Circular Fashion - La Filosofia del Riuso
Milano, Italia
Ambiente
Obiettivi:
Lavoro dignitoso e crescita economicaImprese, innovazione e infrastruttureConsumo e produzione responsabili

L’industria del fashion è tra le più inquinanti al mondo. 

Lo sapevi?

 

Ogni settimana ad Accra, in Gahana, arrivano 15 milioni di vestiti usati, che finiscono in discariche improvvisate (nella migliore delle ipotesi) o direttamente per strada. 

E non pensare che sia un problema di paesi del terzo mondo, perché anche in Occidente l’invasione degli abiti dismessi è ormai fuori controllo. 

Ogni secondo, in tutto il mondo, l’equivalente di un camion della spazzatura di vestiti viene gettato nelle discariche. 
 

 

La produzione di abiti causa il 20% dello spreco globale di acqua 
 

 

Il 10% delle emissioni di CO2 proviene proprio dalle industrie del fashion
 

 

L’industria della moda è davvero poco green. E con l’avvento del fast fashion, gli abiti sono davvero diventati usa e getta.

Considera che meno dell’1% dei capi d’abbigliamento può essere riciclato e che, complice la scarsa qualità, spesso i capi si rovinano dopo pochi utilizzi e vengono gettati per comprarne altri sempre nuovi.

I produttori vogliono essere in grado di mettere a disposizione quantità sempre maggiori di vestiti, nel minor tempo possibile. Queste necessità hanno dato vita alla fast mood: vestiti venduti a prezzi ridotti (anche sotto le 10 euro) e qualità a dir poco scadente.

Non solo. Il fast fashion utilizza quantità ingenti di strumenti e agenti inquinanti, e molto spesso operai sottopagati e costretti a lavorare in condizioni estenuanti.

Il prezzo del fast fashion, dunque, è altissimo. In termini di salute umana, di salute dell’ambiente, di etica, di futuro

A noi sembra di risparmiare acquistando un jeans a 8 euro, ma il costo di tutto questo è un danno incalcolabile.

 

 

Continuare così è insostenibile. Il pianeta è al collasso e non c’è più tempo per pensare.

Se sei arrivato fin qui, però, non è perché sto per chiederti di firmare una petizione. Non servirebbe a nulla.

Il mondo ha bisogno di aiuto e la moda può essere la protagonista di un cambiamento epocale.

Per questo non ti chiedo di vestirti di foglie, e neppure di smettere di comprare abiti. Amo la moda quanto te e so quanto sia difficile resistere di fronte ai prezzi stracciati del fast fashion. 

Quello che sto per dirti, però, non solo potrebbe rivoluzionare il tuo armadio con capi second end originali a cui è possibile dare nuova vita, ma anche aiutare il pianeta limitando i consumi di ossigeno e acqua, e diminuendo l’utilizzo di agenti chimici per il trattamento dei tessuti.

Come? Quando scegli un capo di seconda mano innanzi tutto stai scegliendo un capo di qualità che avrà lunga vita. Poi, per ogni acquisto di un abito usato non produci nuovi rifiuti, non immetti altra CO2 nell’atmosfera, ricicli qualcosa che è ancora in ottime condizioni e alimenti la tua voglia di vintage… perché so bene che ce l’hai!

Non è fantastico?

Per questo abbiamo creato Circular Fashion, per diffondere stile e incentivare la cultura della vera moda sostenibile. 

Non solo. 

Circular Fashion è molto più che un negozio online di abiti usati.

Perché quando acquisti su Circular Fashion hai la possibilità di scegliere tra migliaia di abiti e scarpe di seconda mano e poi:

  • puoi decidere di acquistarli così come sono perché ti hanno conquistato al primo sguardo;
  • puoi scegliere tra diversi livelli di personalizzazione: o attraverso stampe e applicazioni che trovi sul sito, o interagendo con i nostri designer e artisti per farti realizzare i dipinti su tessuto che hai sempre desiderato.
     

 

In questo modo avrai un abito o un paio di scarpe unico al mondo, fatto apposta per te.

Hai mai pensato a quel disegno che volevi sulle tue sneakers e non sapevi come fartelo realizzare? Adesso puoi farlo.

