Gabriele Bortolozzo - el mostro

Un cortometraggio a tecnica mista per ricordare chi è stato Gabriele Bortolozzo, eroe civile oggi dimenticato dalle nuove generazioni.

Traguardo
5.000 €
Raccolti
5.122 €
Chiuso il
13 dic 2014
Sostenitori
77
Finanziato
Condividi

Studio Liz è una realtà di produzione indipendente. Fare e produrre documentari è la cosa che più ci piace.

Vogliamo raccontare la storia di Gabriele Bortolozzo, con l'intento di riscoprire la sua figura di eroe civile.
 Racconteremo la storia della sua vita con una chiave di lettura nuova, guidati dall'intuito creativo di Lucio Schiavon e cercheremo di presentare il primo nucleo della narrazione visuale in occasione dell'anniversario della sua prematura scomparsa ormai 20 anni fa. (settembre 1995- settembre 2015)

 

 

La nostra sfida sarà raccontare in corto o medio metraggio la storia di un uomo la cui figura e la cui eredità non vadano perdute. A voler guardare indietro sono molti i contributi audiovisivi realizzati sulla figura di Bortolozzo, eppure, proprio nella sua stessa città, egli è ormai solo un nome quasi del tutto dimenticato, soprattutto dalle nuove generazioni che non solo non sanno chi sia, ma peggio, non conoscono ciò per cui si è battuto.
 Come suoi concittadini, come creativi, abbiamo deciso di portare all'attenzione della nostra città e del nostro territorio questa damnatio memoriae.
 Se partiamo dalla constatazione che il disinteresse e la disattenzione sono alla base della non-memora, ecco allora spiegato il perché di questo lavoro, aggraziato dalle illustrazioni, come una fiaba cercherà di semplificare una storia notoriamente complicata e torbida come la lavorazione del cvm negli stabilimenti di Porto Marghera negli anni 60/70 e più diffusamente la tematica del lavoro e salute in fabbrica, ieri, oggi e domani.

Ispirandoci alla sua storia, alla sua città, alla sua fabbrica vogliamo realizzare un mediometraggio a tecnica mista: illustrazioni, grafica e video e immagini di repertorio che diventi un nuovo pretesto per ricordare chi è stato Grabriele Bortolozzo, per cosa ha lottato e quanto sia attuale la sua battaglia civile.

 

 

 

Il nucleo centrale racconterà come una fiaba la storia di un pesce. Ci troviamo in un'ambiente acquatico e come spesso accade il pesce grande mangia il pesce piccolo. Ma se il pesce grande è nero, non solo sembra più grande ma anche più cattivo. 
Per associazioni di immagini la voracità del pesce nero che caccia nel mare sarà il girare di un vinile dalla cui musica sul giradischi nasceranno parole che con semplicità racconteranno l'era del cvm e il suo impiego negli oggetti, l'apparente innocuità di questo materiale nella bontà delle cose che con esso si realizzavano.Ma il vortice nero ricorderà anche i raggi di una bicicletta, il fidato e dannato mezzo di trasporto che usava Gabriele. Sempre in bicicletta. E che in bici ha trovato la morte. Con la tecnica stop motion racconteremo la vita quotidiana in fabbrica, come per esempio un gesto che compivano gli operai addetti alla lavorazione del cvm: calarsi come burattini appesi ad un filo con la sola luce del casco dentro i silos dove veniva lavorato il cvm.

 

 

Attraverso alcune parole di Gabriele tratte dal suo diario personale accompagnate dalle immagini di un uomo in bicicletta che corre verso il mostro, al modo che fu forse reso in letteratura da Melville nel dialogo tra il capitano Achab e la balena in Moby Dick, il nostro piccolo uomo in bicicletta andrà incontro al suo destino di essere mangiato dal mostro. Questo mostro però non ti mangia solo fuori, ti mangia dentro. Ecco perché, mangiato il piccolo uomo, fluttua in un mare sempre più grande dove lui non è che un pesce, un piccolo pesce.

 

 

 

Gabriele Bortolozzo muore in un’incidente stradale a sessantun’anni.
 L’intenzione è di realizzare e presentare questo ritratto video nel settembre del 2015 in occasione dei vent’anni dalla sua prematura scomparsa.
 Ci preme di arrivare e far cogliere al pubblico fruitore l'importanza di questa riflessione filmica. Essa sarà una testimonianza preziosa degli ultimi vent’anni di una nostra storia locale.
 Di Venezia, Marghera, Mestre, Mogliano Veneto, Favaro, Campalto, realtà urbane attorno alle quali la vita di Gabriele è trascorsa.
 I nostri sforzi nella fase di pre-produzione si orienteranno molto alla distribuzione, prevendite televisive e circuito dei festival. Valuteremo tutte le strade percorribili per ottenere l'interesse di un partner che sposi la nostra causa e si faccia portavoce del progetto.


Possiamo sintetizzare le fasi di produzione come segue:
pre-produzione da Settembre 2014 con la realizzazione entro Gennaio 2015 questo arco di tempo di un demo video per aiutare la promozione del progetto e il foundraising
produzione e post-produzione da Gennaio 2014 a settembre 2015 L'ambizione è quella di riuscire a presentare il video in una serata/evento dedicata in occasione del ventesimo anniversario.

Il cortometraggio lancerà una domanda provocatoria: Gabriele Bortolozzo è stato solo un pesce fuor d'acqua? Anche grazie al sostegno che vorrete darci troveremo insieme le risposte!

Grazie!

-----

NOVITA'!

Il 10 novembre siamo stati ospiti di "Restate scomodi", on air su Radio 1, per parlare del nostro progetto!

Ti sei perso la puntata? Clicca sul logo di Radio 1 per scaricare l'MP3. Noi ci siamo a partire dal minuto 11:20!

 



...invece il 20 ottobre siamo stati ON AIR su Radio2, ospiti di Caterpillar! Clicca sul logo di Radio2 per scaricare l'MP3. Il nostro intervento parte dal minuto 23:08!

 

 

E poi... passa a trovarci!

 

Il nostro sito

Facebook

Twitter

 

Seguici su
Condividi il progetto
Commenti