Totale raccolto
814.923 €
Progetti accolti
110
Progetti finanziati
110
Sostenitori
10212
Poste Italiane continua il suo percorso di promozione concreta dell’imprenditoria e dell’innovazione italiana.
Fissa il valore economico del tuo progetto e determina un obiettivo di raccolta: in caso di successo potrai ottenere un cofinanziamento fino a 5mila euro e la possibilità di accedere a una campagna commerciale del valore di 15mila euro.
Poste Italiane continua il suo percorso di promozione concreta dell’imprenditoria e dell’innovazione italiana. L’iniziativa è rivolta a startup e PMI che hanno un’idea innovativa in area digital transformation, innovazione, fintech. Attraverso l’utilizzo del crowdfunding e la selezione di progetti riguardanti la finanza tecnologica si vuole supportare lo sviluppo delle idee in cui crede il mercato e creare valore condiviso grazie agli strumenti offerti dalla sharing economy.
Poste Italiane e Mastercard selezioneranno le migliori proposte progettuali in TEMA digital transformation, innovazione e fintech e offriranno servizi di marketing dedicati a ciascuno dei progetti andati online. Coloro che raggiungeranno l'obiettivo della raccolta (100%) otterranno, grazie al contributo offerto dal mentor, fino a 5mila euro. I progetti in AMBITO (vedi regolamento) particolarmente innovativi (o ritenuti tali da Poste Italiane) potranno essere selezionati e ricevere il sostegno di una campagna di comunicazione dal valore di 15mila euro.
Per partecipare al crowdfunding, l'idea progettuale dovrà rientrare nel TEMA digital transformation, innovazione e aree collegate; mentre per essere selezionata per la campagna ADV in aggiunta dovrà rientrare nel seguente AMBITO più specifico: fintech, pagamenti digitali, advising connessa a social, loyalty, CRM, web advertising, risk management, intelligenza artificiale, mobile e telefonia, utilizzo smart data, servizi accessori alle app di pagamento (VAS mobile banking, app, ticketing), financial inclusion, blockchain come tecnologia per il pagamento.
Tutti i progetti
Pagita

Cosa è Pagita?

Pagita vuole trasformare gli oggetti intorno a noi in dispositivi connessi ed intelligenti, capaci di fornire agli utenti ed agli operatori servizi digitali avanzati. 

Il primo ambito di applicazione sono stati i distributori automatici, con soluzioni per il vending classico (snack, bibite, caffè) e quello per le farmacie, con speciale focus su metodologie per la vendita di farmaci OTC in osservanza delle disposizioni di legge.

Per la distribuzione automatica, la visione di Pagita è di connettere i distributori esistenti, abilitando servizi quali pagamento digitale, monitoraggio remoto e mobile marketing. Questo consente di migliorare l’esperienza dei consumatori, aumentare la marginalità delle imprese di gestione ed abilitare nuovi servizi e modelli di business che coinvolgano i produttori di beni di consumo - come la distribuzione smart di campioni di prodotto, ed il contatto diretto con i consumatori.

Il tutto viene realizzato facendo leva su una piattaforma comune, sicura ed in cloud che permette il dialogo tra oggetti remoti ed utenti/operatori.

Come verranno utilizzati i fondi?

I fondi raccolti verrano utilizzati per la produzione di un lotto di dispositivi per connettere i distributori automatici ad Internet. 

Abbiamo già prodotto alcune schede di test in passato, ed ora vogliamo realizzare il prodotto in maniera interamente industrializzata.

Finanziato
5.330 € Raccolti
QUIK.ONLINE

QUIK NON SOLO ANNUNCI...UNA COMMUNITY DI ANNUNCI

QUIK vuole essere un contenitore di annunci di servizi e prodotti nuovi o usati che rispondono alle esigenze quotidiane di individui e famiglie, di aziende e professionisti, sia per chi vuole comprare o trovare l'occasione che cercava, sia per chi vuole vendere o promuovere un prodotto o un servizio.

Bene, fin qui niente di nuovo. Ma provate a pensare a una community attorno al progetto “annunci” - di nuovo o usato che sia -, una comunità che parla, ascolta, interpreta e manifesta bisogni, esigenze, opinioni. Quante volte vi è capitato, a voi o ai vostri genitori e parenti, di acquistare un prodotto perché un amico ve l’ha consigliato? 

Certo, nella vastità del web è difficile ritrovare amici online, ma immaginate che ogni utente possa essere vostro amico e darvi consigli o, meglio ancora, che il venditore possa essere vostro amico e consigliarvi un prodotto piuttosto che un altro... se riuscite a focalizzare questa visione, allora vi apparirà chiaro cosa vuole essere QUIK.

QUIK è una community di utenti (acquirenti e venditori) che socializzano e collaborano nel risolvere problemi quotidiani e nel dare risposta alle proprie esigenze.

Tanti sono gli strumenti tecnologici utilizzati per realizzare questa mission, come ad esempio annunci di prodotti e servizi geolocalizzati, con la possibilità di aggiungere dei video promozionali, una dashboard personale con messaggistica interna, link personali, fotogallery chiare e facili da usare, servizi di social marketing e Google Ads, un motore di ricerca interno intelligente che da una vostra frase capisce ciò che state cercando, modalità asta e offerte a tempo che consentono di mettere un prodotto all'asta o di accettare offerte dal potenziale acquirente fino alla scadenza dell'annuncio, funzionalità social che consentono discussioni tra utenti su prodotti e servizi, usabilità mobile per la fruizione su smartphone che consente a QUIK di trovare velocemente ciò che cercate.

ASSISTENTE VOCALE E MIGLIORE ESPERIENZA DI ACQUISTO

Obiettivo della campagna di crowdfunding? 

Creare un assistente vocale personalizzato che ci guidi negli acquisti e nelle ricerche attraverso nuove funzionalità per migliorare la nostra esperienza di acquisto con l'introduzione di nuovi metodi di pagamento digitale, criptovalute (Bitcoin, Ethereum, Litecoin…), questo non solo per chi vorrà acquistare i nostri pacchetti premium ma anche per chi deciderà di attivare l' e-Commerce per la vendita di prodotti e/o servizi.

Insomma, non solo tante funzionalità tutte da scoprire, ma soprattutto una community di persone collegate tra loro dai propri annunci! Non ci credi? Registrati su QUIK

Come saranno utilizzati i fondi?

  • Il 70% della somma ricevuta sarà destinato alla realizzazione delle funzionalità e-Commerce e integrazione dei nuovi metodi di pagamento digitali.
  • Il 20%, invece, verrà utilizzato per le spese di marketing e promozioni.
  • Il 10% coprirà le spese di hosting e hardware e software.

 


UN MANIPOLO DI FOLLI...

Tutte le imprese, piccole o grandi che siano, tendiamo a ricordarle, sin dai loro primi palpiti, con enfasi quasi epica. 

E, nel caso di imprese sul web, madre di tutte le leggende epiche è quella di Yahoo (primo grande portale di annunci della storia del web) che narra della sua nascita in un garage, dalle menti e dalle mani di due studenti dell'università di Stanford.

QUIK ha tutti gli ingredienti, ce lo auguriamo, delle leggende epiche, al pari di Yahoo …

Intanto la mission: creare un sito di annunci che vedremo poi nel dettaglio.

Ma ci sono anche altri ingredienti: c'è l'incontro di persone che hanno condiviso il loro sogno, la ricerca di soluzioni ai bisogni della gente; ci sono un Creativo Esperto in Strategie di Comunicazione e Marketing, un Counsellor e Responsabile Area Manager, un Responsabile Commerciale, che in una chiacchierata hanno ritrovato entusiasmi sopiti; c'è un piccolo appartamento (che è più dignitoso di un garage, ma non è nemmeno la sede di Google) a Roma in cui è avvenuta la prima fase di realizzazione del prototipo del sogno, partendo da discussioni, ricerca, prove tecniche protratte fino a tarda notte.

Ebbene, oggi QUIK è una realtà.

Al progetto si sono aggiunti un consulente informatico e un consulente finanziario.

Finanziato
6.205 € Raccolti
Imprese, innovazione e infrastrutture
Caffè pagato - l'App che ti offre il caffè al Bar

Il modo Smart di prendere ed offrire il caffè

L' App  caffepagato ti permette di dimostrare immediatamente il tuo Affetto e la tua Gratitudine, anche a distanza e di ricevere gratuitamente tanti crediti per consumazioni presso i bar affiliati alla piattaforma.

I bisogni che il progetto caffepagato vuole soddisfare sono principalmente 2:

Sotto l’aspetto social si propone di contribuire a consolidare i legami di Amicizia, Stima ed Affetto facendo sentire vicine le persone che sono lontane e favorendo le opportunità di aggregazione in luoghi fisici (bar) oltre che in ambienti virtuali.

Il secondo intento è quello di aiutare le aziende e le attività commerciali a fidelizzare i propri clienti e acquisirne di nuovi, riconoscendo un instant-reward per le risposte che riceveranno alle diverse call to action.

