Il giardino della rinascita per ...

Contribuisci
Icon close white 3b833f36a0d9aa8cb3ce88cdd82230b3e9588f443dca37cde0c033f06a08d3f1
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Fluminimaggiore Sardegna Costa delle Miniere
Ambiente
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Il giardino della rinascita per il Pino Secolare

Per secoli il nostro Pino Secolare ha vegliato sulla nostra comunità. Ne custodiremo la memoria con questo parco/giardino e con un nuovo albero

3.785€
-13 giorni
37%
10.000€
Contribuisci

Raccogli tutto Questo progetto verrà finanziato indipendentemente dal raggiungimento del traguardo

Raccogli tutto

Il giardino della rinascita per il Pino Secolare

Per secoli il nostro Pino Secolare ha vegliato sulla nostra comunità. Ne custodiremo la memoria con questo parco/giardino e con un nuovo albero

3.785€
-13 giorni
37%
10.000€
Contribuisci

Raccogli tutto Questo progetto verrà finanziato indipendentemente dal raggiungimento del traguardo

Raccogli tutto

Un mastodonte naturale che per secoli ha vegliato su di noi

Quando Sa Matta Manna De Su Cumpingiu (il grande albero di pino secolare) è deceduto, alcuni anni fa, la popolazione di Fluminimaggiore ha pianto come fosse morto il padre di tutta la comunità.
Da almeno 5 secoli, questo nodoso e frondoso mastodonte è stato punto di riferimento per la gente del paese.
Sotto le sue maestose chiome si sono pronunciate promesse d'amore, si sono invocate grazie al cielo, si sono riunite famiglie e comitive di amici per condividere momenti di gioia e di convivialità.
I ragazzi del posto si cimentavano nell'ascesa del suo incredibile busto nodoso; le sue pigne ricche di pinoli venivano raccolte in piena libertà e rispetto di un bene comune e fortemente identitario; per alcuni anni è stato persino addobbato facendolo diventare uno dei piú grandi alberi di Natale del mondo. 

Quando si è schiantato al suolo, in una ventosa mattina d'inverno, uomini, donne, vecchi e bambini, hanno dato vita a un mesto pellegrinaggio e la sera lumini di devozione laica e di preghiere sono stati accesi intorno alla sua "salma" come se si stesse vegliando un defunto appartenente ad ogni famiglia.

Come verranno utilizzati i fondi

Il nostro pino è ancora lí nello spiazzo dove ha sempre vissuto e dove è morto, preda delle intemperie e del naturale decomporsi del suo fusto. Un'immagine dolorosa che vorremmo cancellare, con un intervento/salvaguardia attraverso le più moderne tecniche di conservazione del legno e mettendolo al centro, come un monumento al grande ciclo della vita e della morte in natura, di un giardino naturale

Intorno a lui si snoderanno sentieri in pietra, fontanelle, panchine, spazi di socializzazione. E crescerà un nuovo grande albero che ne perpetui la memoria e altri alberi ed essenze naturali. 

Il progetto è stato affidato a una disegnatrice di giardini naturali che con l'aiuto di volontari del paese e forestieri creerà un cantiere/scuola per ovviare alla carenza di mezzi del comune. 

La nostra Amministrazione, eletta due anni e mezzo fa, aveva promesso di fare qualcosa per evitare un degrado tanto doloroso. Ma siamo un piccolo e povero comune della Costa delle Miniere, i soldi del bilancio servono a malapena per l'ordinaria quotidianità, soldi per questo progetto non ne abbiamo. Per questo abbiamo pensato di rivolgerci a una raccolta fondi. Aiutateci anche con pochi euro, e il vostro nome sarà inciso in una targa ricordo con gli altri donatori.

Il Comune di Fluminimaggiore

Fluminimaggiore (Frùmini Majori in sardo) è un comune italiano di 2 837 abitanti della provincia del Sud Sardegna, nella regione dell'Iglesiente, a ridosso della Costa delle Miniere. È un borgo ameno, adagiato lungo il corso del Rio Mannu, incastrato nella lunga valle che dal passo Genn'e Bogai - dove è arroccato l'antico borgo di Sant'Angelo - conduce allo splendido mare di Portixeddu. Un'isola nell'isola, insomma. Larga e spaziosa, che si affaccia su una costa punteggiata da infinite spiagge deserte e dorate, intervallate da alte scogliere battute da un mare selvaggio dai colori straordinari e un entroterra di monti e di vallate solitarie e verdi, fitte di boschi secolari e dei segni dell’antica civiltà mineraria. Siamo nella Costa delle Miniere, a sud-ovest della Sardegna, dove ogni distanza sociale è naturalmente in vigore da sempre. Qui stare sdraiati lontani dagli altri, nelle spiagge di Arbus come Scivu e Piscinas, di Portixeddu, di Cala Domestica e di Buggerru, o tra i ciottoli levigati dal mare di Cala Perdischedda e di Capo Pecora non è mai stato un problema. Qui, in queste spiagge davanti al mare verde smeraldo, posizionare l’ombrellone anche a oltre trenta metri dal più vicino telo da spiaggia è la normalità: persino nei giorni più caldi e affollati di Ferragosto. È un nostro vanto lo spazio infinito per accogliere gli ospiti, per farli sentire davvero in vacanza, liberi nel vasto perimetro che la natura ci ha concesso.  È un nostro vanto poterli accogliere in tutta sicurezza nei nostri alberghi discreti, negli agriturismi dagli antichi sapori, nei nostri lindi b&b o nelle nostre case vacanze. Come sono un nostro vanto i vecchi villaggi minerari come Arenas che costellano il territorio l'archeologia industriale di miniere "a bocca di paese" come Su Zurfuru; oppure il tempio panico romano di Antas, le grotte di Su Mannau, il museo etnografico che custodisce oggetti rarissimi e introvabili della tradizione agro pastorale. E poi le fertili vallate che danno prodotti dai sapori unici, il nostro mare pescoso e ricco e sano, le centinaia di sentieri come quelli della Costa delle miniere o del Cammino di Santa Barbara, da percorrere a piedi, a cavallo, in bicicletta, dentro una natura in cui la parola “massa”, semplicemente, da secoli, non esiste. 

Come raggiungerci:

- Dall’aeroporto e dal porto di Cagliari un’ora e mezzo di auto.

- Dai porti e aeroporti di Olbia, Porto Torres, Alghero, massimo 3 ore e mezzo di auto.    

1606831638290399 logocomune

Un progetto a cura di

Marco Corrias - Comune di Fluminimaggiore

Sono Marco Corrias, sindaco di Fluminimaggiore, giornalista in pensione (ho lavorato alla Nuova Sardegna, La Repubblica, Epoca, Terra! settimanale del Tg5) e scrittore.  Eletto nel giugno 2018, mi ero ripromesso di ideare un progetto per il nostro amatissimo Pino Secolare. Non avendo i fondi per il progetto ho pensato che affidarsi al volontariato (per i soldi e per il lavoro) sia la cosa giusta per realizzare un sogno che coinvolge tutta la popolazione del paese. 

Fluminimaggiore Sardegna Costa delle Miniere
Potrebbe interessarti anche