Gender Border Film Festival - 3a Edizione
Milano, Italia
Cinema
Obiettivi:
Parità di genereRidurre le disuguaglianze

L’appuntamento autunnale di Milano con il cinema e l’arte queer sta per tornare!

Il Gender Border Film Festival è pronto per la sua terza edizione, dal 3 al 6 novembre 2022 al Teatro Franco Parenti:
nuovi partner, una selezione artistica e cinematografica ricca di proposte internazionali, talk con testimonianze e contributi inediti, una mostra fotografica e videoinstallazioni, performance live con il meglio della scena queer e imperdibili dj set.
Corpi, menti e cuori sincronizzati, per vivere la testimonianza dell’innovazione e dell’inclusione culturale, ma anche per raccontare storie ancora invisibili di corpi non convenzionali, i loro desideri e bisogni; trattare argomenti scomodi, ma necessari; dare spazio e voce a rappresentazioni lontane da quelle più comuni su identità di genere, corpo, sessualità e piacere.


Sguardi rivoluzionari e paillettes - Regine incontrastate e conduttrici della prima e dell’ultima serata saranno Enorma Jean, drag queen milanese dai mille talenti, rivoluzionaria e dirompente, Ella Bottom Rouge, attrice, performer e star del burlesque, nota per le sue collaborazioni internazionali. Al loro estro e alle loro sfavillanti paillettes il compito di accompagnare il pubblico ai film di apertura (gio 3) e di chiusura (dom 6) del festival, in sala Testori: due sguardi sul sesso al femminile che hanno rivoluzionato l’immaginario del genere erotico. Inaugura Pleasure, della regista svedese Ninja Thyberg, il viaggio verso la disillusione di una giovane che sogna di diventare pornostar a Los Angeles, incentrato sull'industria del cinema porno. Evento di chiusura, la proiezione in versione restaurata del “classico” Gola profonda (1972) di Gerard Damiano, alla presenza dei figli del regista: il cult erotico che con un punto di vista inedito sul piacere femminile portò l’hardcore al grande pubblico e che compie ora 50 anni. Un’età che coincide con quella celebrata quest’anno dal Teatro Franco Parenti, la cui storia testimonia l’importanza di intraprendere scelte artistiche libere e innovative.

Il cinema è queer
- Concorso internazionale: sono otto le opere su cui sono chiamati a esprimersi giuria e pubblico, con una netta maggioranza di documentari e molte prime visioni. Tutti i film selezionati, ognuno con un proprio linguaggio e a differenti latitudini geografiche e culturali, raccontano la complessa ricerca della propria identità nel mondo; sono storie di amore e libertà, individuale e collettiva.
Già confermati Colours of Tobi di Alexa Bakony, la storia di Tobi, 16 anni, di un villaggio ungherese, che vuole diventare biologicamente un uomo, e degli sforzi che la madre compie per comprenderlo e stargli accanto; in anteprima italiana, Sweetling di Eva Van Barneveld, che documenta l’amore, coraggioso e commovente, non senza ironia, di due anziane donne Hetty e Jeanne, dopo che quest’ultima è colpita da demenza senile; Death and Bowling di Lyle Kash, film di finzione che indaga il desiderio trans e l'importanza della visibilità attraverso il protagonista, un attore transgender che frequenta il Lavender League Bowling, club per sole lesbiche anziane; Raw! Uncut! Video! di Ryan A. White e Alex Clausen, una storia d’amore e di sesso kinky che ripercorre l’ascesa e la caduta della casa di produzione porno gay Palme Drive Video; Zuhur's Daughters di Laurentia Genske e Robin Humboldt, che vede protagoniste due sorelle transgender, emigrate con la famiglia dalla Siria in Germania; in anteprima italiana, Acts Of Love di Isidore Bethel & Francis Leplay, che segue la vita privata e artistica di un regista appena uscito da una storia d’amore, le cui scelte sono messe in crisi dal confronto con la madre; in anteprima italiana, Fierce: a Porn Revolution di Patrick Muroni, su un collettivo di giovani donne di Losanna che gira e produce film porno etici e dissidenti.


