Aiuto DIRETTO per i rifugiati del Myanmar
Altopascio, Italia
Civico
Obiettivi:
Sconfiggere la povertàRidurre le disuguaglianzePace, giustizia e istituzioni solide

Molti di voi conoscono la disastrosa situazione in Myanmar. Dal colpo di stato militare del febbraio 2021 il Paese è sprofondato nel caos. I villaggi vengono bruciati e centinaia di migliaia di persone sono in fuga.

La crisi ha causato lo sfollamento di oltre 400.000 persone, con decine di migliaia di rifugiati in fuga in India e Thailandia. L'ONU stima che il numero di persone bisognose di assistenza aumenterà da 1 milione prima del colpo di stato a 14,4 milioni entro il 2022, inclusi oltre 5 milioni di bambini. Circa 25 milioni di persone, ovvero metà della popolazione, potrebbero vivere al di sotto della soglia di povertà nazionale il prossimo anno.

La cosa necessaria da fare adesso è fornire scorte di cibo e medicinali; serbatoi d'acqua, filtri per l'acqua, sali idratanti, medicinali per la diarrea, antidolorifici, disinfezione, kit di pronto soccorso, ecc. Inoltre pacchi per confezionare il cibo, olio da cucina, verdure… (potrei continuare all’infinito). 

Le persone sono accampate al confine fisico tra Thailandia e Myanmar, in zone in cui sono frequenti conflitti e gli aerei militari dell'esercito birmano spesso sganciano bombe. Vivono in reali situazioni di pericolo, che generano anche problemi psichici non indifferenti.

 

Questo è soltanto un campo rifugiati in cui erano presenti 400 persone, ma il numero varia di giorno in giorno.

Ho visitato anche un altro campo, questa volta sulla sponda birmana. La situazione non cambia e queste persone, a differenza delle altre, vivono da più tempo in questo posto. La prima bambina che vedete è nata nel campo e sua madre non smetteva di sorridere, nonostante la situazione…

Ovviamente non riusciremo a supportare tutti, sono decine di migliaia i rifugiati in viaggio, ma ciò non toglie che ognuno di noi può fare qualcosa per questa gente.

Nelle  foto che seguono, invece, potete vedere il lavoro incessante delle organizzazioni locali, che ogni giorno preparano migliaia di pasti. Parlare con loro mi ha dato una grande forza emotiva, ho visto nei loro occhi grande fierezza e consapevolezza.

Gli aiuti arriveranno direttamente alle persone interessate. 

Caricherò su questa pagina il resoconto degli interventi con i soldini che raccoglieremo. Un piccolo gesto può essere davvero importante. Adesso che sono rientrato in Italia ho la possibilità di creare questa raccolta fondi senza mettere a repentaglio la sicurezza di nessuno, da Mae Sot la geolocalizzazione avrebbe potuto creare problemi.

Le donazioni arriveranno senza filtri, senza intermediari. Un incentivo per tutti noi a esserci, anche in minima parte! Si può condividere questa raccolta fondi con amici e parenti. 

Facciamo diventare tante piccole gocce un oceano di solidarietà per qualcosa di più concreto, DONIAMO!!!

Commenti (1)
Utente Anonimo ha donato 50€
Grazie di cuore
19/02/2022
50 €
Obiettivo 3.000 €
54
Giorni rimanenti
1
Sostenitori
0
Condivisioni
Utente Anonimo
50€ - 7 mesi fa
Altopascio, Italia
Civico
Obiettivi:
Sconfiggere la povertàRidurre le disuguaglianzePace, giustizia e istituzioni solide

Molti di voi conoscono la disastrosa situazione in Myanmar. Dal colpo di stato militare del febbraio 2021 il Paese è sprofondato nel caos. I villaggi vengono bruciati e centinaia di migliaia di persone sono in fuga.

La crisi ha causato lo sfollamento di oltre 400.000 persone, con decine di migliaia di rifugiati in fuga in India e Thailandia. L'ONU stima che il numero di persone bisognose di assistenza aumenterà da 1 milione prima del colpo di stato a 14,4 milioni entro il 2022, inclusi oltre 5 milioni di bambini. Circa 25 milioni di persone, ovvero metà della popolazione, potrebbero vivere al di sotto della soglia di povertà nazionale il prossimo anno.

La cosa necessaria da fare adesso è fornire scorte di cibo e medicinali; serbatoi d'acqua, filtri per l'acqua, sali idratanti, medicinali per la diarrea, antidolorifici, disinfezione, kit di pronto soccorso, ecc. Inoltre pacchi per confezionare il cibo, olio da cucina, verdure… (potrei continuare all’infinito). 

Le persone sono accampate al confine fisico tra Thailandia e Myanmar, in zone in cui sono frequenti conflitti e gli aerei militari dell'esercito birmano spesso sganciano bombe. Vivono in reali situazioni di pericolo, che generano anche problemi psichici non indifferenti.

 

Questo è soltanto un campo rifugiati in cui erano presenti 400 persone, ma il numero varia di giorno in giorno.

Ho visitato anche un altro campo, questa volta sulla sponda birmana. La situazione non cambia e queste persone, a differenza delle altre, vivono da più tempo in questo posto. La prima bambina che vedete è nata nel campo e sua madre non smetteva di sorridere, nonostante la situazione…

Ovviamente non riusciremo a supportare tutti, sono decine di migliaia i rifugiati in viaggio, ma ciò non toglie che ognuno di noi può fare qualcosa per questa gente.

Nelle  foto che seguono, invece, potete vedere il lavoro incessante delle organizzazioni locali, che ogni giorno preparano migliaia di pasti. Parlare con loro mi ha dato una grande forza emotiva, ho visto nei loro occhi grande fierezza e consapevolezza.

Gli aiuti arriveranno direttamente alle persone interessate. 

Caricherò su questa pagina il resoconto degli interventi con i soldini che raccoglieremo. Un piccolo gesto può essere davvero importante. Adesso che sono rientrato in Italia ho la possibilità di creare questa raccolta fondi senza mettere a repentaglio la sicurezza di nessuno, da Mae Sot la geolocalizzazione avrebbe potuto creare problemi.

Le donazioni arriveranno senza filtri, senza intermediari. Un incentivo per tutti noi a esserci, anche in minima parte! Si può condividere questa raccolta fondi con amici e parenti. 

Facciamo diventare tante piccole gocce un oceano di solidarietà per qualcosa di più concreto, DONIAMO!!!

Commenti (1)
Utente Anonimo ha donato 50€
Grazie di cuore
19/02/2022

Per maggiori informazioni contattaci al nostro indirizzo privacy@eppela.com
Esplora