PILUN Progetto di Arte Sacra Con...

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Canavese Valli di Lanzo Piemonte
Arte
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

PILUN Progetto di Arte Sacra Contemporanea

Il Museo d'Arte Urbana promuove il progetto dell'artista Angelo Barile che si propone l'obiettivo di riqualificare le edicole votive piemontesi

2.565€
51% di 5.000€
-3 giorni
Fondazione Sviluppo e Crescita CRT
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

PILUN Progetto di Arte Sacra Contemporanea

Il Museo d'Arte Urbana promuove il progetto dell'artista Angelo Barile che si propone l'obiettivo di riqualificare le edicole votive piemontesi

2.565€
51% di 5.000€
-3 giorni
Fondazione Sviluppo e Crescita CRT
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

PILUN Progetto di Arte Sacra Contemporanea

Sono presenti un po’ ovunque nel territorio, nei centri urbani, ma soprattutto  in campagna. Eretti per ricordare eventi miracolosi di cui spesso si è persa la memoria, oppure come ex voto. Nei boschi proteggevano il cammino dei viandanti in corrispondenza dei trivii, incroci di tre sentieri, che erano considerati fulcro di energie negative, dove poteva manifestarsi il potere infausto delle masche e del demonio. Non sono stati dipinti da artisti famosi, ma da sconosciuti pittori locali itineranti. Ma pur non essendo considerati opere d’arte ed esenti da vincoli con la Soprintendenza delle Belle Arti, conservano  un fascino straordinario. Alcuni versano in condizioni di totale degrado, altri sono stati oggetto di restauri discutibili.

PILUN – PROGETTO DI ARTE SACRA CONTEMPORANEA

IL PROGETTO

Dopo una prima fase di censimento dei piloni presenti, verranno individuati quelli su cui sarà possibile effettuare un intervento. Le edicole prive di pitture verranno affidate ad artisti contemporanei di fama internazionale, che, avvalendosi della collaborazione di studenti degli istituti d’arte, procederanno a una personale reinterpretazione pittorica. Potrà nascere così un museo di arte sacra contemporanea a cielo aperto, unico nel suo genere. Per altri piloni si potrà invece optare per il restauro e il consolidamento della struttura e dei dipinti già esistenti.


FASE OPERATIVA

La fase operativa del progetto inizierà con un intervento di work in progress, del “come sarebbe”, anche per via della stagione poco propizia. Si tratta semplicemente di una o più istallazioni semiprovvisorie delle opere che potrebbero essere realizzate in alcuni piloni. Opere stampate di misura su un supporto di alluminio che verrà applicato all’interno del pilone, ovviamente scelto con cura. Agli inizi dell’anno 2018 vi saranno due interventi certi in questa modalità.

  • Il primo verrà realizzato dall’importante artista contemporaneo Marcello Toma, che con i suoi due “Angeli” stampati abbellirà le due nicchie del muro della ex ditta Saiag, ora Tristone, sullo stradone via Torino, in località San Maurizio.
  •      Contemporaneamente, in strada Leini a Caselle, vi sarà un’altra istallazione, questa volta con una scultura di Angelo Barile, con la sua statua in stile anno Mille, adatta al pilone in questione.

Come verranno impiegati i fondi raccolti?

I fondi raccolti verrano impiegati prioritariamente per i lavori di intervento e ristrutturazione delle edicole votive, per l'acquisto di colori e materiali vari, per i trasporti e la logistica, per la promozione , la comunicazione e la produzione di oggetti per ulteriori tappe di autofinanziamento. In ultimo come rimborso spese per il Museo d'Arte Urbana per la fornitura della sua sede come centro di coordinamento e per modesti compensi e rimborsi spesa agli artisti imegnati. 

Il pittore Angelo Barile,lo scrittore Luigi Bairo il MAU

Il progetto nasce da un'idea dell'artista Angelo Barile, uno dei più affermati esponenti della corrente del Pop Surrealismo, che fa dell'attenzione alle icone della cultura mediatica e popolare la sua ragione d'essere. Da questa attitudine nasce l'attenzione nei confronti delle edicole votive, storici simboli della devozione popolare, ormai trascurati ed abbandonati all'incuria. L'arte può riscattarle dall'oblio e donare loro nuova vita, inserendo  coefficienti di originale creatività , nell'ambito di quella che attualmente appare come una rivalutazione della dimensione spirituale dell'arte e del suo rapporto con la religione. Conosciuto, circa un anno fa, lo scrittore ciriacense Luigi Bairo, cultore del nomadismo e del viaggio visto come perenne scoperta ed arricchimento culturale. Barile inizia una mappatura delle cappelle votive delle Valli di Lanzo e del Canavese, intervenendo su alcune di essere con il suo lavoro e quello di artisti come Lu Byro e Titti Garelli. A coordinare gli interventi giunge il Museo d'Arte Urbana con il suo Direttore Artistico Edoardo Di Mauro, una delle più importanti ed originali realtà dell'arte pubblica italiana. 

Il MAU- Museo d’Arte Urbana di Torino è il primo progetto in fase di concreta realizzazione, in Italia, avente come scopo il dar vita ad un insediamento artistico permanente all’aperto collocato all’interno di un grande centro metropolitano, con in più il valore aggiunto di essere iniziativa partita non dall’alto ma dalla base, complice il consenso ed il contributo fondamentale degli abitanti.

Il nucleo originario del MAU è sito nel Borgo Vecchio Campidoglio, un quartiere operaio di fine’800, collocato tra i corsi Svizzera, Appio Claudio e Tassoni, e le vie Fabrizi e Cibrario, non distante dal centro cittadino.


Dal 1995 ad oggi sono state prodotte 133 opere murarie ed ambientali all’interno del Borgo Vecchio, alle quali si sono affiancate, dal maggio 2001, altre 35 nuove installazioni costituenti la “Galleria Campidoglio” per un totale di 168, realizzate da 102 artisti. 

La collezione del MAU ed il suo progetto di arte partecipata a partire dal 2014 si sono estesi oltre i confini del Borgo Campidoglio, con la realizzazione di altre 46 opere in zone come Falchera Nuova, Mirafiori Sud, Vallette, Borgo Vittoria.

L'intervento a supporto di "Pilun" si inserisce in questa logica.

1534149837027106 logo mau

Un progetto a cura di

Museo d'Arte Urbana Torino

Il Museo d'Arte Urbana, è un innovativo progetto di arte pubblica partecipata che, dal 1995, ad oggi, ha realizzato 165 opere permanenti nel Borgo Vecchio Campidoglio ed altre 50 in altre zone di Torino, prevalentemente su superifici private, il che ne fa un progetto unico di didattica allargata sull'arte contemporanea.

Il MAU appoggia e sostiene Pilun Progetto di Arte Sacra Contemporanea che si pone l'obiettivo di valorizzare e preservare i piloni votivi del Canavese e delle Valli di Lanzo.

Canavese Valli di Lanzo Piemonte