Il mezzo col quale si vuole raggiungere i risultati descritti, è il prodotto alimentare più diffuso al mondo ossia il caffè, sfruttandone la secolare connotazione di convivialità e di condivisione sociale e culturale.

Il carattere innovativo del progetto caffepagato è costituito dall’ uso funzionale di applicazioni digitali sia per incentivare le interazioni all’ interno della community, che per diffondere e gestire una nuova moneta virtuale denominata coffee credit.

Immagina di poter offrire la colazione ogni mattina al tuo partner lontano per lavoro, o a tuo figlio che studia all' Università in un' altra città, di poter ricambiare gli auguri ricevuti on line in maniera tangibile e originale o anche andare con i tuoi amici al bar per scambiare due chiacchiere e condividere i coffee credits, ottenendo consumazioni in maniera smart.

Sarà possibile ricevere un caffè offerto ogni volta che ricaricate il credito del cellulare, o della vostra Postepay, per ogni rifornimento di carburante, quando prenotate un viaggio, o pagate una bolletta...


Con caffepagato le distanze si annullano abbinando un 'sapore umano' alla socialità digitale.

Potrai inoltre ricevere ed inviare tanti coffee credits :

Per festeggiare una ricorrenza

Per promuovere un evento

Interagendo con la community caffepagato

Partecipando alle iniziative dei nostri partners commerciali


Creerai così tante nuove occasioni di incontro presso i bar affiliati.

Riceverai tanti crediti Omaggio e potrai anche ricaricare il tuo borsellino elettronico direttamente da App, per non rimanerne mai senza.

Come verranno utilizzati i fondi

Caffepagato è già on-line https://www.caffepagato.com e sui market place Ios https://goo.gl/zzHj84 e Android https://goo.gl/Czuicr   

Ad un anno dalla pubblicazione e nel solo Salento, contiamo oltre 5.000 iscritti e circa 100 bar affiliati.

Con i fondi raccolti grazie al vostro sostegno vogliamo investire in campagne social media marketing sull'interro territorio nazionale, per affiliare bar in ogni città e raggiungere  l'obiettivo  di un milione di utenti nella community.

Implementeremo delle  nuove funzionalità già studiate, per rendere caffepagato ancora più social ( coffee table , caffèroulette, bardelivery...) ed organizzeremo eventi nei locali.

Chi c'è dietro al progetto

Il Team Caffepagato

Finanziato
5.255 € Raccolti
Imprese, innovazione e infrastrutture
Parenting - accanto ai genitori separati

La storia di Vittorio

“Cari Mamma e Papà 

Vi scrivo perché così sembra più facile. Dalla vostra separazione sono passati tanti anni ma ancora oggi ne porto i segni, dentro e fuori. Non ve ne faccio una colpa, ho bei ricordi della mia infanzia. 

Papà, mi portavi sempre al parco con la bicicletta, provavi a sorridermi ma ogni tanto la tristezza si impossessava della tua faccia. 

Mamma, la domenica era il nostro giorno: ricordo il profumo delle torte di mele in tutta la casa. Anche se non capivo perché, ogni volta che impastavamo, il barattolo di farina ti cadeva giù in mille pezzi e iniziavi a piangere e a scusarti. Oggi vi capisco. 

Ho 40 anni e sto attraversando la stessa situazione con la mia famiglia. Vi chiedo, è ancora vero che le colpe dei genitori debbano ricadere sui figli? I miei bambini, un giorno, mi consegneranno la stessa lettera che sto scrivendo a voi? Oggi, con questa riflessione, sono arrivato a comprendere tutti gli errori del passato che non dovrò fare nel futuro. Non farò vivere ai miei figli le discussioni, le liti e quel senso di colpa di essere la causa di un divorzio. 

Vi prometto che mi impegnerò a non farmi più prendere dalla rabbia quando parlerò con la mia ex moglie, a non sballottare i bambini da un tribunale ad uno psicologo, a trascorrere del tempo con loro senza fargli percepire che sono il frutto di un amore finito. 

Da oggi voglio essere un padre migliore. 

Vittorio”

Cos'è il Parenting

170.000 casi di separazioni e divorzi in Italia, che coinvolgono direttamente 350.000 persone e i loro bambini (fonte ISTAT, 2015).

Slidinglife vuole aiutare ogni Vittorio, presente in quelle famiglie, a diventare un adulto migliore. 

Come? Con il PARENTING, il servizio di Slidinglife che riduce i litigi e migliora la comunicazione tra ex coniugi.

Le principali funzionalità del Parenting sono 3:

  • Calendar: che permette di organizzare, con semplici notifiche, il calendario delle visite ai figli e i cambi turno.

  • Gestione spese: le spese straordinarie verranno approvate o rifiutate attraverso il servizio ma soprattutto saranno pagate con un semplice clic.

  • Approvazione foto: le foto dei figli verranno inviate e approvate dal coniuge per la loro pubblicazione sui social.

Il risultato è: una limitazione dei litigi tra le ex coppie; la riduzione dei tempi giuridici per dirimerli; l’abbattimento dei costi per contenziosi legali dispendiosi.

Come verranno utilizzati i fondi

Il Parenting è una funzionalità di Slidinglife particolarmente innovativa che necessita di competenze informatiche complesse. Per questo il 50% del ricavato della campagna crowdfunding verrà destinato allo sviluppo tecnico del prodotto. I nostri programmatori creeranno una tecnologia di facile uso, per permettere l'utilizzo di tutte le funzioni del Parenting in maniera semplice ed intuitiva, anche se non si è particolarmente digitalizzati.

La restante parte del ricavato verrà investita in promozione del Parenting. Per agevolare quanti più genitori possibili nella gestione quotidiana della vita dei figli e per semplificare il pagamento delle spese condivise, abbiamo bisogno di far conoscere il Parenting. Per questo, il ricavato della campagna sarà destinato a promuovere la principale funzionalità di Slidinglife, aumentandone visibilità e diffusione.

Permettendoci di sviluppare e promuovere il servizio, potremo aiutare i genitori separati a comunicare meglio e litigare meno: risparmiando tempo e costi. Ma soprattutto renderemo più serena la quotidianità dei loro figli.

Chi siamo

Slidinglife è la community che permette l'incontro online tra separati, divorziati o chi ci sta pensando, con una rete di professionisti specializzati.

Chiunque si iscriva a Slidinglife sente di essere in luogo sicuro, dove si chiede aiuto e consiglio ma soprattutto si ottengono risposte concrete. I professionisti selezionati devono assicurare standard di alta professionalità e correttezza, per mantenere saldo il rapporto di fiducia tra loro e i clienti, garantito dalla piattaforma.

I migliori avvocati, commercialisti e psicologi metteranno a disposizione le loro competenze per supportare le coppie in momenti di conflittualità famigliare. Due sono i canali dove poter entrare in contatto con loro: il forum, dove chiedere consigli con un post pubblico; o la chat privata, con la quale è possibile prendere un appuntamento per una consulenza, di persona o in videochat. 

Inoltre Slidinglife offre il servizio di divorzio consensuale che permette alla ex coppia, se in accordo, di inviare i documenti necessari a completare la separazione, che verranno poi validati dalla nostra piattaforma o da un avvocato domiciliatario. Il Parenting completa i servizi della piattaforma, per dare supporto alle coppie che vogliono separarsi o divorziare. 

Finanziato
5.300 € Raccolti
Imprese, innovazione e infrastrutture
9Seconds,l'app che combatte la dipendenza da smartphone

9 Seconds: l'app per combattere la dipendenza da smartphone

Secondo uno studio condotto da Microsoft, l'uso eccessivo dello smartphone ha abbassato la nostra soglia di attenzione ad appena 8 secondi. Uno in meno rispetto a quella dei pesci rossi. Che è quindi di 9 secondi.

“9 Seconds” parte proprio da questa ricerca. Essa è un’applicazione che si propone di raggiungere un ambizioso obiettivo: quello di cambiare il rapporto con il nostro cellulare e quindi le nostre abitudini di vita, sociali e lavorative. L'app nasce dalla voglia di risolvere un problema sempre più comune: la dipendenza da smartphone e tutto ciò che ne deriva. E lo fa attraverso un gioco basato su un meccanismo di “rinuncia-ricompensa” in grado di premiare i giocatori per il tempo passato offline. Un sistema innovativo che mira a creare consapevolezza verso l’uso del proprio cellulare, la cui unità di misura è scandita proprio dal tempo.

Alla base del meccanismo dell’applicazione vi sarà, infatti, un timer, che, una volta azionato, permetterà di accumulare progressivamente un certo punteggio. Tale score aumenterà di minuto in minuto, in base al tempo che il giocatore deciderà di dedicare al di fuori del suo cellulare. Alcune regole del gioco permetteranno all’utente di usare il cellulare anche in corso d’opera, ma tutto ciò genererà, di volta in volta, una progressiva diminuzione del punteggio complessivo.

