iSea
Cava De' Tirreni, Italia
Tecnologia
Obiettivi:
Salute e benessereVita sott'acqua

Tecnologia avanzata in difesa del popolo del mare


Immaginate un drone che si alza in cielo verso il mare e dall'alto riprende le acque costiere sapendo riconoscere la presenza di plastica sulla loro superficie. A quel punto, in tempo reale segnala il punto esatto dove ha individuato i rifiuti plastici e un team di volontari interviene a rimuoverli a bordo di una barchetta. 

Questo è quello che oggi possiamo realizzare sul litorale Domizio, nell'area protetta della Foce del Volturno (CE), attraverso il progetto iSea, selezionato e sostenuto dalla Regione Campania e da altri 10 partner europei nell'ambito dell'iniziativa Blue Crowdfunding (https://blue-crowdfunding.interreg-med.eu/). Lo realizzeremo con il contributo dei volontari di Legambiente e dell'associazione Domizia e con il supporto tecnologico della società N3 Srl, esperta in reti neurali e applicazioni di Intelligenza Artificiale.

 

 

Attraverso una tecnologia di ultima generazione a servizio della lotta al fenomeno del marine litter (l'inquinamento marino), vogliamo creare un sistema di monitoraggio aereo delle acque costiere capace di riconoscere e rilevare la presenza di rifiuti plastici di diverse forme e dimensioni (es. bottiglie, sacchetti etc.) presenti sulla superficie del mare, prima che vadano in profondità o che vengano inghiottiti da tartarughe e pesci. Per raggiungere questo risultato, ci affideremo ad una intelligenza artificiale appositamente istruita per riconoscere elementi di plastica presente in mare attraverso l'analisi in tempo reale di immagini video catturate da un drone
Per svolgere i primi test abbiamo scelto di partire da un territorio particolare: il litorale casertano, conosciuto tristemente per la "Terra dei Fuochi": per noi è un simbolo di rinascita e di ripartenza, anche attraverso la valorizzazione del mare che la circonda. 

[clausola all or nothing] La somma che vogliamo raccogliere ci servirà ad acquistare la strumentazione necessaria ad avviare il progetto iSea, se non dovessimo raggiungere l'obiettivo restituiremo le donazioni al termine della campagna.

 

Dove opereremo di preciso?

Il contesto territoriale di riferimento dove implementeremo l'iniziativa “iSea” è il litorale casertano in Campania, con un focus particolare alle aree della Foce del Volturno e Costa di Licola. Ma quando finiremo la fase di sviluppo e avremo un software “istruito” a dovere, a quel punto iSea non avrà confini e potrà sorvolare i mari di qualsiasi angolo del mondo per scovare le plastiche.

 

Le fasi del progetto

Il cuore del progetto iSea (https://i-sea.it) è la fase di sperimentazione operativa: il momento in cui "addestriamo" l'Intelligenza Artificiale a riconoscere autonomamente elementi di plastica, di varie forme e dimensioni, presenti sulla superficie del mare. Per fare ciò, ci affideremo ad una rete neurale, basata sulla tecnologia del machine learning, a cui faremo "visionare" una lunga serie di immagini e contenuti video in modo da aumentare la precisione nel riconoscimento dei rifiuti plastici. Come un essere umano, anche il computer alla base dell'intelligenza artificiale ha bisogno di essere istruito sui compiti da dover svolgere: più informazioni e dati riusciamo a fornirgli e più la sua capacità di riconoscere i materiali plastici aumenterà. Un nostro operatore affiancherà il software per aiutarlo nell'identificare i primi oggetti plastici in modo manuale, così da rendere il sistema sempre più autonomo nell'apprendere la presenza dei rifiuti nelle successive osservazioni. 

