Igiene e salute nel Barind
Ambiente
Obiettivi:
Energia pulita e accessibileVita sott'acquaVita sulla terra

Di cosa si tratta

Nel 2018 Ashar Gan ha avviato il progetto triennale di “Igiene e salute nel Barind”. I territori del Bangladesh sono zone molto paludose e a causa delle frequenti piogge e dei cambiamenti climatici sono soggette a inondazioni.

L’obiettivo specifico del progetto è fare in modo che, soprattutto attraverso la formazione delle donne, le famiglie estremamente povere di tre villaggi del distretto di Chapainawabgonj possano emergere da una situazione di estremo rischio per la salute dovuto alla malnutrizione e alla facilità di contrarre gravi malattie intestinali. Gli abitanti di questi villaggi si servono dell’acqua dei pukur (i laghetti di acqua piovana) per usi domestici, per lavarsi e addirittura, in alcune circostanze, anche per bere, con gravissime conseguenze per la salute. L’intero progetto mira, dunque, a migliorare le condizioni igienico-sanitarie dei villaggi.

Inizialmente il progetto prevedeva la realizzazione di 85 eco-toilet ma, successivamente, avendo rivisto il target in base alle circostanze, l’obiettivo minimo che ci siamo posti per il 2020 è di realizzare almeno 68 eco-toilet. 

Attualmente Ashar Gan, grazie ai suoi sostenitori e al contributo dei fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese, ha contribuito versando 40.000 euro da gennaio 2018 ad oggi, realizzando non solo 45 eco-toilet ma anche fornendo agli abitanti dei 3 villaggi: 

  • stufe cosiddette “migliorate” di cottura;
  • cisterne per la raccolta delle acque piovane;
  • formazione sulla gestione e il riciclo dei rifiuti;
  • formazione sulla piccola agricoltura e giardinaggio;

Inoltre, fondamentali per il successo del progetto nell’ottica della sostenibilità e dell’autonomia futura delle famiglie, le attività di:

  • sviluppo della catena di mercato legata al bio-compost delle eco-toilet;
  • sensibilizzazione degli abitanti nell’adottare norme igieniche che migliorino la salute e prevengano le malattie;
  • monitoraggio passo dopo passo del progetto.

Il contributo che vi chiediamo permetterà di portare a conclusione il progetto di Igiene e salute nel Barind.

Cosa sono le eco toilet

Le eco-toilet sono gabinetti predisposti per la separazione dell'urina dalle feci e per la trasformazione di queste ultime in compost da utilizzare nelle coltivazioni, in un ciclo eco-sostenibile che migliora le condizioni igienico-sanitarie di queste zone. 

Grazie all’installazione delle prime eco-toilet sono diminuiti i casi di malnutrizione e dissenteria nei villaggi. 

Come verranno utilizzati i fondi

Con l’installazione delle eco-toilet, si mira a raccogliere i rifiuti organici umani (che in questo modo non andranno più a contaminare i pukur e l’ambiente circostante) per andare ad utilizzarli, dopo un adeguato sistema di compostaggio, come fertilizzante organico per la coltivazione, in modo da evitare l’utilizzo dei fertilizzanti chimici. Il progetto mira in questo modo a far sviluppare anche il mercato alimentare locale, coinvolgendo istituzioni locali governative e non, il settore privato e soprattutto puntando ad una partecipazione attiva della comunità.

Le eco-toilet sono costruite in muratura. La privacy è garantita dalla porta metallica di chiusura con chiavistello interno. Ciò consente a uomini e donne di poter utilizzare il bagno vicino alla propria casa in condizioni igieniche e di maggior sicurezza, a beneficio soprattutto delle donne e particolarmente durante il loro ciclo mestruale.  Il compost si forma nel tempo con l'addizione di cenere presente in abbondanza nei villaggi rurali e proveniente dalla cottura dei cibi nei fornelli in terra. La formazione del compost avviene naturalmente e senza impiego di acqua in un tempo di 12/15 mesi dopodiché può essere igienicamente rimosso ed impiegato come concime, fornendo un'elevata concentrazione di humus e di elementi nutritivi quali Azoto, Fosforo e Potassio. Questo tipo di eco-toilet è stato sperimentato positivamente da molto tempo ed è particolarmente indicato in luoghi caratterizzati da falda acquifera profonda e scarsità di acqua superficiale disponibile e dove può essere utilizzata l'urina diluita con acqua di pukur direttamente nelle coltivazioni, come avviene in questa zona del Bangladesh per la coltivazione del mango.