Chi vince? Chi resisterà più dei suoi avversario! La vittoria ti permetterà di conservare il bottino di punti raccolto. 

Ogni utente avrà infatti a disposizione tre modalità di gioco: “Sfida Singola”, che permetterà di lanciare una sfida ad un altro giocatore online e provare a resistere più del suo avversario; “Sfida di gruppo”, nella quale si potrà competere con una lista di amici; e “Sfida in Locale”: qui l’utente potrà accumulare un punteggio non usando il cellulare in un locale commerciale convenzionato con l’app.

Una volta aperta, l'app promette, infatti, di segnalarti in tempo reale, attraverso una mappa geolocalizzata, alcuni locali denominati “Partners”. Si tratta di attività commerciali nelle quali sarà possibile raccogliere punti, azionando il timer, e mettendo semplicemente da parte il vostro cellulare.

Alla fine di ogni settimana, l’utente che avrà accumulato un punteggio maggiore, dato dalla somma dei punti delle tre modalità, (i punti raccolti nei locali avranno un peso maggiore) avrà la possibilità di ricevere in cambio dei premi, offerti proprio dalle aziende partners


I nostri ambiziosi obiettivi

Il meccanismo di 9 Seconds permette di individuare diversi vantaggi, sia per gli utenti che per le aziende.

Il primo obiettivo nei confronti dell’utente sarà quello di contrastare la dipendenza da smartphone, attraverso un sistema unico ed innovativo che permette di premiarti per il tuo periodo offline; l’app vuole inoltre incidere sull’aumento della concentrazione, con la possibilità di mettere il telefono in pausa nei momenti di maggior produttività, come lo studio o il lavoro; ma soprattutto, il progetto vuole incoraggiare la socializzazione: 9 Seconds incentiva lo scambio sociale, favorendo l’aggregazione nei locali commerciali e “costringendo” lo stesso utente a partecipare ad un confronto vis à vis senza interruzioni e pause telefoniche (è concessa solo la chiamata).

Per quanto concerne l’azienda, 9 Seconds aiuta ad aumentare la clientela in un modo pratico ed intelligente, che permette ai sottoscrittori di sposare un valore etico importante ed ottenere un profitto evidente. Oltre ad incoraggiare la clientela, l’app consente inoltre di avere accesso a mirati dati statistici, provenienti dal flusso di gente accorso nel locale stesso. Senza dimenticare la buona dose di pubblicità offerta dalla stessa piattaforma.

Ogni azienda, tramite qualsiasi mezzo di pagamento online, come PostePay, potrà comprare un pacchetto di Coins, che permetteranno di usufruire di vari servizi all’interno della piattaforma.

I Coins permetteranno alle attività commerciali di essere visualizzate all’interno della mappa geolocalizzata per un certo periodo di tempo. Essi consentiranno alle aziende di essere attive nella piattaforma, ma saranno le stesse a determinare la durata di permanenza. E quindi di decidere, quanto, quando e come rimanerci.  

E’ bene sottolineare che 9 Seconds non vuole essere uno strumento di contrasto nei confronti dello smartphone, mezzo utile e indispensabile in molte situazioni quotidiane, ma soltanto un supporto per combattere il suo abuso nei momenti in cui non è strettamente necessario ed il suo utilizzo diventa quasi superficiale.  

La forza dell’applicazione è data infatti dalla tipologia di problematiche che vuole affrontare. Si tratta di problematiche reali, identificate, universali e ormai sotto gli occhi di tutti. Ma spesso considerate un tabù. Un tabù che 9 Seconds vuole riuscire a superare con una soluzione semplice, utile e completamente nuova.  

Come verranno utilizzati i fondi

Il vostro supporto ed il vostro sostegno sarà fondamentale per dare vita al nostro progetto. I fondi racconti da questa campagna verranno infatti utilizzati per:

- Costituzione della la start-up

- Produzione dei portatelefono

- Sviluppo dell'app

- Costi di pubblicità e marketing

Chi c'è dietro al progetto

Quattro ragazzi salentini con la voglia di cambiare in meglio il mondo in cui vivono:

- Luca Podo, Laureato in Ingegneria dell'Informazione

- Alessandro Colonna, Laureato in Scienze della Comunicazione

- Benito Taccardi, Laureato in Ingegneria dell'Informazione

Davide Margarito, Grafico Pubblicitario

Il gruppo salentino ha maturato la propria idea d'impresa nell'ambito del Contamination Lab dell'Università del Salento, un laboratorio in cui si sviluppano:

- processi virtuosi di contaminazione al fine di accrescere spirito d’iniziativa, creatività e cultura imprenditoriale, 

- capacità di saper tradurre idee in azioni, per realizzare progetti di innovazione a vocazione sociale ed imprenditoriale in linea con le specificità dell’Università del Salento e del territorio.

Mentor e coach del gruppo sono stati Valentina Ndou, Pasquale Stefanizzi e Luigi Patrono, rispettivamente Professore Aggregato del Dipartimento di Ingegneria dell'Innovazione dell'Università del Salento, facilitatore della comunicazione del Contamination Lab e Professore del Dipartimento di Ingegneria dell'Innovazione dell'Università del Salento .

Finanziato
5.400 € Raccolti
Imprese, innovazione e infrastrutture
4DRINK, L' APP CHE ELIMINA LA FILA NEI LOCALI NOTTURNI

Cos'è 4Drink ?

 A chiunque è capitato di entrare in uno dei locali più in dove si consuma la movida del weekend ed avere la voglia di avvicinarsi al bancone per poter scegliere o ordinare ciò che più desidera bere, ma in alcune circostanze il tutto può essere più difficile di quanto sembra, data la fila interminabile, il caos e le varie incomprensioni che possono esserci all'interno dei locali notturni. 

Ecco, 4Drink può essere quella che è la soluzione al tuo problema. 

4Drink altro non è che un servizio che si vuole sviluppare tramite app mobile mediante la quale chiunque può accedere ad un menù virtuale del locale in cui si trova, consultarlo conoscendo prezzi, merceologia e ciò che il locale in questione offre e prenotare nella sala stessa con un semplice click ciò che ha scelto, oppure hanno scelto (nel caso si trattasse  di più persone) scegliere di pagare in tranquillità dal proprio smartphone e attendere che il proprio ordine sia pronto. Il Barman riceverà  l' ordine e preparerà il tutto in piena autonomia senza essere  infastidito e compiendo come meglio crede il suo lavoro. Tramite notifica quando il tutto sarà pronto la persona che ha ordinato si potrà avvicinare al bancone, prendere ciò che ha ordinato e gustare in piena calma e serenità il suo drink evitando disordine e altre variabili sgradevoli.

Facile e  veloce book your drink, 4Drink.


Come Funziona?

Vi mostriamo adesso il funzionamento di 4Drink:

Cosa posso fare con 4Drink?

Le funzioni iniziali e principali di 4Drink saranno:

  •  Prenotare drink e saltare la fila una volta che questo sarà  pronto
  •  Prenotare tavoli all' interno e all' esterno del locale utilizzando la sola app per la gestione del tutto.

Queste sono le prime features dell' app ma successivamente ne verranno implementate diverse mirate sempre a migliorare la qualità del servizio.  

Perché sostenere la campagna?

Spiegare quella che e' la nostra business idea può  essere un tantino complicato ma lo e' ancor di più la realizzazione di ciò che stiamo coltivando da diverso tempo. Da quando e' stato concepito il nostro modello con la nostra volontà, impegno e sacrificio abbiamo lavorato duramente a mettere assieme i tasselli di un puzzle complesso ma bello da veder completato. Purtroppo le sole  tre variabili che abbiamo usato in questa espressione non bastano e deve subentrarne una quarta ossia il fattore economico. Proprio per questo crediamo fortemente in eppela, nella nostra community e chi è interessato anche in minima parte a contribuire per sostenere 4Drink, ricordando che con 4Drink vogliamo creare un servizio destinato a chiunque e volto a soddisfare sia il cliente che l'esercente. 

Ok, Ok forse siamo un po troppo ripetitivi però tenevamo a dirci che proprio per questo ci rivolgiamo  ad una piattaforma di crowdfunding come eppela dove ci serve il tuo aiuto. Se ritieni che la nostra idea sia valida, che useresti 4Drink nel momento in cui ne hai bisogno per semplicità  e comodità,  sostienici e aiutaci in questa raccolta fondi, donando e sperando di raggiungere il nostro ma anche il tuo  traguardo. Ci guadagneremo entrambi, alla fine l'obiettivo e' uno solo, dar vita a 4Drink

Come verranno utilizzati i fondi richiesti ?

Il budget stabilito per la raccolta fondi e' di 4000 euro e verra' impiegato nel sostenimento delle rispettive spese:

  • Spese di sviluppo dell' applicazione 3400 euro
  • Spese di gestione eppela 200 euro
  • Spese accessorie 400 euro.

Chi c'è dietro al progetto ?

