Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

SENSIBILE - documentario su MCS e EHS

Il primo documentario italiano su MCS (Sensibilità Chimica Multipla) e EHS (Elettrosensibilità)

6.105€
102% di 6.000€
19 dic 2016
Data chiusura
Finanziato

SENSIBILE - documentario su MCS e EHS

Il primo documentario italiano su MCS (Sensibilità Chimica Multipla) e EHS (Elettrosensibilità)

6.105€
102% di 6.000€
19 dic 2016
Data chiusura
Finanziato

Cosa raccontiamo

Gli acronimi MCS e EHS stanno ad indicare due controverse patologie: la Sensibilità Chimica Multipla e la Elettrosensibilità. Tali condizioni, a volte presenti contemporaneamente nello stesso soggetto, comportano l’impossibilità di tollerare esposizioni a sostanze chimiche, nel primo caso, o a campi elettromagnetici, nel secondo, anche in quantità minime e comunemente tollerate dal corpo umano in salute. Nonostante le richieste di riconoscimento da parte di numerosi malati, associazioni e comunità scientifica, pochi sono ancora i paesi che hanno intrapreso un percorso di ricerca indipendente, identificazione della malattia e del diritto da parte di chi ne soffre di ottenere diagnosi e cure appropriate e accessibili. Permane in alcuni ambienti scientifici una certa perplessità circa la natura fisiologica e le cause tossico-ambientali di queste malattie, tanto da ipotizzare che i sintomi siano causati da stress o preesistenti condizioni psichiatriche.

Alcuni studi sostengono che, come tutte le patologie neurodegenerative, siano malattie multi-fattoriali, quindi dovute a fattori genetici predisponenti, ereditati o acquisiti nel corso della vita, e a fattori ambientali scatenanti che possono o direttamente creare un danno, perché tossici, o indirettamente andare a modificare le funzioni cellulari.

In Italia la situazione è particolarmente complicata, dato che le istituzioni tardano a riconoscere sia le patologie, sia i diritti dei malati: questi sono spesso costretti, quando possono permetterselo, a costosissime trasferte all’estero dove si praticano cure che nel nostro paese non sono riconosciute e consentite; in alternativa, sono costretti a vivere un vita di rinunce, isolandosi e perdendo relazioni, il lavoro e gli affetti. Anche la disabilità che ne consegue, spesso, non viene compresa e riconosciuta.

Il documentario “SENSIBILE”, prodotto da Officinemedia per la regia di Alessandro Quadretti, racconta le storie di chi soffre e di chi cura, di chi ha dovuto reinventare e riorganizzare la sua vita, affrontando i cambiamenti indotti dalla malattia; ma soprattutto vuole evidenziare, oltre la retorica e i facili slogan, che le malattie ambientali sono un problema di tutti. Perchè un ambiente malsano, aggressivo e inospitale sarà sempre una minaccia, anche per chi ora non è malato.

Le riprese sono iniziate nel mese di aprile 2016 e sono proseguite per tutta l’estate; ora ci affidiamo a questo crowdfunding per sostenere le spese di post-produzione.

I fondi andranno a coprire le spese di post-produzione

Dobbiamo realizzare il montaggio, le musiche definitive, il mix audio, la color correction e i sottotitoli: sono passi fondamentali per migliorare il film e portarlo ad una qualità professionale. Terminata la post-produzione il film verrà iscritto a vari festival italiani e internazionali, per essere proposto poi a buyers e circuiti distributivi di cinema, TV e web.

Chi siamo: regia, troupe e produzione

Alessandro Quadretti si laurea in Storia Contemporanea all’Università di Bologna nel 2001. L’anno successivo inizia il corso biennale di regìa della Scuola di Cinema Televisione e Nuovi Media di Milano, diplomandosi nel giugno 2004.

E’ regista, operatore di ripresa, montatore e docente di storia e linguaggio del cinema.

Ha diretto film di fiction, documentari, videoclip selezionati e premiati in festival italiani e internazionali.

Il direttore della fotografia è Matteo De Martini, mentre la colonna sonora è a cura del chitarrista Massi Amadori. Il sound design è di Gianluca De Lorenzi.

La Società cooperativa Officinemedia nasce nel 2011 dall’integrazione di diverse competenze negli ambiti video, audio, comunicazione, lingue e ricerca storiografica. L'audiovisivo è il suo settore d'attività primario.

Con l’obiettivo di diffondere le attività principali di enti e aziende, Officinemedia progetta, realizza, distribuisce prodotti video/audio e servizi di formazione e promozione in ambito tecnico cinematografico, linguistico e di comunicazione.

1471942664718168 ale nani love

Un progetto a cura di

Alessandro Quadretti

Sono un regista e mi occupo spesso di tematiche sociali e storiche, privilegiando il racconto cinematografico puro rispetto al linguaggio da reportage.