- Fuori concorso: oltre ai film evento Pleasure e Gola profonda, sono due gli appuntamenti con il cinema da non perdere (sab 5 in sala Testori): il primo, dalle ore 11.00, in collaborazione con Patagonia, produttore del film, con il documentario They/Them, sulle orme di Lor Sabourin, climber transgender, nei canyon di arenaria dell'Arizona, in una scalata tra le più difficili e stimolanti della sua vita: un viaggio straordinario che va oltre lo sport, alla riscoperta di sé e della propria forza, dai pronomi “they”/“them” usati per autodefinirsi all’arrampicata come mezzo per riconoscersi (cfr. talk); il secondo, dalle ore 14.30, con il documentario Because of my Body di Francesco Cannavà, prima opera cinematografica che in Italia affronta il tema complesso dell’assistenza sessuale alle persone con disabilità e la figura del lovegiver (cfr. talk).


- Una maratona di corti XXX: visioni in forma breve, notturne e audaci, in sala Testori (ven 4).


Il piacere è potere - tre giorni di talk e workshop
La prima giornata (ven 4) si apre con un workshop curato da Making of Love, il collettivo, partner del festival per il secondo anno, che si occupa dell’istruzione a una sessualità consapevole all’interno delle scuole. Segue il talk su “HIV & PrEP”, che cerca di esaminare il tema della prevenzione all’HIV e il suo impatto sulle nostre vite e sul nostro immaginario in un’ottica di progressivo abbattimento dello stigma, con l’intervento della psicoanalista Giorgia Fracca, dell’infettivologa Silvia Nozza e altrə espertə.
La seconda giornata (sab 5) prende il via dalla proiezione del documentario They/Them per un confronto che offre testimonianze e nuove prospettive sul rapporto tra “Corpi non convenzionali e sport”, realizzato con il supporto di Patagonia e che vede la partecipazione di Pride Sport Milano, l’associazione che riunisce tutti i gruppi sportivi LGBTQIA+ milanesi. Il film Because of my Body di Francesco Cannavà è il punto di partenza per aprire il successivo incontro su “Disabilità e Diritto all’affettività e alla sessualità”, per quella che può essere considerata una delle più significative minoranze sociali a livello mondiale. Insieme al regista, interverranno alcunə tra lə più autorevolə espertə di assistenza e legislazione in materia, con contributi e testimonianze dirette.
L’ultima giornata (dom 6) è all’insegna dell’eros. Si inizia, al mattino, con un “Viaggio nell’erotismo non convenzionale”, il confronto a più voci condotto e moderato da Fabrizio Quattrini, psicologo, psicoterapeuta, sessuologo, che svelerà il mondo delle sessualità alternative e delle principali pratiche BDSM. Si prosegue, nel pomeriggio, con “From Vanilla to Pistacchio”, il workshop curato dal collettivo Le Sex and Rose, che esplorerà gli aspetti meno noti e convenzionali del piacere e dell’autostimolazione e condurrà lə partecipantə in un vero e proprio viaggio nei cinque sensi.
Si continua affrontando la “Mascolinità tossica” dal punto di vista maschile, con gli interventi di Fabrizio Quattrini, autore del libro che dà il titolo all’incontro, e di una rappresentanza di Mica Macho, la community di uomini, stanchi della virilità machista. Si chiude con un duplice appuntamento: l’incontro dedicato a “Piacere e autoerotismo”, in cui si parlerà di naturismo e di sex toys, una convivenza
possibile, e l’invito finale a provare il “Piacere in Scatola” di Le Sex and Rose, un’installazione cubica di pelo rosa, che è soprattutto l’occasione per regalarsi un momento di puro godimento.


Fotografia e videoarte
La sala Mosaico del Teatro Franco Parenti ospita per tutta la durata del festival videoinstallazioni e una mostra fotografica: Henkō di Massimo Giovannini. Dalla parola giapponese che significa “vedere le cose sotto un’altra luce”, nasce Henkō, un progetto di ritratti, iniziato nel 2016, con lo scopo di trasformare, grazie all’uso del make-up e alla posa, la percezione visiva del “genere” dei soggetti fotografati, da uomo a donna o viceversa, con interventi di postproduzione ridotti al minimo.


Live show e Dj set
Ogni sera, spazio alla musica con i dj set del festival. Due le performance live da segnare in agenda: lo spettacolo di queer art lei/lui di Sara Brown, performer, attore, danzatore e regista femme non binariə (ven 4) e un doppio show di queer cabaret (sab 5, alle 20.00 e sabato alle 22.00).


Partner & Sponsor - Il festival per le iniziative e gli eventi della sua terza edizione si avvale della partnership della casa di produzione creativa Kinedimorae, di BASE Milano e Making of Love, e del supporto di Patagonia, Xerjoff, Antica Torino e Malauva.