Chi c'è dietro al progetto

Ashar Gan Onlus è un’associazione laica, nata a Pinerolo, che collabora attivamente nel sostegno alle popolazioni bengalesi, occupandosi di realizzare progetti a favore dei fuori casta, la fascia più povera della popolazione bengalese.

“L’Associazione si prefigge di svolgere attività di cooperazione allo sviluppo locale ed internazionale nei settori dell’assistenza socio-sanitaria, della beneficenza, dell’istruzione e della formazione rivolte alle persone ed alle comunità più povere e svantaggiate.” (ART. 3 – Statuto di Ashar Gan Onlus).

Collabora a stretto contatto con le organizzazioni locali, attualmente in Bangladesh S.P.A.C.E. e Dalit, ma in passato anche SAMS e SAMMSS, riuscendo a portare a compimento diversi progetti quali:

  • Progetto “Borse di studio” per le ragazze bengalesi adolescenti fuori casta (Progetto G.E.C.H.S.);
  • Progetto “Salute Dalit”: cliniche mobili (campi medici regolari e costanti nei villaggi), servizi di assistenza pre e post-natale presso l’ospedale dell’ONG Dalit, formazione di ostetriche e guaritori tradizionali di villaggio, sensibilizzazione e prevenzione sulla salute a scuola e presso i villaggi;
  • Progetto “Macchine da cucire” per sostenere le giovani donne degli slum di Khulna
  • Progetto “Per un Sari rosa”, a favore delle ragazze Munda in fuga dai matrimoni precoci;
  • Progetto “Igiene e salute nel Barind”, attualmente in corso;
  • Progetto di “Sostegno all’Educazione dei Dalit di Dumuria e Keshabpur”, attualmente in corso (istruzione e contrasto al matrimonio precoce);

Nel 2009-2013, sempre in Bangladesh, è stata impegnata nella realizzazione di un impianto di potabilizzazione, con formazione degli abitanti nella gestione e manutenzione dell’impianto, al fine di renderli autonomi nella gestione dell’impianto e di trasmettere conoscenze e competenze lavorative.

In India, dal 2015 collabora direttamente con la Diocesi di Kumbakonam per il progetto di “Sostegno allo studio” volto ad offrire istruzione a studenti in grave difficoltà (poveri, orfani, disabili), ad aiutare gli studenti poveri ad accedere a corsi di formazione professionale e a fornire agli studenti gli strumenti necessari per poter poi trovare occupazione.

In Italia, è impegnata nel sostegno di prossimità con il programma A(do)zioni a km zero e con iniziative ad hoc, come lo sportello d’ascolto per sostegno psicologico legato all’emergenza Covid-19. 

Soprattutto è molto attiva nelle scuole, con progetti di Educazione alla Cittadinanza Mondiale.

Aggiornamenti (2)
25 June 2021

ECCO TUTTE LE ATTIVITA’ REALIZZATE!!

Cari sostenitori del progetto, vi segnaliamo che sul sito di Ashar Gan è stato pubblicato l'Endline Completion Report del progetto (2018-2020).

Di seguito alcuni numeri sul 2020.

In totale nel 2020 sono stati trasferiti 23.077 euro ed ecco tutto ciò che è stato realizzato in Bangladesh per le famiglie più povere del Barind, grazie ai sostenitori del progetto e al contributo Otto per Mille della Chiesa Valdese:

🔹Installazione delle UDD Toilet: sono state installate un totale di 40 eco-toilet!! Abbiamo superato il target previsto di 35! 🎉

🔹Training sull’utilizzo delle UDD Toilet: sono stati organizzati corsi su utilizzo e manutenzione delle eco-toilet. Vi hanno partecipato in totale 40 persone (destinatarie delle eco-toilet), 32 donne e 8 uomini; 🎯