Hai mai voluto un capo solo tuo, con un disegno pensato da te e realizzato da un writer professionista? Adesso puoi averlo.

 

 

Ti dirò di più: tutti i capi, prima di arrivare nel tuo armadio vengono sanificati e controllati, ma tutti i trattamenti che subiscono sono a impatto zero. Sia quelli per rigenerarli prima della vendita, sia quelli per personalizzarli. 

Questa è moda green al 100%!!!!

Circular Fashion, però, è anche un e-commerce super tecnologico che ti aiuta a scegliere gli abiti più adatti a te attraverso il virtual mirroring.

Hai mai sentito parlare di camerini virtuali?

Grazie alla nostra tecnologia, che consiste in questa sorta di specchio digitale, potrai “misurare” tutti gli abiti che ti piacciono e capire se ti stanno bene o no. Il virtual mirror, infatti, permette all’utente di visualizzare la sua immagine sullo schermo del suo smarthphone, del suo tablet o del suo PC, come se fosse uno specchio. Bastano pochi semplici passaggi per indossare virtualmente l’abito scelto e vedere come ti sta.

 

 

Niente male eh?

Ma ora viene la parte più importante: il protagonista di questo cambiamento sei tu.

Vuoi sapere perché?

Circular Fashion  è un’ecommerce che raccoglie abiti usati da tutto il mondo per dare loro nuova vita. Vestiti per tutti, come jeans, maglie, giubbotti possono entrare a far parte del tuo guardaroba e rendere il tuo stile ancora più originale.

 

Ma attenzione, come avrai capito, non si tratta di banali abiti riciclati. I capi che trovi su Circular Fashion sono tutti accuratamente controllati, sanificati e - se necessario - riparati affinché siano perfetti da vedere e da indossare.

 

 

E se il tuo acquisto non ti soddisfa, puoi restituirlo gratuitamente e sarai rimborsato: GARANTITO!

 

 

Hai mai sentito parlare di Upcycling? Questo termine vuol dire proprio ridare valore ai vestiti usati, per creare un’economia più circolare riducendo il bisogno di creare nuovo materiale. Una tendenza che sta prendendo sempre più piede nel mondo, in particolare negli Stati Uniti, ma anche in Italia.

Riutilizzare, riciclare e recuperare è indispensabile. Fa bene all’ambiente e alla moda, perché così si dà ancora più valore ai capi di qualità e si limita la produzione di quelli “usa e getta”.

Pensa che ogni anno l’utilizzo di pesticidi per il trattamento del cotone provoca la morte di migliaia di persone. Per questo acquistare meno, meglio e magari di seconda mano può davvero fare la differenza.

Moltissimi designer, ma anche importanti brand della moda, hanno già cominciato a creare collezioni sostenibili, ma Circular Fashion va oltre e ti permette di avere vestiti “green” e unici, fatti apposta per te. 

 

 

Per aiutare ancora di più il benessere di tutti, per ogni acquisto su Circular Fashion una parte del ricavato andrà a sostenere iniziative benefiche e no profit. Quest'anno abbiamo scelto di donare una parte dei nostri ricavi al FAI e all'UNICEF. 

Come ti ho detto questo progetto è enorme e ha bisogno del TUO aiuto. 

Se condividi con noi l’idea che sia - non solo giusto - ma indispensabile vestire bene, con abiti di qualità e allo stesso tempo contribuire a salvare il pianeta, partecipa alla nostra raccolta e sostieni Circular Fashion.

