Order Bridge

Contribuisci
Icon close white 3b833f36a0d9aa8cb3ce88cdd82230b3e9588f443dca37cde0c033f06a08d3f1
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Alessandria (Piemonte)
Civico, Ambiente, Solidarietà
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Order Bridge

Ponte di connessione tra l'umile e l'alta borghesia.

175€
-16 giorni
0%
50.000€
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

Order Bridge

Ponte di connessione tra l'umile e l'alta borghesia.

175€
-16 giorni
0%
50.000€
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

Premessa - Prima dell'ascesa del Covid-19

Italia 2021.

Dinanzi all'ennesima minaccia che il Bel Paese si è tenuto costretto ad affrontare, risulta lampante quanto più urgente approfondire le possibili cause che hanno permesso al COVID-19 di cogliere impreparata l'intera nazione.


Senza peccare di prolissità, dovrebbe ormai risultare chiaro a chiunque l'enorme discrepanza che si è generata fra le due classi sociali che governano le nostre terre: l'Alta e l'Umile Borghesia. Differenza primaria che, seppur concettuale e opinabile, rappresenta la ragione che ha determinato esiti finali distinti, nel corso dell'epilogo di questo momento pandemico.


Io, Giancarlo Del Prete, insieme ai miei collaboratori e partecipanti al progetto, siamo convinti che una delle principali cause scatenanti di tale fenomeno sia l'assenza di dialogo tra le due parti sopracitate, sempre più aggravatasi nel corso del tempo.

Grazie ad attenti approfondimenti, riscontrati attraverso personali percorsi didattici e/o lavorativi, è stato possibile riconoscere di come l'Umile scelga di ricoprire una posizione di sdegno e celato ripudio nei confronti dei più abbienti (ritenuti egoisti, arroganti e completamente disinteressati e irrispettosi verso i meno fortunati) e di come i secondi ritengano i primi un lato parassitario della società (credendo meritino i loro attuali tenori di vita, convinti facciano parte unicamente di una loro responsabilità). Risultando cristallina per noi una tesi che descrive quanto entrambi i fronti ignorino le difficoltà e/o gli impegni di ciascuno.

Per assurdo che possa sembrare (io, con l'aiuto degli altri Cavalieri dell'Ordine), fino ai primi periodi dell'arrivo della piaga COVID-19, stavamo ultimando un progetto sulla base di relazioni personali che stavano infrangendo questa linea di demarcazione sociale.

Order Bridge - Santuario Dei Cavalieri

Con il primario compito di concepire e gestire un ponte di connessione fra le due classi sopracitate, attraverso una professionale organizzazione di attimi conviviali, Il progetto vede la costruzione di un'azienda ristorativa atipica beneficiante di un servizio di somministrazione creativa, alla portata dell'Umile e l'Alta Borghesia, tema Medieovale/Noir.

Attraverso gli studi e l'esperienza di personale qualificato, verrà concepita un'ubicazione preparata e predisposta all'accoglienza delle esigenze e le necessita di entrambe le classi. L'atmosfera e il servizio, già precedentemente sperimentati con ottimi esiti, garantirà un'esperienza innovativa che permetterà ad ogni genere di personalità di condividere momenti conviviali, sulla base del primo bisogno primario degli esseri viventiil nutrimento.

Con l'utilizzo delle materie prime (territoriali e non) verranno proposti piatti che sapranno sopportare la linea di confine fra creatività e tradizione. Tutto rigorosamente preparato, cucinato ed impiattato sul momento e all'occasione, seguendo un programma variabile in grado di adattarsi a tutte le stagioni dell'anno.

Ad una corretta preparazione al servizio, non mancherà la presenza di celebrazioni ed eventi ricorrenti lungo l'arco dell'anno, e le particolarità culinarie che andranno a consumarsi in date prestabilite e ricordate all'interno del calendario ufficiale, all'interno del sito web.