Siamo Pasquale IngleseSalvatore Oliverio e Nicola Cestaro,

  • Pasquale, classe '93 e' attualmente studente di Laurea Magistrale in Marketing e mercati globali presso l'università degli studi di Milano Bicocca e laureato precedentemente in Economia Aziendale all'Universita' della Calabria(UniCal).
  • Salvatore, classe '95 attualmente studente in Economia Aziendale presso l'Università degli Studi Niccolò Cusano.
  • Nicola, il più giovane del team, classe '98 neodiplomato in informatica.


L' idea di 4Drink e' stata fortemente voluta e concepita in modo simultaneo da Pasquale e Salvatore, i quali frequentatori occasionali  di locali notturni per pura casualità hanno sviluppato l' idea pensando a ciò che più dava loro fastidio ogni qualvolta volevano bere qualcosa, in un secondo momento si aggiunge Nicola entusiasmato della valida idea decide di entrare a far parte del gruppo per raggiungere e realizzare 4Drink.

Finanziato
2.110 € Raccolti
Imprese, innovazione e infrastrutture
eCicero

Di cosa si tratta

ECICERO nasce nel 2018, è l’innovativa Piattaforma  per scegliere, contattare e prenotare la tua Guida Turistica Abilitata, un sistema innovativo e smart capace di mettere in contatto diretto la Guida  e il Visitatore, singolo o in gruppo.

Ecicero tende a valorizzare una delle professioni più importanti che ogni giorno divulgano e valorizzano l’imponente patrimonio storico artistico culturale italiano. Il ruolo della Guida Turistica è di fondamentale importanza per il  “Museo Italia” , rappresenta il perno principale fra Turismo e Cultura in un paese che ogni anno ospita milioni di visitatori provenienti da tutto il mondo.

La mission di Ecicero è  adeguare ed innovare la professione di Guida Turistica Abilitata all'offerta Turistica Digitale che in Italia negli ultimi anni è in esponenziale crescita. Ecicero tende a fruire il servizio Guida non come servizio opzionale, ma promuoverlo come  servizio primario per il comparto turistico culturale e si prefigge l'obiettivo di diffondere la Visita Guidata  non solo per i gruppi turistici organizzati, ma anche per  visitatori singoli, famiglie, gruppi di amici, etc.

Per le Guide

Su Ecicero, le Guide possono registrarsi gratuitamente, pubblicare il proprio profilo professionale e i loro itinerari con foto delle location e tariffe della prestazione di Guida.

Per il Viaggiatore

Ecicero rappresenta un potente motore di ricerca, mirato a scegliere la Guida Turistica più adatta alle proprie esigenze, utilizzando vari filtri di ricerca: lingua, città, tipologia della location da visitare e
tariffe.

Come verranno utilizzati i fondi

Abbiamo realizzato eCicero.it al meglio delle nostre possibilità e risorse.

Siamo soddisfatti del risultato che ci ha permesso di testare le potenzialità della nostra idea, ma siamo perfettamente coscienti che e’ solo l’inizio di una lunga strada.

L' evoluzione di eCicero richiederà uno sforzo economico e tecnologico molto grande, ma pensiamo che sia necessario per proiettare eCicero in un futuro molto prossimo.

Come saranno quindi utilizzati i fondi raccolti:

  • sviluppo del sistema "Booking" all'interno della piattaforma. Il sistema booking
    comprenderà un calendario per le prenotazioni dirette alla Guida.
  • Realizzazione dell'App eCicero, satellite alla piattaforma eCicero.it già realizzata.
    L'app servirà alla Guida Turistica per ricevere le notifiche al momento delle prenotazioni e per essere geolocalizzata.
  • Massiccia promozione con una forte presenza sui motori di ricerca e sui
    maggiori magazine del turismo, un marketing mirato, essenziale alla divulgazione delle piattaforme online.
  • Sviluppo del sistema di geolocalizzazione tramite la funzione "Locate Guide". Il viaggiatore potrà localizzare le Guide nella zona e scegliere la più vicina, usufruirne quindi in tempi brevi. Inoltre sulla mappa verranno identificati gli eCicero (guide) in quel momento disponibili (contrassegnati in verde) e gli eCicero non disponibili in quel momento (contrassegnati in rosso)

Chi c'è dietro al progetto

Siamo un gruppo di tre professionisti con la collaborazione di consulenti esterni di Guide Abilitate, tutti legati dalla passione per le nuove tecnologie applicate all'arte, alla cultura e al turismo.

Il progetto è partito da un'idea di Raffaele, Founder di Ecicero, esperto in Computer Grafica 3D e nuove tecnologie applicate ai Beni Culturali, Editor 3D ideatore di applicazioni culturali e appassionato di archeologia. 

La parte informatica è gestita da:

- Matteo, informatico, esperto in Hosting web, indicizzazione e SEO,  social marketing,  graphic design.

- Paolo, mobile app developer, gestione del codice e dei contenuti.

Finanziato
5.260 € Raccolti
Imprese, innovazione e infrastrutture
PoolZ

Di cosa si tratta

PoolZ é la piattaforma digitale di car-pooling che mette in contatto chi cerca un passaggio con chi lo offre, permettendo a tutti di muoversi nel raggio di pochi chilometri utilizzando una valida alternativa all’auto privata o al trasporto pubblico. 

Condividere il tragitto verso scuola, lavoro o eventi non è mai stato così divertente e sostenibile!

Il suo funzionamento è semplice, basta uno smartphone connesso ad internet ed essere registrati su PoolZ:

chi riceve il passaggio potrà prenotare corse occasionali o piccoli abbonamenti per muoversi verso la propria destinazione. In cambio, chi offrirà il passaggio riceverà una piccola ricompensa in denaro.

Non solo, chiedere e offrire passaggi permetterà di generare e accumulare crediti da spendere all'interno della piattaforma o presso i nostri partner. I “PoolerZ”, grazie a Postepay, potranno regolare le corse o spendere i crediti tramite un sistema di pagamento elettronico peer-to-peer.

Studenti, liceali, lavoratori pendolari: PoolZ è la piattaforma che aiuterà a risolvere le problematiche di chi ogni giorno deve raggiungere la scuola, l’università, il posto di lavoro o un evento (e poi farne ritorno).

Siamo qui per cambiare il modo di concepire la mobilità su tratte a medio/corto raggio. Vogliamo superare il modello individuale, contribuire a migliorare l’ambiente e stimolare le relazioni tra le persone.

Chi c'è dietro al progetto

PoolZ è un’idea sviluppata dal team di Zemove coinvolgendo in un percorso di alternanza scuola-lavoro alcuni alunni della classe 4^ A-SIA dell’istituto Adriano Olivetti di Lecce. Vogliamo offrire ai ragazzi più meritevoli, la possibilità di  passare da una semplice esperienza di alternanza fino ad un vero e proprio inserimento aziendale una volta concluso il percorso di studio.

Zemove è costantemente impegnata nell’intraprendere azioni di supporto all'autoimprenditorialità e alla formazione come elementi di sviluppo utili a contrastare le disparità sociali. Diffondiamo principi come l’onestà, il merito e l’uguaglianza, lottando contro ogni forma di odio.

Se credi nei nostri stessi valori, contribuisci anche tu per rendere concreto questo progetto così da ispirare e motivare i ragazzi a realizzare nuovi progetti imprenditoriali.

Come verranno utilizzati i fondi

Grazie alla raccolti fondi potremo effettuare ulteriori investimenti per sviluppare il progetto. Le nuove risorse saranno destinate principalmente alla realizzazione della piattaforma web e ad attività di marketing digitale per attivare il progetto pilota nella provincia di Lecce.

Ringraziamenti

Il team di Zemove ringrazia per il supporto:

• Gli alunni di alternanza scuola-lavoro: Davide, Eleonora, Francesco, Giacomo, Gianluca, Laura, Pierluigi e Luca

• L'Istituto Adriano Olivetti di Lecce, la Preside Patrizia Colella, la responsabile del percorso di alternanza scuola-lavoro Antonella Lagalante e la professoressa Valentina Rotino

• L'Istituto Galilei Costa di Lecce, la Preside Addolorata Mazzotta e il professore Daniele Manni

 Pasquale Stefanizzi referente del portale ascuoladimpresa.net

• Per la realizzazione video, Pierpaolo Fari e l'agenzia di comunicazione Cooburn di Lecce

Finanziato
8.545 € Raccolti
Istruzione di qualità

Per maggiori informazioni contattaci al nostro indirizzo privacy@eppela.com
Esplora
Cerca
Tutti i progetti
Generazione G

*La cifra indicata sul contatore delle donazioni si riferisce ai contributi dei partner di progetto e degli utenti raccolti online su Eppela.*

Facciamo insieme la differenza: dona anche tu per aiutare i neogenitori!

Cos’è Generazione G?