Media Partner – Il festival ha scelto come partner nella comunicazione Freeda, leader in Italia tra le digital media company, e LongTake.

PERCHÉ SOSTENERCI?

La raccolta fondi ci permetterà di supportare il festival, ricoprendo principalmente i costi per il noleggio delle pellicole e di traduzione, assieme ai costi per il soggiorno degli ospiti.
Oltre a sostenere un festival di cinema, contribuirai al nostro impegno di dare voce alle tante persone, identità e corpi che non trovano adeguati e corretti spazi di rappresentazione sociale e mediatica: il compito politico che ci siamo posti è quello di parlare, mostrare e combattere pregiudizi e stereotipi.
THINK FLUID, il nostro slogan, sottolinea questa esigenza di essere in continua stimolazione, mettersi in discussione, attivare il ragionamento e pensare con malleabilità, senza barriere e/o pregiudizi.

Commenti (0)
394 €
Obiettivo 4.000 €
52
Giorni rimanenti
25
Sostenitori
3
Condivisioni
Utente Anonimo
10€ - 4 settimane fa
Utente Anonimo
10€ - 4 settimane fa
Utente Anonimo
30€ - 4 settimane fa
Scegli una ricompensa
7€ o più

Prevendita 1 Biglietto “BORDERLINE” di Sara Brown

Otterrai un biglietto per il cabaret ibrido di e con @sssarabrown. BORDERLINE esplora il controverso potere dello sguardo pubblico sul corpo femmineo, il sapore del desiderio e l’amore di una puttana e del suo corpo bestiale in tempi di stigma.


BORDERLINE si terrà durante il festival venerdì 4 novembre alle 19:00 e sabato 5 novembre a mezzanotte.

7€ o più

Prevendita 1 Biglietto

Otterrai in anteprima un ingresso riservato per una delle proiezioni del festival.

10€ o più

Talk e Workshop “Piacere in Scatola” con Le Sex En Rose a cura del professor Fabrizio Quattrini

Un workshop in cui si parlerà di naturismo e di sex toys, una convivenza possibile, e l’invito finale a provare il “Piacere in Scatola” di Le Sex and Rose, un’installazione cubica di pelo rosa, un’occasione per regalarsi un momento di puro godimento.

10€ o più

Tote Bag Gender Border Film Festival

Otterrai una delle Tote Bag del designer Marco Rambaldi create in esclusiva per il festival.

20€ o più

Bundle prevendita 1 Biglietto + Workshop “From Vanilla To Pistacchio” con Le Sex En Rose a cura del professor Fabrizio Quattrini

Otterrai in anteprima un ingresso riservato per una delle proiezioni del festival + il biglietto per il workshop “From Vanilla To Pistacchio": un workshop sull'educazione al piacere e ai 5 sensi, che vedrà il coinvolgimento attivo del pubblico e affronterà nuovi modi di esplorazione ed educazione al piacere.

20€ o più

T-Shirt Gender Border Film Festival

Otterrai una delle T-Shirt del designer Marco Rambaldi create in esclusiva per il festival.

25€ o più

Webinar (offerto da LongTake) a scelta tra:

- Shin’ya Tsukamoto, regista di Tetsuo, A Snake of June e Vital, tenuto da Andrea Chimento;
- Xavier Dolan, tenuto da Andrea Chimento.

35€ o più

Bundle prevendita 1 Biglietto + Tote bag + Perk a sorpresa da parte di uno dei nostri partner/sponsor

130€ o più

Bundle prevendita 1 Biglietto O prevendita 1 Workshop a scelta + 1 Massaggiatore LELO

Milano, Italia
Cinema
Obiettivi:
Parità di genereRidurre le disuguaglianze

L’appuntamento autunnale di Milano con il cinema e l’arte queer sta per tornare!

Il Gender Border Film Festival è pronto per la sua terza edizione, dal 3 al 6 novembre 2022 al Teatro Franco Parenti:
nuovi partner, una selezione artistica e cinematografica ricca di proposte internazionali, talk con testimonianze e contributi inediti, una mostra fotografica e videoinstallazioni, performance live con il meglio della scena queer e imperdibili dj set.
Corpi, menti e cuori sincronizzati, per vivere la testimonianza dell’innovazione e dell’inclusione culturale, ma anche per raccontare storie ancora invisibili di corpi non convenzionali, i loro desideri e bisogni; trattare argomenti scomodi, ma necessari; dare spazio e voce a rappresentazioni lontane da quelle più comuni su identità di genere, corpo, sessualità e piacere.