Il personale risulterà sempre preparato e al servizio degli ospiti, munito della divisa ufficiale (differente a seconda della mansione e/o ruolo) e delle giuste competenze ovvie e necessarie ai servizi richiesti.


Order Bridge non vedrà solo la nascita di un locale in grado di competere con gli altri migliori del territorio, ma rappresenterà il sacrario di una filosofia morale mirata a nutrire l'atmosfera della condivisione. Il santuario di un credo in cui le opinioni personali potranno essere rivalutate, influenzate e addolcite dall'accogliente calore di una tavola imbandita, lanterne, tende rosse, musica e un buon bicchiere di vino, birra o wisky.

Chi c'è dietro al progetto

Come già citato precedentemente, ho avuto personalmente il piacere di testare questa iniziativa in passato...

Lavoravo nei pressi di un locale del territorio, quando improvvisamente (dopo diversi anni di splendida complicità e carriera insieme ai miei colleghi) l'azienda venne chiusa e venduta nell'immediato per scelte di natura politica interna da parte dei nostri datori di lavoro. Nell'arco di pochi giorni ci ritrovammo tutti quanti senza lavoro, con alle spalle un progetto che andava verso l'oblio nonostante l'apprezzamento da parte della clientela.

Pochi giorni dopo ancora, iniziò la prima quarantena.


Fummo costretti ad affrontare diversi periodi di incredibile difficoltà che solo (ed unicamente) l'ardore per le nostre ambizioni ci aiutò a superare, riducendo nel possibile i danni in arrivo.


Nel cuore dell'intero nostro bacino di clientela è ancora molto vivo il nostro ricordo e non una volta è capitato che qualcuno ci chiedesse se fossimo riuscito noi stessi ad aprire qualcosa per conto nostro.


Nonostante il terribile anno vissuto e malefatte che ha portato, non intendiamoci arrenderci. Io non intendo arrendermi.


Le persone dietro al progetto Order Bridge rappresentano uno staff di unità conosciute in tutto il territorio e vantano di una grande esperienza nel campo sia della ristorazione che nelle attività sociali (come l'organizzazione di eventi o la gestione di ruoli amministrativi e gestionali all'interno di Resort).


L'iniziativa prevede la presenza di quattro unità. Con possibilità di ampliamento nei periodi di crescita sia aziendale che lavorativa.

L'Ordine Dei Cavalieri

"...Ci fu un tempo, incredibilmente simile a quello odierno, in cui un gruppo di giovani ambiziosi, malgrado fossero figli della strada e altro non potevano possedere se non la dignità, il valore e la passione, che con la grazia e l'astuzia capirono come vestire l'abito adeguato che gli permettesse di inoltrarsi fra i meandri di una società smarrita e avvelenata dai pregiudizi..."

L'Ordine Dei Cavalieri è un appellativo che venne simpaticamente utilizzato per definire e riconoscere il gruppo di persone che per primi approcciarono con l'idea della linea di demarcazione sociale. Furono i membri di uno staff che lavorò per diversi anni nei pressi di un'azienda ristorativa del territorio. Azienda che per scelte politiche interne da parte dei datori di lavoro, decise di chiudere improvvisamente lasciando senza impiego l'intero staff, appena due giorni prima dell'inizio della prima quarantena.

I Cavalieri, ancor prima dell'utilizzo di tale termine, ebbero l'occasione di conoscersi e collaborare insieme sul posto di lavoro. Rapporti che trascesero i loro impieghi, mutando in una forma di lealtà riconoscibile in fratellanza. E fu proprio in quel periodo che cominciarono a discutere sulla possibilità di un progetto che potesse espandere l'azienda in cui lavoravano, e malgrado le proposte mosse ai responsabili dell'attività, nonostante le dimostrazioni e i riscontri delle funzionalità dei loro intenti... non vennero ascoltati.

La filosofia che incoraggia l'Ordine Dei Cavalieri viene nutrita dalla storia e la volontà di giovani persone che seppur sprovvisti di comode posizioni famigliari/sociali/economiche, riuscirono a prediligere dell'attenzioni di differenti personalità, dimostrando altrettanto valore e importanza.