🔹 Installazione di 150 unità per la raccolta di acqua piovana: target raggiunto al 100%!; 🎯

🔹 Installazione di stufe migliorate: sono state installate in totale 200 stufe su 150 tra le famiglie più povere dell’area di progetto: target superato!; 🎉

🔹Installazione di 150 dispositivi lavamani e 150 unità per la gestione dei rifiuti: target raggiunto al 100%!; 🎯

🔹Piccole fattorie dimostrative (“fattorie modello”): il target (15) è stato raggiunto al 100%!; 🎯

🔹 Informazione e sensibilizzazione 🎯:

👨‍👩‍👦 training su igiene e prevenzione: sessioni a livello di comunità, attività di sensibilizzazione diffusa;

🤝 incontro di sensibilizzazione con i leader di comunità e i rappresentanti di istituzioni governative a livello locale;

📜 materiale comunicativo IEC/BCC di vario tipo (Information Education Communication e, per lo step successivo, Behaviour Change Communication), su Covid19 (sicurezza e prevenzione), utilizzo, pulizia e manutenzione delle eco-toilet, delle stufe migliorate e delle unità di raccolta dell’acqua piovana;

🧐 Controllo finale, follow-up e revisione finale. 🎯


IN ITALIA (gennaio 2020 – 30 giugno 2021)

Contemporaneamente in Italia Ashar Gan è stata notevolmente impegnata in una costante attività di monitoraggio del progetto, con continui contatti e aggiornamenti con l’Ente partner, proprio (anche) a causa della pandemia.
Si è occupata della promozione del progetto, tramite un evento dedicato (un concerto), due serate e contatti diretti nel periodo pre-pandemia e contemporaneamente (poi esclusivamente) tramite sito internet, social network e mailing. 
Tramite la collaborazione con Magma Movie, è stato girato un video  per la relativa campagna di crowdfunding, pubblicata proprio qui, su Eppela (con la descrizione dettagliata del progetto), e sui social, con durata dicembre 2020 – febbraio 2021,
Purtroppo a causa della pandemia, nel 2020 l’attività nelle scuole  si è potuta svolgere solo nel mese di gennaio con un ciclo di laboratori (doveva essere il primo di una lunga serie) che ha comunque consentito 9 incontri con altrettante classi del Liceo Porporato di Pinerolo. Nel 2021 vi sono stati poi 4 incontri a distanza con altrettante scuole (3 del Liceo Scientifico M. Curie e 1 dell’Istituto Immacolata di Pinerolo).

Che dire??

GRAZIE A VOI CHE AVETE RESO POSSIBILE TUTTO QUESTO!!

Leggi tutto
12 February 2021

Grazie!

Grazie a tutti voi che avete contribuito, vi terremo informati sullo sviluppo del progetto. 
Non abbiamo raggiunto l'obiettivo di 5000€ ma il vostro contributo ci ha permesso di andare avanti!
Per questo vi vogliamo ringraziare, anche e, soprattutto, a nome delle famiglie che riceveranno il nostro aiuto.
Approfittiamo di questo aggiornamento per riproporvi l'intervista che abbiamo fatto a Rayhan e Paola, due persone che sono arrivate a Torino in due epoche e da due luoghi differenti, ma che hanno avuto simili difficoltà. Persone che sono state costrette ad abbandonare il proprio paese di origine ma che hanno saputo integrarsi.
Forse non cambieremo il corso della storia ma tanti piccoli gesti possono fare la differenza,


Grazie di cuore.
Ashar Gan Onlus


Link intervista: 


Vedi tutti gli aggiornamenti
Commenti (0)
1.940 €
Obiettivo 1.940 €
28
Sostenitori
0
Condivisioni
GIOVANNI PRIOLA
50€ - 2 anni fa
Massimiliano Mosca
10€ - 2 anni fa
Anna Tiozzo
50€ - 2 anni fa
Scegli una ricompensa
10€ o più

Con questa donazione riceverai una mail di ringraziamento personalizzata. Riceverai anche aggiornamenti sull'andamento del progetto.

20€ o più

Con questa donazione riceverai una mail di ringraziamento personalizzata + un piccolo oggetto dell'artigianato bengalese. Riceverai anche aggiornamenti sull'andamento del progetto.

