Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Civico

Widget

Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Testo copiato

Preparazione alle procedure invasive in pediatria

Clown di corsia professionisti per trasformare la procedura invasiva in un’avventura fantastica in cui i bambini diventano protagonisti di un’esperienza magica.

1.719€
57% di 3.000€
11 mar 2014
Data chiusura
Scaduto

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Preparazione alle procedure invasive in pediatria

Clown di corsia professionisti per trasformare la procedura invasiva in un’avventura fantastica in cui i bambini diventano protagonisti di un’esperienza magica.

1.719€
57% di 3.000€
11 mar 2014
Data chiusura
Scaduto

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Il progetto è partito un anno fa come lavoro di ricerca presso la Pediatria di Padova e sta ora continuando, visti i buoni risultati conseguiti, ma i fondi si stanno esaurendo e quindi siamo qui per chiedere il vostro aiuto!
 
Si tratta di un intervento che, non solo intrattiene i bambini in modo ludico e distrattivo, ma passa alcune informazioni mediche relative alla procedura.
 
Abbiamo analizzato il contesto e creato una narrazione comico/fantastica che passasse le informazioni, ma inserite in un racconto divertente ed avventuroso. Abbiamo costruito, e perfezionato con la pratica, un intervento strutturato, ma che lasciasse spazio all'improvvisazione e alla relazione diversa che si instaura con ogni bambino.
 
Entrando nello specifico dell'intervento abbiamo pensato di trasformare il piccolo paziente da oggetto di cure passivo ad eroe di una storia magica in cui li possa diventare il protagonista attivo.
Quando lo incontrimo gli diciamo di aver perso i nostri speciali poteri magici e, solo grazie al suo aiuto, possiamo ritrovarli...
Inizia così un'avventura che si snoda fino alla fine della procedura e che l'accompagna in ogni sua fase.
 
Ovviamente, abbiamo dovuto differenziare l'intervento a seconda delle fasce d'età, e per questo che abbiamo pensato all'avventura magico/fantastica per i bimbi in età prescolare e scolare, mentre per i pre adolescenti ed adolescenti abbiamo pensato ad un approccio più legato alla musica ed ai personaggi famosi.
 
In breve, scambiamo il ragazzo per una famosa rock star e gli chiediamo dei consigli perchè vogliamo presentarci al concorso canoro XXXXL factor (o al talent show Hospital got talent) che si svolge in ospedale e sottoponiamo alla sua attenzione un innovativo (quanto strampalato) brano musicale che parla della procedura.
 
Vi spieghiamo come avviene nel dettaglio l'intervento con i bambini in età prescolare e scolare: la fase iniziale è relativa al primo contatto con il paziente e alla preparazione alla procedura. Ci presentiamo al bambino ed ai genitori, dichiarando di aver perso tutti i nostri poteri magici e dicendo che ci hanno mandato a cercarli perchè il bambino è speciale e ci può aiutare a trovare un tesoro e riacquisire i nostri poteri magici.
 
La seconda fase: la mattina del giorno successivo, andiamo nella sua stanza e lo accompagnamo fino alla sala procedure, con una serie di giochi di movimento, che aiutano a rilassare il corpo, e delle magie che lui stesso farà tramite il suo soffio magico (in questo modo lo induciamo ad una respirazione profonda). Nella sala procedure, durante il sonno indotto dalla sedazione troverà un indizio che ci permetteràdi raggiungere il tesoro. Anche noi entriamo nella sala procedure e accompagnamo l'intervento fino al momento in cui il bambino si
addormenta.
 
Abbiamo pensato anche al coinvolgimento dei genitori durante tutto l'intervento poichè giocano un ruolo importante nel supporto emotivo del figlio. Per loro il momento più difficile è l'attesa fuori dalla sala dell'esame, si tratta di un momento delicato, che cerchiamo di accompagnare con ascolto e rispetto e di colorare con una nota di leggerezza, donando una farfalla origami con il nome del bambino disegnato sulle ali.
 
La terza ed ultima fase avviene 2-3 ore dopo l'esame, una volta che il bimbo ha smaltito il sedativo, andiamo a trovarlo per sapere come è andata la sua missione e raccogliere l'indizio tramite il quale troveremo uno scrigno col tesoro e i nostri poteri. Chiudiamo l'intervento con un ultima grande magia, sta volta fatta da noi, segno
inequivocabile, che grazie all'aiuto del bimbo, siamo tornati in possesso dei nostri poteri. Gli consegnamo anche un diploma, come rinforzo positivo dell'esperienza vissuta.
 
Quali sono le differenze tra questo intervento dei comicoterapeuti professionisti, rispetto a quello dei clown volontari?
 
La prima è legata agli spazi e ai tempi dell'intervento: i clown volontari agiscono all'interno della stanza del paziente, in fascia serale o durante il fine settimana, in momenti in cui le procedure ospedaliere sono più diradate e anche il personale medico è ridotto, in modo da non disturbare la routine dell'ospedale.
 
I 2 professionisti agiscono durante il giorno, a stretto contatto con il personale medico ed è richiesta quindi una particolare attenzione per non essere di intralcio alle procedure.
 
E' necessario occupare determinati spazi ed avere un atteggiamento particolarmente attento per non intralciare l'attività medica e per instaurare una profiqua collaborazione.
 
Grazie ad Eppela e al vostro aiuto riusciremo a coprire i costi dello staff,  del materiale e a garantire ai bambini che devono sottoporsi ad interventi invasivi un accompagnamento clown! Il sostegno che vi chiediamo ci permetterebbe di proseguire con il nostro intervento in ospedale, 2 giorni alla settimana per un paio di mesi, ma se i contributi saranno maggiori il tempo di vita del progetto si allungherà di conseguenza!
 
In cambio del vostro aiuto vi offriamo diverse ricompense che contengono anche 2 preziosi testi:
 
Clown di corsia - Un naso rosso per l'umanizzazione delle cure pediatriche di Salvatore Sechi
 
Il libro parla della "clown-terapia" e di come gli interventi di affiancamento alle cure tradizionali, superano la visione del paziente come soggetto malato, valorizzando una concezione più umano che sottolinea il ruolo della persona come individuo unico e degno di ogni considerazione. Come lavora un clown nelle corsie dell'ospedale? Quali sono le sue caratteristiche e le linee guida del suo intervento? Cos'è la tanto menzionata "clown-terapia"? Da dove nasce? Perché proprio il clown? Perché il sorriso fa bene? Come agisce nel nostro organismo?
 
e
 
Un clown tutto per me scritto da Licia Pittarello e illustrato da Cinzia Praticelli Un testo poetico in cui..."una bambina distesa sul suo letto d'ospedale sogna un clown prefetto per lei...ma alla fine scopre che..."
 
e nasi rossi, cartoline, felpe, una cena speciale e uno spettacolo per voi...
 
ma soprattutto il nostro ringraziamento e quello di tutti i bambini e genitori che, grazie al vostro aiuto, verranno accomagnati con leggerezza e con un sorriso durante le procedure invasive.

 

LINK

Pagina facebook progetto

Sito Gioco e Benessere

Sito Dottor Clown Padova

Sito Teatro Invisibile

Sara Celeghin

Andrea Cappelletto

 

 

 

 

 

 

 

1441645838864355 saracele

Un progetto a cura di

Saracele

Sara Celeghin e Andrea Cappelletto si sono formati come comicoterapeuti al servizio della persona durante un corso professionalizzante organizzato da Dr Clown Italia. Sono attori, artisti di strada...artigiani della risata!

Seguici su