MANI IN PASTA - Formazione Lavor...

Contribuisci
Icon close white 3b833f36a0d9aa8cb3ce88cdd82230b3e9588f443dca37cde0c033f06a08d3f1
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Italia
Salute, Food, Solidarietà
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

MANI IN PASTA - Formazione Lavoro a Corte

Un percorso formativo rivolto alle persone con disabilità cognitiva e intellettiva

Tutto o niente
Obiettivo: 10.000€

MANI IN PASTA - Formazione Lavoro a Corte

Un percorso formativo rivolto alle persone con disabilità cognitiva e intellettiva

Tutto o niente
Obiettivo: 10.000€

Di cosa si tratta

Se fino al termine della scuola la vita di una persona con disabilità è, in termini di diritti, simile a quella dei coetanei, dopo i 18 anni la possibilità di autodeterminazione dei primi viene spesso negata e le opportunità diventano estremamente limitate. Al termine della scuola, la persona con disabilità cognitiva si trova di fronte a un numero ridotto di possibilità. Qualcuno frequenta dei corsi pre-lavorativi, anche se rimane molto difficile, per una persona con disabilità sperare di trovare un posto di lavoro fisso, spesso anche a causa della mancanza del riconoscimento delle residue capacità lavorative, richiesta invece dalle aziende.

In un contesto come questo, I Buffoni di Corte, in un’ottica di ampliamento e sviluppo dei percorsi di accompagnamento all’autonomia già in corso, desidera attivare anche un percorso formativo rivolto alle persone con disabilità cognitiva e intellettiva.

In una prima fase, dopo aver individuato un numero di partecipanti adeguato alle risorse a disposizione, scelti in base al grado di volontà/interesse espresso, alla buona predisposizione e alla disponibilità - si presume l’inserimento di circa 10 persone per l’avviamento del progetto pilota – vengono forniti gli strumenti necessari per promuovere l’autonomia personale e sociale finalizzati all’acquisizione di una modalità relazionale e lavorativa adeguata.

In una seconda fase, i partecipanti hanno la possibilità di partecipare attivamente ad un laboratorio di formazione sul campo, da un lato per imparare un mestiere, dall’altro per mettere in pratica quanto acquisito durante la fase propedeutica, relativamente a come presentarsi, come relazionarsi, come comportarsi in un contesto lavorativo.

Per questa seconda fase, abbiamo già individuato una realtà del territorio torinese che si è resa disponibile ad avviare un laboratorio artigianale di pasta fresca, durante il quale alcuni professionisti del settore insegneranno ai partecipanti come impastare e realizzare gnocchi, tagliatelle, ravioli, ecc. e come preparare i condimenti necessari. Un ambito di intervento, questo, che sappiamo essere di grande interesse da parte delle persone con disabilità che spesso completano il loro percorso di studi nel settore alberghiero-alimentare.


Come verranno utilizzati i fondi

Attraverso questa campagna di crowdfunding, cercheremo di raggiungere il nostro obiettivo per garantirci, oltre alla copertura della quota parte dei costi di affitto, spese, utenze e remunerazione delle risorse umane che già collaborano con la nostra Associazione per lo sviluppo del presente progetto, la possibilità di implementare il numero dei collaboratori, ossia un educatoreun formatore che si occuperanno del coordinamento delle attività educative e formative, specifiche per questo percorso di formazione ed accompagnamento al lavoro.

Chi c'è dietro al progetto

L’Associazione I Buffoni di Corte Onlus opera dal 2008 sul territorio torinese e propone progetti educativi, ricreativi e formativi per persone con disabilità cognitiva ed intellettiva, di età compresa tra gli 8 e i 50 anni, fornendo un valido supporto a circa 150 famiglie. L'esperienza educativa è favorita da laboratori riguardanti le più differenti forme d'arte, pensati nella prospettiva di una formazione volta alla convivenza e alla condivisione di tempi, spazi e modi; in questo contesto l'arte rappresenta un efficace strumento educativo, nel quale coesistono relazione, integrazione, libera espressione e rispetto delle regole.

Nell’attuale sede operativa di corso Sebastopoli 272/E, a Torino, l’Associazione organizza e gestisce corsi di teatrodanzagiocoleria, manualità, attività motoria, cura del sé e benessere della persona, canto, percussionifotografia. Vengono altresì proposte serate danzanti, uscite serali, attività di estate ragazzi e soggiorni estivi e invernali in diverse località turistiche. 

Dal 2015, inoltre, per rispondere alle richieste delle famiglie sul Dopo di noi e per dare ulteriore valore alla missione dei Buffoni di Corte, è stato avviato il Progetto “Alla conquista dell’autonomia”, un percorso di accompagnamento all’autonomia e alla residenzialità che sta permettendo il raggiungimento di importanti obiettivi da parte dei partecipanti. Inoltre, poiché attorno a tale questione gravitano altre tematiche di primaria importanza, quali il tempo libero ed il lavoro, l’attenzione della nostra Associazione, grazie anche alla creazione di una fitta rete di rapporti allacciati con diverse aziende e realtà del territorio, è stata rivolta al tema dell’inserimento lavorativo

All’intero dell’Associazione è inoltre attiva La Compagnia delle frottole, composta da 25 attori, (12 dei quali con la sindrome di Down), che da molti anni è impegnata nella realizzazione di spettacoli teatrali inediti, rappresentati presso un gran numero di teatri della città di Torino e dei comuni limitrofi, ma anche in altre province e regioni. L’esperienza accumulata nel corso degli anni consente alla Compagnia di operare in modo efficiente, senza trascurare gli aspetti ludici e formativi connessi all’attività teatrale. Sul palcoscenico, tutti gli attori si sentono valorizzati, riconoscono l’importanza del lavoro svolto e la necessità di impegnarsi per raggiungere uno scopo comune. 

1623755322866795 logo viola

Un progetto a cura di

ASSOCIAZIONE I BUFFONI DI CORTE ONLUS

L’Associazione opera dal 2008 sul territorio torinese e propone progetti educativi, ricreativi e formativi per persone con disabilità e non, fornendo un valido supporto a circa 150 famiglie, 250 associati, 70 volontari. Ogni attività proposta, con modalità differenti ed innovative, è volta a favorire i processi di autodeterminazione ed è indirizzata alla valorizzazione della persona in quanto tale e allo sviluppo della sua autonomia.

 

Italia
Potrebbe interessarti anche