Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Torino
Cultura, Cinema
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Una chiamata può cambiare la vita – film cortometraggio

Realizzazione di un cortometraggio indipendente che affronta le tematiche dell'alienazione causate dalla pandemia.

422€
Chiuso il 16 giu 2021
12%
3.500€
Concluso

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

Una chiamata può cambiare la vita – film cortometraggio

Realizzazione di un cortometraggio indipendente che affronta le tematiche dell'alienazione causate dalla pandemia.

422€
Chiuso il 16 giu 2021
12%
3.500€
Concluso

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

Descrizione del progetto

In un momento come quello che stiamo vivendo da più di un anno, la voglia di tornare a fare cinema è tanta. Ovunque si leggono frasi come “facciamo ripartire il cinema” ed è questo anche il nostro obiettivo, la differenza è che vogliamo far ripartire il cinema indipendente, quello autoprodotto da professionisti che non godono di grandi risorse economiche, ma che vorrebbero comunque lavorare in maniera professionale, crescendo ognuno nel proprio ruolo. 

Il soggetto nasce, infatti, da un giovane cineasta che, vivendo questo periodo difficile nella solitudine e nell’incertezza del suo futuro, trae spunto per una storia: quella di un uomo dall’aspetto grottesco, che abita una stanza dalle pareti a strisce verdi e gialle. Il tempo scorre lento e inesorabile, nell’attesa di una chiamata che gli cambierebbe la vita ma che pare non arrivare mai, amplificando ossessioni e paure. 

La storia è immersa in uno scenario a tratti oscuro e stralunato che vede nelle scenografie e nei costumi kitsch, il paradosso di una vita apparentemente regolare e sommessa. 

Pochi dettagli, come un telefono a forma di bocca, tessono i fili di un racconto che non ha necessità di dialoghi per mostrare il disagio in cui può cadere la mente umana. La narrazione sul finale giungerà ad un momento catartico in cui il personaggio comprenderà quanto le proprie scelte possano fare la differenza, nonostante l’apparente immobilità e costrizione operata dall’esterno.

Come verranno utilizzati i fondi

Utilizzeremo i fondi raccolti per sostenere i costi artistici, tecnici e organizzativi necessari a mettere in piedi un cortometraggio cinematografico e i costi ulteriori dovuti all’adeguamento dei protocolli sanitari, per garantire alla troupe che girerà con noi di lavorare in totale sicurezza. 

Chi c'è dietro al progetto

L’Associazione di Promozione Sociale Magma nasce a Pinerolo in provincia di Torino e persegue l’obiettivo di realizzare prodotti multimediali ad alto valore artistico. Investe nelle giovani leve dando loro appoggio morale e materiale necessario a concretizzarne le idee. Per tale motivo ha voluto intraprendere questo progetto, credendo nell’idea e nel soggetto di un giovane artista e regista: Sam Di Vito, scorgendo in lui grandi potenzialità artistico-espressive.

Obiettivi del progetto

Il progetto mira a raccogliere i fondi necessari per realizzare un cortometraggio e ad inserirlo nel circuito dei festival, convinti che possa riscuotere un buon successo di critica e di pubblico.  Chiediamo il vostro supporto in questa produzione per poter continuare a fare cinema, in un momento in cui l’arte è stata accantonata dalle istituzioni perché reputata non prioritaria. Noi non vogliamo fermarci, anzi, è in questi momenti che bisogna spingere sull’acceleratore e far sentire ancora di più la nostra voce.

1620038229180208 magma logo

Un progetto a cura di

Magma APS

Magma è un'Associazione di Promozione Sociale e dal 2019 ha realizzato un cortometraggio a soggetto, due video musicali e una serie di spot per la promozione di realtà locali del pinerolese. Durante la pandemia ha gestito una campagna crowdfunding per la Onlus Ashar Gan di Pinerolo, dotandosi di un DVR per poter girare in pieno lockdown e seguendo i protocolli di sicurezza, riuscendo così a portare avanti le sue iniziative.


Torino
Potrebbe interessarti anche