Salva un vigneto

Contribuisci
Icon close white 3b833f36a0d9aa8cb3ce88cdd82230b3e9588f443dca37cde0c033f06a08d3f1
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Italia
Viaggi, Food, Ambiente
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Salva un vigneto

Aiutaci a preservare piante del 1973

4.200€
-25 giorni
56%
7.500€
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

Salva un vigneto

Aiutaci a preservare piante del 1973

4.200€
-25 giorni
56%
7.500€
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

Di cosa si tratta

Il vigneto K2 è stato piantato nel 1973 e fino ad oggi le sue piante ci hanno donato un Pinot Grigio unico, ora a rischio di estinzione.

Mio fratello Francesco ed io siamo la quinta generazione che si prende cura delle nostre terre e delle piante storiche che abbiamo ereditato. Quelle del K2 per noi sono le “Signore”. Purtroppo gli anni passano per tutti e anche le “Signore” hanno iniziato a morire, lasciando questo vigneto sempre meno popolato.  

Oggi, il numero delle “Signore” si è ridotto di molto e se seguissimo le dinamiche di mercato dovremmo estirpare il vigneto in toto e ripartire con delle piante giovani concentrandoci sull’industrializzazione della coltivazione.

Noi invece desideriamo che le “Signore” insegnino alle nuove piante cosa vuol dire produrre poco e con grande qualità, godendosi con calma il terroir e le nostre cure. Desideriamo poter lasciare in eredità ai nostri figli il corredo genetico delle Signore in modo che anche loro possano godere della produzione di questo vino unico.

Con il tuo aiuto prevediamo di non cambiare il sesto di impianto (ovvero la larghezza tra fila e fila o tra pianta e pianta) o il tipo di allevamento del vigneto K2. Il vigneto rimarrà cosi e noi andremo a piantare le 1.200 piante rimettendole al posto di quelle morte. Il primo anno pianteremo dei piedi, ai quali poi innesteremo le gemme delle “Signore”. In questo modo avremo delle viti nuove e vigorose con il corredo genetico e l’esperienza delle “Signore”.

Come verranno utilizzati i fondi

Tecnicamente il processo che seguiremo sarà il seguente:

- autunno 2021 messa a dimora manuale di 1.200 piante all’interno del vigneto K2;

- inverno 2021/2022 si prelevano le gemme delle "Signore" e vengono mantenute in un ambiente termo regolato;

- primavera/estate 2022 innesto delle gemme sui piedi piantati nel 2021 e che avranno un apparato radicale sviluppato;

- vendemmia 2024 raccolta dei primi grappoli.


I fondi verranno cosi distribuiti:

- 2.500 euro per l’acquisto dei piedi e la loro piantumazione;

- 2.500 euro per il prelievo delle gemme e il loro innesto;

- 2.500 euro per i 3 anni in cui accudiremo le piante senza avere produzione.

Chi c'è dietro al progetto

Francesco e Letizia, la quinta generazione di una azienda agricola che esiste da oltre 130 anni.

Abbiamo ereditato queste terre e queste piante, che negli anni hanno dato molto alla nostra famiglia, e di cui ora siamo i custodi. Il nostro sogno è donare ai nostri figli questa azienda mantenendola al meglio e rispettando le generazioni che ci si sono dedicate prima di noi.

Abbiamo 35 ettari di vigneti, tutti di una certa età, e lotteremo per non cedere allo sfruttamento delle piante e al conseguente deperimento della terra.

I nostri sono sogni ambiziosi e abbiamo bisogno del vostro aiuto per farli diventare realtà.

1615370146614045 92187750 1270678406462757 3327746145614036992 n

Un progetto a cura di

Marina Danieli Estate

Marina Danieli Estate

Siamo un’azienda di famiglia ora alla sua quinta generazione, e ci basiamo su un terreno eccezionale e una importante tradizione nella viticoltura. Questi vini sono fatti da noi al 100% seguendo il metodo certificato Sostenibile, con l’obiettivo di preservare attivamente la biodiversità e l’integrità della nostra terra. Facciamo del nostro meglio per salvaguardare l’ambiente anche utilizzando bottiglie leggere e tappi di sughero naturali.

I nostri vigneti si si trovano a Buttrio, Udine. Sono esposti a sud e hanno una vista mozza fiato sulle colline dell’area DOC Friuli Colli Orientali. I vigneti sono protetti dalle Pre-alpi Giulie e la prossimità con il mare garantisce una perfetta ventilazione per le piante.

Italia
Potrebbe interessarti anche