Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Civico, Formazione, Food

Widget

Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Testo copiato

BACK TO FOOD

A maggio a Milano il 1° laboratorio assistito di riscoperta e riavvicinamento al cibo dedicato a persone con Disturbi del Comportamento Alimentare.

6.427€
107% di 6.000€
14 apr 2018
Data chiusura
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

BACK TO FOOD

A maggio a Milano il 1° laboratorio assistito di riscoperta e riavvicinamento al cibo dedicato a persone con Disturbi del Comportamento Alimentare.

6.427€
107% di 6.000€
14 apr 2018
Data chiusura
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

BACK TO FOOD

“BACK TO FOOD” è un laboratorio di cucina che ha l’obiettivo di aiutare persone in difficoltà nel rapporto con il cibo a riscoprirlo e riavvicinarsi ad esso, in modo graduale ed assistito.

Durante il percorso di 4 incontri, i partecipanti potranno manipolare alimenti, apprezzare le caratteristiche sensoriali delle pietanze, apprendere tecniche di cottura e ricette, imparare a presentare i piatti con creatività.

BACK TO FOOD integra il percorso terapeutico clinico classico, infatti, saranno sempre presenti anche due psicoterapeute e una dietista.

In BACK TO FOOD nulla è lasciato al caso, l'insegnamento culinario è affidato a Tommaso Fara, chef che include nella propria mission l’idea di convivialità e benessere come base della cucina e del buon cibo. Il laboratorio si svolgerà presso FOODSPOT, uno spazio pensato “per mettere a proprio agio davanti ai fornelli chiunque”. 

Al termine del percorso raccoglieremo le ricette realizzate durante il laboratorio nel ricettario di BACK TO FOOD.


ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO PER REALIZZARE LA PROSSIMA EDIZIONE DI BACK TO FOOD A MILANO

Cosa lo rende speciale?

BACK TO FOOD è un laboratorio innovativo.

È il primo laboratorio sensoriale e pratico di riscoperta e riavvicinamento al cibo studiato per persone in difficoltà nel rapporto con il cibo.

BACK TO FOOD è gestito da professionisti.

I partecipanti sono accompagnati durante l’intero percorso da un team di professionisti: una dietista e due psicoterapeuti. Anche la parte pratica di preparazione del cibo non è lasciata al caso ma vede la collaborazione di uno chef, in uno spazio professionale e accogliente.

BACK TO FOOD integra l’intervento clinico.

I partecipanti possono essere seguiti in un ambito clinico specializzato per i Disturbi del Comportamento Alimentare, ma possono anche essere persone che stanno sperimentando una difficoltà particolare con il cibo e non sono ancora approdate a percorsi terapeutici. Per queste ultime gli specialisti saranno a disposizione per un colloquio conoscitivo in cui dare informazioni sul progetto.

Grazie alla presenza di specialisti esperti, il progetto Back to food integra un percorso terapeutico dando la possibilità di riscoprire il valore sensoriale del cibo e di riavvicinarsi ad esso nella preparazione di un pasto sano ed equilibrato.

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO PER LA PROSSIMA EDIZIONE

BACK TO FOOD può diventare realtà grazie al contributo di persone come te!

Ogni 20€ donati puoi sostenere un’ora di laboratorio per un partecipante oppure, ad esempio, con 100€ puoi aiutarci nell’acquisto dei beni alimentari per i laboratori.

I fondi raccolti verranno così utilizzati:

Cosa succede se riceviamo più fondi?

Più fondi, più edizioni

Con i fondi raccolti a superamento della soglia potremo organizzare una nuova edizione autunnale di BACK TO FOOD. 

SCOPRI DI PIÚ - BACK TO FOOD IN DETTAGLIO

Per una persona che presenta una difficoltà nel rapporto con il cibo tutto ruota intorno ad esso e alla paura di ingrassare. Il cibo viene visto come un nemico da evitare, talvolta come un riempitivo, più in generale come una modalità per gestire delle emozioni disturbanti. In questi casi, attività quotidiane e che, probabilmente, sono sempre state svolte come consuetudine diventano ora motivo di ansia, come ad esempio: andare in pizzeria, partecipare a una festa di compleanno o ad un matrimonio. Questo può portare al ritiro sociale e al conseguente isolamento.

BACK TO FOOD è un percorso sensoriale che si propone di organizzare, per persone che soffrono di una sintomatologia alimentare, attraverso dei laboratori di cucina può  favorire un riavvicinamento ed una riscoperta del cibo

Il contatto con il cibo avviene in modo graduale  utilizzando i sensi, il tatto, l’olfatto e il gusto .

Un’esposizione graduale e guidata al cibo può costituire un percorso esperienziale complementare alla psicoterapia, attraverso la messa in pratica di molti degli obiettivi discussi durante il trattamento.

Il percorso sarà organizzato in 4 incontri di 3 ore ciascuno con questo calendario: 8 maggio, 22 maggio, 8 giugno e 22 giugno dalle 19:00 alle 22:00 all’interno degli spazi di FOODSPOT (Via F. Argelati, 47/A – Fermata metropolitana Romolo) con un programma centrato sulla preparazione di varie portate di un menù.

Al termine del percorso raccoglieremo le ricette realizzate durante il laboratorio nel ricettario di BACK TO FOOD.

A ogni incontro saranno presenti 10 partecipanti, un numero ristretto che permette di poter lavorare individualmente. L’intervento degli psicoterapeuti nel percorso mira al raggiungimento dei seguenti obiettivi:

  • favorire una maggior consapevolezza rispetto al cibo e all’emotività legata ad esso;
  • supportare le difficoltà emotive dei partecipanti;
  • favorire il clima di convivialità e la partecipazione attiva degli utenti;
  • raccogliere dati relativi alla sintomatologia ansiosa e dell’alimentazione tramite self report.

1520582942368098 logo onlus png

Un progetto a cura di

Associazione Nutrimente

Nutrimente Onlus è un’associazione per la prevenzione e la conoscenza dei disturbi del comportamento alimentare composta da psichiatri, medici e psicoterapeuti. Due obiettivi: prevenire, informando sul disturbo, e ascoltare, ponendosi come punto d'ascolto e di indirizzo. È nata dal desiderio di uscire dal contesto clinico ospedaliero per sviluppare percorsi di prevenzione e supporto per i pazienti e le loro famiglie.