 

DIVENTA PROTAGONISTA DELLA VERA RIVOLUZIONE GREEN

Seguici su:
facebook instagram
Commenti (0)
155 €
Obiettivo 5.000 €
2
Sostenitori
3
Condivisioni
Utente Anonimo
5€ - 1 settimana fa
Utente Anonimo
150€ - 2 settimane fa
Scegli una ricompensa
10€ o più

Silver

Con una sottoscrizione di 10€ ti regaleremo

  • Un nostro capo di abbigliamento del valore di 40€
  • Spese di spedizione gratuita
25€ o più

Gold

Con una sottoscrizione di 25€ ti regaleremo

  • Un nostro capo di abbigliamento del valore di 60€
  • Personalizzazione con una delle nostre grafiche
  • Spese di spedizione gratuita
50€ o più

Platinum

Con una sottoscrizione di 50€ ti regaleremo

  • Un nostro capo di abbigliamento del valore di 140€
  • Personalizzazione con uno dei nostri Writer
  • Spese di spedizione gratuita
Milano, Italia
Ambiente
Obiettivi:
Lavoro dignitoso e crescita economicaImprese, innovazione e infrastruttureConsumo e produzione responsabili

L’industria del fashion è tra le più inquinanti al mondo. 

Lo sapevi?

 

Ogni settimana ad Accra, in Gahana, arrivano 15 milioni di vestiti usati, che finiscono in discariche improvvisate (nella migliore delle ipotesi) o direttamente per strada. 

E non pensare che sia un problema di paesi del terzo mondo, perché anche in Occidente l’invasione degli abiti dismessi è ormai fuori controllo. 

Ogni secondo, in tutto il mondo, l’equivalente di un camion della spazzatura di vestiti viene gettato nelle discariche. 
 

 

La produzione di abiti causa il 20% dello spreco globale di acqua 
 

 

Il 10% delle emissioni di CO2 proviene proprio dalle industrie del fashion
 

 

L’industria della moda è davvero poco green. E con l’avvento del fast fashion, gli abiti sono davvero diventati usa e getta.

Considera che meno dell’1% dei capi d’abbigliamento può essere riciclato e che, complice la scarsa qualità, spesso i capi si rovinano dopo pochi utilizzi e vengono gettati per comprarne altri sempre nuovi.

I produttori vogliono essere in grado di mettere a disposizione quantità sempre maggiori di vestiti, nel minor tempo possibile. Queste necessità hanno dato vita alla fast mood: vestiti venduti a prezzi ridotti (anche sotto le 10 euro) e qualità a dir poco scadente.

Non solo. Il fast fashion utilizza quantità ingenti di strumenti e agenti inquinanti, e molto spesso operai sottopagati e costretti a lavorare in condizioni estenuanti.

Il prezzo del fast fashion, dunque, è altissimo. In termini di salute umana, di salute dell’ambiente, di etica, di futuro

A noi sembra di risparmiare acquistando un jeans a 8 euro, ma il costo di tutto questo è un danno incalcolabile.

 

 

Continuare così è insostenibile. Il pianeta è al collasso e non c’è più tempo per pensare.

Se sei arrivato fin qui, però, non è perché sto per chiederti di firmare una petizione. Non servirebbe a nulla.

Il mondo ha bisogno di aiuto e la moda può essere la protagonista di un cambiamento epocale.

Per questo non ti chiedo di vestirti di foglie, e neppure di smettere di comprare abiti. Amo la moda quanto te e so quanto sia difficile resistere di fronte ai prezzi stracciati del fast fashion. 

Quello che sto per dirti, però, non solo potrebbe rivoluzionare il tuo armadio con capi second end originali a cui è possibile dare nuova vita, ma anche aiutare il pianeta limitando i consumi di ossigeno e acqua, e diminuendo l’utilizzo di agenti chimici per il trattamento dei tessuti.

Come? Quando scegli un capo di seconda mano innanzi tutto stai scegliendo un capo di qualità che avrà lunga vita. Poi, per ogni acquisto di un abito usato non produci nuovi rifiuti, non immetti altra CO2 nell’atmosfera, ricicli qualcosa che è ancora in ottime condizioni e alimenti la tua voglia di vintage… perché so bene che ce l’hai!

Non è fantastico?

Per questo abbiamo creato Circular Fashion, per diffondere stile e incentivare la cultura della vera moda sostenibile. 

Non solo. 

Circular Fashion è molto più che un negozio online di abiti usati.

Perché quando acquisti su Circular Fashion hai la possibilità di scegliere tra migliaia di abiti e scarpe di seconda mano e poi:

  • puoi decidere di acquistarli così come sono perché ti hanno conquistato al primo sguardo;
  • puoi scegliere tra diversi livelli di personalizzazione: o attraverso stampe e applicazioni che trovi sul sito, o interagendo con i nostri designer e artisti per farti realizzare i dipinti su tessuto che hai sempre desiderato.
     

