CibOfficina

Contribuisci
Icon close white 3b833f36a0d9aa8cb3ce88cdd82230b3e9588f443dca37cde0c033f06a08d3f1
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Torino
Solidarietà, Food, Ambiente
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

CibOfficina

Un laboratorio permanente di cucina sociale che promuove sostenibilità ambientale, inclusione, sviluppo di comunità e accesso al cibo per tuttə

Tutto o niente
Obiettivo: 5.000€

CibOfficina

Un laboratorio permanente di cucina sociale che promuove sostenibilità ambientale, inclusione, sviluppo di comunità e accesso al cibo per tuttə

Tutto o niente
Obiettivo: 5.000€

Cosa bolle in pentola?

A TORINO ESISTE UN LUOGO SPECIALE

Un luogo che da tempo è oggetto di un processo di rigenerazione urbana per restituire uno spazio comunale alla cittadinanza e mantenerlo quotidianamente presidiato, attivo, aperto a proposte culturali e sociali dal basso. Questo luogo è l'ex Caserma La Marmora, situato nella Circoscrizione 3 di Torino, divenuto nel 2011 Centro di Protagonismo Giovanile (Polo 3.65) e Centro di Incontro, rispettivamente animati da diverse associazioni che rendono gli spazi sempre più fluidi e accessibili a chiunque ne faccia richiesta. 

È QUI CHE SI INSERISCE IL PROGETTO DELLA "CibOfficina"

Un progetto al servizio della cittadinanza, aperto e partecipato, interamente dedicato ad attività che riguardano il diritto al cibo e il prendersi cura della comunità. La CibOfficina contribuisce a diffondere buone pratiche sul territorio dal basso, sia a livello ecologico sia a livello socio-economico; si tratta infatti di un’esperienza inedita a Torino che ospita, in un unico luogo, diversi servizi utili ad assicurare l’accesso ad attrezzature adeguate, competenze e risorse alimentari per tutte e tutti. Nel rispetto dell’ambiente.

La struttura sarà ristrutturata e dotata di due cucine + una zona refettorio per raggiungere i beneficiarə principali, soggetti in condizioni di fragilità socio-economica, ma ognungə sarà invitato e benvenuto nel prendere parte alle attività proposte. Riprogettando parte dell'ex caserma intorno al cibo come bene comune, si svilupperanno dunque le seguenti azioni

  1. Fornelli aperti e frigo di quartiere, con accesso libero alla cucina e alle eccedenze raccolte nei mercati.
  2. Mensa sociale UpToYou, per la preparazione e distribuzione dei pasti a partire dalle eccedenze.
  3. Scuola del Cibo, con laboratori di cucina per l’inclusione socio-lavorativa.
  4. Eventi di comunità, dedicati al l'inclusione socio-culturale. 

Cosa realizzeremo grazie al vostro sostegno?

I fondi raccolti saranno destinati all’acquisto di una piccola attrezzatura da cucina e alla dotazione di parte delle attrezzature professionali, indispensabili per avviare la CibOfficina. Una volta sostenuto questo investimento iniziale, il progetto si autososterrà grazie a:

  • Proventi dal servizio di somministrazione a pagamento per gli eventi culturali, che si svolgeranno presso il Centro di Protagonismo Giovanile.
  • Organizzazione eventi di auto-finanziamento.
  • Contributo beneficiarə della mensa sociale e dei laboratori di cucina. Entrambi in modalità Up to You, ossia in base alle possibilità economiche di ciascunə.
  • Donazioni, sia in denaro che in beni alimentari.
  • Recupero delle eccedenze alimentari dai mercati della città di Torino, per abbattere i costi degli ingredienti utili alle varie attività.
  • Azioni di contrasto alla povertà, finanziate da bandi pubblico-privati.

Un sogno condiviso a cui poter dare una casa!

La CibOfficina è un sogno che si realizza dopo 10 anni di lavoro, realizzato da Associazione Eufemia intorno al tema cibo, tra cui: lotta al food waste e al food divide; educazione alimentare e promozione dell’inclusione sociale/lavorativa; esplorazione della dimensione affettiva legata al cibo; contrasto ai disturbi alimentari tramite lo strumento del teatro; promozione del diritto al cibo per tuttə grazie a raccolta, distribuzione, e trasformazione delle eccedenze alimentari in pasti da distribuire alle persone in difficoltà. Questi sono i nostri risultati raggiunti negli ultimi due anni:

  • Recuperate oltre 400 tonnellate di prodotti ortofrutticoli e da forno, presso mercati e negozi di prossimità nella città Metropolitana di Torino.
  • Coinvolti 2000 beneficiarə tra famiglie a basso reddito, richiedenti asilo, persone senza dimora e con disagio psichico.
  • Attivati 17 tirocini professionalizzanti.
  • Organizzati 30 eventi di comunità.
  • Coinvolti 300 volontarə.
  • Coinvolte 30 organizzazioni pubbliche/private in una rete locale, e altrettante in una rete nazionale.
  • Servite 300 famiglie a basso reddito della Circoscrizione 3 tramite fornitura di pacchi alimentari, durante il primo lockdown. 
  • Serviti 600 pasti a settimana nel primo lockdown, e 250 pasti a settimana nel secondo lockdown, a più di 250 beneficiarə tra persone senza dimora, anziani, famiglie. Lo abbiamo raccontato nel reportage A letto con la cena!

.

.

La VISION che ci ha portato fin qui è il poter dare una casa a tutto questo, e questa casa è la CibOfficina: uno spazio accogliente, non discriminatorio, dove si può parlare di cibo, lavorare e apprendere con il cibo, garantire il cibo a tuttə.

Ma non saremmo qui senza le reti di partner di cui facciamo parte. Vogliamo quindi dire grazie alle associazioni che animano gli spazi dell’Ex Caserma La Marmora; alla rete Food PRIDE, formata da numerosi enti pubblici e privati locali; alla rete di volontarə, attivi nel contrasto agli sprechi e alla povertà alimentare. 

1623676649037081 eufemia logo

Un progetto a cura di

Associazione Eufemia APS

Eufemia è attiva a Torino dal 2010 con numerosi progetti, anche internazionali, che hanno un taglio socio-educativo e mirano a coinvolgere soprattutto i soggetti più svantaggiati. In particolare, i progetti dell’area FOOD negli anni hanno ricevuto diversi riconoscimenti e sono stati valorizzati nel tessuto cittadino, rendendoci un punto di riferimento locale e nazionale per la lotta agli sprechi e il diritto al cibo.

Torino
Potrebbe interessarti anche