Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Arte, Musica

Widget

Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Testo copiato

INTERCETTAZIONI FESTIVAL VOL. 5

Concerti, istallazioni artistiche, gastronomia, artigianato riempiranno di bellezza piazza San Vito a Contursi Terme

1.532€
102% di 1.500€
29 lug 2016
Data chiusura
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

INTERCETTAZIONI FESTIVAL VOL. 5

Concerti, istallazioni artistiche, gastronomia, artigianato riempiranno di bellezza piazza San Vito a Contursi Terme

1.532€
102% di 1.500€
29 lug 2016
Data chiusura
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Di cosa si tratta

Intercettazioni è un piccolo festival.
Nato in un paese piccino. Fiorito nella mente appassionata di Bandiera Bianca.

Intercettazioni è il germoglio di un ideale che si nutre di buona musica e arte.
Concerti, mostre e installazioni artistiche modellano la struttura di un momento non comune, che si ripete solo una volta all’anno.

Intercettazioni è un festival fuori dalle leggi del tempo.
Vede con occhi appena nati ma ha lo sguardo accogliente e premuroso di un progenitore saggio.
Bisogna solo attendere la bella stagione per rivolgere l’animo a Intercettazioni. Dedicarsi alla cura della fantasia per esaudire ogni curiosità in una piazza in miniatura, dove dinanzi a un’antica chiesa, altrettanto piccolina, si chiarisce il senso di queste parole. Il resto si svela, facilmente, da sé.
Messo il primo piede nel vicoletto che conduce al centro motore di Intercettazioni, un mondo sospeso ci accoglie e ci introduce in una dimensione insolita e rara.
Poi, arrivati in piazza San Vito a Contursi Terme, bastano pochi attimi, poche note, per intuire che la contenuta misura del palcoscenico è inversamente proporzionale alla bravura degli artisti.
Non rimane altro che dedicarsi alla scoperta e all’ascolto, per capire che quello che succede a Intercettazioni può solo piacere a ognuno di noi.

Intercettazioni è un piccolo festival.
Tutto è misurato, niente è trascurato.

Intercettazioni è l’incredibile forza della formica.
E’ un cuore brobdingnagiano in un corpo lillipuziano.

Come verranno utilizzati i fondi

Intercettazioni è un festival completamente autofinanziato.
Come tutte le altre attività culturali di Bandiera Bianca, si fonda sulla partecipazione e condivisione di chi sposa e accoglie il suo spirito: è la bellezza che salverà la provincia.
Occorre, però, nutrirla.
La cifra raccolta verrà utilizzata per finanziare le spese necessarie a mettere in piedi l'offerta musicale e artistica in cantiere. In poche parole sosterrà i progetti musicali coinvolti e permetterà all'istallazione artistica di avere una solida base su cui nascere.

Chi c'è dietro al progetto

Bandiera Bianca non significa resa, né abbandonarsi al corso degli eventi, ma la volontà di incidere sulle cose attraverso azioni poietiche, poetiche e politiche che abbiano come unico colore l’indipendenza e il pensiero critico.

Bandiera Bianca è un’associazione culturale nata, per iniziativa di sei ragazzi tornati a vivere nei propri luoghi di origine dopo esperienze di studio e di lavoro in città, nel marzo del 2012. Registrata come Associazione di Promozione Sociale nell’ottobre 2013 presso l’Agenzia delle Entrate, dal 21 febbraio 2014 è affiliata all’ARCI(Associazione Ricreativa e Culturale Italiana).

Il circolo ARCI Bandiera Bianca è in Piazza San Vito, un angolo quasi nascosto di Contursi Terme, in provincia di Salerno. Questa piazza, piccola Repubblica del Sole, è divenuta col tempo un centro di gravità culturale che ha attratto scrittori, artisti, cantanti, musicisti, attori, registi, giornalisti, intellettuali e tanta - tantissima - gente alla ricerca di una stella luminosa nella costellazione delle realtà che fanno cultura dal basso non solo nella provincia salernitana ma anche in Irpinia e Basilicata.

L’associazione Bandiera Bianca, in poco più di due anni di vita, è già riuscita a lasciare un segno forte nella vita della Valle del Sele, un’impronta riconoscibile per il linguaggio innovativo e fuori dal coro delle sue attività. Dopo aver animato e coordinato la lotta contro la realizzazione e la messa in funzione dell’inceneritore di rifiuti di Oliveto Citra (SA), Bandiera Bianca ha pian piano trovato la propria dimensione nella promozione e realizzazione di importanti proposte culturali e sociali non solo all’interno del circolo, ma anche facendo ritornare la propria comunità (includendo i propri compaesani ma anche i circa duecento tesserati all’associazione provenienti dalle provincie più disparate d’Italia) nella piazza antistante e trasportando il proprio entusiasmo nei paesi vicini, collaborando anche con altre realtà culturali.

Tanti gli eventi da elencare, gli ospiti che hanno portato il proprio talento e le proprie idee qui in provincia, le attività create da zero, le persone coinvolte, le comunità create, le passioni incrociate, le lotte portate avanti che una lista forse non riuscirà a raccontare come si deve. Ma tant’è.

1465475738826849 image

Un progetto a cura di

Bandiera Bianca

Luogo di creazione, laboratorio, cassa di risonanza che veicola e mette in circolo le più inedite, poetiche e ricercate espressioni artistiche e culturali.