Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Cinema

Widget

Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Testo copiato

AL DIO IGNOTO

Un film per il cinema sulla tematica del fine vita

5.585€
111% di 5.000€
23 mar 2016
Data chiusura
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

AL DIO IGNOTO

Un film per il cinema sulla tematica del fine vita

5.585€
111% di 5.000€
23 mar 2016
Data chiusura
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Il progetto

Io mi prendo cura di te anche se non ti conosco, anche se non sei ricco, anche se non potrai mai ringraziarmi, anche se non sei mio figlio

Sono Rodolfo Bisatti e con la Kineofilm, società di produzione indipendente, da qualche anno stiamo lavorando alla creazione di questo film che parla della morte e il morire. Non si tratta di un horror o di un thriller ma di un'opera poetica che mostra la Cura, quando si accompagna amorevolmente chi non può guarire. In questo film si racconta dell'elaborazione del lutto, di come una famiglia riesca a gestire il dolore per la perdita di un figlio. Insomma abbiamo, come si suol dire, preso il toro per le corna, siamo entrati in quel dolore totale dal quale tutti rifuggono finché non ci cascano dentro . E' quindi più ragionevole, proprio per fronteggiare la Sofferenza, occuparsi coscientemente di Lei per tempo, così come ci si prende cura del proprio corpo, della propria crescita spirituale, del lavoro e delle relazioni che intratteniamo con il prossimo.

La realizzazione di questo film è un modo intelligente e profondo per condividere la sofferenza senza esserne sopraffatti. Per affrontare argomenti scientemente in modo responsabile.

AL DIO IGNOTO

"Una delle avventure più straordinarie è avvicinarsi all’abisso e scoprire che il terrore che avevi per la vertigine, la paura di cadere è misteriosamente passato, così anche quella paura della notte e della foresta che provavi da bambino non c’è più. E senti tutto il mondo alle spalle e sei inspiegabilmente tranquillo; nessuno osa realmente avvicinarsi a te, nemmeno tua madre, e quindi spegni lontani nella memoria i clamori della folla, le chiacchiere nei bar, l’invidia e l’ambizione. Ora sei solo con Dio, a tu per tu, come del resto sei sempre stato, e lo sai, da tutta la vita…" (l'autore)

Come verranno utilizzati i fondi

Il film ha partner d'eccezione: Da Ermanno Olmi a Toni Servillo, Andreas Sinanos (direttore della fotografia di Angelopoulos) sarà il DoP del film. Hanno aderito al progetto la CEI, Conferenza Episcopale Italiana, Ufficio Pastorale per la Salute, molte Fondazioni, Associazioni in Italia e all'estero. Nonostante le cooproduzioni e gli apporti da parte di alcuni privati, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, pur valutando positivamente il progetto e conferendogli punteggio adeguato, non ha concesso il finanziamento, per esaurimento delle risorse.
Questo fatto rischia di compromettere anche le fonti già virtualmente acquisite.
Abbiamo deciso di attivare un Crowdfunding per ripresentare la Richiesta al Ministero e ottenere quella piccola ma determinante percentuale di budget, che ci consente di affrontare le riprese del film.
I costi per la domanda ministeriale sono oltre quattromila euro, tra tasse di spese istruttorie e revisore dei conti, che certifichi il budget e il piano finanziario del film.
Un Crowdfunding per sostenere le spese relative alla richiesta di contributo per la realizzazione di un film riconosciuto meritevole ma non finanziato! In questo modo saranno dei cittadini italiani i coofinaziatori; tutti coloro che avranno investito, cinquanta, cento o duecento euro per raggiungere i cinquemila euro concorreranno alla nostra impresa di RI-presentazione della domanda MIBACT.

Per terminare lo sviluppo del film avremo quindi bisogno di:

1) RI-Presentare la richiesta di finanziamento al MIBACT - DIREZIONE GENERALE PER IL CINEMA (Tasse e revisore dei Conti)

2) Completare il processo dei casting e sopralluoghi


Dove, come e perchè

"Al Dio Ignoto" avrà una diffusione nelle sale e in Video On Demand, con annessi dibattiti pubblici per discutere la tematica del fine vita, delle cure palliative, dell’accompagnamento dei pazienti e dell’elaborazione del lutto dei loro famigliari.

Abbiamo costruito una cordata di partner che appoggia questa iniziativa. Il progetto del film è il risultato di una lunga attività relativa all’argomento. Il prodotto di questa ricerca ha condotto alla realizzazione di documentari su alcuni importanti hospice- nazionali, il primo fu realizzato nel 2000 quando in Italia c’era soltanto l’Hospice Domus Salutis di Brescia. Il documentario, all’epoca il primo in Italia, fu girato per promuovere le cure palliative e l’avvallo della legge 38 che le regola. Oggi gli Hospice e i centri per la terapia del dolore sono più di 500. C’è però ancora un lungo cammino da fare per sensibilizzare le persone e le istituzioni su questo argomento tabù che ci riguarda tutti; basti pensare al problema ancora insoluto degli hospice pediatrici e di tutte quelle malattie non oncologiche che avrebbero bisogno di un supporto palliativo più' costante, ramificato ed efficace. Il nostro scopo è che l’opera sia un utile strumento per aiutare chi affronta questo momento così doloroso della vita.