"...sguazzammo nel buio più deplorevole, indossando l'armatura più scintillante e dove il valore della fortuna ha diviso gli uomini, siamo giunti noi. Siamo i Cavalieri..."

Nota informativa su i fondi

Prima di lasciarvi visionare i metodi di utilizzo della quantità di fondi che speriamo di poter raggiungere, ci teniamo a rilasciare un dichiarato particolare, in nome della trasparenza che vogliamo mantenere nei confronti di tutti coloro che sceglieranno di aiutarci.

Come sicuramente è stato possibile visionare all'inizio di questa pagina, abbiamo scelto di inserire "50.000 Euro" come quota da raggiungere. Tale somma è stata decisa solo successivamente: originariamente venne deciso "150.000", somma prestabilita dopo un lungo ragionamento sul progetto e sulle spese che andrebbe a comportare.

La decisione di abbassare il traguardo da raggiungere è mossa dalla volontà di procedere con cautela, attraverso diversi step, in base a quanto le persone sceglieranno di aiutarci.

In conclusione. Questo non indicherebbe che un arresto del progetto o una bassa qualità nel caso il traguardo fosse raggiunto, ma solo di 50.000... Indicherebbe soltanto che per l'evoluzione TOTALE e COMPLETA del progetto verrebbe necessario più tempo. In altre parole: Più aiuti riceviamo, prima possiamo creare il santuario dei vostri sogni.

Come verranno utilizzati i fondi

Tralasciando ovvie e più che conosciute funzioni burocratiche quali la fondazione della società e gli avvii contrattuali dei vari enti e oneri, il progetto vedrà necessaria la presenza di strumentazione adatta alle funzioni sopra descritte (in particolare, abbattitori termici che possano garantire una conservazione migliore delle materie).

Sarà indispensabile utensileria professionale e moderne e oggettistica consona ai servizi e all'apparecchiamento che vogliamo proporre.

Lo staff dovrà essere munito divise ufficiali inerenti al contesto e all'atmosfera del progetto, sia in versione invernale che estiva.

All'accoglienza verrà aggiunto anche un arredamento a tema e consono all'idea, bisognoso di mantenimento e preservazione.


Servizio Interno

Il locale potrà vantarsi della possibilità di presentarsi già dall'area d'ingresso, con la presenza di statue, sculture e/o strutture.

L'interno vedrà una parte dedicata al consumo dell'attimo conviviale, un'altra invece avrà un'aspetto più ricreativo con la presenza di divani e poltrone.

Il tutto racchiuso in uno stile rustico elegante che possa sopportare sia sfaccettature dai tratti spensierati, che quelle più contenute.


Asporto

Per sopperire alle limitazioni dettate dall'emergenza COVID-19, Order Bridge intende munirsi di veicoli e attrezzatura di natura economica ma comunque adeguata all'impresa (l'acquisto di motociclette e borse termiche).


Altro denaro verrà utilizzato per l'acquisto di alimenti non necessariamente di facile reperibilità (come la carne di zebra o bevande di produzione limitata) e l'organizzazione di eventi e festività qualora l'emergenza pandemica andrà in diminuzione.

1610527776020187 72445696 10217663977003444 4307745274677166080 o

Un progetto a cura di

Giancarlo Del Prete

Mi chiamo Giancarlo Del Prete.

Sono all'interno del territorio Alessandrino, nel Nord Italia, il giorno 8 Ottobre del 1990.

Tutto quello che ho potuto accogliere dalla vita, dal lavoro e dalle persone l'ho imparato solo ed unicamente a mie spese. Non provengo dalla nobiltà, non ho mai giovato di scorciatoie, ne tanto meno di alcun tipo di fortuna... a parte le persone che mi amano e che ancora credono in me.

Lavoratore. Scrittore esordiente. Organizzatore di eventi.

Alessandria (Piemonte)
Potrebbe interessarti anche