In questa fase sarà fondamentale l'affiancamento offerto dal team di sviluppatori ed esperti in reti neurali dell'azienda N3 Srl (https://n-3.it/), nonché l'apporto del nostro Gianpaolo Greco, figura di spicco a livello nazionale per ciò che riguarda le tematiche dell'intelligenza artificiale, della realtà aumentata e del machine learning.
Al termine dell'addestramento, entreremo in una nuova fase dove programmeremo il software dell'Intelligenza artificiale in modo che sia in grado di produrre in tempo reale un report sul tasso di inquinamento marino da rifiuti plastici e dare un indice di riferimento.

Una volta pronto il sistema di rilevamento delle plastiche in mare, sperimenteremo anche la fase di raccolta dei rifiuti individuati, attraverso l'apporto di volontari di Legambiente e dell'associazione Domizia che salperanno a bordo di barchette durante delle giornate di sensibilizzazione dedicate.
 

 

Cosa realizzeremo grazie alla raccolta fondi?

• Un database di dati e informazioni circa la presenza di plastiche sulle coste analizzate.

• Un software istruito per essere in grado di supportare il monitoraggio delle plastiche nei mari da effettuarsi con droni e strumenti di foto-video registrazione.

• Un evento sul territorio Area target, organizzato insieme a Legambiente Campania e all’associazione Domizia, impegnata proprio nella valorizzazione dell’area naturale protetta di Castel Volturno, durante il quale sensibilizzare e coinvolgere gli stakeholders.

• Un presidio fisso al The Green Hub di Cava de’ Tirreni, gestito dalla nostra associazione Legambiente Terra Metelliana, dove poter prendere appuntamento con gli esperti e i partner coinvolti nel progetto.

• Uno spazio web dove la cittadinanza, le aziende e le istituzioni possono visualizzare informazioni sulla tecnologia utilizzata, sui risultati man mano raggiunti e su come la presenza di plastica nei mari impatta dal punto di vista socio-ambientale.

Il team si impegna a completare tutte le sfide descritte. Per avere successo e generare un impatto in tempi brevi sarà indispensabile portare a termine parte degli stretch goals, fondi importanti per strutturarci ed essere di impatto per la nostra missione.

 

Come spendiamo i soldi?

Il nostro target minimo da raggiungere è di 14.860 €, secondo un piano finanziario dettagliato che è stato approvato già dalla Regione Campania. I fondi richiesti serviranno per:

- acquisizione della strumentazione hardware (Raspberry PI - Nvidea Jetson - Drone); 

- addestramento e sviluppo del software AI per il riconoscimento della plastica; 

- raccolta materiale video direttamente sulle spiagge selezionate per la prima sperimentazione; 

- test con i droni (autonomia, patrolling, jamming, trasmissione dati, ecc); 

- creazione algoritmo di reportistica; 

- accordi con enti e associazioni che operano sul litorale; 

- elaborazione dati

- attività di promozione e divulgazione dei risultati e della tecnologia;

- coinvolgimento di cittadini per la pulizia del litorale.

 

Sviluppi senza confini, come il mare

Gli utilizzi di questa tecnica potranno essere svariati e potranno dare una visione giornaliera, settimanale o mensile dello stato dei nostri litorali. Le informazioni potranno essere condivise in tempo reali ed utilizzate per compiere delle azioni mirate dove c'è effettiva necessità. Grazie ai primi risultati che si riusciranno ad ottenere sull’area casertana, sarà possibile replicare lo stesso meccanismo, inoltre con un software già istruito che tenderà sempre a migliorarsi, in altre aree della Regione prima, e a livello internazionale poi.

 

Stretch Goals

Non ci poniamo limiti: per questo motivo abbiamo già programmato i prossimi step nel caso in cui riusciamo a superare il finanziamento richiesto!

+ 20.000 € = Acquisto di una telecamera ad infrarossi che ci permette di addestrare la AI a riconoscere la plastica basandosi sugli infrarossi (stessa tecnica usata dall'ESA), superando la problematica legata al cambio di luce.

+ 25.000 € = Espansione della sperimentazione su un nuovo litorale per i test, dove andremo a raccogliere materiale video per l'addestramento e fare un report dedicato a termine sperimentazione.

