Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Civico

Widget

Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Testo copiato

#veneziapride2014 - nessun pesce fuor d'acqua

La lotta all'omofobia non finisce mai e quest'anno è necessario portare il Pride a Venezia! Vieni con noi il 28 giugno a Venezia, e aiutaci con una donazione!

174€
6% di 2.500€
25 giu 2014
Data chiusura
Scaduto

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

#veneziapride2014 - nessun pesce fuor d'acqua

La lotta all'omofobia non finisce mai e quest'anno è necessario portare il Pride a Venezia! Vieni con noi il 28 giugno a Venezia, e aiutaci con una donazione!

174€
6% di 2.500€
25 giu 2014
Data chiusura
Scaduto

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

"Alcuni dicono che l'orientamento sessuale e l'identità di genere sono questioni delicate.Capisco.Come molti della mia generazione, io non sono cresciuto parlando di questi temi.Ma ho imparato a parlarne perché le vite delle persone sono in gioco, e perché è nostro dovere ai sensi della Carta delle Nazioni Unite e della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo per tutelare i diritti di tutti, ovunque”

Il Segretario Generale dell'ONU Ban Ki-moon al Consiglio dei diritti dell'uomo.

La nostra manifestazione si esplicherà in una parata a piedi sabato 28 giugno dalle 16, il percorso si snoda a piedi dalla stazione ferroviaria di Santa Lucia fino alla Pescheria. Su cui è già stata inoltrata agli uffici di competenza il regolare “preavviso di pubblica manifestazione”.

Per la promozione dei principi sopra descritti e per far maturare una dibattito consapevole in città è inoltre nostra intenzione organizzare occasioni conviviali, mostre, manifestazioni e incontri correlati per illustrare e valorizzare la nostra attività. Più che la parata in sé è nostra intenzione creare una maggiore consapevolezza e riflessione sulle questioni LGBT, oltre ogni possibile strumentalizzazione o travisamento.

Da questo nasce la nostra volontà di organizzare a Venezia il Pride Regionale Veneto, dopo le esperienze di Vicenza lo scorso anno e Bassano l'anno precedente.

La lotta all'omofobia e alla transfobia non è, come spesso si crede, monopolio di una specifica e circoscritta area tematica. Invece caratterizza in modo trasversale l'applicazione dei diritti umani alle persone identificate come appartenenti alla comunità LGBT. E' facile immaginare quanto l'omofobia e la transfobia comunemente intese come atti di violenza o minacce esplicite, possano limitare il pieno godimento dei diritti civili o l'accesso al benessere.

Il movimento LGBT veneto in particolare pone l'attenzione in questo Pride Regionale alle macro-aree di scuola, salute e famiglia.

Scuola; in base allaconvenzione sui diritti del fanciullo va tutelata l'appartenenza del giovane a una minoranza sociale, va tutelato dalla discriminazione e va assicurato il pieno accesso all'istruzione. In questo senso si colloca la partecipazione delle associazioni universitarie e studentesche alla nostra iniziativa, Unione degli Universitari di Venezia, e dei coordinamenti degli Studenti Medi.

Noi crediamo che per un pieno accesso al diritto allo studio la scuola non possa essere terreno di coltura per una generazione che vede legittimata l'omofobia e la transfobia, l'incitamento all'odio, e la legittimazione di atteggiamenti discriminatori. La scuola, al contrario in ogni ordine e grado deve diventare espressione e valorizzazione delle diversità.

Salute; ogni dato statistico sulle nuove infezioni da MTS (malattie a trasmissione sessuale) evidenzia come la comunità LGBT, sopratutto nella sua fascia più giovanile, sia da ritenersi altamente a rischio con percentuali preoccupanti di nuove infezioni. La nostra manifestazione vuole porre l'attenzione sulla necessità di politiche sanitarie community based e lo sviluppo di politiche di educazione sessuale consapevole.

Famiglia; all'interno dei diritti del fanciullo, in tutte le convenzioni internazionali si ripete il diritto alla famiglia, associato al principio di non discriminazione. La nostra manifestazione, e le iniziative che la promuoveranno valorizzeranno il valore della famiglia nel senso più ampio, come nucleo affettivo, di crescita ed elemento fondante della crescita personale.

E' evidente che applicato alle tematiche LGBT il tema della famiglia deve per forza di cosa associarsi alla lotta all'omofobia e alla transfobia. La nostra manifestazione intende promuovere l'omogenitorialità. Innanzitutto come forma di tutela e di riconoscimento dell'omogenitorialità esistente, frutto di un progetto genitoriale consapevole o meno, ma che deve vedersi riconosciuta come famiglia innanzitutto per la tutela del minore.

