Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Arte, Musica
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Metropolis a quattro mani

Il suono di un pianoforte, quattro mani, e le immagini avveniristiche di Metropolis. Il connubio tra musica e cinema rinasce in una luce nuova.

1.560€
104% di 1.500€
23 apr 2014
Data chiusura
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Metropolis a quattro mani

Il suono di un pianoforte, quattro mani, e le immagini avveniristiche di Metropolis. Il connubio tra musica e cinema rinasce in una luce nuova.

1.560€
104% di 1.500€
23 apr 2014
Data chiusura
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Le didascalie tremolanti, la musica che segue il crescendo dell’azione, la pellicola con le sue meravigliose imperfezioni. Metropolis a quattro mani rappresenta l’incontro tra cinema e musica dal vivo, il connubio, che tutti noi conosciamo, tra il successo di un film e la sua colonna sonora.

Metropolis, il capolavoro di Fritz Lang, che dal 1927 continua ad influenzare il mondo del cinema di genere e non, è intimamente legato alle musiche, composte da Gottfried Huppertz, che ne accompagnano le immagini.

Si tratta di un legame reso ancora più forte dal silenzio delle immagini, da quel fascino intrinseco del cinema muto, dove, senza il supporto della parola parlata, le sensazioni scaturiscono unicamente da ciò che si vede e da ciò che si sente.

Ed è questo che l’Associazione culturale Circuito Musica vuole proporre attraverso Metropolis a quattro mani: riscoprire, valorizzare e rilanciare le grandi opere del passato, con una particolare attenzione alla grande musica che diventa vera protagonista delle proiezioni, predisponendo lo spettatore all’evoluzione della trama.

Musica dal vivo e cinema che si incontrano, ancora una volta, come avveniva agli albori dell’arte cinematografica e lo fanno attraverso quattro mani e un pianoforte.

Il progetto prevede la proiezione del film Metropolis con l’esecuzione dal vivo della colonna sonora di Gottfried Huppertz, opportunamente adattata per pianoforte a quattro mani dalle due artiste che l’eseguiranno: Federica Badalini e Francesca Badalini.

Il duo svolge intensa attività concertistica, esibendosi dal vivo con l’esecuzione di proprie rielaborazioni musicali di colonne sonore di film muti, in tutta Italia, in Svizzera e in Francia.

L’evento si situa all’interno della più vasta iniziativa Piano City 2014, che avrà luogo a Milano il 16, il 17 e il 18 maggio.

 

Grazie al vostro contributo, diventerete co-produttori dell’evento, aiutandoci a finanziare il noleggio della pellicola, l’ingaggio delle pianiste e il nostro prezioso staff che sta già lavorando al progetto per realizzarlo nel miglior modo possibile.

Metropolis, film sempre attuale, rinascerà – ancora una volta – sul grande schermo, accompagnato, in maniera innovativa, dalla sua inseparabile colonna sonora.

 

Ringraziamo i primi che, sostenendo il progetto, ne sono diventati co-produttori!

 

Avete tutti la possibilità di diventare co-produttori di Metropolis a quattro mani.

 

 

LINKS:

Il sito ufficiale dell'Associazione Circuito Musica: http://www.circuitomusica.it

La pagina Facebook: http://www.facebook.com/pages/Circuito-Musica/187291974677048

Il sito della pianista Francesca Badalini: www.francescabadalini.com

Il sito dell'iniziativa Piano City Milano: http://www.pianocitymilano.it/

 

1441646119709248 circuito musica

Un progetto a cura di

Circuito Musica

Circuito Musica è un progetto culturale, nato dal desiderio di un gruppo di giovani musicisti di rilanciare la musica colta in modo efficiente e dinamico.Il suo cuore è il Portale Web, una piattaforma tramite la quale musicisti, appassionati e istituzioni possono promuovere la propria attività, creando interessanti opportunità di lavoro.Circuito Musica organizza eventi musicali, spaziando dalla sinfonica alla lirica, dai concerti nei salotti privati a quelli nei grandi teatri italiani.

Seguici su