Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Arte, Editoria

Widget

Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Testo copiato

{ A } sorella anarchia

Film documentario che in 60' si propone di raccontare cosa voglia dire vivere in Italia, oggi, seguendo il pensiero anarchico.

1.285€
16% di 8.000€
06 ott 2014
Data chiusura
Scaduto

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

{ A } sorella anarchia

Film documentario che in 60' si propone di raccontare cosa voglia dire vivere in Italia, oggi, seguendo il pensiero anarchico.

1.285€
16% di 8.000€
06 ott 2014
Data chiusura
Scaduto

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Che cos'è l'anarchia e cosa significa essere anarchici oggi?

Con il nostro progetto ci proponiamo di indagare alcune delle realtà contemporanee nelle quali il pensiero anarchico riesce pragmaticamente a esprimersi e di raccontarvi i risultati delle nostre ricerche attraverso la realizzazione di un documentario. Il lavoro si svolge con la preziosa collaborazione di Gianni Milano.

Un breve incipit al documentario

La prima volta che incontrammo Gianni Milano fu in un corteo per le vie di Torino. Impossibile non notare i suoi capelli lunghi e la sua barba bianca; coerenti, ancora oggi, con quello che fu il suo soprannome negli anni ‘60: il maestro capellone. La sua presenza ci incuriosì. Alla sua età non sono in molti ad essere propensi a partecipare alle manifestazioni cittadine, o almeno non attivamente. Invece eccolo lì, col fazzoletto al collo e la fedele bandiera. Avremmo voluto presentarci e congratularci con lui per la sua tenacia, ma instaurare un dialogo nel mezzo del corteo sarebbe stato complicato, quindi lasciammo perdere. Dopo qualche mese, in maniera del tutto casuale, riconoscemmo il volto del maestro capellone sulla fotografia di un articolo online: leggendo l’intervista, scoprimmo che Gianni Milano era un anarchico. Fatta qualche ricerca, fummo, ancora una volta, positivamente sorpresi dall’esistenza del suo profilo facebook. Chiedemmo subito l’amicizia e organizzammo un incontro. Da tempo avevamo in mente di girare un documentario sul pensiero e l’azione anarchica nei nostri giorni, ma fu proprio il nostro primo contatto diretto con Gianni a fornirci la motivazione per cominciare il progetto. Distribuiva volantini in un sit-in. Parlammo con lui soltanto per cinque minuti, ma intuimmo subito che raccontandoci la sua esperienza avrebbe potuto aiutarci a comprendere meglio il significato della parola anarchia.

Come useremo il vostro contributo

Il vostro contributo ci aiuterà a sostenerci durante i quattro mesi di lavorazione previsti per portare a termine il documentario. Ci permetterà, inoltre, di coprire i costi di produzione, ovvero i costi degli spostamenti sul suolo italiano, il reperimento dei materiali utili alla realizzazione, coprire le spese di post produzione e i diritti vari ed eventuali di prodotti di terze parti, come i lavori di grafica e le musiche per la colonna sonora, più eventuali spese impreviste e di logistica.

A campagna completata potrete seguire l’evoluzione del progetto sul questo sito internet, dove troverete i video che realizzeremo in corso d’opera, accompagnato dalle nostre riflessioni e dal commento di Gianni.

Potete trovarci qui:

mail. info@sorellaanarchia.it

sito. www.sorellaanarchia.it

sito. www.cichiamanodiversi.it

fb page. Sorella Anarchia

yt channel. { A } Sorella Anarchia

 

1441646681046077 sorellaanarchia

Un progetto a cura di

sorellaanarchia

{ A } Sorella Anarchia è un progetto che nasce dalla collaborazione di Vincenzo Monaco e Mirko Isaia. Il primo, siciliano di Enna, ora vive a Torino dopo aver studiato a Palermo e Torino laureandosi in Cooperazione Internazionale, terminati gli studi frequenta un corso di videomaking presso ActingOUT school di Torino. Il secondo, d'origine ligure, si sposta a Torino per frequentare l'Università e seguire il corso DAMS, si avvicina alla fotografia di reportage da autodidatta.

Seguici su