Through the eyes of a dog - il docu-film
Milano, Italia
Solidarietà

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha generato una guerra al confine dell’Europa, provocando l’esodo più rapido e più grande di profughi nell’era moderna.

IL PROGETTO
Il docu-film vuole raccontare le storie di queste persone, deprivate della propria normalità e in viaggio verso direzioni ignote, in condizioni di sopravvivenza e senza nessun tipo di prospettiva nella quale rifugiarsi dall’incubo del presente. Le storie che racconteremo saranno immagini rasoterra, non si intersecheranno con le cause politiche e sociali di tale conflitto, non tenteranno di trovare una spiegazione, non si metteranno al riparo dietro uno spirito nazionalista. Come dagli occhi di un cane sul quale crolla il tetto di una casa nella quale ha sempre trovato riparo, ci interrogheremo e rappresenteremo soltanto le conseguenze, ignorando volutamente le cause geopolitiche della distruzione. Vogliamo rappresentare l’orrore della guerra senza filtro, così tremenda proprio perché priva di ragione.

La Polonia ha accolto più di un milione di persone dall’Ucraina. Esistono molte organizzazioni di privati e autorità territoriali che stanno lavorando ogni giorno per accogliere i richiedenti asilo.

Vogliamo incontrare gli uomini, le donne e i bambini che sono in fuga dalla propria terra e raccontare la loro storia.

  • si tratta di un progetto in "continuo divenire”, si adatterà e modellerà sulla base delle circostanze che si incontreranno sul territorio;
  • non si tratta né di reportage né di un prodotto politicizzato ma di un docu-film che vuole raccontare l'emotività più nascosta attraverso gli occhi di altre persone;
  • abbiamo bisogno di coprire almeno una parte dei costi vivi della troupe che verrà inviata al confine polacco ucraino.

PERCHÉ LO STIAMO FACENDO?
Lo stiamo facendo principalmente perché, come gruppo di lavoro, non riusciamo a sederci inermi su quello che sta succedendo e vorremmo poter dare il nostro contributo rendendo immortali le storie di queste persone.

CHI SIAMO. IL TEAM
Siamo un team di professionisti nel settore televisivo e cinematografico.
Amiamo il nostro lavoro, il mondo che ci circonda è la nostra fonte di ispirazione. Vogliamo raccontare storie, conoscere nuove culture e lavorare a prodotti che riteniamo necessari. La nostra passione e il nostro senso di umanità ci hanno spinto a non chiudere gli occhi e voler raccontare l'orrore a cui tutto il mondo sta assistendo. Vogliamo sentirci utili facendo quello che sappiamo fare meglio.
È un'esigenza, una missione.

La nostra crew è composta da:

Chi parte: il regista, due filmmaker e una producer partiranno per Cracovia e, attraverso dei contatti in loco, raggiungeranno Przemyś e Medyka le città di snodo al confine con l’Ucraina.

Redazione e produzione: attraverso un costante lavoro del nostro team dall’Italia, la redazione aiuterà i filmmaker a muoversi in modo agile ed aggiornato lungo la linea di confine a seconda degli sviluppi della situazione contingente.

Editing istantaneo: ogni giorno i filmmaker invieranno al nostro team di video-editor in Italia il materiale che sarà sin da subito lavorato e costruito, prenderà forma in corso d’opera in modo tale da poter valutare progressivamente la maniera più consona per la distribuzione del lavoro.

Social media manager: parallelamente verranno realizzati dei profili social in costante aggiornamento sul viaggio e gli sviluppi del lavoro.

Il progetto è realizzato in partnership con Overclock (casa di produzione milanese), che sosterrà e accompagnerà il progetto in tutte le sue fasi.

