti al PRESIDENTE DEL SENATO, perché ATTRAVERSO L'ACCOGLIMENTO DELLA PRESENTE ISTANZA, inviti i politici a mettere nell'agenda politica del SENATO la tutela della vita dei propri cittadini, in modo particolare dei più deboli, coloro che hanno bisogno di maggiori attenzioni dal sistema paese, perché gli ALBERTO di domani possano essere soccorsi con più intelligenza.

Prima la tutela della VITA, poi viene la PRIVACY. Contro la cecità delle istituzioni.

La raccolta fondi serve per coprire l'Assegno (in foto) il cui importo è pari a euro 522,75 (cinquecentoventidue / 75) - la stessa somma che Alberto Ongania riceve per la propria invalidità civile.

 

Commenti (2)
Utente Anonimo ha donato 15€
Alberto😘
23/11/2022
Renato Ongania ha donato 10€
Mio fratello Alberto, scomparso lo scorso 11 novembre 2022, mi ha insegnato a guardare il bicchiere mezzo pieno. In un momento così tragico per noi fratelli, Alessandro e Luciano, con nostra madre Luigia - non possiamo arrenderci. Questa raccolta fondi è la possibilità che sentiamo il dovere di dare agli amici di Alberto, e alla Comunità nella sua bellezza di affermare il diritto di LANCIARE LA PRIMA PIETRA contro un sistema paese che ha fallito, ma che PUO' E DEVE CAMBIARE, per salvare la vita agli ALBERTO di domani. Al centro della folla, per restare sulla parabola del Vangelo, non vi è "una peccatrice", ma il sistema paese, una legge scritta male, che non è in grado di tutelare i più deboli. Quindi sì, chi è in grado di comprendere la gravità della falla del sistema, scagli la propria pietra, esterni il proprio coraggio. Quella pietra, per stare sull'analagia della Bibbia, può diventare pietra angolare, e su quella pietra angolare si può costruire una Comunità più forte... e forse, anche la nostra pietra può diventare PIETRA D'INCIAMPO per il Legislatore.
23/11/2022
65 €
Obiettivo 522 €
117
Giorni rimanenti
5
Sostenitori
0
Condivisioni
5 persone hanno appena fatto una donazione
Utente Anonimo
10€ - 2 giorni fa
Utente Anonimo
20€ - 3 giorni fa
Utente Anonimo
10€ - 3 giorni fa
Scegli una ricompensa
25€ o più

RICEVI DIRETTAMENTE A CASA (SENZA ULTERIORI SPESE DI SPEDIZIONE) UNA COPIA AGGIORNATA (2022) DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COMUNICA IL RECAPITO DOVE VUOI CHE SIA SPEDITA AL NUMERO DI CELLULARE DI RENATO ONGANIA 331.9410396 - DOPO AVER FATTO LA DONAZIONE.

100€ o più

RICEVI DIRETTAMENTE A CASA (SENZA ULTERIORI SPESE DI SPEDIZIONE) UNO DEI QUADRI DIPINTI DA ALBERTO (DA SCEGLIERE). COMUNICA IL RECAPITO DOVE VUOI CHE SIA SPEDITO AL NUMERO DI CELLULARE DI RENATO ONGANIA 331.9410396 - DOPO AVER FATTO LA DONAZIONE.

5/5 Disponibili
Perledo, Italia
Salute
Obiettivi:
Salute e benessereVita sulla terraPace, giustizia e istituzioni solide

Alberto Ongania, 53-enne, cuoco.

Uno dei tanti scomparsi che si è allontanato "volontariamente" da casa, a piedi per fare una passeggiata vicino a casa, e non ha fatto più ritorno. Era una mattina di novembre, precisamente l'11 novembre 2022 a Perledo, un piccolo comune sulla sponda orientale del lago di Como.

Un famigliare ha dato l'allarme il giorno successivo. Si è messa in moto la macchina dei soccorsi, coordinata dalla Prefettura di Lecco.

Alberto è uno dei tanti epilettici, persone con patologie che richiedono cure farmacologiche salva-vita, post ictus cerebrale, e che, rischiano la vita se interrompono l'assunzione del farmaco. Stante la possibilità di aver avuto un malore o anche problemi di orientamento e cognitivi di vario genere post crisi epilettica stereotipata.

