Mare di mezzo - In cammino
Cortona, Italia
Solidarietà
Obiettivi:
Sconfiggere la povertàRidurre le disuguaglianzePace, giustizia e istituzioni solide

 

Mi chiamo Giulio Carlo Vecchini e di mestiere faccio il liutaio. 

Nel laboratorio Makassar di Cortona (AR) produco e restauro strumenti musicali. Sono un professionista apprezzato per la qualità del mio operato e mi occupo anche di progetti musicali a finalità sociale.

Nel 2015 ho avviato un progetto particolare: con i legni recuperati dai barconi, arrivati a Lampedusa insieme ai migranti, ho costruito una chitarra che ho chiamato Mare di Mezzo >>> https://maredimezzo.com/

È nato così un progetto musicale volto alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica nei confronti dei movimenti migratori del Mediterraneo.

La chitarra Mare di Mezzo, suonando i canti di chi voce non ha, è diventata un simbolo riconosciuto a livello internazionale di accoglienza, fratellanza, tolleranza e amore per il prossimo. È stata, infatti, scelta da UNHCR (Alto Commissariato per i rifugiati delle Nazioni Unite) come simbolo della Giornata Mondiale dei Rifugiati e, da allora, è in perenne movimento, passando di mano in mano ad artisti che ne sostengono la visione.

Mare di mezzo ha avuto una grande risonanza mediatica e l’appoggio di personaggi come Carlos Santana, Bob Geldof, Patti Smith, Marc Ribot, John Scofield, Franz Ferdinand e di molti musicisti italiani tra cui Vinicio Capossela, Jovanotti, Paolo Fresu, Verdena.

Il 27 Aprile prossimo è stata concessa a me e a Mare di Mezzo un’udienza con Papa Francesco. E quindi mia intenzione partire dalla città di Cortona ed arrivare in Vaticano da vero pellegrino: a piedi con lo strumento sulle spalle. Percorrerò 400 chilometri tra Toscana e Lazio, saranno 20 giorni di cammino lungo la Via Lauretana per Siena e poi lungo la Via Francigena fino a Roma. La partenza è fissata per Domenica 3 Aprile.

Nel mio pellegrinaggio verrò accompagnato da un operatore per documentare e raccontare, con foto, audio e video, il percorso che farò insieme alla chitarra. Lungo il cammino per le strade dei paesini e nella natura incontaminata, tra luoghi magnifici intrisi di storia ed il riverbero delle valli, alcuni musicisti ci accompagneranno come una marching band, mentre altri li incontreremo all’arrivo delle tappe per delle sessioni musicali dedicate. Tra gli ospiti ci saranno molti diplomati della Siena Jazz University fra cui chitarristi, cantanti, percussionisti e fiati e mi sto occupando anche di coinvolgere chitarristi di alto calibro, come ospiti speciali, e molti altri artisti si stanno proponendo. Tutto il materiale raccolto sarà finalizzato alla produzione di un documentario e verrà diffuso online come un diario di viaggio.

Questo progetto è sostenuto da UNHCR, Siena Jazz University, Comune di Siena, Comune di Cortona, Comune di Castiglion del Lago, Ferrino (ditta leader Italiana per il mondo del trekking) e dal mondo dei pellegrinaggi.

Il viaggio è dedicato alle storie di migranti e profughi, non solo del Mediterraneo, ma di tutto il mondo. Un pensiero, in questo particolare momento, va all’Ucraina: tramite il nostro viaggio vorremmo dare un aiuto concreto, appoggiando e promuovendo la raccolta fondi organizzata da UNHCR per sostenere il popolo ucraino in fuga dalla guerra.


I fondi che raccoglieremo sono destinati a coprire le spese vive di viaggio, i rimborsi ai musicisti e la realizzazione del documentario stesso. Tutti i partecipanti al progetto aderiscono in modo volontario e senza scopo di lucro. Una volta raggiunta la cifra stabilita da questa campagna, i fondi eccedenti saranno devoluti a UNHCR con certificazione.

 

Grazie per il supporto!

Giulio e Mare di Mezzo

Commenti (7)
Utente Anonimo ha donato 50€
Un passo alla volta e si arriva ovunque !
07/04/2022
Michel Granpasso Orlando ha donato 50€
Un passo alla volta stai costruendo un incredibile cammino
03/04/2022
Utente Anonimo ha donato 50€
Non è molto…ma spero possa aiutarvi in questo fantastico viaggio! Ciao Giulio e Alek a presto - Christian & Silvia
02/04/2022
Utente Anonimo ha donato 20€
Boa Sorte!
28/03/2022
Utente Anonimo ha donato 25€
Grande Giulio, ho supportato il progetto dal primo giorno e questo è un grande traguardo nicola
24/03/2022
Utente Anonimo ha donato 10€
Mare di Mezzo, continua a dare voce a chi non ce l'ha
23/03/2022
Utente Anonimo ha donato 10€
Per il successo di questo progetto!
23/03/2022
645 €
Obiettivo 3.500 €
15
Sostenitori
9
Condivisioni
Utente Anonimo
50€ - 1 mese fa
Nicola Tiezzi
250€ - 1 mese fa
Michel Granpasso Orlando
50€ - 1 mese fa
Scegli una ricompensa
10€ o più

Amico di Mare di Mezzo

Ti piace il progetto e vuoi sostenere il nostro viaggio

50€ o più

Partner del progetto Mare di Mezzo in cammino

Il tuo nome apparirà nei crediti del documentario

200€ o più

Futuro liutaio

Sei affascinato dal mondo della liuteria e vorresti ricevere una lezione nel laboratorio Makassar di Cortona (AR), con la possibilità di imbracciare e suonare Mare di Mezzo

Cortona, Italia
Solidarietà
Obiettivi:
Sconfiggere la povertàRidurre le disuguaglianzePace, giustizia e istituzioni solide

 

Mi chiamo Giulio Carlo Vecchini e di mestiere faccio il liutaio. 

