Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Arte, Editoria, Formazione
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

IL GIOCO NON È UN GIOCATTOLO

Un libro illustrato rivolto ad adulti per lasciarsi meravigliare dal mondo dell’infanzia.

600€
100% di 600€
24 dic 2014
Data chiusura
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

IL GIOCO NON È UN GIOCATTOLO

Un libro illustrato rivolto ad adulti per lasciarsi meravigliare dal mondo dell’infanzia.

600€
100% di 600€
24 dic 2014
Data chiusura
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

L’idea nasce da alcune riflessioni intorno al tema della creatività in età adulta. Dov’è finita la creatività? Che legame c’è tra età anagrafica e voglia e necessità di giocare? E’ possibile recuperare la meraviglia, la bellezza e la gratuità del gioco, contro la funzionalità e l’utilitarismo del giocattolo? E ancora e soprattutto: “Quanto è importante l’emozione nella vita dell’adulto in relazione al proprio bambino interiore?”. 


Ecco allora che con la mia socia Elisabetta Serrati, mitica artista e illustratrice genovese, abbiamo pensato di scrivere un libro divertente, poetico, evocativo e per noi necessario: Il gioco non è un giocattolo.

Per cominciare, ho raccolto diversi episodi reali accaduti durante le sedute educative di psicomotricità con bambini tra i 2 e i 6 anni e li ho riletti e reinterpretati con sguardo adulto (divertendomi moltissimo peraltro), Betta ha poi messo in campo tutta la sua carica artistica e ha illustrato gli episodi.

Sono 13 e ognuno legato ad un tema: ASTRONOMIA, ASPIRAZIONI, NOIA, DIFFERENZE DI GENERE, NUOVE TECNOLOGIE (e perplessità), CAPITALISMO, COLORI, NUOVI NUCLEI FAMIGLIARI, LOGICA (ed emozioni), EROS E THANATOS, IGNOTO, LEGAMI, CONFLITTI.

Alcuni episodi sono divertenti, altri molto particolari, altri aprono scenari di maggior profondità. Chiaramente nell' interpretazione degli eventi accaduti c'è molta autobiografia, ma credo che ogni lettore, a suo modo, possa estrarre la propria storia.


L’obiettivo è quello di rimettere in contatto l’adulto con il proprio bambino interiore, avvicinarlo al mondo dell’infanzia, ritrovare la propria matrice creativa, in un momento storico in cui la dimensione sociale delle grandi città non lascia spazio all’infanzia nel suo aspetto filosofico, contenutistico e non commerciale, utilitaristico (in questo senso sottolineiamo la differenza fondamentale tra il gioco e il giocattolo).


Il libro è in fase di ultimazione e siamo soddisfatte del risultato, la raccolta fondi ci serve per partire, vorremmo stampare 1000 copie e organizzare un evento di presentazione.

Le copie dei libri, oltre ad essere parte integrante delle vostre ricompense (insieme ad altre cose molto interessanti), serviranno in futuro per corsi di formazione con insegnanti, educatori e adulti in genere con cui lavoro periodicamente. Tra le ricompense vi sono anche laboratori destinati ad adulti focalizzati su temi di mio interesse di ricerca:  sul  legame tra educazione e intercultura, sulle relazioni al "tempo di avatar", cioè al tempo delle nuove tecnologie e poi verrà proposto un laboratorio esperienziale dal titolo “Il gioco non è un giocattolo”, e in quel caso ci sarà da divertirsi…

Durante i seminari sarà possibile approfondire a livello teorico e con dei riferimenti  gli argomenti in questione, ma sarà incentivato anche un attivo scambio di idee, impressioni, desideri, domande. Ci piacerebbe che questi laboratori fossero realizzati anche in spazi non legati al mondo dell’infanzia, per rivolgerci ad un pubblico di giovani adulti che non conoscono minimamente questa dimensione ma di cui potrebbero riscoprirne il fascino.

Che altro dire: Il libro è tutto da scoprire…è una sorpresa!

Stringiamo un patto di fiducia: sosteneteci in questo progetto e dateci la possibilità di meravigliarvi, con i nostri disegni con le nostre storie...

Non amiamo fare citazioni ma non possiamo esimerci dal farci aiutare dallo psicanalista Donald Winnicot che ha detto: “E’ l’appercezione creativa, più di ogni altra cosa, che fa sì che l’individuo abbia l’impressione che la vita valga la pena di essere vissuta”.

 

A presto!!
Laura ed Elisabetta

 

Link:

https://www.facebook.com/ilgiocononeungiocattolo

https://www.facebook.com/pages/Bettulla-Serrati/119123971432732?fref=ts

http://www.moomendama.com

Un progetto a cura di

laura.pomari@yahoo.com

Io mi chiamo Laura ho 30 anni sono filosofa (nel senso laureata in filosofia), psicomotricista e sto attualmente conseguendo una laurea in antropologia. Come libera professionista mi occupo di intercultura, educazione, formazione. Elisabetta è una grande amica conosciuta in Camerun e un'artista raffinata; dopo aver lavorato a Milano come grafica e illustratrice per grandi marchi,è tornata a Genova per elaborare il suo stile personale e UNICO. Siamo qui produrre il nostro libro.

Seguici su