La Rassegna Inclusiva di AltraVoce

Contribuisci
Icon close white 3b833f36a0d9aa8cb3ce88cdd82230b3e9588f443dca37cde0c033f06a08d3f1
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Valle Camonica
Solidarietà, Musica, Cultura
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

La Rassegna Inclusiva di AltraVoce

Musicisti Con E Senza Disabilità Mentale Insieme, In Due Concerti Sinfonici A Carattere Inclusivo: per valorizzare le capacità di chi è più fragile

1.638€
32%
|
-13 giorni
+ 5.000€
MSD Crowdcaring
Contribuisci

La Rassegna Inclusiva di AltraVoce

Musicisti Con E Senza Disabilità Mentale Insieme, In Due Concerti Sinfonici A Carattere Inclusivo: per valorizzare le capacità di chi è più fragile

1.638€
32%
|
-13 giorni
+ 5.000€
MSD Crowdcaring
Contribuisci

Iniziamo dai cuori dei musicisti, nonostante la fragilità

Il progetto consiste nell’organizzazione di una Rassegna di due concerti unici nel suo genere, aperti alla cittadinanza e realizzati dall’Orchestra Sinfonica Altravoce, composta da musicisti con e senza disabilità mentale

Secondo te, un ragazzo con autismo, con una disabilità intellettiva o con una sindrome genetica, può suonare musica sinfonica?

La risposta è SI :)

Il programma prevede un ensemble sulle note di autori come Beethoven, Brahms, Mahler, Grieg, Zimmer - offrendo all’intera comunità un’occasione culturale di spessore, con un forte messaggio inclusivo. 

I concerti si svolgeranno all’aperto, presso Piazza Casari (Comune di Malegno) sotto il dipinto murario di Borondo e presso il piazzale del Centro Congressi di Boario. 

con questo progetto potremo:

• permettere il coinvolgimento in ensemble sinfonico inclusivo di musicisti con disabilità mentale anche grave (autismo, disabilità intellettive, sindromi genetiche), che si sono formati in anni di studi sulle musiche dei grandi autori (Grieg, Brahms, Beethoven, Dvorak, Zimmer) e vogliono poter lavorare fianco a fianco con i musicisti senza disabilità e professionisti.

 creare opportunità socializzanti di accesso alla cultura in una logica inclusiva e accessibile a tutti.
•  ripartire dopo la pandemia, realizzando la Rassegna composta da due concerti dal vivo, per un pubblico di n. 400 persone totali, presso due location scenografiche e sicure (all’aperto)

 includere con la qualità che si meritano 15 ragazzi e adulti con disabilità (fisica e/o intellettiva) nell’Orchestra Sinfonica Altravoce e coinvolgere almeno 40 musicisti senza disabilità e professionisti dello spettacolo


I fondi raccolti verranno usati al meglio per:

  • organizzare 15 prove sinfoniche della durata di due ore circa ciascuna, dove i musicisti con disabilità suoneranno insieme ai musicisti senza disabilità il repertorio studiato dai singoli strumentisti in questi mesi, durante la pandemia
  • allestire le location con luci e amplificazione audio, per consentire al pubblico presente di godersi il concerto al meglio delle possibilità
  • documentare la rassegna con un/una fotografo/a e un/una videomaker
  • pagare i diritti d'autore
  • noleggiare il pianoforte a mezzacoda
  • implementare una campagna di promozione tramite i social che possa coinvolgere il maggior numero di persone: quanto sarebbe bello far capire a chi non si occupa di fragilità che un ragazzo con disabilità grave è capace di fare cose belle?
  • acquistare i Dispositivi di Protezione Individuale per garantire la sicurezza necessaria al regolare svolgimento degli appuntamenti (prove e concerti)


Chi c'è dietro al progetto

AltraVoce Onlus ha sede a Darfo Boario Terme (BS), una cittadina sita nella bassa Val Camonica (a nord di Brescia), nelle vicinanze del Lago d’Iseo. Il territorio in cui si trova l’associazione è piuttosto svantaggiato, dato il suo collocamento lontano dal capoluogo e la scarsità dei mezzi di collegamento. Dalla Valle Camonica non è infatti sempre facile raggiungere i servizi che si trovano nelle maggiori città bresciane e spesso i paesi della Valle non offrono servizi alternativi, soprattutto per le fasce più fragili della popolazione. È per questo motivo che dal 2011, Altra Voce effettua percorsi formativi ed educativi musicali rivolti a giovani ragazzi con disabilità per permettere loro di frequentare programmi basati su metodi innovativi (metodo Esagramma, Music Learning, Theory), senza doversi spostare troppo dal loro luogo di residenza.

AltraVoce Onlus in Valcamonica, è l’unica realtà certificata e abilitata ad offrire percorsi educativi e riabilitativi musicali dedicati a bambini, ragazzi e adulti con problemi psichici e mentali (ritardo cognitivo, autismo, sindromi generiche...), attraverso il metodo Esagramma®, metodologia con oltre trent’anni di esperienza. L’équipe di AltraVoce, di cui fanno parte da musicisti specializzati, pedagogisti, psicologi ed educatori, volontari e professionisti, dedica le proprie competenze e la propria passione alla ricerca delle potenzialità e delle abilità di persone con fragilità importanti, permettendo loro di accedere alle forme complesse e gratificanti dell’esistenza. 

Perseguendo la sua mission, AltraVoce fa Musica “con” e “per” persone con disabilità intellettiva. 

Il problema dell’inclusione per una persona con disabilità non è soltanto “passare del tempo” con chi non soffre di condizioni limitanti, ma è l’essere accolta come “persona che sa fare” anche nei contesti apparentemente più complessi. Tale presupposto richiede – da parte degli operatori, siano essi musicisti, psicologi, educatori o insegnanti - una contestuale e continua analisi delle abilità residue dell’individuo fragile, l’accessibilità a strumenti innovativi, l’applicazione di processi e metodologie che possano garantire quell’eccellenza che una persona e la sua disabilità richiedono affinché essa sia inclusa con il significato e la qualità che si merita.

Il “fare cose intelligenti” dovrebbe essere un diritto di tutti, indipendentemente dalla tipologia e dall’importanza della sua disabilità. 

1621257813799379 10 altravoce onlus

Un progetto a cura di

Altravoce Onlus

Dal 2011 accogliamo bambini, ragazzi e adulti con qualsiasi disabilità mentale o fisica nella musica sinfonica permettendo loro di riscoprirsi capaci grazie a relazioni autentiche. Quello che ci chiediamo tutti i giorni è: cosa succederebbe se applicassimo metodi e modi di vivere di altissima qualità a favore di un ragazzo nato con tante mancanze? 

E ogni giorno i nostri ragazzi e i loro genitori ci aiutano a rispondere a questa domanda. 

Ci dai una mano anche tu?

Valle Camonica
Potrebbe interessarti anche