+ 35.000 € = Acquisto di un Drone di ultima generazione in grado di monitorare fino a 10 km di spiaggia. Questo passaggio ci permetterà di monitorare zone molto più ampie rispetto all'utilizzo di un drone standard.

+ 50.000 € = Implementazione di una intera zona monitorata e protetta in accordo con i circoli di Legambiente partner dove sperimentare la tecnologia e pianificare azioni di plastica per rendere la spiaggia Plastic Free.

+ 75.000 € = Borsa di studio per un anno per un PHD in reti neurali finalizzata alla creazione di algoritmi più performanti e pubblicazioni scientifiche per portare il progetto ad un livello internazionale.

 

Chi Siamo

Siamo un mix di professionisti del mondo dell'innovazione e della sostenibilità ambientali che presentiamo l'iniziativa attraverso l'associazione Legambiente “Terra Metelliana”, supportati dai volontari di Legambiente “Campania Felix” e dell'associazione Domizia, e dalle alte competenze dell'azienda N3 Srl che affianca le imprese nel processo di digitalizzazione, dal supporto tecnico allo sviluppo di applicativi multipiattaforma.
Il team di professionisti che si occuperà in prima persona di sviluppare la tecnologia si è incontrato e tutt'ora si riunisce nel polo di eco-innovations The Green Hub, ed è composto da: 
- Attilio Palumbo, Project Manager, si occupa del coordinamento e della supervisione delle attività progettuali; 
- Andrea Novati, R&D Manager. Direttore di N3 Srl, guida la parte tecnica dello sviluppo dell'AI basata su rete neurale; 
- Gianpaolo Greco, Business Developer, si occupa dello sviluppo di soluzioni imprenditoriali per l'espansione del progetto;
- Carlo Cavaliere, Communication Manager, coordina e gestisce le attività di comunicazione del progetto e ne cura la brand identity;
- il Team di ricercatori e sviluppatori di N3, lavoreranno sull'addestramento dell'AI e la gestione dei sistemi informatici; 
- Christian Bisogno, Responsabile Riprese e Raccolta dati, acquisirà sul campo i filmati necessari ad istruire il software.

Per informazioni puoi contattarci alla mail info@terrametelliana.it o al numero +39 347 134 4937.

Commenti (2)
Utente anonimo ha donato 35€
Mi piace, alta tecnologia al servizio del Pianeta!
10/11/2021
Utente Anonimo ha donato 35€
Forza Legambiente e forza green hub
04/11/2021
70 €
Obiettivo 14.860 €
2
Sostenitori
0
Condivisioni
Utente Anonimo
35€ - 2 settimane fa
Utente Anonimo
35€ - 3 settimane fa
Scegli una ricompensa
10€ o più

iSea Friend 

Un piccolo gesto di fiducia che sarà ricompensato dal team di iSea inserendoti nella lista dei nostri contatti, per regalarti un'informazione periodica via e-mail e per aggiornarti in anteprima sugli sviluppi del progetto!

35€ o più

iSea Ambassador  

Vogliamo premiare il tuo impegno per l'ambiente con la nostra T-shirt ufficiale! 
La maglia che abbiamo realizzato per te non contiene microplastiche, pericolose per il mare e rilasciate durante i lavaggi dalla maggior parte degli indumenti.

48/50 Disponibili
200€ o più

iSea & You 

Avremo il piacere di dedicarti 1 ora del nostro tempo tramite una videochiamata per raccontarti nel dettaglio lo stato di avanzamento del progetto e approfondire cosa è una rete neurale, come funziona. Capiremo insieme le possibili applicazioni dell'AI per il tuo business attraverso un percorso di Design Thinking.

10/10 Disponibili
500€ o più

iSea Partner

Diventa partner a tutti gli effetti del progetto, verrai coinvolto in una serie di attività che organizzeremo per la tutela del mare (attività di monitoraggio del mare o di raccolta della plastica) e otterrai la tessera socio di Legambiente Terra Metelliana insieme alla rivista mensile La Nuova Ecologia.