“Generazione G” vuol dire “Generazione Genitori”: perché prima ancora di far nascere nuovi bambini, è necessario “far nascere nuovi genitori”, vale a dire mettere le giovani coppie e i soggetti fragili nelle condizioni di intraprendere la scelta della genitorialità in maniera solida e serena. Solo così sarà possibile aiutare ad invertire il trend attuale e rilanciare la natalità in Italia.

Con questo progetto vogliamo creare una vera e propria rete di sostegno per i neogenitori in difficoltà, qualcuno che sia lì per loro, pronto a supportarli e offra loro il necessario sostegno, pratico e psicologico. E chi può dare una mano a un genitore meglio di un genitore più esperto? Selezioneremo per questo scopo dei volontari del Moige, Movimento Italiano Genitori, che è partner del progetto e sarà il beneficiario finale della tua donazione qui su Eppela.

Cosa faremo grazie al tuo contributo?

Vogliamo davvero fare la differenza, e il goal che ci siamo dati è di 450.000 euro, da raccogliere su questa piattaforma. Grazie anche al tuo contributo riusciremo ad aiutare, nella prima fase del progetto, 250 nuove famiglie per 12 mesi, con l’intenzione di arrivare poi a 500 o molte di più! Lo faremo supportandole nella loro quotidianità, grazie ai genitori esperti del Moige, con un impegno stimato per oltre 180.000 ore, grazie a 200 punti di assistenza in 19 regioni italiane.

I fondi raccolti saranno quindi devoluti al Moige e impiegati per la formazione, la tutela e il riconoscimento dell’impegno dei volontari, per aiutare le famiglie in difficoltà e per creare basket di prodotti essenziali per i bambini.


Quale supporto daremo ai neogenitori?

La rete di genitori esperti darà un aiuto concreto sotto diversi aspetti:

Supporteremo giovani famiglie in attesa e nuclei con fragilità sociali e sanitarie, o scarsa istruzione e ostacoli culturali. Accanto a loro i genitori esperti, volontari identificati dal Moige, che verranno selezionati sulla base di competenze specialistiche in diversi settori (medici, psicologici e pedagogisti così come impiegati del settore pubblico o privato). In ogni caso saranno persone dai 40 ai 60 anni che hanno cresciuto almeno un figlio e che quindi hanno già affrontato le sfide della genitorialità.

 

Ci si può candidare?

Se ti rivedi nel profilo del “genitore esperto” e vuoi dare supporto concreto come volontario, o se conosci o fai parte di una giovane coppia che vuole aderire al progetto, puoi contattare il Moige con una mail a generazioneg@moige.it oppure chiamando il (+39) 334 924 7878.


Chi sono Prénatal e il Moige?

In Prénatal, da 60 anni aiutiamo con amore e attenzione le famiglie che accolgono una nuova vita a godersi ogni momento di questa esperienza, affiancandole, ispirandole e supportandole in un percorso di imprevedibili scoperte. PRG Retail Group è sempre stato attivo su progetti sociali, per esempio, sostenendo iniziative di Mission Bambini, de “I Bambini delle fate” con i progetti della “La Banca del tempo sociale” e di Pizzaut. Ora, proprio in occasione dell’anniversario dei 60 anni, lanciamo il progetto “Generazione G”, con l’obiettivo non solo di rendere il futuro migliore, ma di contribuire a farlo nascere insieme.

Il Moige, Movimento Italiano Genitori, è un'associazione senza scopo di lucro italiana impegnata da oltre 25 anni in ambito sociale ed educativo per la protezione dei minori e per la tutela dei diritti dei minori e dei genitori. Nasce con l’obiettivo di rappresentare gli interessi dei genitori italiani, creando un ambiente sicuro, sano e stimolante per le nuove generazioni. Attualmente è presente su tutto il territorio italiano con un network di oltre 90.000 genitori.

 

Unisciti anche tu al progetto Generazione G!
Grazie, perché insieme a te faremo la differenza e contribuiremo alla nascita di tanti nuovi genitori!

28%
-24 Giorni
Sconfiggere la povertàRidurre le disuguaglianze
LottoxMile

Questo è un appello d’amore per Milena. Milena Cannavacciuolo, fondatrice di Lezpop.

Leggevi Lezpop? Noi aspettavamo con ansia ogni articolo e ogni storia, felici di sentire e condividere con quelle ragazze le loro avventure, i loro incontri. Era una finestra sul mondo che ancora non potevamo vivere, ma solo immaginare. Uno spazio, quello creato da Milena, felice, fatto di informazione, condivisione, gossip, realtà.
Con Lezpop Milena ha acceso una luce sul mondo lesbico, bisessuale e queer. Per noi è stato fondamentale: per sentirci bene ed essere ciò che più desideravamo.


Milena Cannavacciuolo due anni fa, mentre si trovava a Venezia per lavoro, ha avuto una grave emorragia cerebrale. È stata a lungo in coma e i medici temevano che sarebbe rimasta in stato vegetativo, ma lentamente è riuscita a riacquisire coscienza. Ha dovuto cambiare quattro ospedali e affrontare un lungo percorso di riabilitazione, perché l'emorragia ha colpito la parte del cervello che governa il corpo.
Oggi Milena è tornata a casa. Riesce in parte a controllare il braccio destro, ma non può muoversi da sola né parlare, e si alimenta con la nutrizione artificiale. Comunica attraverso una tavoletta alfabetica o il computer, ha bisogno di proseguire la riabilitazione con il fisioterapista e il logopedista e di assistenza continua, anche per gestire il diabete di cui soffre da quando aveva 15 anni.

È un'assistenza necessaria per garantirle qualità di vita. Purtroppo i sussidi pubblici non bastano a coprire tutte le spese, comprese quelle per l'affitto a Milano, per le tre operatrici sanitarie che devono alternarsi nella sua assistenza e parte delle terapie e dei presidi medici, perché quelli passati dagli enti competenti non sono sufficienti*.
Accanto a lei, fisicamente, ci siamo noi: la compagna Marina, le amiche, gli amici e la fedelissima carlina Ripley.

Ora però non riusciamo più ad andare avanti da soli e abbiamo bisogno di aiuto. 

Lo chiediamo prima di tutto a quella comunità per cui Milena ha fatto tanto ed è stata un punto di riferimento con Lezpop.

Milena ricorda sempre con commozione le adolescenti che le descrivevano la felicità di trovare Lezpop e una comunità in cui potevano finalmente essere loro stesse con leggerezza quando cercavano la parola "lesbica" sui motori di ricerca, e non trovavano solo film porno! Oggi tutto è diverso, ma se è cambiato in meglio è anche grazie al lavoro di Milena, che ha toccato e ispirato tante persone.

Questa raccolta fondi servirà a pagare le spese per il prossimo anno e mezzo e per permettere a Milena di proseguire al meglio con la riabilitazione. Servono almeno 60.000 euro* e ogni contributo, anche il più piccolo, è essenziale. Se riusciremo ad arrivare all'obiettivo e a superarlo, potremo garantirle anche parte dell'assistenza dei prossimi anni. 

Se anche per voi Lezpop è stato importante, questo è il momento per sostenere chi vi ha sostenuto.

Grazie a chi vorrà aiutare Milena.

*I soldi raccolti verranno usati per l'assistenza a Milena. Spendiamo:
- Tra 4.500 e 5.000 euro al mese circa per le tre badanti che la assistono. La cifra totale varia perché se una di loro si ammala, prende un permesso o va in ferie vanno pagati gli straordinari alla sua sostituta. 
- Tra 700 e 1.000 euro al mese circa per i farmaci e i presidi medico-sanitari che non vengono passati o vengono passati solo in parte dall'assistenza sanitaria pubblica. Spesso infatti il materiale sanitario che serve per far funzionare i presidi salvavita di cui necessita Milena è in quantità insufficiente rispetto al suo reale fabbisogno, oppure arriva in ritardo per problemi burocratici o entrambe le cose. Milena inoltre ha bisogno di farmaci e integratori che non sono mutuabili.
- 600 euro al mese per la quota di Milena per l'affitto di casa.

Milena riceve 800 euro al mese tra accompagnamento e pensione di invalidità, a cui si aggiungono 1.200 euro al mese di contributo regionale riservato alle persone non autonome. Milena infine ha un reddito mensile di 1.200 euro lordi. 

Ogni mese dunque spendiamo circa 3.400 euro in più rispetto alle entrate. I soldi raccolti serviranno a coprire questa differenza.


Video a cura di Viviana Bruno. Si ringraziano Giovanni Angeli e Plamena Borisova per le illustrazioni e la grafica.

101%
-40 Giorni
Salute e benessere
UN GOAL PER SILVIA!

Ciao,
siamo la moglie e le amiche di Silvia, una donna straordinaria che, negli anni, ci ha fatto sognare con le sue imprese sui campi di calcio e divertire con la sua irriverente simpatia.

Chi conosce in modo profondo Silvia, o anche chi l'ha incontrata solo poche volte, ha impresso nella propria memoria la sua travolgente parlata fiorentina, il suo carattere generoso e solare, la sua voglia di vivere e di stare in compagnia.