PERCHÉ SOSTENERCI

  • Perché ogni donazione sarà un piccolo ma importante passo per realizzare ciò che abbiamo in mente – c'è bisogno di conoscere con una prospettiva più vicina le persone che sono state costrette a lasciare il loro Paese per salvarsi. Hanno dovuto abbandonare la propria quotidianità, le proprie case, i propri affetti.
  • Perché il 10% del ricavato sarà devoluto ad una community solidale - per aiutare le persone in difficoltà in Ucraina, parte del ricavato verrà devoluto a Mercato Solidale.
  • Per far parte di un grande progetto - vorremmo far conoscere le storie che andremo a raccontare a più persone possibili. Sarà un documentario difficile ma di grande umanità.
  • Perché avrete un aggiornamento continuo dello stato di produzione del progetto - vi forniremo mano a mano aggiornamenti dal confine polacco: foto, video e informazioni più dettagliate di quello che stiamo e stanno vivendo.
  • Perché ci aiuterete a dare voce a tutte quelle persone che devono lottare ogni giorno per rivedere uno spiraglio di normalità.

COME UTILIZZEREMO IL RICAVATO

  • I fondi ricavati saranno utilizzati per coprire parte delle spese di produzione e di distribuzione: noleggi, alloggi, assicurazioni e beni di prima necessità che porteremo al confine per i rifugiati.
  • Doneremo una parte del ricavato alla community Mercato Solidale per aiutare i profughi ucraini.

I fondi raccolti con la campagna non basteranno da soli a coprire tutte le spese di realizzazione del documentario, ma saranno un aiuto fondamentale per realizzare il film proprio come ce lo immaginiamo.
Ogni membro della troupe sta mettendo a disposizione le proprie conoscenze e il proprio lavoro a titolo gratuito.

Grazie di cuore a tutti quelli che crederanno in questo progetto e che decideranno di sostenerci. Siete parte fondamentale della nostra esperienza.

Aggiornamenti (2)
06 May 2022

Rieccoci con le presentazioni del nostro team!
Riprendiamo da dove eravamo rimasti: mentre la troupe era sul confine tra Polonia e Ucraina, dall'Italia erano supportati e coordinati da un super team di produzione e post-produzione tutto al femminile!

Irene Santoro è una producer freelance con vasta esperienza sia in pubblicità che in produzioni indipendenti.
Nata a Venezia e cresciuta tra Padova e Milano, Irene ha sempre sognato di diventare una produttrice cinematografica.
Dopo aver conseguito la laurea in sociologia, ha iniziato a lavorare come assistente alla produzione di Brand Entertainment per due anni su X Factor e Italia's Got Talent. Poi ha collaborato con la società di produzione/agenzia milanese Monkey Talkie, producendo spot pubblicitari con loro per tre anni. Mentre lavorava per Monkey Talkie, ha continuato a costruire la sua rete di connessioni nel cinema indipendente e commerciale a Milano.
Dopo aver deciso di lavorare come freelance, ha iniziato a produrre anche cortometraggi e documentari indipendenti.

 

Ilaria Fusco nasce a Roma nel 1995 ed è una montatrice video.
Ha studiato presso lo IED di Roma laureandosi a pieni voti in Video Design nel 2016.
Inizia la sua carriera con videoclip e cortometraggi fino al gennaio 2017 quando si approccia al mondo del documentario collaborando con la società 42° Parallelo e dando vita a web-series per LaRepubblica e l’Espresso come “Un Unico Destino”, “Anis Amri - come si costruisce un terrorista” e “Daphne, The Execution”, un lungometraggio mandato onda su Sky Atlantic.
Nel 2019 collabora come montatrice al cortometraggio “Touch”, di Michele Mastroianni.
Nel frattempo sviluppa delle relazioni con lo studio pubblicitario di Roma, The Kitchen Farm, e avviano insieme una collaborazione per realtà come Liu-Jo e Bulgari.
All’inizio del 2020 realizza insieme al regista Pier Francesco Cari, il corto documentario “Tre Sorelle”, selezionato e ancora in concorso a diversi festival italiani e internazionali.
Subito dopo dà vita al cortometraggio Una Voce.
Ora lavora a Milano come freelance.