10/10 Disponibili
900€ o più

iSea Co-Worker

Ricevi un desk onorario per 1 anno nel nostro spazio co-working, nonché quartiere generale del progetto iSea: il The Green Hub di Cava de' Tirreni (thegreenhub.org). Incluso c'è l'esposizione del tuo brand presso la sede e il sitoweb del The Green Hub. Inoltre, potrai prendere parte (o delegare qualcuno a farlo) a tutti i momenti di networking e di alta formazione previsti nel centro durante il 2022.  Ci sono solo 5 postazioni disponibili, non lasciartele scappare!

5/5 Disponibili
2000€ o più

AI-LAB

Al partner “AI-LAB” il nostro team offrirà un laboratorio di AI presso la sua organizzazione, scuola, azienda, ecc. Insieme capiremo quali sono le tecnologie applicabili oggi e  lavoreremo su una rete neurale ad un progetto innovativo ideato su misura.

4/4 Disponibili
4000€ o più

iSea Investor

Entra a far parte del progetto da protagonista, inseriremo il logo della tua impresa o della tua attività in tutte la attività di comunicazioni, per tutta la fase di sperimentazione prevista nella prima metà del 2022. Inoltre, prenderai parte alle riunioni operative per definire le strategie di espansione di I-Sea.

2/2 Disponibili
Cava De' Tirreni, Italia
Tecnologia
Obiettivi:
Salute e benessereVita sott'acqua

Tecnologia avanzata in difesa del popolo del mare


Immaginate un drone che si alza in cielo verso il mare e dall'alto riprende le acque costiere sapendo riconoscere la presenza di plastica sulla loro superficie. A quel punto, in tempo reale segnala il punto esatto dove ha individuato i rifiuti plastici e un team di volontari interviene a rimuoverli a bordo di una barchetta. 

Questo è quello che oggi possiamo realizzare sul litorale Domizio, nell'area protetta della Foce del Volturno (CE), attraverso il progetto iSea, selezionato e sostenuto dalla Regione Campania e da altri 10 partner europei nell'ambito dell'iniziativa Blue Crowdfunding (https://blue-crowdfunding.interreg-med.eu/). Lo realizzeremo con il contributo dei volontari di Legambiente e dell'associazione Domizia e con il supporto tecnologico della società N3 Srl, esperta in reti neurali e applicazioni di Intelligenza Artificiale.

 

 

Attraverso una tecnologia di ultima generazione a servizio della lotta al fenomeno del marine litter (l'inquinamento marino), vogliamo creare un sistema di monitoraggio aereo delle acque costiere capace di riconoscere e rilevare la presenza di rifiuti plastici di diverse forme e dimensioni (es. bottiglie, sacchetti etc.) presenti sulla superficie del mare, prima che vadano in profondità o che vengano inghiottiti da tartarughe e pesci. Per raggiungere questo risultato, ci affideremo ad una intelligenza artificiale appositamente istruita per riconoscere elementi di plastica presente in mare attraverso l'analisi in tempo reale di immagini video catturate da un drone
Per svolgere i primi test abbiamo scelto di partire da un territorio particolare: il litorale casertano, conosciuto tristemente per la "Terra dei Fuochi": per noi è un simbolo di rinascita e di ripartenza, anche attraverso la valorizzazione del mare che la circonda. 

[clausola all or nothing] La somma che vogliamo raccogliere ci servirà ad acquistare la strumentazione necessaria ad avviare il progetto iSea, se non dovessimo raggiungere l'obiettivo restituiremo le donazioni al termine della campagna.

 

Dove opereremo di preciso?

Il contesto territoriale di riferimento dove implementeremo l'iniziativa “iSea” è il litorale casertano in Campania, con un focus particolare alle aree della Foce del Volturno e Costa di Licola. Ma quando finiremo la fase di sviluppo e avremo un software “istruito” a dovere, a quel punto iSea non avrà confini e potrà sorvolare i mari di qualsiasi angolo del mondo per scovare le plastiche.

