Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Design, Games

Widget

Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Testo copiato

WIFIVE

Il gioco per quando non funziona il wifi (o decidi di sabotarlo)

2.405€
48% di 5.000€
02 lug 2016
Data chiusura
Scaduto

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

WIFIVE

Il gioco per quando non funziona il wifi (o decidi di sabotarlo)

2.405€
48% di 5.000€
02 lug 2016
Data chiusura
Scaduto

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Oh.. Hey, Ciao!

Sono Nicolas e ora ti racconto WIFIVE in 5 punti più 1 extra.

1. Che cos'è

WIFIVE è un gioco. Un mazzo di 50 carte per quando non funziona il wifi. Ogni carta ti racconta un’attività da fare quando il wifi non va (o quando decidi di sabotarlo).

L'obiettivo è trasformare un momento fastidioso in cui si è nervosi o arrabbiati in un’occasione gratificante. Una formidabile necessità.

Il nome è una combinazione tra wifi e five – le 5 categorie delle carte, lo scopri qui sotto –, nonché un gioco di parole che richiama l'high five, darsi il cinque con il braccio alto: un bel modo, un po' americano, per connettersi con le persone.

2. Come funziona

Pesca a caso oppure sfoglia e trova la tua preferita. Gioca da solo o in gruppo: valgono tutte le età, e si può fare con gli amici, con i colleghi e familiari.

Usa le carte come ispirazione e se vuoi cambia le regole. Soprattutto, fidati e lasciati trasportare.

Insomma, così:

3. Le carte

Sono 50 raggruppate in 5 categorie e 5 colori per indicare diversi tipi di attività. Oltre al testo, al fondo di ogni carta ci sono 3 indicazioni per svolgere l’attività: tempo, numero di persone e dove farlo (dentro e/o fuori). Sul retro, poi una citazione.

4. Come userò i soldi

Il traguardo della campagna serve a coprire i costi di stampa delle carte e del mazzo, le spese di trasporto e spedizione. La tipografia c'è già (Ludocards di Alessandria) e gli accordi sono fatti: a luglio verranno consegnati i mazzi che pre-ordinerete durante questa campagna.

Però ci sono degli obiettivi più grandi per portare il progetto in giro per il mondo, il web, l'universo. Ecco un'infografica per capirlo. Se superiamo insieme i 5.000€ questi sono gli step successivi:

5. Chi sono

Sono uno di quei tipi che sta tutto il giorno a computer e non si capisce bene cosa faccia. Nemmeno io lo so.

Volevo fare il giornalista. O lo stand-up comedian. Lavorare nell'intelligence. Fare l'artigiano del legno.

Oggi, 2016, metà giornata la passo con i miei colleghi di iMerica: proviamo a spiegare le cose con infografiche e mappe. L'altra metà studio o scrivo, per lo più racconti (i miei amici Coccodrilli dal cilindro lo sanno bene). Ho studiato Scienze Internazionali e Diplomatiche e alla Scuola Holden. Ho lavorato a Londra e nell'ultimo anno ho ripreso a giocare a calcio, in porta: ho preso tantissimi gol e mi sono rotto il naso.

Non sono un tipo zen, anzi. Sono sempre con l'iPhone in mano, Fastweb in casa e un po' di stress sotto pelle per quando le cose vanno piano o non funzionano.

Perché WIFIVE, allora? Nel prossimo punto ve lo spiego.

EXTRA: Perché lo faccio

L'idea per WIFIVE è nata questo Natale.

Sono tornato a casa dai miei. Ad Alnicco, provincia di Udine. Ogni dicembre con mio fratello, Federico, 13 anni, abbiamo una tradizione. Anche se non ci crediamo più, scriviamo la lettera a Babbo Natale. Un lungo elenco (e un divieto: niente calzini).

Quest'anno però Federico è stato chiaro: «Io vorrei solo il WIFI». Perché dove viviamo non c'è la connessione veloce.

Mi sono sentito impotente. Una realtà che non potevo cambiare o spiegare. Non potevo nemmeno risolvere tutto con una storiella. Non potevo fare nessuna delle cose che mi piace fare o sogno di fare da sempre: emozionare, informare o, ambizione mai nascosta, cambiare il mondo.

È così che ho iniziato a pensare.

Dopo sei mesi è nato WIFIVE. Non è la risposta esatta al problema. Non arriverà internet ad Alnicco. Né potrò tranquillizzare un impiegato a cui salta la connessione prima di una scadenza. Non sono nemmeno così sicuro che WIFIVE possa aiutare qualcuno. Non so se vi farà divertire, se vi farà stare meglio.

Però ci spero tanto e ci scommetto. Perché basta davvero mezzo millimetro. Un istante in cui la prospettiva cambia. Un momento in cui invece di sbattere i pugni sul tavolo si fa una cosa nuova.

E poi ci si dà il cinque: Federico e io. Tu e i tuoi amici.

1463136820034281 foto profilo eppela

Un progetto a cura di

Nicolas Lozito

Autore e designer

Vivo a Torino, dove brontolo, lavoro e parlo con un accento bizzarro: tutto perché sono friulano. Ho progettato WIFIVE nella prima metà del 2016 all'interno della Scuola Holden. È stata una sfida enorme e divertentissima :)