Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Italia
Cultura, Solidarietà, Civico
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Sotto tiro: l'Italia al tempo della corsa alle armi

Una certa propaganda racconta che le armi aumentano la sicurezza. I numeri e le storie dicono il contrario: più armi significa più pericoli per tutti

2.089€
Chiuso il 16 mar 2019
104%
2.000€
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Tutto o niente

Sotto tiro: l'Italia al tempo della corsa alle armi

Una certa propaganda racconta che le armi aumentano la sicurezza. I numeri e le storie dicono il contrario: più armi significa più pericoli per tutti

2.089€
Chiuso il 16 mar 2019
104%
2.000€
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Tutto o niente

Di cosa si tratta

Questo progetto ha lo scopo di permettere la pubblicazione di 'Sotto tiro', un libro-inchiesta sulla diffusione delle armi in Italia che mette insieme molte storie: testimonianze dirette, articoli e approfondimenti sui pericoli legati alle pistole e i fucili, quelle armi legalmente detenute grazie alle licenze per la difesa personale, il tiro sportivo e la caccia. 

Tragedie che a cadenza quasi quotidiana si consumano nelle nostre città, nelle case, con le donne spesso vittime di questi delitti.

Insieme alla pubblicazione del libro c'è poi l'obiettivo di portare la campagna di informazione in ogni luogo per smentire la propaganda che vuole rendere l'Italia un Paese più armato: già oggi oltre 1 milione e 200mila persone hanno regolare licenza per il possesso di armi

Significa che nel nostro Paese circolano milioni di pistole e fucili: una cifra che la propaganda, sostenuta dalla lobby delle armi, vuole far aumentare. In questo contesto il dibattito sulla riforma della legittima difesa è solo una parte, forse quella più evidente, di una strategia culturale che vuole diffondere le pistole nelle case degli italiani. 

Come verranno utilizzati i fondi

La pubblicazione non è a scopo di lucro: tutto il ricavato sarà destinato prima come contributo alla pubblicazione del libro (1.500 euro) e la restante parte sarà impiegata per coprire la spesa degli eventi legati alla campagna di informazione. Al fianco dei canali social, necessari a diffondere i dati e a promuovere libro, c'è la volontà di sviluppare un contatto diretto con i cittadini.

Acquistando il testo ora ci aiuti a finanziare la pubblicazione e inoltre avrai uno sconto rispetto al prezzo di copertina, che sarà pari a 14 euro.

Chi c'è dietro al progetto

L'idea di un libro nasce con la campagna Addio alle armi, ideata da Possibile, portata avanti da Stefano Iannaccone e da un gruppo di giovani militanti per il disarmo con il sito, www.addioallearmi.it, e con vari incontri promossi sul territorio per spiegare come il contrasto alla diffusione delle armi sia necessario proprio per garantire la sicurezza. 

In quasi un anno di lavoro sono state raccolti dati e storie che dimostrano come la diffusione delle armi metta in pericolo i cittadini. E sono alla base di "Sotto tiro".

1548261616581149 stefano iannaccone

Un progetto a cura di

Stefano Iannaccone

Stefano Iannaccone, irpino nato nel 1981. 

Sono giornalista professionista e scrittore, mi sono sempre occupato di politica, con particolare attenzione all'attività parlamentare. 

Ho collaborato con varie testate, tra cui Ilfattoquotidiano.it, Lettera 43 e Gli Stati Generali

Nel frattempo ho scritto tre romanzi. 

Ora sono addetto stampa di Possibile e mi impegno contro la minaccia delle armi. 

Italia