 

Le fasi del progetto

Il cuore del progetto iSea (https://i-sea.it) è la fase di sperimentazione operativa: il momento in cui "addestriamo" l'Intelligenza Artificiale a riconoscere autonomamente elementi di plastica, di varie forme e dimensioni, presenti sulla superficie del mare. Per fare ciò, ci affideremo ad una rete neurale, basata sulla tecnologia del machine learning, a cui faremo "visionare" una lunga serie di immagini e contenuti video in modo da aumentare la precisione nel riconoscimento dei rifiuti plastici. Come un essere umano, anche il computer alla base dell'intelligenza artificiale ha bisogno di essere istruito sui compiti da dover svolgere: più informazioni e dati riusciamo a fornirgli e più la sua capacità di riconoscere i materiali plastici aumenterà. Un nostro operatore affiancherà il software per aiutarlo nell'identificare i primi oggetti plastici in modo manuale, così da rendere il sistema sempre più autonomo nell'apprendere la presenza dei rifiuti nelle successive osservazioni. 

In questa fase sarà fondamentale l'affiancamento offerto dal team di sviluppatori ed esperti in reti neurali dell'azienda N3 Srl (https://n-3.it/), nonché l'apporto del nostro Gianpaolo Greco, figura di spicco a livello nazionale per ciò che riguarda le tematiche dell'intelligenza artificiale, della realtà aumentata e del machine learning.
Al termine dell'addestramento, entreremo in una nuova fase dove programmeremo il software dell'Intelligenza artificiale in modo che sia in grado di produrre in tempo reale un report sul tasso di inquinamento marino da rifiuti plastici e dare un indice di riferimento.

Una volta pronto il sistema di rilevamento delle plastiche in mare, sperimenteremo anche la fase di raccolta dei rifiuti individuati, attraverso l'apporto di volontari di Legambiente e dell'associazione Domizia che salperanno a bordo di barchette durante delle giornate di sensibilizzazione dedicate.
 

 

Cosa realizzeremo grazie alla raccolta fondi?

• Un database di dati e informazioni circa la presenza di plastiche sulle coste analizzate.

• Un software istruito per essere in grado di supportare il monitoraggio delle plastiche nei mari da effettuarsi con droni e strumenti di foto-video registrazione.

• Un evento sul territorio Area target, organizzato insieme a Legambiente Campania e all’associazione Domizia, impegnata proprio nella valorizzazione dell’area naturale protetta di Castel Volturno, durante il quale sensibilizzare e coinvolgere gli stakeholders.

• Un presidio fisso al The Green Hub di Cava de’ Tirreni, gestito dalla nostra associazione Legambiente Terra Metelliana, dove poter prendere appuntamento con gli esperti e i partner coinvolti nel progetto.

• Uno spazio web dove la cittadinanza, le aziende e le istituzioni possono visualizzare informazioni sulla tecnologia utilizzata, sui risultati man mano raggiunti e su come la presenza di plastica nei mari impatta dal punto di vista socio-ambientale.

Il team si impegna a completare tutte le sfide descritte. Per avere successo e generare un impatto in tempi brevi sarà indispensabile portare a termine parte degli stretch goals, fondi importanti per strutturarci ed essere di impatto per la nostra missione.

 

Come spendiamo i soldi?

Il nostro target minimo da raggiungere è di 14.860 €, secondo un piano finanziario dettagliato che è stato approvato già dalla Regione Campania. I fondi richiesti serviranno per:

- acquisizione della strumentazione hardware (Raspberry PI - Nvidea Jetson - Drone); 

- addestramento e sviluppo del software AI per il riconoscimento della plastica; 

- raccolta materiale video direttamente sulle spiagge selezionate per la prima sperimentazione; 

- test con i droni (autonomia, patrolling, jamming, trasmissione dati, ecc); 

- creazione algoritmo di reportistica; 

- accordi con enti e associazioni che operano sul litorale; 

- elaborazione dati

- attività di promozione e divulgazione dei risultati e della tecnologia;

- coinvolgimento di cittadini per la pulizia del litorale.