50€ o più

Con questa donazione riceverai una lettera di ringraziamento personalizzata + un oggetto dell'artigianato bengalese. Riceverai anche aggiornamenti sull'andamento del progetto.

500€ o più

Con questa donazione permetterai la costruzione di una eco-toilet e la relativa formazione della famiglia. Riceverai una pergamena che ne certifica la costruzione e verrai aggiornato sull'andamento dei lavori. Ti invieremo fotografie della eco-toilet e della famiglia che ne farà uso.

Ambiente
Obiettivi:
Energia pulita e accessibileVita sott'acquaVita sulla terra

Di cosa si tratta

Nel 2018 Ashar Gan ha avviato il progetto triennale di “Igiene e salute nel Barind”. I territori del Bangladesh sono zone molto paludose e a causa delle frequenti piogge e dei cambiamenti climatici sono soggette a inondazioni.

L’obiettivo specifico del progetto è fare in modo che, soprattutto attraverso la formazione delle donne, le famiglie estremamente povere di tre villaggi del distretto di Chapainawabgonj possano emergere da una situazione di estremo rischio per la salute dovuto alla malnutrizione e alla facilità di contrarre gravi malattie intestinali. Gli abitanti di questi villaggi si servono dell’acqua dei pukur (i laghetti di acqua piovana) per usi domestici, per lavarsi e addirittura, in alcune circostanze, anche per bere, con gravissime conseguenze per la salute. L’intero progetto mira, dunque, a migliorare le condizioni igienico-sanitarie dei villaggi.

Inizialmente il progetto prevedeva la realizzazione di 85 eco-toilet ma, successivamente, avendo rivisto il target in base alle circostanze, l’obiettivo minimo che ci siamo posti per il 2020 è di realizzare almeno 68 eco-toilet. 

Attualmente Ashar Gan, grazie ai suoi sostenitori e al contributo dei fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese, ha contribuito versando 40.000 euro da gennaio 2018 ad oggi, realizzando non solo 45 eco-toilet ma anche fornendo agli abitanti dei 3 villaggi: 

  • stufe cosiddette “migliorate” di cottura;
  • cisterne per la raccolta delle acque piovane;
  • formazione sulla gestione e il riciclo dei rifiuti;
  • formazione sulla piccola agricoltura e giardinaggio;

Inoltre, fondamentali per il successo del progetto nell’ottica della sostenibilità e dell’autonomia futura delle famiglie, le attività di:

  • sviluppo della catena di mercato legata al bio-compost delle eco-toilet;
  • sensibilizzazione degli abitanti nell’adottare norme igieniche che migliorino la salute e prevengano le malattie;
  • monitoraggio passo dopo passo del progetto.

Il contributo che vi chiediamo permetterà di portare a conclusione il progetto di Igiene e salute nel Barind.

Cosa sono le eco toilet

Le eco-toilet sono gabinetti predisposti per la separazione dell'urina dalle feci e per la trasformazione di queste ultime in compost da utilizzare nelle coltivazioni, in un ciclo eco-sostenibile che migliora le condizioni igienico-sanitarie di queste zone. 

Grazie all’installazione delle prime eco-toilet sono diminuiti i casi di malnutrizione e dissenteria nei villaggi. 

Come verranno utilizzati i fondi

Con l’installazione delle eco-toilet, si mira a raccogliere i rifiuti organici umani (che in questo modo non andranno più a contaminare i pukur e l’ambiente circostante) per andare ad utilizzarli, dopo un adeguato sistema di compostaggio, come fertilizzante organico per la coltivazione, in modo da evitare l’utilizzo dei fertilizzanti chimici. Il progetto mira in questo modo a far sviluppare anche il mercato alimentare locale, coinvolgendo istituzioni locali governative e non, il settore privato e soprattutto puntando ad una partecipazione attiva della comunità.

