Aiutiamo i genitori del piccolo Ernesto
Solidarietà
Obiettivi:
Sconfiggere la povertàSconfiggere la fameRidurre le disuguaglianze

Di cosa si tratta

Il piccolo Ernesto ha due anni e vive a Foggia con mamma Donatella, papà Umberto e la sua sorellina.

A causa della tubulinopatia, una rara malattia genetica, è costretto a recarsi spesso all’ospedale Bambin Gesù di Roma per essere sottoposto a continui controlli e terapie.

Il bambino ha una complessa malformazione cerebrale che causa un severo ritardo psicomotorio: il “piccolo guerriero”, come lo chiama sempre la mamma, è anche ipovedente, ipotonico e soffre di gravi crisi epilettiche farmacoresistenti.

Come verranno utilizzati i fondi

I genitori di Ernesto avevano urgente necessità di ristrutturare il bagno di casa, troppo piccolo per le esigenze del bambino. Grazie alla nostra raccolta, però, molte aziende si sono offerte di ricostruirlo gratuitamente. I fondi raccolti saranno quindi utilizzati dai genitori del piccolo per pagare le cure mediche. Da soli, purtroppo, non riescono a sostenere tutte le spese che richiede la malattia di loro figlio. 

Chi c'è dietro al progetto

La mamma Donatella, il papà Umberto e tutta la famiglia del piccolo e unita alla comunità di Foggia che da sempre gli è vicina.

Commenti (0)
3.030 €
Obiettivo 3.030 €
51
Sostenitori
0
Condivisioni
giorgio palatella
10€ - 1 anno fa
Denise Tirelli
20€ - 1 anno fa
Davide Santangelo
10€ - 1 anno fa
Scegli una ricompensa
5€ o più

Grazie di cuore!

10€ o più

Grazie di cuore!

20€ o più

Grazie di cuore!

30€ o più

Grazie di cuore!

50€ o più

Grazie di cuore!

100€ o più

Grazie di cuore!

Solidarietà
Obiettivi:
Sconfiggere la povertàSconfiggere la fameRidurre le disuguaglianze

Di cosa si tratta

Il piccolo Ernesto ha due anni e vive a Foggia con mamma Donatella, papà Umberto e la sua sorellina.

A causa della tubulinopatia, una rara malattia genetica, è costretto a recarsi spesso all’ospedale Bambin Gesù di Roma per essere sottoposto a continui controlli e terapie.

Il bambino ha una complessa malformazione cerebrale che causa un severo ritardo psicomotorio: il “piccolo guerriero”, come lo chiama sempre la mamma, è anche ipovedente, ipotonico e soffre di gravi crisi epilettiche farmacoresistenti.

Come verranno utilizzati i fondi

I genitori di Ernesto avevano urgente necessità di ristrutturare il bagno di casa, troppo piccolo per le esigenze del bambino. Grazie alla nostra raccolta, però, molte aziende si sono offerte di ricostruirlo gratuitamente. I fondi raccolti saranno quindi utilizzati dai genitori del piccolo per pagare le cure mediche. Da soli, purtroppo, non riescono a sostenere tutte le spese che richiede la malattia di loro figlio. 

Chi c'è dietro al progetto

La mamma Donatella, il papà Umberto e tutta la famiglia del piccolo e unita alla comunità di Foggia che da sempre gli è vicina.


Per maggiori informazioni contattaci al nostro indirizzo privacy@eppela.com
Esplora