Sguardi rivoluzionari e paillettes - Regine incontrastate e conduttrici della prima e dell’ultima serata saranno Enorma Jean, drag queen milanese dai mille talenti, rivoluzionaria e dirompente, Ella Bottom Rouge, attrice, performer e star del burlesque, nota per le sue collaborazioni internazionali. Al loro estro e alle loro sfavillanti paillettes il compito di accompagnare il pubblico ai film di apertura (gio 3) e di chiusura (dom 6) del festival, in sala Testori: due sguardi sul sesso al femminile che hanno rivoluzionato l’immaginario del genere erotico. Inaugura Pleasure, della regista svedese Ninja Thyberg, il viaggio verso la disillusione di una giovane che sogna di diventare pornostar a Los Angeles, incentrato sull'industria del cinema porno. Evento di chiusura, la proiezione in versione restaurata del “classico” Gola profonda (1972) di Gerard Damiano, alla presenza dei figli del regista: il cult erotico che con un punto di vista inedito sul piacere femminile portò l’hardcore al grande pubblico e che compie ora 50 anni. Un’età che coincide con quella celebrata quest’anno dal Teatro Franco Parenti, la cui storia testimonia l’importanza di intraprendere scelte artistiche libere e innovative.

Il cinema è queer
- Concorso internazionale: sono otto le opere su cui sono chiamati a esprimersi giuria e pubblico, con una netta maggioranza di documentari e molte prime visioni. Tutti i film selezionati, ognuno con un proprio linguaggio e a differenti latitudini geografiche e culturali, raccontano la complessa ricerca della propria identità nel mondo; sono storie di amore e libertà, individuale e collettiva.
Già confermati Colours of Tobi di Alexa Bakony, la storia di Tobi, 16 anni, di un villaggio ungherese, che vuole diventare biologicamente un uomo, e degli sforzi che la madre compie per comprenderlo e stargli accanto; in anteprima italiana, Sweetling di Eva Van Barneveld, che documenta l’amore, coraggioso e commovente, non senza ironia, di due anziane donne Hetty e Jeanne, dopo che quest’ultima è colpita da demenza senile; Death and Bowling di Lyle Kash, film di finzione che indaga il desiderio trans e l'importanza della visibilità attraverso il protagonista, un attore transgender che frequenta il Lavender League Bowling, club per sole lesbiche anziane; Raw! Uncut! Video! di Ryan A. White e Alex Clausen, una storia d’amore e di sesso kinky che ripercorre l’ascesa e la caduta della casa di produzione porno gay Palme Drive Video; Zuhur's Daughters di Laurentia Genske e Robin Humboldt, che vede protagoniste due sorelle transgender, emigrate con la famiglia dalla Siria in Germania; in anteprima italiana, Acts Of Love di Isidore Bethel & Francis Leplay, che segue la vita privata e artistica di un regista appena uscito da una storia d’amore, le cui scelte sono messe in crisi dal confronto con la madre; in anteprima italiana, Fierce: a Porn Revolution di Patrick Muroni, su un collettivo di giovani donne di Losanna che gira e produce film porno etici e dissidenti.


- Fuori concorso: oltre ai film evento Pleasure e Gola profonda, sono due gli appuntamenti con il cinema da non perdere (sab 5 in sala Testori): il primo, dalle ore 11.00, in collaborazione con Patagonia, produttore del film, con il documentario They/Them, sulle orme di Lor Sabourin, climber transgender, nei canyon di arenaria dell'Arizona, in una scalata tra le più difficili e stimolanti della sua vita: un viaggio straordinario che va oltre lo sport, alla riscoperta di sé e della propria forza, dai pronomi “they”/“them” usati per autodefinirsi all’arrampicata come mezzo per riconoscersi (cfr. talk); il secondo, dalle ore 14.30, con il documentario Because of my Body di Francesco Cannavà, prima opera cinematografica che in Italia affronta il tema complesso dell’assistenza sessuale alle persone con disabilità e la figura del lovegiver (cfr. talk).


- Una maratona di corti XXX: visioni in forma breve, notturne e audaci, in sala Testori (ven 4).