 

Sviluppi senza confini, come il mare

Gli utilizzi di questa tecnica potranno essere svariati e potranno dare una visione giornaliera, settimanale o mensile dello stato dei nostri litorali. Le informazioni potranno essere condivise in tempo reali ed utilizzate per compiere delle azioni mirate dove c'è effettiva necessità. Grazie ai primi risultati che si riusciranno ad ottenere sull’area casertana, sarà possibile replicare lo stesso meccanismo, inoltre con un software già istruito che tenderà sempre a migliorarsi, in altre aree della Regione prima, e a livello internazionale poi.

 

Stretch Goals

Non ci poniamo limiti: per questo motivo abbiamo già programmato i prossimi step nel caso in cui riusciamo a superare il finanziamento richiesto!

+ 20.000 € = Acquisto di una telecamera ad infrarossi che ci permette di addestrare la AI a riconoscere la plastica basandosi sugli infrarossi (stessa tecnica usata dall'ESA), superando la problematica legata al cambio di luce.

+ 25.000 € = Espansione della sperimentazione su un nuovo litorale per i test, dove andremo a raccogliere materiale video per l'addestramento e fare un report dedicato a termine sperimentazione.

+ 35.000 € = Acquisto di un Drone di ultima generazione in grado di monitorare fino a 10 km di spiaggia. Questo passaggio ci permetterà di monitorare zone molto più ampie rispetto all'utilizzo di un drone standard.

+ 50.000 € = Implementazione di una intera zona monitorata e protetta in accordo con i circoli di Legambiente partner dove sperimentare la tecnologia e pianificare azioni di plastica per rendere la spiaggia Plastic Free.

+ 75.000 € = Borsa di studio per un anno per un PHD in reti neurali finalizzata alla creazione di algoritmi più performanti e pubblicazioni scientifiche per portare il progetto ad un livello internazionale.

 

Chi Siamo

Siamo un mix di professionisti del mondo dell'innovazione e della sostenibilità ambientali che presentiamo l'iniziativa attraverso l'associazione Legambiente “Terra Metelliana”, supportati dai volontari di Legambiente “Campania Felix” e dell'associazione Domizia, e dalle alte competenze dell'azienda N3 Srl che affianca le imprese nel processo di digitalizzazione, dal supporto tecnico allo sviluppo di applicativi multipiattaforma.
Il team di professionisti che si occuperà in prima persona di sviluppare la tecnologia si è incontrato e tutt'ora si riunisce nel polo di eco-innovations The Green Hub, ed è composto da: 
- Attilio Palumbo, Project Manager, si occupa del coordinamento e della supervisione delle attività progettuali; 
- Andrea Novati, R&D Manager. Direttore di N3 Srl, guida la parte tecnica dello sviluppo dell'AI basata su rete neurale; 
- Gianpaolo Greco, Business Developer, si occupa dello sviluppo di soluzioni imprenditoriali per l'espansione del progetto;
- Carlo Cavaliere, Communication Manager, coordina e gestisce le attività di comunicazione del progetto e ne cura la brand identity;
- il Team di ricercatori e sviluppatori di N3, lavoreranno sull'addestramento dell'AI e la gestione dei sistemi informatici; 
- Christian Bisogno, Responsabile Riprese e Raccolta dati, acquisirà sul campo i filmati necessari ad istruire il software.

Per informazioni puoi contattarci alla mail info@terrametelliana.it o al numero +39 347 134 4937.

Commenti (2)
Utente Anonimo ha donato 35€
Forza Legambiente e forza green hub
04/11/2021
Utente anonimo ha donato 35€
Mi piace, alta tecnologia al servizio del Pianeta!
10/11/2021

Per maggiori informazioni contattaci al nostro indirizzo privacy@eppela.com