 

Anna Lapiccirella è una montatrice video e colorist freelance, nata a Varese nel 1995, e diplomata in fotografia presso il CFP Bauer di Milano nel 2017.
Negli ultimi anni ha collaborato con varie case di produzione milanesi lavorando principalmente nel campo della pubblicità e della moda per marchi quali Armani, Guess, Eni, Buitoni e altri.
Oltre a ciò si cimenta anche in altre forme espressive quali il documentario e la fiction, firmando il montaggio di cortometraggi e fashion film, tra i quali “Caro Nipote” disponibile su Amazon Prime Video e "LA 129" premiato come Best Editing al La Jolla International Fashion Film Festival.
Partecipa inoltre a progetti documentaristici come "In viaggio con la mente", una ricerca sulla percezione della salute mentale in Sudamerica ed "Exaptation" della regista Aksinja Bellone.

 

Per saperne di più sul team e rimanere aggiornati sulle novità del progetto ci trovate sui social!
IG: instagram.com/throughtheyesofadog
FB: facebook.com/troughtheeyesofadog
Sito: throughtheyesofadog.com

 

Leggi tutto
20 April 2022

Ciao a tutti!

Innanzi tutto un grazie infinito a chi ha deciso di sostenerci con una donazione, una condivisione o anche solo con una chiacchiera tra amici.

Ora che la crew è rientrata dalla Polonia possiamo dedicarci al 100% alla comunicazione e diffusione di questo bellissimo progetto, e qual è il modo migliore se non presentarci?

Come diciamo sempre, Through The Eyes Of A Dog è un progetto che parla di persone ed è proprio un gruppo di splendide persone che l'ha creato!

La troupe che senza farselo ripetere due volte è partita alla volta di Cracovia è composta da Pier Francesco Cari, Riccardo Pompili e Gianluca Salza.

 

Pier Francesco Cari si è laureato nel 2013 in Letteratura, Musica e Spettacolo all'Università La Sapienza di Roma, conseguendo poi nel 2015 la laurea specialistica in Editoria e Scrittura.
Durante la pandemia ha scritto e diretto L'invisibile, un docu-film incentrato sull'essere umano scosso da questo particolare periodo storico di diffusione della Covid-19. Il progetto, realizzato in collaborazione con la produzione milanese Addictive Ideas, è ora disponibile su Amazon Prime Video, Apple Tv e Google Play.
Nei mesi di marzo e aprile 2021 ha scritto, prodotto e diretto il cortometraggio Una voce.
La protagonista Claudia parla con l’assistente digitale, un riflesso di attualità del periodo di pandemia che abbiamo vissuto: manca il contatto, tutto ciò che avviene nel film è virtuale, non tangibile.
Il cortometraggio pone l’attenzione su due temi: quello del ghosting e della sessualità compulsiva.
Distribuito con Premiere Film, ha ricevuto la menzione speciale del pubblico al festival 'Girogirocorto' di Roma e non appena iniziata la fase distributiva è diventato finalista di tre Festival: oltre al Girogirocorto, si è affermato anche al 'Salus Cinefestival' di Caltanissetta e al 'Versi di luce' di Modica.

 

Riccardo Pompili nasce a Spoleto nel 1989 laureato in Scienze dei Beni Culturali e diplomato alla scuola di fotografia CSF Adams.
Il suo percorso nel videomaking è iniziato durante gli anni universitari, portandolo alla realizzazione di vari cortometraggi, video musicali e spot pubblicitari. Ha collaborato con il festival dei due mondi di Spoleto per le due edizioni '18/ '19 realizzando videoclip promozionali. Da settembre 2019 ad agosto 2021 lavora come  operatore in H24 per SkyTg24 creando dirette e clip per news.
Negli ultimi mesi ha lavorato come operatore freelance a Bologna con il service 3v multimedia per servizi Rai e collaborato per vari progetti promozionali.

