Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Editoria, Arte

Widget

Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Testo copiato

MENO MALE! Le storie di Kina

Risate illustrate - Un libro per prendersi una pausa dai problemi

1.345€
22% di 6.000€
23 giu 2016
Data chiusura
Scaduto

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

MENO MALE! Le storie di Kina

Risate illustrate - Un libro per prendersi una pausa dai problemi

1.345€
22% di 6.000€
23 giu 2016
Data chiusura
Scaduto

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Di cosa si tratta

“Meno male! Le storie di Kina” è il mio modo per sdrammatizzare un po’ la vita e riportare un pizzico di semplicità in una società che vedo sempre più superficiale.

Il progetto prevede la realizzazione di un libro cartaceo a edizione limitata che raccoglie 11 storie, con riproduzioni di illustrazioni create interamente a mano, unendo la tecnica dell’acquerello, con quella della china.

Ogni storia, sviluppata da 5 a 10 vignette, ha una sua ciclicità con un “inizio” ed un “finale”, all’interno della quale vengono narrate le avventure e disavventure della protagonista, Kina, capace di cogliere in maniera educativa ed inaspettatamente gradevole il “bicchiere mezzo pieno”, il bello della vita.

Il libro, sviluppato in formato orizzontale, è formato da una sovraccoperta che rivestirà una copertina rigida, e sarà composto da oltre 150 pagine, quasi tutte disegnate; la peculiarità di questo progetto è la scarsa quantità di parole, ruolo centrale viene dato alle immagini e alle espressioni dei personaggi illustrati, che comunicano l’intero andamento della storia.

L’ispirazione per “Meno male” mi è venuta in seguito alla riflessione che al giorno d’oggi siamo costantemente tartassati da notizie negative, mentre i gesti di umanità e positività del mondo, vengono messi in secondo piano.

Il libro ha l’intento di essere una pausa dai problemi, una risata che riporta il buonumore in una giornata grigia, poiché a tutti possono capitare cose spiacevoli, ma possiamo prendere con ironia l’accaduto riscoprendo un nuovo lato positivo. Un’educazione che ho avuto la possibilità di crescere in me e che oggi mi sento di offrire come visione alternativa.

Ogni episodio finisce sempre bene e con un risvolto positivo per la protagonista, la quale nonostante un primo momento di sconforto, si risolleva grazie all’aiuto di sé stessa o di una persona amica, riuscendo a cogliere il “bello” dell’intera faccenda. Kina può essere ognuno di noi, tutti possiamo rivederci in lei e a tal fine, per realizzare le sue storie ho preso spunto da disavventure o delusioni che mi sono realmente capitate nella mia tranquilla quotidianità.

Ciò che caratterizza ogni vicenda è la semplicità delle azioni e del pensiero; per poter trovare il lato positivo non intervengono eventi che stravolgono la narrazione, ma il semplice “meno male” porta la protagonista a rivalutare che poteva andare peggio, ma non è successo, perciò da questo costruisce il proprio modo di vedere le cose, con gioia e buoni auspici.

Come verranno utilizzati i fondi

I fondi raccolti verranno utilizzati per poter stampare il libro, ne sono state previste 500 copie, spedire i vari riconoscimenti e pagare coloro che hanno lavorato al progetto.

L’intento è anche di poter creare una serie di pubblicazioni, altre nuove storie di Kina in un secondo volume, dando anche ai finanziatori l’opportunità di suggerire una loro storia che verrà interpretata dalla protagonista; dopotutto Kina è potenzialmente ognuno di noi!

Chi c'è dietro al progetto

Dietro al progetto ci sono io, Monica Seri, una ragazza di Pesaro, che ha avuto il coraggio di buttarsi in questa esperienza, del tutto nuova.

Non avrei mai potuto provare a concretizzare questo mio sogno se non avessi avuto l’appoggio della Startup Officine Creative Marchigiane, presso la quale lavoro e dei grafici e non, che mi hanno aiutato con i loro consigli nella migliore realizzazione possibile.

Gabriele D’Annunzio diceva: “Bisogna fare della propria vita come si fa di un’opera d’arte.”

Questa è la frase che più mi è rimasta nel cuore in tutti questi anni, che mi fa continuamente riflettere su me stessa e su come vivere la mia vita.

Sono un’illustratrice ed è quello che ho voluto fare da tutta la vita.

Ora eccomi qua, ho continuato a portare avanti la mia passione ed ho un libro che vorrei far conoscere a tutti.

1463062662639774 io

Un progetto a cura di

Monica Seri

Sono Monica e sono un'illustratrice di Pesaro.

Amo disegnare e lo faccio sin da bambina.

Ho sempre perseverato in questa mia passione fino a farne diventare un lavoro; un lavoro non privo di difficoltà, ma motivo di tante soddisfazioni.

Come disse Gabriele D'Annunzio: "bisogna fare della propria vita come si fa di un'opera d'arte" e io ho sempre cercato di seguire questa filosofia di vita!

www.monicaseri.it

www.facebook.com/monicaillustratrice