Silvia è una pietra preziosa, una presenza incisiva nelle nostre vite e in quella delle persone a lei care. Una donna speciale che tutti ricordano per il sorriso contagioso e per quelle battute sempre pronte a stupirti e a portarti lontano dai pensieri negativi.

Silvia è stata una grande giocatrice di calcio e punto fermo della nazionale italiana, una ventata d'aria fresca da respirare a pieni polmoni.

Trascinatrice e risolutrice, nessuno del mondo del calcio può dimenticare  le sue gesta sportive, oltre che la tenacia e la determinazione con le quali ha affrontato lealmente ogni impegno che l'ha vista protagonista.

È la Silvia Fiorini dei primi mondiali in Cina e poi quelli in America. 
È La Silvia vice campionessa d’Europa, la Silvia dello scudetto ad Agliana. 
La Silvia delle tante imprese.
La Silvia pioniera del calcio. 

La Silvia che ha bisogno di centrare il suo ultimo GOAL!

Purtroppo, a luglio di questo anno 2023, ha avuto un'emorragia cerebrale rimanendo in coma per diversi giorni. I medici non ci avevano dato molte speranze sul fatto che Silvia potesse superare le prime ore, ma lei ha messo in gioco tutta la sua grinta e ha superato l’ostacolo. 

Adesso ne ha molti altri davanti a sé. 
Adesso è su una sedia rotelle ed è in grado di muovere solo parte del suo corpo. 
Non è autosufficiente e quello di cui lei ha bisogno è un percorso riabilitativo all’interno di una struttura altamente specializzata.  

Quello che vogliamo fare è cercare di darle più tempo possibile per prepararsi al rientro a casa che non sarà sicuramente facile. 

Io, Camilla, che sono sua moglie, la nostra bambina nata a Luglio dello scorso anno, e tutte le amiche e gli amici che le vogliono bene, speriamo di riaverla a casa con noi al più presto! 


Ma prima ci aspetta almeno un anno in una clinica specializzata che avrà il costo di 300 euro al giorno, per un totale di oltre 110.000 euro in un anno. In clinica potrà affrontare un percorso neuroriabilitativo che la aiuterà a recuperare il maggior numero di funzioni fisiche e neurologiche possibili.

È per questo che abbiamo deciso di lanciare questa raccolta fondi, perché tutto il nostro sostegno e quello della sanità pubblica non basta. C’è bisogno di tutti voi!

Se tutti insieme riusciremo a raccogliere la soglia di 55.000 euro, potremo garantire a Silvia almeno 6 mesi in clinica. 
Ma vorremmo andare molto oltre! Se riuscissimo a raggiungere la soglia di 110.000 euro, la permanenza in clinica potrà essere di 1 anno.

È così che, tutti insieme, le permetteremo di avere tutta l’assistenza necessaria per il suo recupero, tornando ad abbracciarci tutti e a farci sorridere come solo lei sa fare.

-----------------------------------------

Come contribuire

Puoi contribuire alla campagna tramite le seguenti modalità:

  • donando direttamente su questa pagina cliccando sul pulsante “Contribuisci” oppure scegliendo una delle ricompense disponibili,
  • tramite bonifico al conto corrente dedicato - IT98D0760113900001069225256 - intestato a Silvia Fiorini.


-----------------------------------------

Grazie di cuore a tutti coloro che aiuteranno Silvia!

53%
-29 Giorni
Salute e benessere
Ampliamento e Restyling Ristorante Colapasta

Ciao a tutti! Io sono Francesco e lei è Katia mia moglie. Siamo una coppia di giovani ristoratori, io mi occupo dell'accoglienza degli ospiti in sala e lei è lo Chef di Cucina, e nel 2003, più precisamente il 18 agosto, abbiamo dato vita ad un vero e proprio progetto di vita, il ristorante Colapasta, in provincia di Torino.

Siamo qui su Eppela con questa raccolta perchè abbiamo un grande sogno che desideriamo realizzare e vogliamo coinvolgere anche te. Per noi è L'Occasione da non perdere assolutamente! 

I locali del Colapasta confinano con un grande colorificio che ha deciso di trasferirsi ad un paio di km. La sua superficie è di 350 metri quadri a cui si aggiunge un tetto piano di 390 metri quadri; la cosa ci fa gola da tempo e quindi abbiamo deciso di chiamare i proprietari e firmare un preliminare di contratto di locazione.

Inoltre abbiamo incaricato un importante architetto milanese, il famosissimo Andrea Langhi ( https://www.andrealanghi.it/ ), grande specialista nella realizzazione di locali pubblici che ci ha prospettato la possibilità di realizzare un grande locale polivalente per ristorazione e intrattenimento e quindi li sta progettando.

Tre sono le realtà che andranno a comporlo: le due salette Alta Langa Experience molto intime e dedicate al fine dining in cui il cibo sarà il protagonista principale; una grande sala per il Bistrot di Mare in cui si troverà il grande bancone bar e il Salottino del Dopo Cena in cui la convivialità e la condivisione saranno il tema principale dell'intrattenimento; la Terrazza, location esclusiva dedicata alle feste e agli eventi speciali. Per un totale di 350/400 posti a sedere in tutto.
Prevediamo di assumere altre 10/15 persone.

Tutte queste opere di ristrutturazione prevedono grande attenzione alla sostenibilità ambientale, infatti pensiamo di realizzare una pergola bioclimatica fotovoltaica per la terrazza dotata di accumulatori al sale più efficaci, efficienti e sostenibili allo smaltimento in luogo di quelli tradizionali; di installare vasche per il recupero dell'acqua piovana per l'irrigazione del verde e di servizio alle toilette (a Torino piove abbastanza!); di produrre acqua calda attraverso pannelli solari; di adottare un sistema per il riciclo dei rifiuti organici trasformati in compost direttamente in struttura; di creare una serra per l'autoproduzione di materie prime irrigata con un sistema innovativo che non ha bisogno di acqua.

Il progetto è decisamente ambizioso, ricco e costoso e, partendo dal principio che tante piccole gocce formano un mare, ci è venuta l'idea di creare una campagna di crowfunding che coinvolga sia i clienti del Colapasta, che tutte quelle persone che sono appassionate di ristorazione e/o di progetti che strizzano l'occhio alla sostenibilità economica e ambientale e che prevedano un incremento occupazionale

Il budget stimato per questa grande operazione si attesta intorno ai 500 mila euro.

Inutile dire che ci piacerebbe davvero riuscire in quest'impresa. è qui che la tua partecipazione diventa fondamentale. 

Siamo generosi e riconoscenti per natura, quindi abbiamo pensato a come ricompensarti per la tua partecipazione. Troverai tutto scritto tra qualche riga.

Ma prima conosciamo un po' meglio.

Abbiamo aperto il Colapasta a Collegno (TO) nella sede di Corso Francia 94, il 18 agosto 2003, sulle ceneri di un vecchio bar tavola calda.

Entrambi abbiamo frequentato l'istituto alberghiero e successivamente abbiamo compiuto diverse esperienze nel campo della ristorazione torinese e non, fino a quando non abbiamo sentito il desiderio di emulare gli imprenditori che ci hanno formato e di mettere a frutto quanto imparato per metterci in proprio e fare impresa. 

IMG_7590.JPG

Il locale è sempre stato gestito da noi in prima persona e ha visto diverse fasi di crescita ed evoluzione che in una linea del tempo si possono definire come di seguito.

2003: apertura al pubblico all'insegna “Bar Trattoria del Colapasta Pizzeria”. Il nostro locale era di tipo generalista, aperto dalle sette del mattino alla mezzanotte, in cui servivamo la prima colazione, il pranzo di lavoro, l'aperitivo e la cena. Era inoltre presente il servizio di pizzeria sia in loco che da asporto. Avevamo solo 40 posti a sedere ed avevamo solo due collaboratori, infatti lavoravamo costantemente all'interno dell'attività.

IMG_0109.JPG

2009: trasferimento nell'attuale sede di Corso Francia, 98. Non è la prima volta che ci buttiamo a capofitto in un ampliamento, lo abbiamo già fatto diverse volte. L'occasione di ampliare i locali, triplicando la superficie ed i posti a sedere, ci ha ingolositi e quindi abbiamo deciso di affrontare con grande caparbietà una ristrutturazione totale e di grande importanza. In questa fase il locale si attesta come “Trattoria del Colapasta Pizzeria” apriamo sette giorni su sette scandendo i due servizi, il pranzo e la cena, e  decidiamo di inserire una nuova linea di servizio, ovvero la banchettistica legata alle feste quali battesimi, comunioni, cresime, feste di laurea e anniversari. Il pubblico risponde benissimo e il locale cresce velocemente; triplichiamo il fatturato in poco meno di tre anni, abbiamo 120 posti a sedere in questa fase, tra interno ed esterno e i collaboratori impiegati diventano otto.