 

Gianluca Salza nasce a Roma il 19 gennaio del 1986, è un giornalista italiano. Diplomato al Liceo Scientifico, ha iniziato a lavorare come commerciale in un'avviata azienda di famiglia.
Dal 2013 collabora a fondare una web radio giovanile e nel mesi successivi diventa direttore artistico di Radio Punto Zero, in FM. Nel 2015 inizia a scrivere per il gruppo Caffeina Media LTD e collabora con diverse testate nazionali. È anche l'attuale responsabile ufficio stampa dell'agenzia di comunicazione Robin Network.
In questo progetto si cimenta per la prima volta con la produzione video, ruolo che accoglie con entusiasmo e ottime capacità organizzative e relazionali.

 

Per saperne di più sul team e rimanere aggiornati sulle novità del progetto ci trovate sui social!
IG: instagram.com/throughtheyesofadog
FB: facebook.com/troughtheeyesofadog
Sito: throughtheyesofadog.com

 

Vedi tutti gli aggiornamenti
Commenti (0)
170 €
Obiettivo 6.000 €
4
Sostenitori
2
Condivisioni
Utente Anonimo
100€ - 2 mesi fa
Utente Anonimo
30€ - 2 mesi fa
Utente Anonimo
20€ - 3 mesi fa
Scegli una ricompensa
10€ o più

TITOLI DI CODA

  • Inseriremo il tuo nome tra i ringraziamenti speciali nei titoli di coda del documentario (chi dona nell'anonimato non potrà essere inserito)
30€ o più

TITOLI DI CODA + CONTEST ARTWORK TITOLO

  • Inseriremo il tuo nome tra i ringraziamenti speciali nei titoli di coda del documentario (chi dona nell'anonimato non potrà essere inserito)
  • Avrai la possibilità di partecipare al contest per l'artwork del titolo del film. Il vincitore vedrà il suo titolo sulla copertina ufficiale del docu-film.
    Manda il tuo artwork a info.tedproduction@gmail.com
50€ o più

TITOLI DI CODA + ILLUSTRAZIONE PERSONALIZZATA

  • Inseriremo il tuo nome tra i ringraziamenti speciali nei titoli di coda del documentario (chi dona nell'anonimato non potrà essere inserito)
  • Riceverai una post-card con l'esclusiva illustrazione dell'artista Elena Molinari, in formato 12x12, con un ringraziamento personalizzato da parte della troupe
100€ o più

TITOLI DI CODA + ILLUSTRAZIONE PERSONALIZZATA + CONTENUTI SPECIALI

  • Inseriremo il tuo nome tra i ringraziamenti speciali nei titoli di coda del documentario (chi dona nell'anonimato non potrà essere inserito)
  • Riceverai una post-card con l'esclusiva illustrazione dell'artista Elena Molinari, in formato 12x12, con un ringraziamento da parte della troupe personalizzata.
  • Riceverai dei contenuti speciali dal confine polacco-ucraino
200€ o più

TITOLI DI CODA + ILLUSTRAZIONE PERSONALIZZATA + CONTENUTI SPECIALI + LINK PRIVATO 

  • Inseriremo il tuo nome tra i ringraziamenti speciali nei titoli di coda del documentario (chi dona nell'anonimato non potrà essere inserito)
  • Riceverai una post-card con l'esclusiva illustrazione dell'artista Elena Molinari, in formato 12x12, con un ringraziamento da parte della troupe personalizzata.
  • Riceverai dei contenuti speciali dal confine polacco-ucraino
  • Riceverai il link privato del docu-film in anteprima
Milano, Italia
Solidarietà

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha generato una guerra al confine dell’Europa, provocando l’esodo più rapido e più grande di profughi nell’era moderna.

IL PROGETTO
Il docu-film vuole raccontare le storie di queste persone, deprivate della propria normalità e in viaggio verso direzioni ignote, in condizioni di sopravvivenza e senza nessun tipo di prospettiva nella quale rifugiarsi dall’incubo del presente. Le storie che racconteremo saranno immagini rasoterra, non si intersecheranno con le cause politiche e sociali di tale conflitto, non tenteranno di trovare una spiegazione, non si metteranno al riparo dietro uno spirito nazionalista. Come dagli occhi di un cane sul quale crolla il tetto di una casa nella quale ha sempre trovato riparo, ci interrogheremo e rappresenteremo soltanto le conseguenze, ignorando volutamente le cause geopolitiche della distruzione. Vogliamo rappresentare l’orrore della guerra senza filtro, così tremenda proprio perché priva di ragione.