Il piacere è potere - tre giorni di talk e workshop
La prima giornata (ven 4) si apre con un workshop curato da Making of Love, il collettivo, partner del festival per il secondo anno, che si occupa dell’istruzione a una sessualità consapevole all’interno delle scuole. Segue il talk su “HIV & PrEP”, che cerca di esaminare il tema della prevenzione all’HIV e il suo impatto sulle nostre vite e sul nostro immaginario in un’ottica di progressivo abbattimento dello stigma, con l’intervento della psicoanalista Giorgia Fracca, dell’infettivologa Silvia Nozza e altrə espertə.
La seconda giornata (sab 5) prende il via dalla proiezione del documentario They/Them per un confronto che offre testimonianze e nuove prospettive sul rapporto tra “Corpi non convenzionali e sport”, realizzato con il supporto di Patagonia e che vede la partecipazione di Pride Sport Milano, l’associazione che riunisce tutti i gruppi sportivi LGBTQIA+ milanesi. Il film Because of my Body di Francesco Cannavà è il punto di partenza per aprire il successivo incontro su “Disabilità e Diritto all’affettività e alla sessualità”, per quella che può essere considerata una delle più significative minoranze sociali a livello mondiale. Insieme al regista, interverranno alcunə tra lə più autorevolə espertə di assistenza e legislazione in materia, con contributi e testimonianze dirette.
L’ultima giornata (dom 6) è all’insegna dell’eros. Si inizia, al mattino, con un “Viaggio nell’erotismo non convenzionale”, il confronto a più voci condotto e moderato da Fabrizio Quattrini, psicologo, psicoterapeuta, sessuologo, che svelerà il mondo delle sessualità alternative e delle principali pratiche BDSM. Si prosegue, nel pomeriggio, con “From Vanilla to Pistacchio”, il workshop curato dal collettivo Le Sex and Rose, che esplorerà gli aspetti meno noti e convenzionali del piacere e dell’autostimolazione e condurrà lə partecipantə in un vero e proprio viaggio nei cinque sensi.
Si continua affrontando la “Mascolinità tossica” dal punto di vista maschile, con gli interventi di Fabrizio Quattrini, autore del libro che dà il titolo all’incontro, e di una rappresentanza di Mica Macho, la community di uomini, stanchi della virilità machista. Si chiude con un duplice appuntamento: l’incontro dedicato a “Piacere e autoerotismo”, in cui si parlerà di naturismo e di sex toys, una convivenza
possibile, e l’invito finale a provare il “Piacere in Scatola” di Le Sex and Rose, un’installazione cubica di pelo rosa, che è soprattutto l’occasione per regalarsi un momento di puro godimento.


Fotografia e videoarte
La sala Mosaico del Teatro Franco Parenti ospita per tutta la durata del festival videoinstallazioni e una mostra fotografica: Henkō di Massimo Giovannini. Dalla parola giapponese che significa “vedere le cose sotto un’altra luce”, nasce Henkō, un progetto di ritratti, iniziato nel 2016, con lo scopo di trasformare, grazie all’uso del make-up e alla posa, la percezione visiva del “genere” dei soggetti fotografati, da uomo a donna o viceversa, con interventi di postproduzione ridotti al minimo.


Live show e Dj set
Ogni sera, spazio alla musica con i dj set del festival. Due le performance live da segnare in agenda: lo spettacolo di queer art lei/lui di Sara Brown, performer, attore, danzatore e regista femme non binariə (ven 4) e un doppio show di queer cabaret (sab 5, alle 20.00 e sabato alle 22.00).


Partner & Sponsor - Il festival per le iniziative e gli eventi della sua terza edizione si avvale della partnership della casa di produzione creativa Kinedimorae, di BASE Milano e Making of Love, e del supporto di Patagonia, Xerjoff, Antica Torino e Malauva.


Media Partner – Il festival ha scelto come partner nella comunicazione Freeda, leader in Italia tra le digital media company, e LongTake.

PERCHÉ SOSTENERCI?

La raccolta fondi ci permetterà di supportare il festival, ricoprendo principalmente i costi per il noleggio delle pellicole e di traduzione, assieme ai costi per il soggiorno degli ospiti.
Oltre a sostenere un festival di cinema, contribuirai al nostro impegno di dare voce alle tante persone, identità e corpi che non trovano adeguati e corretti spazi di rappresentazione sociale e mediatica: il compito politico che ci siamo posti è quello di parlare, mostrare e combattere pregiudizi e stereotipi.
THINK FLUID, il nostro slogan, sottolinea questa esigenza di essere in continua stimolazione, mettersi in discussione, attivare il ragionamento e pensare con malleabilità, senza barriere e/o pregiudizi.


Per maggiori informazioni contattaci al nostro indirizzo privacy@eppela.com
Esplora