Cura: dal latino Corea: premura e delicatezza

Le Cure Palliative sono nate negli anni sessanta per opera di Cicely Saunders, infermiera di guerra, assistente sociale e infine medico. Questo approccio si basa sull'ascolto dei reali bisogni delle persone malate e delle loro famiglie; non è sufficiente lenire il dolore fisico, c'è bisogno di un concreto sostegno psicologico, sociale e spirituale.

Cicely Saunders definisce il dolore del paziente terminale e della sua famiglia “Dolore Totale”.

Nonostante questa disciplina esista fin dagli anni sessanta, da noi stenta ad entrare nella mentalità corrente, anche nella stessa ottica di molti medici.

La nostra società è stata allestita come se non si morisse mai e se la morte non vale una sua “consumazione mediatica", è meglio rimuoverla subitaneamente, cancellarne ogni traccia e passare rapidamente ad altro.

L’ecumenismo capitalista offre ai consumatori la ricreazione permanente, l’illusione dell’immortalità materiale, del rinviare di giorno in giorno l'incontro con la propria coscienza, con i temi centrali dell'umanità. I canoni di bellezza e di salute sono quelli fondati sull'iconografia pubblicitaria in tutte le sue estensioni mediali.

Il protagonista del nostro film è la RELAZIONE tra chi si prepara alla fine della propria esistenza e chi rimane. In questa relazione si stabilisce una reciprocità: chi viene accompagnato diventa Maestro di chi lo accompagna.

Curare le Persone è Curare la Società Tra Guarire e Curare c’è una essenziale differenza:

E’ possibile Curare amorevolmente le persone malate anche quando non possono più guarire. Le Cure Palliative sono una realtà concreta, con una legislazione nazionale attiva. La Comunicazione non è un aspetto ancillare di questa dimensione medica, multidisciplinare e umana ma Primario. Ecco perché il film “Al Dio Ignoto”, contribuirà, se riusciremo a farlo grazie al vostro aiuto, a questo processo di consapevolezza sociale. Aiutiamo quest’opera a nascere e a diffondersi. Uniamo le forze. Grazie

Sinossi

Lucia è un'infermiera che ha lavorato in un reparto di terapia intensiva in una grande città fino al giorno in cui si è ammalata la sua primogenita: Susy. Dopo un calvario di dieci mesi Susy muore. La famiglia si spezza: Michael, il padre di Susy, si chiude in se stesso, Gabriel, il fratello minore, insofferente, vive il senso di colpa di essere sopravvissuto. Lucia Intraprende un lungo percorso di riabilitazione; un'elaborazione al lutto che la porterà a cercare di dare un senso al dolore. Così, dopo qualche anno, si specializza in Cure Palliative per dare assistenza e sostegno ai morenti. Da Milano si trasferisce in provincia, seguendo suo marito, desideroso di allontanarsi dai luoghi del dolore e di ritornare nella sua terra natale: Merano. Qui, Lucia, lavora in un'hospice, il Martinsbrunn. In questa clinica incontra dei pazienti che diventano per lei dei veri e propri MAESTRI. Redetti, Mario, Walter, Martina, Irma... Saranno loro, ignari della vicenda di Lucia, a mostrarle la VIA, a dare una svolta concreta alla sua sofferenza, a insegnarle a vivere l'invivibile. Il cambiamento di Lucia provoca quello degli altri componenti della famiglia, in un'alternarsi di chiarimenti e di confronti. Michael inizia a dar voce ai suoi silenzi e Gabriel a trasformare la sua ribellione in una scelta di vita.

NOTA SULLE RICOMPENSE

Tutte le ricompense ai sostenitori saranno ottemperate, se il Ministero concederà i finanziamenti per la realizzazione del film (tranne il casting e i sopralluoghi che faremo in ogni caso). Il fatto che possa esserci un'ulteriore possibilità di diniego è un rischio che vogliamo segnalare e che non comporta la restituzione del denaro che avremo comunque già speso, per la seconda volta, per la Domanda al Ministero. La domanda non è nella sessione opere prime e seconde e ma in quella d' "interesse culturale" che comporta un costo elevato di tassazione. Crediamo pero' che proprio l'attivazione e il sostegno concreto dei cittadini creerà un valore aggiunto, una massa critica attorno alla bontà del progetto.

1453658006897442 rodolfo bisatti ii 1024x685

Un progetto a cura di

Rodolfo Bisatti

“Al Dio Ignoto” è un film nato come esito, a lungo metabolizzato, di una mia frequentazione professionale, come regista, presso l’Hospice Domus Salutis di Brescia. A me basterebbe che questo film desse un poco di sostegno a chi deve affrontare un lutto, nel senso che parlarne comunque ci fa sentire meno soli, ci fa sentire parte di una comunità che s’interroga attraverso lo strumento più alto di cui l’Uomo disponga che è la Poesia.