 

In questo modo avrai un abito o un paio di scarpe unico al mondo, fatto apposta per te.

Hai mai pensato a quel disegno che volevi sulle tue sneakers e non sapevi come fartelo realizzare? Adesso puoi farlo.

Hai mai voluto un capo solo tuo, con un disegno pensato da te e realizzato da un writer professionista? Adesso puoi averlo.

 

 

Ti dirò di più: tutti i capi, prima di arrivare nel tuo armadio vengono sanificati e controllati, ma tutti i trattamenti che subiscono sono a impatto zero. Sia quelli per rigenerarli prima della vendita, sia quelli per personalizzarli. 

Questa è moda green al 100%!!!!

Circular Fashion, però, è anche un e-commerce super tecnologico che ti aiuta a scegliere gli abiti più adatti a te attraverso il virtual mirroring.

Hai mai sentito parlare di camerini virtuali?

Grazie alla nostra tecnologia, che consiste in questa sorta di specchio digitale, potrai “misurare” tutti gli abiti che ti piacciono e capire se ti stanno bene o no. Il virtual mirror, infatti, permette all’utente di visualizzare la sua immagine sullo schermo del suo smarthphone, del suo tablet o del suo PC, come se fosse uno specchio. Bastano pochi semplici passaggi per indossare virtualmente l’abito scelto e vedere come ti sta.

 

 

Niente male eh?

Ma ora viene la parte più importante: il protagonista di questo cambiamento sei tu.

Vuoi sapere perché?

Circular Fashion  è un’ecommerce che raccoglie abiti usati da tutto il mondo per dare loro nuova vita. Vestiti per tutti, come jeans, maglie, giubbotti possono entrare a far parte del tuo guardaroba e rendere il tuo stile ancora più originale.

 

Ma attenzione, come avrai capito, non si tratta di banali abiti riciclati. I capi che trovi su Circular Fashion sono tutti accuratamente controllati, sanificati e - se necessario - riparati affinché siano perfetti da vedere e da indossare.

 

 

E se il tuo acquisto non ti soddisfa, puoi restituirlo gratuitamente e sarai rimborsato: GARANTITO!

 

 

Hai mai sentito parlare di Upcycling? Questo termine vuol dire proprio ridare valore ai vestiti usati, per creare un’economia più circolare riducendo il bisogno di creare nuovo materiale. Una tendenza che sta prendendo sempre più piede nel mondo, in particolare negli Stati Uniti, ma anche in Italia.

Riutilizzare, riciclare e recuperare è indispensabile. Fa bene all’ambiente e alla moda, perché così si dà ancora più valore ai capi di qualità e si limita la produzione di quelli “usa e getta”.

Pensa che ogni anno l’utilizzo di pesticidi per il trattamento del cotone provoca la morte di migliaia di persone. Per questo acquistare meno, meglio e magari di seconda mano può davvero fare la differenza.

Moltissimi designer, ma anche importanti brand della moda, hanno già cominciato a creare collezioni sostenibili, ma Circular Fashion va oltre e ti permette di avere vestiti “green” e unici, fatti apposta per te. 

 

 

Per aiutare ancora di più il benessere di tutti, per ogni acquisto su Circular Fashion una parte del ricavato andrà a sostenere iniziative benefiche e no profit. Quest'anno abbiamo scelto di donare una parte dei nostri ricavi al FAI e all'UNICEF. 

Come ti ho detto questo progetto è enorme e ha bisogno del TUO aiuto. 

Se condividi con noi l’idea che sia - non solo giusto - ma indispensabile vestire bene, con abiti di qualità e allo stesso tempo contribuire a salvare il pianeta, partecipa alla nostra raccolta e sostieni Circular Fashion.

 

DIVENTA PROTAGONISTA DELLA VERA RIVOLUZIONE GREEN

Seguici su:
facebook instagram

Per maggiori informazioni contattaci al nostro indirizzo privacy@eppela.com