Fukushi Ito - Mishima Code II
Genova, Italia
Cultura
Obiettivi:
Istruzione di qualità

Fukushi Ito - Mishima Code II
16 giugno - 3 luglio 2022
opening 16 giugno ore 19.00

(ENGLISH BELOW)

La mostra curata da Virginia Monteverde e Roberto Mastroianni, che sarà realizzata a Venezia, presso la Sala San Tommaso in campo Santi Giovanni e Paolo, chiude dieci anni di ricerca dell’artista giapponese Fukushi Ito, dedicata a Yukio Mishima, uno scrittore giapponese tra i più originali e controversi della letteratura nipponica e internazionale.


Non solo una mostra celebrativa, ma un percorso di riflessione e ricerca che ha portato Ito ad assumere e interpretare i temi sollevati da Mishima, rendendoli opere dal grande impatto emotivo e immaginario e dalla raffinata delicatezza visiva tipica di un’arte che si pone come ponte tra Oriente e Occidente.
Il dialogo di Ito con Mishima si nutre di opposizioni e somiglianze che permettono a questa relazione artistica di rappresentare iconicamente le contraddizioni del nostro tempo.

 

Struttura della mostra
La mostra consisterà in opere inedite, basate su un'installazione ambientale (led panel, sculture luminose, proiezioni), come sintesi di esplorazioni etimologiche e filosofiche dell'immagine autoriale e della letteratura di Mishima tra il 2010 e il 2022.
Sarà inoltre, per l’occasione, presentato un catalogo contenente tutte le opere realizzate da Fukushi Ito nei 10 anni dedicati a Mishima.

 

Fukushi Ito, nata nel1952 in Nagoya, laureata alla Tokyo University of Arts, dopo aver conseguito la laurea specialistica presso la stessa Università si trasferisce in Italia, dove vive da circa 40 anni. Ha esposto in musei, spazi pubblici e gallerie di diversi paesi: fra questi Italia, Giappone, Australia, Stati
Uniti, Germania, Francia, Danimarca, Regno Unito, Russia, Israele, Slovenia, Irlanda. Nel 2014 ha ricevuto la Medaglia d’onore con il Nastro Blu Scuro per conto dell’Imperatore. La sua opera supera la dicotomia tra Oriente e Occidente, per diventare sintesi superiore, sostenuta anche dal pensiero che nella cultura giapponese, l’identità è un fattore non statico, ma in evoluzione.
 

Così Fukushi Ito riesce a rendere libera la propria capacità creativa da quella tradizione millenaria cui appartiene, consapevole che il compito di un artista è sperimentare costantemente linguaggi e
materiali rendendo accessibile a tutti il contenuto del proprio sentire artistico. Da ciò deriva la predilezione nell’accostamento di materiali antichi a contemporanei, come la carta giapponese e i
pigmenti all’immagine foto e video realistica, al computer, al plexiglass, alla pellicola trasparente, alla luce del neon e dei led. In particolare è proprio la luce, lo strumento privilegiato che essa utilizza volutamente al fine di coinvolgere il pubblico con l’intento di amplificarne gli stimoli sensoriali. Il suo lavoro porta l’artista a entrare e uscire costantemente da due culture.

 

Fukushi Ito - 
Mishima Code
 II June 16 - July 3 2022
opening June 16 at 19.00 

The exhibition curated by Virginia Monteverde and Roberto Mastroianni, which will be held in Venice, at the Sala San Tommaso in Campo Santi Giovanni e Paolo, closes ten years of research by the Japanese artist Fukushi Ito, dedicated to Yukio Mishima, a Japanese writer among the more original and controversial than Japanese and international literature. 

Not just a celebratory exhibition, but a path of reflection and research that led Ito to take on and interpret the themes raised by Mishima, making them works of great emotional and imaginary impact and the refined visual delicacy typical of an art that acts as a bridge between East and West. Ito's dialogue with Mishima feeds on oppositions and similarities that allow this artistic relationship to iconically represent the contradictions of our time. 
 

Structure of the exhibition 
The exhibition will consist of unpublished works, based on an environmental installation (led panel, light sculptures, projections), as a synthesis of etymological and philosophical explorations of the authorial image and literature of Mishima between 2010 and 2022. 

A catalog will also be presented for the occasion containing all the works created by Fukushi Ito in the 10 years dedicated to Mishima. 

Fukushi Ito, born in 1952 in Nagoya, graduated from Tokyo University of Arts, after graduating from the same University she moved to Italy, where she has lived for about 40 years. You have exhibited in museums, public spaces and galleries in various countries: among them Italy, Japan, Australia, States United States, Germany, France, Denmark, United Kingdom, Russia, Israel, Slovenia, Ireland. In 2014 you received the Medal of Honor with the Dark Blue Ribbon on behalf of the Emperor. Her work of hers overcomes the dichotomy between East and West, to become a superior synthesis, also supported by the thought that in Japanese culture, identity is not a static factor, but in evolution. 

Thus Fukushi Ito manages to free her creative capacity from that millenary tradition to which she belongs, aware that the task of an artist is to constantly experiment with languages ​​and materials making the content of one's artistic feeling accessible to all. From this derives her predilection in the combination of ancient and contemporary materials, such as Japanese paper and i pigments to the realistic photo and video image, to the computer, to plexiglass, to transparent film, to neon and LED light. In particular, it is precisely light, the privileged tool that it deliberately uses in order to involve the public with the aim of amplifying their sensory stimuli. Her work leads the artist to constantly enter and exit two cultures.

Commenti (0)
200 €
Obiettivo 15.000 €
1
Sostenitori
2
Condivisioni
Utente Anonimo
200€ - 3 mesi fa
Scegli una ricompensa
50€ o più

Catalogo Mishima Code 124 pag.