La Polonia ha accolto più di un milione di persone dall’Ucraina. Esistono molte organizzazioni di privati e autorità territoriali che stanno lavorando ogni giorno per accogliere i richiedenti asilo.

Vogliamo incontrare gli uomini, le donne e i bambini che sono in fuga dalla propria terra e raccontare la loro storia.

  • si tratta di un progetto in "continuo divenire”, si adatterà e modellerà sulla base delle circostanze che si incontreranno sul territorio;
  • non si tratta né di reportage né di un prodotto politicizzato ma di un docu-film che vuole raccontare l'emotività più nascosta attraverso gli occhi di altre persone;
  • abbiamo bisogno di coprire almeno una parte dei costi vivi della troupe che verrà inviata al confine polacco ucraino.

PERCHÉ LO STIAMO FACENDO?
Lo stiamo facendo principalmente perché, come gruppo di lavoro, non riusciamo a sederci inermi su quello che sta succedendo e vorremmo poter dare il nostro contributo rendendo immortali le storie di queste persone.

CHI SIAMO. IL TEAM
Siamo un team di professionisti nel settore televisivo e cinematografico.
Amiamo il nostro lavoro, il mondo che ci circonda è la nostra fonte di ispirazione. Vogliamo raccontare storie, conoscere nuove culture e lavorare a prodotti che riteniamo necessari. La nostra passione e il nostro senso di umanità ci hanno spinto a non chiudere gli occhi e voler raccontare l'orrore a cui tutto il mondo sta assistendo. Vogliamo sentirci utili facendo quello che sappiamo fare meglio.
È un'esigenza, una missione.

La nostra crew è composta da:

Chi parte: il regista, due filmmaker e una producer partiranno per Cracovia e, attraverso dei contatti in loco, raggiungeranno Przemyś e Medyka le città di snodo al confine con l’Ucraina.

Redazione e produzione: attraverso un costante lavoro del nostro team dall’Italia, la redazione aiuterà i filmmaker a muoversi in modo agile ed aggiornato lungo la linea di confine a seconda degli sviluppi della situazione contingente.

Editing istantaneo: ogni giorno i filmmaker invieranno al nostro team di video-editor in Italia il materiale che sarà sin da subito lavorato e costruito, prenderà forma in corso d’opera in modo tale da poter valutare progressivamente la maniera più consona per la distribuzione del lavoro.

Social media manager: parallelamente verranno realizzati dei profili social in costante aggiornamento sul viaggio e gli sviluppi del lavoro.

Il progetto è realizzato in partnership con Overclock (casa di produzione milanese), che sosterrà e accompagnerà il progetto in tutte le sue fasi.

PERCHÉ SOSTENERCI

  • Perché ogni donazione sarà un piccolo ma importante passo per realizzare ciò che abbiamo in mente – c'è bisogno di conoscere con una prospettiva più vicina le persone che sono state costrette a lasciare il loro Paese per salvarsi. Hanno dovuto abbandonare la propria quotidianità, le proprie case, i propri affetti.
  • Perché il 10% del ricavato sarà devoluto ad una community solidale - per aiutare le persone in difficoltà in Ucraina, parte del ricavato verrà devoluto a Mercato Solidale.
  • Per far parte di un grande progetto - vorremmo far conoscere le storie che andremo a raccontare a più persone possibili. Sarà un documentario difficile ma di grande umanità.
  • Perché avrete un aggiornamento continuo dello stato di produzione del progetto - vi forniremo mano a mano aggiornamenti dal confine polacco: foto, video e informazioni più dettagliate di quello che stiamo e stanno vivendo.
  • Perché ci aiuterete a dare voce a tutte quelle persone che devono lottare ogni giorno per rivedere uno spiraglio di normalità.

