Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

scambiacibo.it

La dispensa virtuale collettiva che riduce lo spreco alimentare e agevola l’incontro tra le persone.

977€
10% di 10.000€
03 mar 2015
Data chiusura
Scaduto

scambiacibo.it

La dispensa virtuale collettiva che riduce lo spreco alimentare e agevola l’incontro tra le persone.

977€
10% di 10.000€
03 mar 2015
Data chiusura
Scaduto

E’ noiosa, ma serve, la facciamo breve e partiamo dalla teoria:
i rapporti FAO [2011 e 2014] dichiarano che lo spreco di cibo per il consumo umano ammonta a 1,3 miliardi di tonnellate annue, pari a oltre 560 miliardi di euro. Le perdite avvengono in ogni fase della filiera e raggiungono il 42% in ambito domestico (Barilla CFN: Center for Food and nutrition).

Se hai voglia di approfondire puoi farlo qui.

Una teoria che lascia a bocca aperta, vero?

Nessun problema! O meglio, il problema è affrontabile: intanto se ne parla sempre più, poi c’è un modo divertente per non sprecare: si chiama scambiacibo.it ed è una piattaforma che permette di condividere il cibo che non verrebbe consumato.

Capita anche a te di dover partire per lavoro o per un weekend di relax. Il cibo che hai nel frigo che fine fa? Per non parlare degli ormai consueti “apericena” o di quando il complotto mamma/nonna ti lascia succulente pietanze perché “da quando vivi solo sei dimagrito, mangi?”.

Il cestino non merita tutto il cibo che butti, S-Cambia Cibo, sì, perché è proprio la piattaforma che lo trasforma in risorsa, con il tuo aiuto.

Quando hai un alimento ARS (alimento a alto rischio spreco) e sai che non riuscirai a consumarlo, puoi caricarlo su scambiacibo.it, aggiungere una foto, le informazioni necessarie (data di scadenza e caratteristiche principali) e geolocalizzarlo. Dopo questi semplici passi, l’alimento risulterà a disposizione di tutti gli altri utenti che potranno contattarti.

Se, invece, trovi qualcosa che stuzzica il tuo appetito, puoi essere tu a contattare l’inserzionista per prendere accordi su dove e quando incontrarsi per il ritiro.

Il servizio è già attivo su tutto il territorio nazionale: puoi scegliere il raggio d'azione della piattaforma e visualizzare gli alimenti disponibili entro 5 Km, 10 Km, 20 Km oppura tutta Italia.

Et voilà: il gioco è fatto!
In poche e semplici mosse, il cibo che non riesci a consumare diventa risorsa per te e per gli altri.

Non si tratta di un baratto, ma della cessione di eccedenze alimentari (senza intermediazione di denaro) in cambio di vantaggi economici, ambientali e sociali.

Infatti, scambiare alimenti ancora consumabili, senza comprarne di nuovi, fa risparmiare euro e ridurre i rifiuti, le emissioni di CO2, il consumo di acqua e il degrado del suolo; inoltre, condividere il cibo in eccesso rafforza le relazioni sociali e fare nuove conoscenze, si sa, è sempre piacevole.

Quando ci guadagnamo tutti, si parla di modello “win win”, ogni parte ha il proprio ruolo e il proprio premio. Tutti sono veicolo di reputazione, fiducia e appartenenza.

S-Cambia Cibo sarà qualcosa di più: un servizio di rendicontazione ambientale e urbana per una reale previsione degli sviluppi dell’ambiente in cui viviamo e in cui avvengono gli scambi e le interazioni.

E’ proprio per questo che siamo in questa piattaforma di crowdfunding a chiedere il tuo supporto.

Perché vorremmo affinare l’intera piattaforma (ora in versione beta) ed implementarla con i due algoritmi che ci permetteranno di far diventare S-Cambia Cibo uno strumento di analisi e progettazione, per pubblico e privato.

Il primo algoritmo ci serve per capire quali sono i luoghi nevralgici della città e suggerirti le opportunità di scambio più confortevoli per te. Non è detto che ci si incontri in piazza, magari altri centri risultano più comodi.

Se un gruppo di mamme si incontra nei pressi di un determinato quartiere, perché lì non pensare a un parco giochi per i loro bimbi? Le mamme pensano al cibo, salvagardano l’ambiente e risparmiano tempo e denaro e, mentre si scambiano due chiacchiere con chi si è scelto di incontrare, i bimbi si divertono insieme e tutti tornano a casa felici. Da quel benzinaio in tangenziale, invece, si potrebbe realizzare un punto fisico di raccolta del cibo, un grande frigorifero in cui lasciare ciò che ti è rimasto in dispensa prima di partire per le vacanze.

Ci potrebbero essere tanti altri esempi meno banali, ma vorremmo fossi tu, la tua cerchia di amici e la tua community a farceli scoprire attraverso l’utilizzo della piattaforma.

Il secondo algoritmo, invece, ci serve per tenerti aggiornato sul tuo impatto ambientale, su quanta CO2 stai risparmiando con l’utilizzo della piattaforma. Vorremmo fornirti i risultati attraverso dati comprensibili come il numero di alberi piantati grazie ai tuoi scambi.

Inoltre, ci serve per calcolare quanti rifiuti sono stati sottratti dal cestino per poter dimostrare alla rete civica e alle aziende municipalizzate, che trarrebbero un profitto in termini di minor costi di smaltimento e che potrebbero tradurre questo risparmio in sconti per te su servizi (trasporti, intrattenimento), in agevolazioni sulle bollette, e nell’attivazione di social bond.

Cosa ne pensi? S-Cambia Cibo è un progetto di economia collaborativa e collaborativo vuole essere il suo sviluppo. Ci piacerebbe ricevere i tuoi consigli sul progetto, sulla piattaforma, sull’utilizzo dei dati.

Per rendere tutto questo reale basterebbe un piccolo contributo di ognuno. E come se la realizzazione dell’intero progetto S-Cambia Cibo non bastasse, ci sono per te “appetitose” ricompense.

Non contribuire sarebbe uno spreco!

 

Visita il sito: http://www.scambiacibo.it

e la nostra pagina Facebook: http://www.facebook.com/sccibo?fref=ts

 

Puoi seguirci anche su:
twitter: @scambiacibo
instagram: scambiacibo

1441647877121171 ilaria venturelli

Un progetto a cura di

Ilaria Venturelli

Sono Ilaria co-founder di petricorstudio, gruppo di ingegneri vestiti da architetti da cui è nato
S-Cambia Cibo.
Lavoro nel coworking bolognese Kilowatt, con
SocialLab, social media agency che non si prende troppo sul serio, Guglielmo Apolloni, service designer che è anche web designer/factotum, e Indica, professionisti per lo sviluppo sostenibile.

Con il contributo di tutti,
S-Cambia Cibo è crescito cresce ed è diventato uno dei progetti di RESILIA, startup innovativa di cui sono presidente.

Seguici su