Nel laboratorio Makassar di Cortona (AR) produco e restauro strumenti musicali. Sono un professionista apprezzato per la qualità del mio operato e mi occupo anche di progetti musicali a finalità sociale.

Nel 2015 ho avviato un progetto particolare: con i legni recuperati dai barconi, arrivati a Lampedusa insieme ai migranti, ho costruito una chitarra che ho chiamato Mare di Mezzo >>> https://maredimezzo.com/

È nato così un progetto musicale volto alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica nei confronti dei movimenti migratori del Mediterraneo.

La chitarra Mare di Mezzo, suonando i canti di chi voce non ha, è diventata un simbolo riconosciuto a livello internazionale di accoglienza, fratellanza, tolleranza e amore per il prossimo. È stata, infatti, scelta da UNHCR (Alto Commissariato per i rifugiati delle Nazioni Unite) come simbolo della Giornata Mondiale dei Rifugiati e, da allora, è in perenne movimento, passando di mano in mano ad artisti che ne sostengono la visione.

Mare di mezzo ha avuto una grande risonanza mediatica e l’appoggio di personaggi come Carlos Santana, Bob Geldof, Patti Smith, Marc Ribot, John Scofield, Franz Ferdinand e di molti musicisti italiani tra cui Vinicio Capossela, Jovanotti, Paolo Fresu, Verdena.

Il 27 Aprile prossimo è stata concessa a me e a Mare di Mezzo un’udienza con Papa Francesco. E quindi mia intenzione partire dalla città di Cortona ed arrivare in Vaticano da vero pellegrino: a piedi con lo strumento sulle spalle. Percorrerò 400 chilometri tra Toscana e Lazio, saranno 20 giorni di cammino lungo la Via Lauretana per Siena e poi lungo la Via Francigena fino a Roma. La partenza è fissata per Domenica 3 Aprile.

Nel mio pellegrinaggio verrò accompagnato da un operatore per documentare e raccontare, con foto, audio e video, il percorso che farò insieme alla chitarra. Lungo il cammino per le strade dei paesini e nella natura incontaminata, tra luoghi magnifici intrisi di storia ed il riverbero delle valli, alcuni musicisti ci accompagneranno come una marching band, mentre altri li incontreremo all’arrivo delle tappe per delle sessioni musicali dedicate. Tra gli ospiti ci saranno molti diplomati della Siena Jazz University fra cui chitarristi, cantanti, percussionisti e fiati e mi sto occupando anche di coinvolgere chitarristi di alto calibro, come ospiti speciali, e molti altri artisti si stanno proponendo. Tutto il materiale raccolto sarà finalizzato alla produzione di un documentario e verrà diffuso online come un diario di viaggio.

Questo progetto è sostenuto da UNHCR, Siena Jazz University, Comune di Siena, Comune di Cortona, Comune di Castiglion del Lago, Ferrino (ditta leader Italiana per il mondo del trekking) e dal mondo dei pellegrinaggi.

Il viaggio è dedicato alle storie di migranti e profughi, non solo del Mediterraneo, ma di tutto il mondo. Un pensiero, in questo particolare momento, va all’Ucraina: tramite il nostro viaggio vorremmo dare un aiuto concreto, appoggiando e promuovendo la raccolta fondi organizzata da UNHCR per sostenere il popolo ucraino in fuga dalla guerra.


I fondi che raccoglieremo sono destinati a coprire le spese vive di viaggio, i rimborsi ai musicisti e la realizzazione del documentario stesso. Tutti i partecipanti al progetto aderiscono in modo volontario e senza scopo di lucro. Una volta raggiunta la cifra stabilita da questa campagna, i fondi eccedenti saranno devoluti a UNHCR con certificazione.

 

Grazie per il supporto!

Giulio e Mare di Mezzo

Commenti (7)
Utente Anonimo ha donato 10€
Per il successo di questo progetto!
23/03/2022
Utente Anonimo ha donato 10€
Mare di Mezzo, continua a dare voce a chi non ce l'ha
23/03/2022
Utente Anonimo ha donato 25€
Grande Giulio, ho supportato il progetto dal primo giorno e questo è un grande traguardo nicola
24/03/2022
Utente Anonimo ha donato 20€
Boa Sorte!
28/03/2022
Utente Anonimo ha donato 50€
Non è molto…ma spero possa aiutarvi in questo fantastico viaggio! Ciao Giulio e Alek a presto - Christian & Silvia
02/04/2022
Michel Granpasso Orlando ha donato 50€
Un passo alla volta stai costruendo un incredibile cammino
03/04/2022
Utente Anonimo ha donato 50€
Un passo alla volta e si arriva ovunque !
07/04/2022

Per maggiori informazioni contattaci al nostro indirizzo privacy@eppela.com