COME UTILIZZEREMO IL RICAVATO

  • I fondi ricavati saranno utilizzati per coprire parte delle spese di produzione e di distribuzione: noleggi, alloggi, assicurazioni e beni di prima necessità che porteremo al confine per i rifugiati.
  • Doneremo una parte del ricavato alla community Mercato Solidale per aiutare i profughi ucraini.

I fondi raccolti con la campagna non basteranno da soli a coprire tutte le spese di realizzazione del documentario, ma saranno un aiuto fondamentale per realizzare il film proprio come ce lo immaginiamo.
Ogni membro della troupe sta mettendo a disposizione le proprie conoscenze e il proprio lavoro a titolo gratuito.

Grazie di cuore a tutti quelli che crederanno in questo progetto e che decideranno di sostenerci. Siete parte fondamentale della nostra esperienza.

Aggiornamenti (3)
06 May 2022

Rieccoci con le presentazioni del nostro team!
Riprendiamo da dove eravamo rimasti: mentre la troupe era sul confine tra Polonia e Ucraina, dall'Italia erano supportati e coordinati da un super team di produzione e post-produzione tutto al femminile!

Irene Santoro è una producer freelance con vasta esperienza sia in pubblicità che in produzioni indipendenti.
Nata a Venezia e cresciuta tra Padova e Milano, Irene ha sempre sognato di diventare una produttrice cinematografica.
Dopo aver conseguito la laurea in sociologia, ha iniziato a lavorare come assistente alla produzione di Brand Entertainment per due anni su X Factor e Italia's Got Talent. Poi ha collaborato con la società di produzione/agenzia milanese Monkey Talkie, producendo spot pubblicitari con loro per tre anni. Mentre lavorava per Monkey Talkie, ha continuato a costruire la sua rete di connessioni nel cinema indipendente e commerciale a Milano.
Dopo aver deciso di lavorare come freelance, ha iniziato a produrre anche cortometraggi e documentari indipendenti.

 

Ilaria Fusco nasce a Roma nel 1995 ed è una montatrice video.
Ha studiato presso lo IED di Roma laureandosi a pieni voti in Video Design nel 2016.
Inizia la sua carriera con videoclip e cortometraggi fino al gennaio 2017 quando si approccia al mondo del documentario collaborando con la società 42° Parallelo e dando vita a web-series per LaRepubblica e l’Espresso come “Un Unico Destino”, “Anis Amri - come si costruisce un terrorista” e “Daphne, The Execution”, un lungometraggio mandato onda su Sky Atlantic.
Nel 2019 collabora come montatrice al cortometraggio “Touch”, di Michele Mastroianni.
Nel frattempo sviluppa delle relazioni con lo studio pubblicitario di Roma, The Kitchen Farm, e avviano insieme una collaborazione per realtà come Liu-Jo e Bulgari.
All’inizio del 2020 realizza insieme al regista Pier Francesco Cari, il corto documentario “Tre Sorelle”, selezionato e ancora in concorso a diversi festival italiani e internazionali.
Subito dopo dà vita al cortometraggio Una Voce.
Ora lavora a Milano come freelance.

 

Anna Lapiccirella è una montatrice video e colorist freelance, nata a Varese nel 1995, e diplomata in fotografia presso il CFP Bauer di Milano nel 2017.
Negli ultimi anni ha collaborato con varie case di produzione milanesi lavorando principalmente nel campo della pubblicità e della moda per marchi quali Armani, Guess, Eni, Buitoni e altri.
Oltre a ciò si cimenta anche in altre forme espressive quali il documentario e la fiction, firmando il montaggio di cortometraggi e fashion film, tra i quali “Caro Nipote” disponibile su Amazon Prime Video e "LA 129" premiato come Best Editing al La Jolla International Fashion Film Festival.
Partecipa inoltre a progetti documentaristici come "In viaggio con la mente", una ricerca sulla percezione della salute mentale in Sudamerica ed "Exaptation" della regista Aksinja Bellone.