Le eco-toilet sono costruite in muratura. La privacy è garantita dalla porta metallica di chiusura con chiavistello interno. Ciò consente a uomini e donne di poter utilizzare il bagno vicino alla propria casa in condizioni igieniche e di maggior sicurezza, a beneficio soprattutto delle donne e particolarmente durante il loro ciclo mestruale.  Il compost si forma nel tempo con l'addizione di cenere presente in abbondanza nei villaggi rurali e proveniente dalla cottura dei cibi nei fornelli in terra. La formazione del compost avviene naturalmente e senza impiego di acqua in un tempo di 12/15 mesi dopodiché può essere igienicamente rimosso ed impiegato come concime, fornendo un'elevata concentrazione di humus e di elementi nutritivi quali Azoto, Fosforo e Potassio. Questo tipo di eco-toilet è stato sperimentato positivamente da molto tempo ed è particolarmente indicato in luoghi caratterizzati da falda acquifera profonda e scarsità di acqua superficiale disponibile e dove può essere utilizzata l'urina diluita con acqua di pukur direttamente nelle coltivazioni, come avviene in questa zona del Bangladesh per la coltivazione del mango.

Chi c'è dietro al progetto

Ashar Gan Onlus è un’associazione laica, nata a Pinerolo, che collabora attivamente nel sostegno alle popolazioni bengalesi, occupandosi di realizzare progetti a favore dei fuori casta, la fascia più povera della popolazione bengalese.

“L’Associazione si prefigge di svolgere attività di cooperazione allo sviluppo locale ed internazionale nei settori dell’assistenza socio-sanitaria, della beneficenza, dell’istruzione e della formazione rivolte alle persone ed alle comunità più povere e svantaggiate.” (ART. 3 – Statuto di Ashar Gan Onlus).

Collabora a stretto contatto con le organizzazioni locali, attualmente in Bangladesh S.P.A.C.E. e Dalit, ma in passato anche SAMS e SAMMSS, riuscendo a portare a compimento diversi progetti quali:

  • Progetto “Borse di studio” per le ragazze bengalesi adolescenti fuori casta (Progetto G.E.C.H.S.);
  • Progetto “Salute Dalit”: cliniche mobili (campi medici regolari e costanti nei villaggi), servizi di assistenza pre e post-natale presso l’ospedale dell’ONG Dalit, formazione di ostetriche e guaritori tradizionali di villaggio, sensibilizzazione e prevenzione sulla salute a scuola e presso i villaggi;
  • Progetto “Macchine da cucire” per sostenere le giovani donne degli slum di Khulna
  • Progetto “Per un Sari rosa”, a favore delle ragazze Munda in fuga dai matrimoni precoci;
  • Progetto “Igiene e salute nel Barind”, attualmente in corso;
  • Progetto di “Sostegno all’Educazione dei Dalit di Dumuria e Keshabpur”, attualmente in corso (istruzione e contrasto al matrimonio precoce);

Nel 2009-2013, sempre in Bangladesh, è stata impegnata nella realizzazione di un impianto di potabilizzazione, con formazione degli abitanti nella gestione e manutenzione dell’impianto, al fine di renderli autonomi nella gestione dell’impianto e di trasmettere conoscenze e competenze lavorative.

In India, dal 2015 collabora direttamente con la Diocesi di Kumbakonam per il progetto di “Sostegno allo studio” volto ad offrire istruzione a studenti in grave difficoltà (poveri, orfani, disabili), ad aiutare gli studenti poveri ad accedere a corsi di formazione professionale e a fornire agli studenti gli strumenti necessari per poter poi trovare occupazione.

In Italia, è impegnata nel sostegno di prossimità con il programma A(do)zioni a km zero e con iniziative ad hoc, come lo sportello d’ascolto per sostegno psicologico legato all’emergenza Covid-19. 

Soprattutto è molto attiva nelle scuole, con progetti di Educazione alla Cittadinanza Mondiale.

Aggiornamenti (2)
25 June 2021

ECCO TUTTE LE ATTIVITA’ REALIZZATE!!

Cari sostenitori del progetto, vi segnaliamo che sul sito di Ashar Gan è stato pubblicato l'Endline Completion Report del progetto (2018-2020).

Di seguito alcuni numeri sul 2020.

