Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Arte, Civico

Widget

Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Testo copiato

FEROCEMADREGUERRA

UNO SPETTACOLO su piccoli e grandi conflitti da vincere, per affermare il valore della bellezza e della dignità come motori irrinunciabili dei rapporti umani.

6.190€
103% di 6.000€
25 mag 2013
Data chiusura
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

FEROCEMADREGUERRA

UNO SPETTACOLO su piccoli e grandi conflitti da vincere, per affermare il valore della bellezza e della dignità come motori irrinunciabili dei rapporti umani.

6.190€
103% di 6.000€
25 mag 2013
Data chiusura
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

< CHI SIAMO

In ordine alfabetico: Francesca Bracchino, Francesca Brizzolara, Michele Di Mauro e Carlotta Viscovo.

Quattro attori, con alle spalle percorsi ed esperienze diverse, che si sono scelti per lavorare, per la prima volta, insieme.

E per farlo si avvarranno della preziosa collaborazione di Lucio Diana, per la parte sceno-tecnica, G.U.P. Alcaro, per musiche e suoni.

 

< COME NASCE IL PROGETTO FMG

FMG nasce (e speriamo sia solo il primogenito con un gran numero di fratelli!) dal Progetto/Laboratorio EDIPOW(a)ER, pensato e realizzato da Michele Di Mauro a partire da settembre 2012 e non ancora concluso.

> Una cinquantina di persone - attori, danzatori, scrittori, musicisti, giornalisti, organizzatori, una professoressa di scuole medie, due studentesse adolescenti e chiunque avesse avuto voglia di passare... -

> Uno Spazio teatrale - quello del CAP10100 di Torino -

> 6 ore al giorno per 5 settimane - a settembre- e poi, senza date fisse, ma con Tracce di Lavoro tutti i mesi.

> Un DESIDERIO - in questo periodo di profonda crisi economica e di contenuti artistici, smettere di impiegare il proprio tempo a lamentarsi, cercando, attraverso l'incontro e il confronto tra persone con capacità ed esperienze diverse, nuove possibilità di metodo e di creazione -

> La VOGLIA di un nuovo vocabolario e di liberarsi dall'assillo del “come”, sostituendolo con la meraviglia del “perché”.

> FEROCI PRIMA DI TUTTO CON NOI STESSI.

Per una nuova asimmetria.

Scompaginare le prospettive, mettere in dubbio le offerte.

Conquistare il tempo per lo studio e per la creazione.

Provare a concepire occasioni d’innamoramento.

 

< FEROCEMADREGUERRA

L'innamoramento tra noi 4 è scattato e abbiamo sentito, fortissimo, il desiderio di compiere un ulteriore passo: mettere in discussione i consueti metodi di fare teatro con l’intento di creare uno spettacolo sui conflitti, sulle piccole e grandi guerre che l’ individuo, oggi, dev’essere preparato a combattere per affermare il valore della bellezza e della dignità come motori irrinunciabili dei rapporti umani.

FMG sarà uno spettacolo modulare,scomponibile.

“Un monologo per 4 attori”, che, a seconda dei luoghi, dei tempi e delle condizioni, prenderà delle forme diverse, anche senza sapere chi e in quanti lo andranno ad interpretare. E pure gli spazi in cui farlo, potranno essere all’altezza di questo pensiero decostruttivo: spazi perfetti o sconvenienti, grandi teatri o piccole alcove.

Non si tratta di “adattare” lo spettacolo, ma di assumersi la responsabilità di scegliere la soluzione migliore, di volta in volta.

Il punto di partenza è stato (come pretesto) il testo di Jean Pierre Simeon,“Stabat mater furiosa”, un’invettiva contro la guerra.

Una preghiera nera, che ha dato il via ad una drammaturgia originale - concepita dai 4 interpreti col contributo anche di autori complici: Artaud, Morante, Kane, Shakespeare, Szimborska, Harendt, Fabre e altri, che cercherà di affermarsi e divulgare, in divenire, la forza di un Rito Pubblico d’ intimità feroce.

Una direzione di guerra…uno sguardo bellicoso sulle cose.

Una voglia di ferocia e dolcezza disincantatamente alleate.

Un desiderio di dire per conquistare e di stare per condividere.

Di vincere…per convincere.

GUERRE

Oggi, per noi quali?

Contro chi?

Per ottenere che cosa?

Che armi abbiamo a nostra disposizione?

Su questo ci interroghiamo, e apriamo pubblicamente la questione.

GUERRE, non come condizioni da condannare, ma necessarie perché ti obbligano a scegliere: TU, DA CHE PARTE STAI?

 

< ABBIAMO BISOGNO DI VOI, VI VOGLIAMO COME NOSTRI ALLEATI! per costituire un esercito di spettatori ed operatori consapevoli ed agguerriti.

FMG debutterà al “Festival delle Colline Torinesi” il 15 giugno.

Il Festival è nostro co-produttore, ma per fare uno spettacolo di buon livello, in cui sia garantita un'alta qualità artistica, ci serve il vostro contributo!

Speriamo che le nostre ricompense vi facciano gola...il laboratorio previsto con l'offerta da 1000€ non ha un numero limitato di posti...se, quindi, vi metterete insieme per raccogliere la cifra, saremo contenti di lavorare con voi per tre giorni!

Ci impegnamo a garantirvi che non ve ne pentirete!

 

< SEGUITECI

Sul profilo Facebook di FEROCEMADREGUERRA potrete seguire più da vicino il percorso di creazione dello spettacolo, attraverso materiale di testo, video e fotografico. Saremo contenti se riusciremo a stimolarvi, facendovi venire la voglia partecipare attivamente!

 

La nostra pagina Facebook

Il nostro gruppo su Facebbok

Michele Di Mauro Facebook

Il nostro spazio teatrale

Il Festival delle Colline

http://www.cantierecanavesano.org/?page_id=717

Tecnologiafilosofica.it

 

1441645002680108 ferocemadreguerra

Un progetto a cura di

ferocemadreguerra

Michele Di Mauro, Francesca Bracchino, Francesca Brizzolara e Carlotta Viscovo: quattro attori con alle spalle percorsi ed esperienze diverse, che si sono scelti per lavorare insieme, e che a Torino (città base del Progetto) stanno impegnando cuore, capacità ed entusiasmo per uno spettacolo,“FEROCEMADREGUERRA”,che ritengono un’occasione importante sia dal punto di vista della creazione che come momento di riflessione teorica sulle potenzialità del teatro come mezzo di emancipazione sociale.

Seguici su