Dai un Futuro al Passato

Contribuisci
Icon close white 3b833f36a0d9aa8cb3ce88cdd82230b3e9588f443dca37cde0c033f06a08d3f1
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Roma
Civico, Cultura, Arte
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Dai un Futuro al Passato

Da Santiago di Compostela a Roma: salviamo il dipinto di San Giacomo alla Lungara

1.425€
-5 giorni
14%
10.000€
Contribuisci

Raccogli tutto Questo progetto verrà finanziato indipendentemente dal raggiungimento del traguardo

Raccogli tutto

Dai un Futuro al Passato

Da Santiago di Compostela a Roma: salviamo il dipinto di San Giacomo alla Lungara

1.425€
-5 giorni
14%
10.000€
Contribuisci

Raccogli tutto Questo progetto verrà finanziato indipendentemente dal raggiungimento del traguardo

Raccogli tutto

Di cosa si tratta

Nel cuore del quartiere romano di Trastevere, percorrendo via della Lungara - la via Sancta” per i pellegrini in cammino verso la tomba di Pietro - si giunge alla Chiesa di San Giacomo alla Lungara. Con oltre mille anni di storia alle spalle, la Chiesa è stata nel tempo un crocevia di eventi religiosi e sociali che hanno caratterizzato la vita della capitale. La scelta di dedicare la chiesa a San Giacomo, venne fatta in virtù della scoperta della tomba dell’apostolo in Galizia al tempo di Carlo Magno nell’anno 814, e intorno alla quale stava nascendo il fenomeno del pellegrinaggio di massa verso il santuario di Campostela da parte dei cristiani di tutta Europa.

Il martire San Giacomo, da sempre protettore di pellegrini, viandanti e cavalieri è raffigurato sull’altare maggiore della chiesa. L’autore del dipinto è il pittore viterbese Giovanni Francesco Romanelli (1610-1662) detto il Raffaellino, fortemente influenzato nel suo lavoro dal celebre Raffaello.

Il dipinto su parete presenta oggi i segni inesorabili del tempo che ne offuscano la naturale e originaria bellezza. L'attuale stato di conservazione ci restituisce un'opera  altamente compromessa nella qualità dell’immagine, nella profondità dei colori e delle sfumature cromatiche. 

Lo scopo di questa iniziativa tiene in sé un duplice intento. Da un lato quello di ridare splendore all’opera, attraverso un restauro che ne consenta una corretta fruizione, e dall'altro, di promuovere e sostenere un intervento conservativo i cui benefici ricadranno sull'intera collettività, abitanti del quartiere e visitatori, studenti, turisti, e in genere sulle generazioni future a cui l’opera sarà tramandata in condizioni ottimali.

Inoltre riveste particolare importanza il messaggio evocativo di cui si fa portavoce il protagonista del dipinto, l’apostolo Giacomo, simbolo di speranza e fede, protettore di coloro che sono in cammino verso nuove mete alla ricerca di certezze, salvezza e solidarietà. Un messaggio che oggi, in un’epoca segnata dalle migrazioni è più che mai attuale, e degno di essere condiviso.

Crediamo che l’arte sia un potente strumento per comunicare temi e valori legati alla vita collettiva. 



Come verranno utilizzati i fondi

I fondi raccolti saranno usati per eseguire una serie di lavori necessari per preservare il dipinto nel tempo e supportare eventi e attività per la valorizzazione dell'opera, coinvolgendo direttamente il tessuto sociale presente sul territorio. 

In particolare:

  • Saranno condotte indagini diagnostiche sull’opera per decidere le operazioni e i materiali più corretti da usare in fase di restauro;
  • Procederemo con le operazioni di allestimento del cantiere e relativo ponteggio;
  • Attività di pulitura e ritocco dell'opera condotto da una restauratrice professionista;
  • Attività di documentazione fotografica e scientifica, anche con supporto video;
  • Pubblicazione di un "quaderno dei lavori", che racchiuda le fasi del progetto, dalle ricerche storiche e tecniche alle indagini diagnostiche.

Si intende realizzare inoltre, compatibilmente con la situazione pandemica, visite in cantiere per entrare nel backstage del restauro, un ciclo di conferenze con esperti del settore per approfondire alcuni temi rilevanti connessi all'intervento, e un evento esclusivo di fine dei lavori con ospiti d'eccezione del settore artistico italiano.

Oltre ai costi tecnici il supporto alla campagna andrà a coprire parte dei costi di gestione dell'attività e delle professionalità coinvolte, della produzione delle ricompense e della comunicazione.

 

Chi c'è dietro al progetto

L’azione è promossa da Verderame progetto Cultura, studio di restauro e progettazione culturale che dal 2012 lavora in sostegno del patrimonio culturale promuovendo interventi di restauro e recupero di opere bisognose di cure e valorizzazione, costruendo partenariati pubblico privati e sostenendo iniziative di fundraising.

Lo studio, con sede a Roma, si trova nel quartiere Trastevere a pochi metri dalla Chiesa di San Giacomo in cui l’opera è custodita. Si tratta per noi dello studio di Verderame di avviare un’iniziativa per proteggere e valorizzare un bene artistico a cui siamo da sempre legati e affezionati e che nel territorio rappresenta un comune luogo di aggregazione per la collettività che vi risiede. 

Ci occuperemo dei lavori di restauro e delle successive attività di valorizzazione con il sostegno della Chiesa e del Convento di San Giacomo alla Lungara.  


1603455978371437 logo 2017

Un progetto a cura di

Verderame Progetto Cultura

Verderame Progetto Cultura nasce a Roma nel 2012 per iniziativa di un gruppo di professionisti nel campo dei beni culturali intenzionati a creare una realtà attiva nell'ambito della conservazione e promozione del patrimonio culturale. La nostra mission è realizzare progetti di di recupero e valorizzazione attraverso la costruzione di reti e collaborazioni tra il settore pubblico e il privato.  

Roma
Potrebbe interessarti anche