2012: ristrutturazione e restyling dei locali. Il lavoro procede a gonfie vele tant'è vero che il locale è “consumato” e necessita di un nuovo look e di nuova verve.
Quindi ristrutturiamo nuovamente e sostituiamo tutti gli arredi, dai tavoli alle sedie, dal bancone del bar all'impianto di aspirazione e per la prima volta vengono inseriamo due macchinari in cucina tecnologicamente all'avanguardia al fine di migliorare la qualità dell'esperienza dell'ospite e della vita lavorativa dei collaboratori. Il grande apprezzamento dimostrato da clienti, ospiti e avventori fa del Colapasta il punto di riferimento della ristorazione di Collegno. I collaboratori salgono a dodici.

2015: la partecipazione allo show televisivo Hell's Kitchen. Dopo aver superato brillantemente le selezioni, la Chef Katia si ritrova a partecipare al programma TV capitanato dallo Chef Stellato Carlo Cracco; in quell'occasione ha la possibilità di collaborare con professionisti di altissimo livello, di imparare nuove ricette e affinare le tecniche culinarie. Di conseguenza aumenta la notorietà del ristorante che vede nuovamente uno scatto di crescita.

PHOTO-2016-01-10-20-09-14.jpg

2017: da trattoria a Ristorante. I dati ci confermano che sempre più ospiti scelgono il Colapasta per la cucina gourmet e di sostanza. Da qui la decisione di concentrarsi maggiormente su quest'ultima e togliere la pizza tradizionale dal menù.
Ora l'insegna recita: “Colapasta - Ristorante Per Passione”.
Rinnoviamo entrambe le sale e passiamo ad un look più raffinato, romantico ed accogliente. Anche la cucina viene completamente rinnovata, tutte le attrezzature vengono sostitute con nuove più ecologiche, tecnologiche e sicure.

PHOTO-2017-10-15-13-38-54.jpg

2020: il periodo buio che illumina. Sappiamo tutti che cosa è successo nel biennio 20-21, ma insieme al nostro team non ci siamo mai arresi e abbiamo dato il meglio di creando continuamente eventi in modalità delivery, per cui anche Repubblica ci ha fatto un articolo. I nostri camerieri si sono trasformati in rider e siamo rimasti sempre aperti per permettere a tutti i collaboratori di continuare a ricevere lo stipendio in luogo di una cassaintegrazione sempre in ritardo e insufficiente. 
Nel molto tempo libero che abbiamo a disposizione abbiamo ideato nuovi piatti nuovi piatti, nuovi drink e nuovi menù che prenderanno vita negli anni a venire.
Nel frattempo a luglio 2020 diamo vita il progetto Strafud, la pizzeria del Sud Italia che soddisfa il desiderio dei “Pizza Lovers” del Colapasta. 

IMG_6122.JPG

2023: quest'anno, questi mesi, in questi giorni. Abbiamo un' occasione da non perdere! E solo se decidiamo di collaborare potremmo vederla prendere il volo  e avere successo in maniera agevole. Ora tocca a te… 

Lanceremo la campagna ufficialmente il 17 settembre 2023 alle 17:00 in occasione della festa che terremo per il ventesimo anniversario del Colapasta.
In quella sede ti faremo vedere un film che ti consentirà di visualizzare il progetto più concretamente . 

Abbiamo tutti da guadagnarci qualcosa e qui ti spiego come:

-per coloro che faranno la donazione nei primi 3 giorni dal lancio sarà corrisposto un voucher del valore triplo alla donazione (ad es € 100 x 3 = 300) da spendere all'interno del ristorante Colapasta dopo l'inaugurazione della nuova location.

-per coloro che faranno la donazione dal 4° al 10° giorno dal lancio sarà corrisposto un voucher del valore doppio alla donazione (ad es € 100 x 2 = 200) da spendere all'interno del ristorante Colapasta dopo l'inaugurazione della nuova location.

-per coloro che faranno la donazione dall' 11° al 20° giorno dal lancio sarà corrisposto un voucher del valore di una volta e mezza alla donazione (ad es € 100 x 1,5 = 150) da spendere all'interno del ristorante Colapasta dopo l'inaugurazione della nuova location.

-per coloro che faranno la donazione dal 20° alla fine della campagna sarà corrisposto un voucher del valore della donazione (ad es € 100 x 1 = 100) da spendere all'interno del ristorante Colapasta dopo l'inaugurazione della nuova location.

Insomma, si vince sempre e non si perde mai!

E PER FINIRE UNA SUPER CHICCA! All'ingresso del locale realizzeremo un vero e proprio Monumento all'Onore, per lasciare un simbolo che durerà negli anni, una parete di piccole mattonelle su cui scriveremo il nome di tutti i partecipanti. E per finire, per il Partecipante più Generoso metteremo una Mattonella Dorata al Centro.

A tutti i partecipanti omaggeremo il KIT GOURMET contenente i gadget ricordo di questa straordinaria avventura.

Ringraziamo sin d'ora tutti i partecipanti e ci auguriamo di ritrovarli presto ospiti alle nostre tavole.

 

23%
-99 Giorni
Energia pulita e accessibilePartnership per gli obiettivi
Fortitudo - Una storia con la EFFE maiuscola

Chi siamo?

L’Associazione Museo Fortitudo è una associazione senza scopo di lucro, indipendente ed aperta alla partecipazione di tutti gli appassionati della Fortitudo Pallacanestro e della sua grande storia. 

Nata nel settembre 2021 – quale realizzazione del sogno di quattro amici da sempre tifosi della EFFE – l’Associazione Museo Fortitudo si è impegnata in questi anni nel recuperare materiale appartenente alla storia della Fortitudo Pallacanestro, con il grande sogno di restituire tutto alla città attraverso il racconto di questi incredibili 50 anni di storia, “Una storia con la EFFE maiuscola”. 

 

Il nostro obiettivo?

Quello di tramandare la storia ed il patrimonio della Fortitudo Pallacanestro, di incontrare i sogni di tifosi ed appassionati, di valorizzare l’enorme patrimonio di cimeli e memorabilia della Fortitudo Pallacanestro, restituire alla città tutto ciò che è stata la EFFE in questi anni. 

 

Come? Con una grande e memorabile esposizione, in Salaborsa. 

Dal 14 al 29 dicembre 2023 in Salaborsa, nel cuore di Bologna, si terrà la seconda grande esposizione della Fortitudo Pallacanestro: un evento unico, che consente ai grandi tifosi di ripercorrere la storia della EFFE attraverso un percorso espositivo suggestivo caratterizzato da centinaia di memorabilia, cimeli ed oggetti inediti. 

È un progetto di tifosi e per tifosi, un qualcosa di unico e mai fatto da nessun altro: e probabilmente non è un caso che provenga dal mondo Fortitudo. 

📌 Salaborsa / Bologna, (BO)

📅 14-29 Dicembre 2023 

💰︎ Ingresso libero

🎥 https://youtu.be/qxfGmxdJyPo?si=eRjNTgVjDUX24XLz

 

I precedenti. 

Il 13 dicembre 2021, presso lo Spazio Carbonesi, è stata inaugurata la prima esposizione della Fortitudo Pallacanestro. 

Oggi, a distanza di due anni, l'Associazione Museo Fortitudo torna con un progetto ancora più ambizioso: Una storia con la EFFE maiuscola in Salaborsa, nel cuore della città del basket. 

 

Come verranno utilizzati i fondi? 

L’obiettivo del crowdfunding è di coprire l'ultima parte dei costi dell’evento.

Fino a questo momento, noi di Associazione Museo Fortitudo abbiamo fatto con le nostre forze, supportati dai partner che ci hanno sostenuto. 

Ma ora il Grande Sogno ha bisogno anche di VOI. 

In particolare, questi sono tutti i costi che, complessivamente, abbiamo coperto e dovremo coprire: 

  • Hostess: 3.220,00 €
  • Security: 1.955,00 €
  • Allestimenti: 16.000 €
  • Comunicazione: 1.500 €
  • Eventi 2.500 €

A traguardo raggiunto, le ulteriori somme verranno utilizzate per sostenere i progetti e le attività della Associazione Museo Fortitudo: per acquistare ulteriori cimeli, per ampliare la collezione esistente, per organizzare future esposizioni e trovare un luogo sicuro in cui raccogliere tutto il materiale prezioso, etc.

 

E tu? Fortitudino e non, puoi fare la differenza.

Con le nostre forze siamo arrivati fino a qui, ma abbiamo bisogno anche di te e del tuo aiuto, per rendere eterna ed indimenticabile la storia della EFFE. 

Diventa anche tu parte, dall’interno, di questo Grande Sogno: la tua donazione può fare la differenza. 