Le forze dell'ordine, raccolto l'allarme, hanno attivato i soccorsi, che tuttavia sono stati sospesi dopo due giorni "per assenza di elementi" e ripresi un terzo giorno per una segnalazione di avvistamento nei pressi di una zona poco abitata vicino a casa.

Sospesi una seconda volta, la sera del 16 novembre 2022, con grande rammarico della famiglia, "perché non si possono ottenere i riscontri dei dati del suo telefono cellulare".

La legge sulla Privacy, nella sua complessità, e nei continui processi di aggiustamento, non permette di violare le comunicazioni e i dati di mobilità di una persona che si allontana volontariamente con modalità codificate dalle casistiche "non violente", "non penali", anche se lo sventurato di turno si trova potenzialmente in pericolo di vita.

La legge, viene spiegato alla famiglia (madre 79-enne, 3 fratelli), profani delle procedure, permette all'Autorità Giudiziaria di accedere ai dati degli operatori telefonici "solo in presenza di ipotesi di reato".

E cosa si intende?

Omicidi, stupri, rapimenti, estorsioni, violenza, minacce, bullismo, [...] - elementi che non necessariamente sono compatibili con il profilo della personalità di uno di noi. Del cittadino medio.

Quanti allontanamenti volontari si registrano ogni anno in Italia?

Quanti sono molto poco "volontari" e dettati invece da disturbi alla salute, o incidenti non desiderati e non prevedibili? 

Si è già scritto un libro bianco sul fenomeno. Ci sono associazioni che aitano le famiglie in questo senso, come PENELOPE, e probabilmente la storia di Alberto è l'ennesima pagina di quel libro in fieri, che è la cifra di un sistema imperfetto, di una grammatica ancora da scrivere sulla vera tutela della vita dei più deboli.

Alberto, per restare sul caso specifico che ha dato lo spunto alla petizione, è incensurato e non ha mai ricevuto una querela per comportamenti aggressivi, e nemmeno è stato oggetto di minacce, estorsioni, bullismo... Insomma è piuttosto difficile poter correlare la scomparsa a ipotesi di reato. O forse lo sarebbe accedendo a quei dati telefonici... E quindi?

Quindi niente tabulati, niente tracciamento delle celle telefoniche (triangolazioni deterministiche). A poco serve speculare sul fatto che se fosse stato un criminale,  o vittima di un criminale, lo avremmo potuto soccorrere con maggiore intelligenza ed efficacia.

Le condizioni di salute, certificate dalla sua cartella sanitaria, possono invocare il buonsenso a una deroga? Apparentemente no, alla famiglia è stato detto "la politica non può interferire con le indagini in corso". Benissimo, rassicurante, allora il prossimo "Alberto" sarà più fortunato (ci si è detti).

Ce lo auguriamo, ecco, ecco il senso della petizione e il tono volutamente retorico: viviamo tutti quanti una "presa in giro", siamo tutti quanti "complici" di una cecità delle istituzioni, ognuno "per quanto di sua competenza".

Ma è assurdo?

Lo è.

E Alberto, che riceve un assegno di invalidità per una cecità parziale di entrambi gli occhi nel campo visivo del 25%, non può essere soccorso con i dati ricavabili dai tabulati telefonici, dai dati dei suoi spostamenti - eppure aveva con sè il cellulare... Esatto, ma l'operatore telefonico non può rilasciare i dati ai famigliari, e la magistratura non li può richiedere, se manca un decreto che viene legittimato dalla presenza di ipotesi di reato.

"Se fosse stato un criminale di quelli veri, le forze dell'ordine ci avrebbero messo poco a rintracciarlo" - risuona come un'eco nelle pareti del torrente Esino, vicino a casa.

Invece capita che non è stato possibile.

ON LINE SI TROVA UNA PETIZIONE CHE MIRA A SENSIBILIZZARE IL PRESIDENTE DEL SENATO RISPETTO ALLA STUPIDITA' DI UNA LEGGE SCRITTA MALE CHE NON TUTELA LA VITA, LA SOFFOCA, IPER-TUTELANDO LA PRIVACY SUA E DI TUTTI COLORO CHE SONO STATI IN CONTATTO IL GIORNO DEL SUO ULTIMO AVVISTAMENTO - 11 NOVEMBRE 2022.