200€ o più

Multiplo d'artista tiratura limitata 50 copie + catalogo "Mishima Code"

800€ o più

Call con artista e curatore per la scelta di un opera edizione unica

Genova, Italia
Cultura
Obiettivi:
Istruzione di qualità

Fukushi Ito - Mishima Code II
16 giugno - 3 luglio 2022
opening 16 giugno ore 19.00

(ENGLISH BELOW)

La mostra curata da Virginia Monteverde e Roberto Mastroianni, che sarà realizzata a Venezia, presso la Sala San Tommaso in campo Santi Giovanni e Paolo, chiude dieci anni di ricerca dell’artista giapponese Fukushi Ito, dedicata a Yukio Mishima, uno scrittore giapponese tra i più originali e controversi della letteratura nipponica e internazionale.


Non solo una mostra celebrativa, ma un percorso di riflessione e ricerca che ha portato Ito ad assumere e interpretare i temi sollevati da Mishima, rendendoli opere dal grande impatto emotivo e immaginario e dalla raffinata delicatezza visiva tipica di un’arte che si pone come ponte tra Oriente e Occidente.
Il dialogo di Ito con Mishima si nutre di opposizioni e somiglianze che permettono a questa relazione artistica di rappresentare iconicamente le contraddizioni del nostro tempo.

 

Struttura della mostra
La mostra consisterà in opere inedite, basate su un'installazione ambientale (led panel, sculture luminose, proiezioni), come sintesi di esplorazioni etimologiche e filosofiche dell'immagine autoriale e della letteratura di Mishima tra il 2010 e il 2022.
Sarà inoltre, per l’occasione, presentato un catalogo contenente tutte le opere realizzate da Fukushi Ito nei 10 anni dedicati a Mishima.

 

Fukushi Ito, nata nel1952 in Nagoya, laureata alla Tokyo University of Arts, dopo aver conseguito la laurea specialistica presso la stessa Università si trasferisce in Italia, dove vive da circa 40 anni. Ha esposto in musei, spazi pubblici e gallerie di diversi paesi: fra questi Italia, Giappone, Australia, Stati
Uniti, Germania, Francia, Danimarca, Regno Unito, Russia, Israele, Slovenia, Irlanda. Nel 2014 ha ricevuto la Medaglia d’onore con il Nastro Blu Scuro per conto dell’Imperatore. La sua opera supera la dicotomia tra Oriente e Occidente, per diventare sintesi superiore, sostenuta anche dal pensiero che nella cultura giapponese, l’identità è un fattore non statico, ma in evoluzione.
 

Così Fukushi Ito riesce a rendere libera la propria capacità creativa da quella tradizione millenaria cui appartiene, consapevole che il compito di un artista è sperimentare costantemente linguaggi e
materiali rendendo accessibile a tutti il contenuto del proprio sentire artistico. Da ciò deriva la predilezione nell’accostamento di materiali antichi a contemporanei, come la carta giapponese e i
pigmenti all’immagine foto e video realistica, al computer, al plexiglass, alla pellicola trasparente, alla luce del neon e dei led. In particolare è proprio la luce, lo strumento privilegiato che essa utilizza volutamente al fine di coinvolgere il pubblico con l’intento di amplificarne gli stimoli sensoriali. Il suo lavoro porta l’artista a entrare e uscire costantemente da due culture.

 

Fukushi Ito - 
Mishima Code
 II June 16 - July 3 2022
opening June 16 at 19.00 

The exhibition curated by Virginia Monteverde and Roberto Mastroianni, which will be held in Venice, at the Sala San Tommaso in Campo Santi Giovanni e Paolo, closes ten years of research by the Japanese artist Fukushi Ito, dedicated to Yukio Mishima, a Japanese writer among the more original and controversial than Japanese and international literature. 

Not just a celebratory exhibition, but a path of reflection and research that led Ito to take on and interpret the themes raised by Mishima, making them works of great emotional and imaginary impact and the refined visual delicacy typical of an art that acts as a bridge between East and West. Ito's dialogue with Mishima feeds on oppositions and similarities that allow this artistic relationship to iconically represent the contradictions of our time. 
 

Structure of the exhibition 
The exhibition will consist of unpublished works, based on an environmental installation (led panel, light sculptures, projections), as a synthesis of etymological and philosophical explorations of the authorial image and literature of Mishima between 2010 and 2022. 

A catalog will also be presented for the occasion containing all the works created by Fukushi Ito in the 10 years dedicated to Mishima. 

Fukushi Ito, born in 1952 in Nagoya, graduated from Tokyo University of Arts, after graduating from the same University she moved to Italy, where she has lived for about 40 years. You have exhibited in museums, public spaces and galleries in various countries: among them Italy, Japan, Australia, States United States, Germany, France, Denmark, United Kingdom, Russia, Israel, Slovenia, Ireland. In 2014 you received the Medal of Honor with the Dark Blue Ribbon on behalf of the Emperor. Her work of hers overcomes the dichotomy between East and West, to become a superior synthesis, also supported by the thought that in Japanese culture, identity is not a static factor, but in evolution. 

Thus Fukushi Ito manages to free her creative capacity from that millenary tradition to which she belongs, aware that the task of an artist is to constantly experiment with languages ​​and materials making the content of one's artistic feeling accessible to all. From this derives her predilection in the combination of ancient and contemporary materials, such as Japanese paper and i pigments to the realistic photo and video image, to the computer, to plexiglass, to transparent film, to neon and LED light. In particular, it is precisely light, the privileged tool that it deliberately uses in order to involve the public with the aim of amplifying their sensory stimuli. Her work leads the artist to constantly enter and exit two cultures.


Per maggiori informazioni contattaci al nostro indirizzo privacy@eppela.com