 

TUTTI GLI EVENTI CHE VORREMMO ORGANIZZARE DA QUI AL 28 GIUGNO

24 maggio

18.00 - Evento inaugurale - Aperitivo

28 maggio

18.30 – Presentazione del libro “Le cose cambiano” a cura di Linda Fava

21.30 – Concerto di Lara Mazzoni

23.00 – Dj-set

Presso il Sale Docks

 

31 maggio Bi Aperitif

18.30 aperitivo dibattito sul tema della “Bisessulità” con performance sui generi(s) di “Chilli Peperoncino Rosso”, a seguire dj-set

1 Giugno

18.30 - Incontro su “La divers-abilità LGBT” con Priscilla Berardi (medico, psicoterapeuta, sessuologa) e il gruppo sordi LGBT Veneto

spazio da definire

3 Giugno

18.30 – Presentazione del libro “Di che genere sei? Prevenire il bullismo omotransfobico” a cura di Beatrice Gusmano e Tiziana Mangarella

spazio da definire

6 Giugno

18.30 – Incontro su “Sport e Omofobia” con Jon Landa e le associazioni Bus Bologna, Momo volley e Libera rugby

spazio da definire

7 Giugno

18.30 – Incontro su “Famiglie LGBT” con Giuseppina La Delfa di Famiglie Arcobaleno e Fabrizio Paoletti di Rete Genitori Rainbow

20.30 – Cena sociale

Presso Circolo “Sette Martiri”

 

8 giugno

20.00 – proiezione del film “IL ROSA NUDO”

Verrà proiettato il film “IL ROSA NUDO” di Giovanni Coda, film sperimentale tratto dall’autobiografia di Pierre Seel.

spazio da definire

 

11 Giugno

18.30 – Presentazione del pamphlet a fumetti “My boyfriend is a bastard” di Luca De Santis e Damiano Clemente

spazio da definire

 

Venerdì 13 Giugno

21.00 – Spettacolo teatrale “L’invisibile della Pienezza”con Giovanni Ciluffo e Simone Carnielli. Kalsa Compagnia - Khorakanè Danza

23.00 – Dj set

Presso Teatro Marinoni

 

Sabato 14 Giugno

18.30 – Presentazione del libro “Esquimesi in Amazzonia. Dialogo intorno alla depatologizzazione della transessualità” a cura di Christian Ballarin e Roberta Padovano

spazio da definire

 

15 Giugno

18.30 – Incontro e inaugurazione della mostra ”Visibilità lesbica” di Melissa Inham Ianniello

spazio espositivo da definire

 

18 Giugno

18.30 - Incontro su “La terza età delle persone LGBT” con Raffaele Lelleri, sociologo

spazio da definire

 

20 Giugno

20.00 - Conferenza su “Donne, fede e omosessualità” con Letizia Tomassone (docente di teologia di genere alla Facoltà Valdese di Roma)

presso la foresteria Valdese di Venezia

 

21 Giugno

13.00 – Apertura della mostra Est/etica Omosessuale (titolo provvisorio) foto e documenti della collezione di Luca Locati Luciani. In questo percorso espositivo illustreremo l'importanza di Venezia, e per esteso dell'Italia, nella storia omosessuale dal sedicesimo secolo all'inizio degli anni '70 del '900 (quando anche in Italia si afferma un moderno movimento di liberazione GLBT).

Spazio espositivo da definire

la mostra resterà aperta fino al 29 giugno.

16.00 – Evento di apertura della settimana del Pride: Incontro con Stuart Milk della fondazione “Harvey Milk”, Amnesty International e il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni.

presso la Pescheria, oppure la Sala San Leonardo

21.00 – Spettacolo teatrale “Puls(t)azioni” a cura di (TRA) Spazio teatrale traparentesi

presso Teatrino Groggia

 

Domenica 22 Giugno

18.30 - Incontro su “Diritti civili delle persone LGBT” con Sergio lo Giudice, Yuri Guaiana, rete Lenford e Camilla Seibezzi

spazio da definire

Mercoledì 25 Giugno

18.30 – Convegno “L’educazione alle differenze: strategie e buone prassi per una scuola più inclusiva” con Luca Trappolin (sociologo), Margherita Bottino (psicologa e psicoterapeuta), Chiara Baiamonte (medico e psicoterapeuta), in collaborazione col CUG dell’Università Ca’ Foscari.

presso sala dell’Università

 

Sabato 28 Giugno

16.00 – Corteo del Venezia Pride

18.00 – Happening

In Campo S.Polo verrà allestito un palco con impianto acustico, l’happening sarà composto di discorsi dei rappresentanti delle associazioni e degli invitati, intervallati da performance artistiche musicali e di danza.

23.00 – Festa finale in Arsenale

 

#veneziapride2014

sito uffiale - pagina facebook

1441646213975544 mattia.galdiolo

Un progetto a cura di

mattia.galdiolo

La nostra associazione è composta da una rete di militanti, veneziani e veneti che si occupano di tematiche sociali, dal diritto allo studio, all'immigrazione, iniziative culturali e sportive, accomunati in questa sede dalla forte volontà di portare il dibattito sulle questioni dei diritti umani legati alla comunità LGBT (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali) a un livello più maturo, scevro da polemiche e su un piano di condivisione.

Seguici su