 

Per saperne di più sul team e rimanere aggiornati sulle novità del progetto ci trovate sui social!
IG: instagram.com/throughtheyesofadog
FB: facebook.com/troughtheeyesofadog
Sito: throughtheyesofadog.com

 

20 April 2022

Ciao a tutti!

Innanzi tutto un grazie infinito a chi ha deciso di sostenerci con una donazione, una condivisione o anche solo con una chiacchiera tra amici.

Ora che la crew è rientrata dalla Polonia possiamo dedicarci al 100% alla comunicazione e diffusione di questo bellissimo progetto, e qual è il modo migliore se non presentarci?

Come diciamo sempre, Through The Eyes Of A Dog è un progetto che parla di persone ed è proprio un gruppo di splendide persone che l'ha creato!

La troupe che senza farselo ripetere due volte è partita alla volta di Cracovia è composta da Pier Francesco Cari, Riccardo Pompili e Gianluca Salza.

 

Pier Francesco Cari si è laureato nel 2013 in Letteratura, Musica e Spettacolo all'Università La Sapienza di Roma, conseguendo poi nel 2015 la laurea specialistica in Editoria e Scrittura.
Durante la pandemia ha scritto e diretto L'invisibile, un docu-film incentrato sull'essere umano scosso da questo particolare periodo storico di diffusione della Covid-19. Il progetto, realizzato in collaborazione con la produzione milanese Addictive Ideas, è ora disponibile su Amazon Prime Video, Apple Tv e Google Play.
Nei mesi di marzo e aprile 2021 ha scritto, prodotto e diretto il cortometraggio Una voce.
La protagonista Claudia parla con l’assistente digitale, un riflesso di attualità del periodo di pandemia che abbiamo vissuto: manca il contatto, tutto ciò che avviene nel film è virtuale, non tangibile.
Il cortometraggio pone l’attenzione su due temi: quello del ghosting e della sessualità compulsiva.
Distribuito con Premiere Film, ha ricevuto la menzione speciale del pubblico al festival 'Girogirocorto' di Roma e non appena iniziata la fase distributiva è diventato finalista di tre Festival: oltre al Girogirocorto, si è affermato anche al 'Salus Cinefestival' di Caltanissetta e al 'Versi di luce' di Modica.

 

Riccardo Pompili nasce a Spoleto nel 1989 laureato in Scienze dei Beni Culturali e diplomato alla scuola di fotografia CSF Adams.
Il suo percorso nel videomaking è iniziato durante gli anni universitari, portandolo alla realizzazione di vari cortometraggi, video musicali e spot pubblicitari. Ha collaborato con il festival dei due mondi di Spoleto per le due edizioni '18/ '19 realizzando videoclip promozionali. Da settembre 2019 ad agosto 2021 lavora come  operatore in H24 per SkyTg24 creando dirette e clip per news.
Negli ultimi mesi ha lavorato come operatore freelance a Bologna con il service 3v multimedia per servizi Rai e collaborato per vari progetti promozionali.

 

Gianluca Salza nasce a Roma il 19 gennaio del 1986, è un giornalista italiano. Diplomato al Liceo Scientifico, ha iniziato a lavorare come commerciale in un'avviata azienda di famiglia.
Dal 2013 collabora a fondare una web radio giovanile e nel mesi successivi diventa direttore artistico di Radio Punto Zero, in FM. Nel 2015 inizia a scrivere per il gruppo Caffeina Media LTD e collabora con diverse testate nazionali. È anche l'attuale responsabile ufficio stampa dell'agenzia di comunicazione Robin Network.
In questo progetto si cimenta per la prima volta con la produzione video, ruolo che accoglie con entusiasmo e ottime capacità organizzative e relazionali.

 

Per saperne di più sul team e rimanere aggiornati sulle novità del progetto ci trovate sui social!
IG: instagram.com/throughtheyesofadog
FB: facebook.com/troughtheeyesofadog
Sito: throughtheyesofadog.com

 


Per maggiori informazioni contattaci al nostro indirizzo privacy@eppela.com