Il sistema paese ha clamorosamente fallito nell'assicurare i diritti alla sicurezza di una persona che ha avuto bisogno di aiuto, che ha bisogno di aiuto, ciononostante, ognuno ha compiuto il proprio dovere e "ha rispettato la legge".

IN SCENA, Il teatro dell'assurdo: la legge è stata rispettata, ma i soccorritori non hanno potuto ragionare con i dati ricavabili dalla sua utenza telefonica perché in tale azione si lederebbe la privacy della persona che stanno tentando di soccorrere o di coloro che sono stati in contatto mediante il cellulare che aveva con sè (e dire che lui lo portava come si porta un dispositivo di protezione, per sentirsi sicuro e poter avvisare un numero di emergenza alla bisogna).

E limitare l'accesso allo storico delle celle, oscurando i numeri delle chiamate e delle risposte? Troppo buonsenso, no, neppure questo è stato possibile.

SI INVITA IL LEGISLATORE A RIFORMARE LA NORMATIVA SULLA PRIVACY PER ANTEPORRE LA TUTELA DELLA VITA ALLA PRIVACY, E MODULARE CON PIU' AMPI MARGINI DI DISCREZIONALITA' L'AZIONE DELL'AUTORITA' GIUDIZIARIA, METTERE LA MAGISTRATURA NELLE CONDIZIONI DI FARE LA COSA GIUSTA IN CASI SIMILI A QUELLI DI ALBERTO.

"Fare la cosa giusta", allo stato attuale, non coincide con una ferrea applicazione della legge. Diversamente, dopo POCHE ORE, avremmo la disponibilità dei dati dell'operatore telefonico di Alberto, invece i soccorsi sono sospesi dalla sera del 16 novembre e, nel rispetto pieno del protocollo, nessuno lo cerca più; salvo i famigliari, e i volontari (per esempio l'associazione RESCUE DRONES NETWORK ODV), che si sono uniti al dolore della famiglia e impegnati attivamente nel proseguire autonomamente le ricerche.
 

In casi limite come questo, occorre vivificare la Costituzione!

Tu la puoi RENDERE VIVA LA COSTITUZIONE, puoi farlo oggi, firmando la petizione, appellandoti al PRESIDENTE DEL SENATO, perché ATTRAVERSO L'ACCOGLIMENTO DELLA PRESENTE ISTANZA, inviti i politici a mettere nell'agenda politica del SENATO la tutela della vita dei propri cittadini, in modo particolare dei più deboli, coloro che hanno bisogno di maggiori attenzioni dal sistema paese, perché gli ALBERTO di domani possano essere soccorsi con più intelligenza.

Prima la tutela della VITA, poi viene la PRIVACY. Contro la cecità delle istituzioni.

La raccolta fondi serve per coprire l'Assegno (in foto) il cui importo è pari a euro 522,75 (cinquecentoventidue / 75) - la stessa somma che Alberto Ongania riceve per la propria invalidità civile.

 

Commenti (2)
Renato Ongania ha donato 10€
Mio fratello Alberto, scomparso lo scorso 11 novembre 2022, mi ha insegnato a guardare il bicchiere mezzo pieno. In un momento così tragico per noi fratelli, Alessandro e Luciano, con nostra madre Luigia - non possiamo arrenderci. Questa raccolta fondi è la possibilità che sentiamo il dovere di dare agli amici di Alberto, e alla Comunità nella sua bellezza di affermare il diritto di LANCIARE LA PRIMA PIETRA contro un sistema paese che ha fallito, ma che PUO' E DEVE CAMBIARE, per salvare la vita agli ALBERTO di domani. Al centro della folla, per restare sulla parabola del Vangelo, non vi è "una peccatrice", ma il sistema paese, una legge scritta male, che non è in grado di tutelare i più deboli. Quindi sì, chi è in grado di comprendere la gravità della falla del sistema, scagli la propria pietra, esterni il proprio coraggio. Quella pietra, per stare sull'analagia della Bibbia, può diventare pietra angolare, e su quella pietra angolare si può costruire una Comunità più forte... e forse, anche la nostra pietra può diventare PIETRA D'INCIAMPO per il Legislatore.
23/11/2022
Utente Anonimo ha donato 15€
Alberto😘
23/11/2022

Per maggiori informazioni contattaci al nostro indirizzo privacy@eppela.com
Esplora