RISTRUTTURIAMO INSIEME IL CAMPAN...

Contribuisci
Icon close white 3b833f36a0d9aa8cb3ce88cdd82230b3e9588f443dca37cde0c033f06a08d3f1
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Piemonte
Viaggi, Cultura, Civico
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

RISTRUTTURIAMO INSIEME IL CAMPANILE DI FONTANILE

RISTRUTTURAZIONE TORRE CAMPANARIA COMPLETA DI TUTTE LE SCALE DELLA CHIESA DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN FONTANILE, OBIETTIVO: SITO TURISTICO CON VISITE.

75€
-30 giorni
1%
5.000€
Contribuisci

Raccogli tutto Questo progetto verrà finanziato indipendentemente dal raggiungimento del traguardo

Raccogli tutto

RISTRUTTURIAMO INSIEME IL CAMPANILE DI FONTANILE

RISTRUTTURAZIONE TORRE CAMPANARIA COMPLETA DI TUTTE LE SCALE DELLA CHIESA DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN FONTANILE, OBIETTIVO: SITO TURISTICO CON VISITE.

75€
-30 giorni
1%
5.000€
Contribuisci

Raccogli tutto Questo progetto verrà finanziato indipendentemente dal raggiungimento del traguardo

Raccogli tutto

Di cosa si tratta

Un progetto ambizioso per una comunità che crede moltissimo nelle tradizioni e nella bellezza delle sue opere d'arte e paesaggistiche.

Il ripristino delle scale della torre campanaria della Chiesa di San Giovanni Battista in Fontanile, paese dell'astigiano, permetterebbe di ristrutturare e rendere visitabile il campanile, fino alla cella, sede delle campane.

Nel paese, è attiva una associazione di giovani volontari, denominata Associazione Campanari del Monferrato che riscopre e tramanda la tradizione del suono manuale delle campane, suoni antichi, che nei tempi passati scandivano tutte le attività delle comunità.

Con questo spirito di riscoperta e di tradizione, l'associazione ha promosso questo progetto di restauro, in collaborazione con la Parrocchia, che permetterebbe di rendere il campanile accessibile anche ai fedeli, con possibilità di riscoprire le antiche tradizioni e godere del panorama mozzafiato dei territori UNESCO.

Il campanile diventerebbe, poi, tappa fissa di tour di visita alla scoperta delle colline UNESCO, con la possibilità di avvicinare quanti più turisti e fedeli possibili a conoscere il mondo delle campane e l'importanza di salvaguardare questa arte, preziosa componente storica del patrimonio sonoro di ogni comunità.

Come verranno utilizzati i fondi

La realizzazione dell'opera calcola un preventivo di 80mila euro.

Il progetto è sostenuto dal "GAL TERRE ASTIGIANE NELLE COLLINE PATRIMONIO DELL'UMANITA'" per un importo di 46385,22 euro

A seguito di nostra domanda di contributo alla Fondazione CRA, abbiamo ottenuto una ulteriore sovvenzione di 15mila euro.

I fondi raccolti verranno quindi utilizzati per realizzare quest'opera di restauro che renderà il campanile sicuro e accessibile alla comunità e che diventerà sito di visita per turisti e appassionati.

Chi c'è dietro al progetto

L’ Associazione Campanari del Monferrato è un’associazione no profit volta alla tutela ed alla salvaguardia dell’arte campanaria monferrina.

L’Associazione ha come obiettivi principali recuperare e tramandare l’antico metodo di suonare le campane manualmente, principalmente a festa, attraverso la tastiera meccanica posta nella cella campanaria, dove, una volta bloccate le campane e collegati i battacchi ad essa, si possono suonare diverse melodie a seconda del concerto presente sul campanile: tale metodo era e viene chiamato tutt’ora “baudetta”.

Le campane si iniziarono ad usare per il culto a partire dal V secolo per volere di San Paolino Vescovo di Nola (il patrono dei campanari); solo dopo l’ VIII – IX secolo le chiese e le pievi iniziarono ad essere dotate di campane ed iniziarono a sorgere i primi campanili sempre più diffusi dopo l’ XI secolo. Nel corso dei secoli le campane subirono molte variazioni di forma e suono (questo perché i fonditori cercavano sempre di migliorare il loro prodotto e pian piano a darne anche un aspetto musicale) ma solo nella seconda metà del 1700, nel nostro territorio, iniziarono ad essere presenti i primi concerti di campane intonati secondo una scala musicale ed essere suonati nei giorni di maggior festa con il metodo della tastiera.

Fino a 60-70 anni fa, le campane erano un importantissimo mezzo di comunicazione poiché altri mezzi di comunicazione erano quasi inesistenti. Attraverso le campane, però, si poteva instaurare un vero e proprio dialogo fra campanaro e popolazione.

Le suonate a festa invece erano brani tipici della comunità misti a musica leggera e canti popolari dell’epoca. Le campane seppur intonate in scala musicale nelle suonate a festa non han mai suonato musiche facoltose, ma brani della tradizione, in modo che tutti potessero capire la festa.

Il nostro scopo, quindi, è quello “salvare ciò che è ancora recuperabile” e portare avanti questa tradizione, riportarla sui nostri campanili, portarla alla gente nelle piazze attraverso un concerto di campane itinerante, insegnarla a chiunque voglia impararla attraverso corsi di scuola al fine di non far scomparire questa piccola parte del nostro panorama sonoro caratteristico dei nostri territori.

1622017842809287 10012057 414910741990561 7175926312192476709 o

Un progetto a cura di

ASSOCIAZIONE CAMPANARI DEL MONFERRATO

Il ripristino delle scale della torre campanaria della Chiesa di San Giovanni Battista in Fontanile permetterebbe di rendere il campanile accessibile e di riscoprire le antiche tradizioni e godere del panorama mozzafiato dei territori UNESCO. E' attiva una associazione di giovani volontari, Campanari del Monferrato che riscopre e tramanda la tradizione del suono manuale delle campane, suoni antichi, che nei tempi passati scandivano tutte le attività delle comunità.

Piemonte
Potrebbe interessarti anche