Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Ambiente, Food, Civico

Widget

Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Testo copiato

RecuperAle, la birra che recupera cibo e persone

Una birra realizzata con eccedenze alimentari destinate ad essere sprecate, fatta insieme a detenuti inseriti in un percorso di reinserimento

6.015€
103% di 5.800€
01 feb 2018
Data chiusura
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

RecuperAle, la birra che recupera cibo e persone

Una birra realizzata con eccedenze alimentari destinate ad essere sprecate, fatta insieme a detenuti inseriti in un percorso di reinserimento

6.015€
103% di 5.800€
01 feb 2018
Data chiusura
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Cos'è RecuperAle

E’ una birra artigianale realizzata utilizzando eccedenze alimentari di qualità destinate ad essere sprecate, fatta insieme a detenuti inseriti in un percorso di reinserimento, concepita per sostenere l’impatto sociale di EquoEvento e Vale la Pena, le due Onlus che l'hanno ideata. E’ una birra che recupera cibo e persone, che dà una seconda possibilità a materie prime eccellenti destinate ad essere sprecate, ed a persone che cercano un reinserimento sociale.

Descrizione Tecnica:

La RecuperAle Bread è una pale ale chiara, leggermente opalescente, dove le materie prime recuperate esaltano la base maltata conferendo profumi e sapori di crosta di pane, con un finale di bevuta secco ma arrotondato dai luppoli nobili utilizzati, ed una gradazione alcolica di 6.5 ABV. 


Chi c'è dietro al progetto

EquoEvento Onlus è una organizzazione senza scopro di lucro che recupera e dona le eccedenze alimentari di qualità ad enti caritatevoli, case famiglia, poveri e bisognosi. L’ottimo cibo prodotto in eccesso negli eventi e non consumato, viene ritirato e donato ai meno fortunati che ne usufruiscono a distanza di poche ore. 

Sottraendo il cibo alla logica dello spreco si effettua un’azione di sostenibilità, perché da potenziale rifiuto il cibo in eccesso diventa importante risorsa. Non sprecando quel cibo, inoltre,vengono ottimizzate tutte le risorse e le materie prime utilizzate per la preparazione dello stesso. 

Meno sprechi, meno fame, meno rifiuti = più felicità.


Vale la Pena è un progetto di inclusione sociale ideato e gestito da Semi di Libertà Onlus, un birrificio artigianale dove persone in esecuzione penale esterna, provenienti dal carcere romano di Rebibbia, vengono formate ed inserite nella filiera della birra artigianale.

Il fine è contrastarne le recidive, al 70% tra chi non gode di misure alternative, al 2% tra chi viene inserito in un percorso   produttivo.

Il progetto è realizzato nell’Istituto Agrario Emilio Sereni a Roma. Gli studenti sono coinvolti in percorsi di alternanza scuola/lavoro ed allenati ai valori dell’inclusione e del rispetto delle regole.

 

Come verranno utilizzati i fondi

Abbiamo realizzato una produzione pilota per metterla a punto, ed abbiamo già pronte due ricette, ad alta e bassa fermentazione, che però non possiamo realizzare nel nostro piccolo impianto, già completamente assorbito dalla produzione delle 16 birre Vale la Pena.

Avremo quindi necessità di affittare un'impianto, e potremo realizzarne una se raggiungeremo il primo goal (€ 5.800), ed entrambe se arriveremo al secondo stretch goal (€ 11.600).

I fondi raccolti saranno interamente impiegati per realizzare produzioni di 1.800 litri ognuna di RecuperAle, ed una volta avviata la produzione potremo rendere stabile il progetto continuando a recuperare risorse, umane ed alimentari.

Tutti gli eventuali utili saranno reinvestiti nel progetto, per legge e per statuto delle due Onlus che lo realizzano.


1512748252687207 profilo

Un progetto a cura di

Paolo Strano

Presiedo la Onlus Semi di Libertà, e sono il fondatore di Birra Vale la Pena. Ho lavorato nel carcere romano di Regina Coeli, ed ho deciso di realizzare una serie di iniziative per contrastare un fenomeno drammatico, quello delle recidive dei detenuti, 7 su 10 tornano a compiere reati se scontano la pena solo in carcere. Abbiamo ideato RecuperAle con EquoEvento per contrastare anche un altro problema, quello dello spreco delle risorse alimentari. 

RecuperAle anche tu.