Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

IOTIAMO 2045 CAPSULA DEL TEMPO

Un progetto d'arte contemporanea dove i giovani sono inventori del proprio futuro, attori protagonisti e futuri spettatori

4.465€
112% di 4.000€
04 lug 2016
Data chiusura
Finanziato

IOTIAMO 2045 CAPSULA DEL TEMPO

Un progetto d'arte contemporanea dove i giovani sono inventori del proprio futuro, attori protagonisti e futuri spettatori

4.465€
112% di 4.000€
04 lug 2016
Data chiusura
Finanziato

Un'opera d'arte per viaggiare nel tempo

E’ già stato provato che i viaggi nel futuro sono potenzialmente possibili. Le basi concettuali dei viaggi nel tempo affondano le proprie radici nella teoria, ben verificata, della Relatività Generale di Einstein, di cui a breve ricorre il centenario. Un filo conduttore che unisce lo studio di un possibile viaggio nel tempo nel macrocosmo e microcosmo sono le CTC, ovvero quei percorsi temporali chiusi che connettono il passato e il futuro in modo circolare, consentendo una violazione della cronologia, ma pur preservando il principio di causalità.

IOTIAMO Capsula del Tempo è un esperimento artistico, e riguarda un tipo di viaggio nel tempo molto diverso da quello previsto dalla relatività generale e dalla meccanica quantistica. In questo progetto possono partecipare tutti coloro che desiderano viaggiare nel futuro attraverso un'opera d'arte, diventando attori protagonisti oltre che futuri spettatori. A differenza delle capsule del tempo che solitamente sono sotterrate, IOTIAMO Capsula del Tempo è un'opera visiva da esporre nella scuola, in un'abitazione, in un museo.

Il primo "viaggio nel tempo" è stato fatto con i bambini della Scuola Primaria dell’Istituto Maria Ausiliatrice di Novara il 20 novembre 2015. I bambini hanno partecipato con entusiasmo al primo Happening della Capsula del Tempo ed hanno registrato i loro video messaggi per il futuro 2045. Grazie a questo progetto ho incontrato molti giovani ed ho scoperto che moltissimi di loro credono ancora nell’amore, nell’amore per la vita, per i genitori, per gli amici. Sono più attenti alle persone, alle diversità, all’ambiente ed essendo capaci di inventare nuovi linguaggi, sono molto creativi. Essi sono la prima generazione globale, con valori e modi di pensare convergenti, e per questo motivo hanno bisogno di un riconoscimento sociale. Saper ascoltare e valorizzare il mondo giovanile è un dovere primario di tutta la società.

L’opera d’arte "IOTIAMO 2045 Capsula del Tempo" con una cerimonia ufficiale il 21 maggio 2016 è stata consegnata all'Istituto Maria Ausiliatrice di Novara che avrà il compito di esporla e custodirla fino a quando verrà riaperta il 24 ottobre 2045. La capsula è stata registrata al Collegio Oglethorpe The International Time Capsule Society ad Atlanta U.S.A.

L'obiettivo con il crowdfunding è raccogliere fondi per portare questo progetto ad altri bambini in altre scuole italiane e offrire l’opportunità anche agli adulti di entrare in un’opera d'arte.

Come verranno utilizzati i fondi

I fondi servono per finanziare questo progetto e altri simili in altrettante scuole italiane.

I laboratori esperienziali nelle scuole sono il punto di partenza di “IOTIAMO 2045 capsula del tempo”, vengono condotti dal sottoscritto Antonio Spanedda, artista ricercatore, fondatore del progetto artistico IOTIAMO, in collaborazione con gli educatori, gli insegnanti degli Istituti Scolastici e altri Ospiti.

Tutti i laboratori si svolgono in un’ora circa e si concludono con la registrazione di più tracce visive e sonore che verranno elaborate per la creazione di un video racconto. L’esperienza è costruita secondo uno schema didattico che lascia spazio all’improvvisazione dei giovani attraverso forme di pittura manuale che nel laboratorio hanno il compito di scandire il tempo. Ogni giovane seguirà un percorso che lo porterà davanti alla porta del tempo, una scenografia ideata per la registrazione delle tracce audio-video, e dialogherà con se stesso attraverso l’obiettivo della telecamera, confidando segreti, ponendo interrogativi, e raccontando sogni e desideri. Durante l’anno scolastico i giovani insieme alle insegnanti ed educatori, svilupperanno degli elaborati per portare un messaggio di speranza a loro stessi e agli spettatori del futuro. Inoltre saranno invitati a donare dei piccoli oggetti personali che viaggeranno nel tempo.

Per finanziare questo progetto ho realizzato 50 multipli dell'opera d'arte "IOTIAMO 2045 capsula del tempo”.

L'opera è composta da una scatola di plexiglass trasparente (50x50x5 cm) contenente: un'icona POP su alluminio dedicata alla Capsula del Tempo, una scatola metallica ermeticamente chiusa con la tecnologia che permetterà di vedere il video racconto dei bambini nel 2045, un frammento della Tela pitturata dai bambini, e un oggetto donato sempre da loro.

Gli adulti che desiderano viaggiare nel tempo possono prenotare la loro partecipazione con una ricompensa e diventare protagonisti della prossima Capsula del Tempo.

(www.iotiamo.info)

(link: http://www.iotiamo.info/index.php?show=collection&m=CAPSULA%20DEL%20TEMPO)

Chi c'è dietro al progetto

ACC è l'associazione culturale di promozione sociale che sostiene il mio lavoro d'artista. Con i Testimonial del progetto artistico IOTIAMO ho costituito nel 2012 un'associazione operativa di partecipazione senza scopo di lucro che si propone di diffondere il principio della cultura attraverso l'arte, quale strumento di coesione sociale. Con Stefano, Marco, Gaudenzio e Sabrina abbiamo scelto di promuovere la cultura perché è la nostra storia, il nostro tempo presente, il dono che lasciamo alle generazioni future.
www.associazioneculturalecreativa.it

1462463537826862 tony

Un progetto a cura di

Antonio Spanedda

Antonio Spanedda nato a Novara nel 1961, è laureato in arti plastiche all'Accademia di Brera di Milano. Negli anni '90 presenta al pubblico uno spettacolo di aero-pittura, e in qualità di attore, partecipa a diverse trasmissioni tv su reti nazionali. Fonda il gruppo di performer Argilla e collabora con Stalker, M.Pistoletto, V.Pisani, G.Fioroni, F.Mauri. Nel 2005 espone alla Biennale di Venezia.