In totale nel 2020 sono stati trasferiti 23.077 euro ed ecco tutto ciò che è stato realizzato in Bangladesh per le famiglie più povere del Barind, grazie ai sostenitori del progetto e al contributo Otto per Mille della Chiesa Valdese:

🔹Installazione delle UDD Toilet: sono state installate un totale di 40 eco-toilet!! Abbiamo superato il target previsto di 35! 🎉

🔹Training sull’utilizzo delle UDD Toilet: sono stati organizzati corsi su utilizzo e manutenzione delle eco-toilet. Vi hanno partecipato in totale 40 persone (destinatarie delle eco-toilet), 32 donne e 8 uomini; 🎯

🔹 Installazione di 150 unità per la raccolta di acqua piovana: target raggiunto al 100%!; 🎯

🔹 Installazione di stufe migliorate: sono state installate in totale 200 stufe su 150 tra le famiglie più povere dell’area di progetto: target superato!; 🎉

🔹Installazione di 150 dispositivi lavamani e 150 unità per la gestione dei rifiuti: target raggiunto al 100%!; 🎯

🔹Piccole fattorie dimostrative (“fattorie modello”): il target (15) è stato raggiunto al 100%!; 🎯

🔹 Informazione e sensibilizzazione 🎯:

👨‍👩‍👦 training su igiene e prevenzione: sessioni a livello di comunità, attività di sensibilizzazione diffusa;

🤝 incontro di sensibilizzazione con i leader di comunità e i rappresentanti di istituzioni governative a livello locale;

📜 materiale comunicativo IEC/BCC di vario tipo (Information Education Communication e, per lo step successivo, Behaviour Change Communication), su Covid19 (sicurezza e prevenzione), utilizzo, pulizia e manutenzione delle eco-toilet, delle stufe migliorate e delle unità di raccolta dell’acqua piovana;

🧐 Controllo finale, follow-up e revisione finale. 🎯


IN ITALIA (gennaio 2020 – 30 giugno 2021)

Contemporaneamente in Italia Ashar Gan è stata notevolmente impegnata in una costante attività di monitoraggio del progetto, con continui contatti e aggiornamenti con l’Ente partner, proprio (anche) a causa della pandemia.
Si è occupata della promozione del progetto, tramite un evento dedicato (un concerto), due serate e contatti diretti nel periodo pre-pandemia e contemporaneamente (poi esclusivamente) tramite sito internet, social network e mailing. 
Tramite la collaborazione con Magma Movie, è stato girato un video  per la relativa campagna di crowdfunding, pubblicata proprio qui, su Eppela (con la descrizione dettagliata del progetto), e sui social, con durata dicembre 2020 – febbraio 2021,
Purtroppo a causa della pandemia, nel 2020 l’attività nelle scuole  si è potuta svolgere solo nel mese di gennaio con un ciclo di laboratori (doveva essere il primo di una lunga serie) che ha comunque consentito 9 incontri con altrettante classi del Liceo Porporato di Pinerolo. Nel 2021 vi sono stati poi 4 incontri a distanza con altrettante scuole (3 del Liceo Scientifico M. Curie e 1 dell’Istituto Immacolata di Pinerolo).

Che dire??

GRAZIE A VOI CHE AVETE RESO POSSIBILE TUTTO QUESTO!!

12 February 2021

Grazie!

Grazie a tutti voi che avete contribuito, vi terremo informati sullo sviluppo del progetto. 
Non abbiamo raggiunto l'obiettivo di 5000€ ma il vostro contributo ci ha permesso di andare avanti!
Per questo vi vogliamo ringraziare, anche e, soprattutto, a nome delle famiglie che riceveranno il nostro aiuto.
Approfittiamo di questo aggiornamento per riproporvi l'intervista che abbiamo fatto a Rayhan e Paola, due persone che sono arrivate a Torino in due epoche e da due luoghi differenti, ma che hanno avuto simili difficoltà. Persone che sono state costrette ad abbandonare il proprio paese di origine ma che hanno saputo integrarsi.
Forse non cambieremo il corso della storia ma tanti piccoli gesti possono fare la differenza,


Grazie di cuore.
Ashar Gan Onlus


Link intervista: 



Per maggiori informazioni contattaci al nostro indirizzo privacy@eppela.com
Esplora