Ti aspettiamo in Salaborsa, dal 14 al 29 dicembre!! 🏀🏀

59%
-88 Giorni
99 posti per sognare

IL TUO AIUTO ALLA GESTIONE DELLA BOMBONIERA DELLA CULTURA

A Monte Castello di Vibio in Umbria c'è un teatro magico! É il Teatro della Concordia, il teatro più piccolo del mondo con 99 posti per sognare!  Davvero un gioiellino. É stato costruito nel 1808 da nove famiglie del paese. Si tratta dell’unica testimonianza architettonica in miniatura del teatro settecentesco all’italiana di stile goldoniano.

 

"Da quattro anni il Teatro della Concordia è chiuso. Prima la pandemia e poi i lavori di ristrutturazione necessari per la valorizzazione, funzionalità e sicurezza.  Questo lungo periodo di inattività ha comportato una perdita annuale di oltre 50 mila euro per l'associazione Società del Teatro della Concordia! L'obiettivo che ci siamo posti con questa raccolta fondi è di recuperare parte delle perdite economiche indispensabili per finanziare le attività connesse alla ripresa. Solo così saremo in grado di riaccendere le luci sul palcoscenico di questa magnifica bomboniera della cultura ". (Edoardo Brenci - Presidente Associazione Società del Teatro della Concordia).

 

 

La riapertura del Teatro è imminente poiché i lavori stanno giungendo al termine. Tuttavia con questo lungo periodo di inattività la Società del Teatro della Concordia, associazione che gestisce il teatro, si trova nelle condizioni di non avere i fondi necessari alla ripartenza.

Per questo motivo la nostra associazione lancia la raccolta, per poter riprendere le attività.

Con i primi 15mila euro procediamo al riordino e all’allestimento delle sale del Teatro, potenziamo le collaborazioni di back office, procediamo con piccole azioni di promozione e riaprire per le visite. 

Con l’obiettivo successivo a 37mila euro realizziamo l’evento di riapertura e programmiamo la stagione 2024; sosteniamo i costi dei sevizi tecnici e di front office, realizziamo una più ampia comunicazione di riapertura al mondo del Teatro della Concordia. 

Aiutaci a salvaguardare il Teatro della Concordia e donargli un nuovo inizio! 

La tua donazione, piccola o grande che sia, ci aiuterà ad assicurare che il Teatro della Concordia rimanga in vita, protetto e custodito per amore della cultura e soprattutto per amore delle nuove generazioni.

Insieme a te per riaccendere i riflettori sul palco del Teatro più piccolo del mondo!

Grazie!

CHI SIAMO

Società del Teatro della Concordia è un’Associazione nata dalla passione di un gruppo di volontarie e volontari motivati dalla voglia di valorizzare, tutelare e gestire il Teatro del paese.

Si costituisce nel 1993 quando il Teatro della Concordia, dopo 42 anni di incuria del tempo, venne restaurato dalla Regione Umbria grazie ai fondi europei ridando nuova vita ad uno dei Borghi più Belli d’Italia, Monte Castello di Vibio.

La sua gente era legata al piccolo teatro perché aveva rappresentato il cuore aggregativo del paese fino al dopoguerra.

Alla passione e al senso civico si è affiancata l’operatività dell’Associazione con l’obiettivo di tutelare e far conoscere il Teatro della Concordia. L'economia del territorio, che fino a quel tempo si basava sull'attività contadina, era venuta meno e questo bene culturale poteva costituire la riconversione per lo sviluppo del turismo culturale.

 

HELP US RE-OPEN THE LOCAL CULTURAL GEM: TEATRO DELLA CONCORDIA

In Monte Castello di Vibio, Umbria, there is a magical place! It's Teatro della Concordia, the smallest theatre in the world with just 99 seats! A true gem. It was built in 1808 by nine local families. It represents the only architectural evidence of the 18th-century Italian Goldoni's theatre style on a small scale.

“The Teatro della Concordia has been closed for 4 years now. First, because of the Covid pandemic, and then for necessary renovation works to enhance its functionality and safety. Our fundraising campaign aims to recover part of the essential economic losses to fund activities related to the restart. We’d like to turn the lights back on the stage of this magnificent little gem of culture”.

(Edoardo Brenci - President of the Teatro della Concordia Society Association).

The theatre reopening is upcoming as the works are coming to an end. However, this long period of inactivity means that the Società del Teatro della Concordia, the association that manages the theatre, has run out of funds and needs your help in order to start its activities again.

The purpose of this crowdfunding is to allow us to cover the reopening costs.

We need 15,000 euros to be able to reorganise and to set up the theatre, to enhance back office activities, to do limited promotional activities and to reopen for visits.

We need to reach the target of 37,000 euros to be able to organise a reopening event and a new 2024 cultural season for plays and concerts, to support the technical staff and the logistics that are necessary for any type of events and front office activities, and to carry out wider promotional activities.

Help us preserve the Teatro della Concordia and give it a new start! Any contribution large or small will help ensure that the Teatro della Concordia stays alive, also for future generations.

Only with your help we will be able to turn the lights back on the stage of this magnificent cultural gem.

Thank you!

 

ABOUT US

The Teatro della Concordia Society is an Association born from the passion of a group of volunteers driven by the desire to enhance, protect, and manage the local theatre.

It was established in 1993 when the Teatro della Concordia, after 42 years of neglect, was restored by the Umbria Region using European funds, coming back to life in Monte Castello di Vibio, one of Italy's most beautiful villages.


 

 

21%
-105 Giorni
Fuori di Classe!

“Ognuno è un genio, ma se si giudica un pesce dalla sua capacità di arrampicarsi sugli alberi, lui passerà l’intera vita a credersi stupido”. Albert Einstein

Il nostro desiderio:

Siamo l'Associazione Mondo Nuovo e dal 1987 ci occupiamo di famiglie che si trovano sole ad affrontare, con enorme difficoltà, le problematiche legate alla disabilità come la tutela dei diritti di persone con disabilità, l’integrazione scolastica e sociale, l’inserimento lavorativo, il superamento delle barriere ostative e culturali, attuando attività finalizzate alla tutela dei diritti, all’integrazione scolastica e sociale; alla preformazione ed inserimento lavorativo, alla realizzazione di attività ludico-ricreative e all’agricoltura sociale.

Dentro di noi c'è proprio un Mondo di attività e iniziative a supporto del territorio e delle famiglie che ci contattano.

In questi anni ci siamo particolarmente concentrati sui Bisogni Educativi Speciali: sono una qualsiasi forma di difficoltà evolutiva in ambito educativo che si manifesta in un funzionamento problematico dell’alunno in interazione con l’ambiente.


Questi ragazzi a causa di motivi molto diversi, hanno bisogno di una didattica personalizzata, capace di accogliere le difficoltà e compensarle attraverso specifiche strategie e strumenti, ma capace anche di valorizzare le potenzialità di ciascuno studente, attraverso il riconoscimento dei suoi punti di forza e del suo stile di apprendimento. 


Le difficoltà non impediscono loro di leggere, scrivere, numerare e fare calcoli, ma queste attività richiedono
tempi più lunghi e carichi maggiori di attenzione. Questa difficoltà crea in loro conseguenze emotive: bassa
autostima e mancanza di fiducia in se stessi, frustrazione, ansia, causata dalla paura di fallire o di non
essere all'altezza delle aspettative degli altri, depressione, causata dalla sensazione di essere diversi dagli
altri o di non essere in grado di raggiungere gli stessi obiettivi degli altri.

Il progetto Fuori di Classe:
Abbiamo pensato così al progetto di doposcuola specializzato in DSA: “Fuori di classe”, la risposta ai bisogni educativi speciali di alcuni studenti attraverso l’accompagnamento allo studio e di assistenza nei compiti assegnati a  casa attraverso metodi, strumenti e strategie adeguati allo stile di apprendimento di ciascuno.


Beneficiari 
Il doposcuola specialistico “Fuori di classe” è frequentato da 17 a studenti con Disturbi specifici 
dell’apprendimento di cui 10 certificati ai sensi della L. 104/94 ed è articolato in 3 incontri a settimana della
durata di 2 ore ciascuno per 3 gruppi di studenti, divisi per età e classe frequentata.


 

Le ricadute positive del progetto
Gli studenti che frequentano le attività del doposcuola hanno acquisito sempre maggiore autonomia nello
studio e hanno iniziato a gestire in maniera più autonoma i materiali di studio (strumenti informatici
dedicati), al tempo stesso le famiglie degli studenti riferiscono  un miglioramento nella qualità di vita
familiare in quanto il progetto ha migliorato e “sdrammatizzato” il “fare i compiti a casa”.

Come puoi contribuire alla realizzazione del progetto:

Puoi contribuire alla campagna tramite le seguenti modalità:
- donando direttamente su questa pagina cliccando sul pulsante “Contribuisci”,
- tramite bonifico al conto corrente dedicato - IT65 W063 7071 2210 0001 0070574 intestato a Mondo Nuovo  indicando nella causale: erogazione liberale per campagna di crowdfunding “Fuori di Classe!” in corso su Eppela. Per portare il contributo in detrazione si deve aggiungere il Codice Fiscale.

130%
-19 Giorni