Beyond The Wall

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Italia
Cultura, Cinema, Arte
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Beyond The Wall

Laboratorio di condivisione per generare nuove idee attraverso una riflessione sull'interiorità dell’individuo e sul legame con il luogo in cui vive

745€
-22 giorni
74%
1.000€
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

Beyond The Wall

Laboratorio di condivisione per generare nuove idee attraverso una riflessione sull'interiorità dell’individuo e sul legame con il luogo in cui vive

745€
-22 giorni
74%
1.000€
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

Di cosa si tratta

Ci siamo incontrate durante il lockdown grazie allo stage 'virtuale' con Ikona Gallery. Il nostro progetto Art Blossom attivo durante il periodo di isolamento ci ha portate a sviluppare una riflessione attorno ai cambiamenti che avremmo voluto vedere dopo la quarantena. Partendo da questi presupposti, abbiamo voluto approfondire il nostro rapporto con gli artisti coinvolti ed è stato così che abbiamo ideato BEYOND THE WALL

Partendo dall'idea di un muro che giace tra passato e presente, in transizione tra la sua decostruzione e il suo avvenire, abbiamo chiesto a un gruppo di giovani artisti di interpretare il tema della distruzione e ricostruzione. Il progetto iniziato durante la quarantena ha assunto una forma nuova: i giovani artisti hanno condiviso con il pubblico il processo creativo che concorre alla realizzazione delle loro opere finali. Queste verranno esposte in una mostra curata su due livelli. Il primo: che cos’è la distruzione, cosa significa ricostruire? Un dialogo tra frammenti di memorie personali.  Il secondo invece vede gli artisti dialogare con la città. Ci siamo chieste che cosa accadrebbe se Venezia morisse, se perdesse la sua anima. Le opere degli artisti formulano una risposta che considera la vita troppe volte dimenticata di Venezia e la sua identità profonda. 

Come giovani curatrici che hanno scelto di studiare e vivere in città, vogliamo partecipare con questo progetto alla ricostruzione di Venezia, riportandola ad essere il centro creativo che merita. Vogliamo partecipare alla rinascita di una città viva per le persone che decidono di abitarla e all'affermazione di un sistema cultura consapevole del ruolo centrale che l’arte assume nella società. 

Beyond The Wall” significa oltrepassare le barriere comunicative tra persone e luoghi, tra persone e istituzioni e tra generazioni stesse che vivono determinati luoghi, nel nostro caso Venezia.  Con il vostro aiuto riusciremo a concretizzare un progetto che pone le fondamenta per un cambiamento sostanziale nella vita culturale della città, mirato a coinvolgere i giovani e con essi la comunità di Venezia. Beyond The Wall nasce nella città lagunare ma desidera andare oltre  e creare una rete di collegamenti con altre realtà artistiche italiane ed internazionali. Il vostro contributo sarà essenziale per la partenza e il proseguimento di questo viaggio al di là di ogni barriera.  

Come verranno utilizzati i fondi

Innanzitutto vi ringraziamo di cuore per il sostegno al nostro progetto, che grazie a voi potrà prendere una forma compiuta e concreta e riuscire a iniziare a dare quell’impulso di rinnovamento di cui tutti sentiamo il bisogno. 

La mostra che stiamo ideando si terrà negli spazi di Ikona Gallery, a Venezia grazie alla gallerista Ziva Kraus che ha deciso di riporre fiducia nel progetto e nelle nostre idee. Stiamo partecipando a diversi bandi nella speranza di poter coprire una parte dei costi derivanti dall’affitto del locale e delle spese di viaggio degli artisti.

Il vostro contributo è fondamentale per raggiungere la somma necessaria all’organizzazione degli allestimenti delle opere, stampare le locandine e il catalogo della mostra e per poter rimborsare tutti gli artisti coinvolti: pittori, installatori, videomaker, fotografi musicisti, designer etc. 

Nel caso venisse superata la soglia minima di 1000€ le donazioni raccolte verranno utilizzate per l’organizzazione di workshop successivi, legati al progetto, che prevedono il coinvolgimento di artisti di fama affermata. Concepiamo questi workshop come momenti di creatività e luoghi di incontro aperti a chiunque, voi compresi, per costituire insieme le fondamenta per progetti futuri.

Anche con il più piccolo contributo ci aiuterete a distruggere e ricostruire il muro che ci separa da una nuova Venezia ed è per questo motivo che per ringraziarvi abbiamo anche pensato a delle ricompense speciali!

Chi c'è dietro al progetto

Beyond The Wall nasce grazie ad Ikona Photo Gallery e alla fiducia di Živa Kraus. Ora vi diciamo in breve chi siamo noi curatrici:

Marta Blanchietti (Torino, 1998) compie i suoi studi nella propria città natale, laureandosi in Scienze Internazionali dello Sviluppo e della Cooperazione. Attualmente studia Economia e Gestione delle Arti e delle Attività Culturali presso l’università Ca’ Foscari di Venezia. Mossa dalla sua passione per l’arte in particolare visiva e dal fascino suscitato dalla vita veneziana, uno dei suoi più grandi sogni è quello di riuscire a curare mostre che riescano ad assumere il ruolo di ponte tra luoghi e culture anche molto lontani, per promuovere un arricchimento, scambio e conoscenza reciproci. Nelle sue principali ricerche l’attenzione è posta sul rapporto reale che si instaura tra la popolazione e i luoghi abitati: un legame non scontato, spesso problematico ma vivo e pulsante, interessante e importante da raccontare.

L’arte diventa fondamentale molto presto per Eleonora Da Col grazie alla danza. Ha studiato e partecipato a diversi spettacoli, stage e concorsi di danza classica e contemporanea per quindici anni. Appassionata di arte visiva contemporanea nell’estate 2016 ha svolto uno stage presso la Biennale Arte Dolomiti e successivamente studiato Economia e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali presso l’Università Ca’ Foscari, diplomandosi in triennale nel 2019. Dopo la specializzazione vuole costruire un luogo dove unire arte, musica e danza. Da un paio d’anni i suoi viaggi fanno parte della ricerca di uno spazio da trasformare in quel luogo.

Gli artisti coinvolti

Elena Arrica(Torino, 1996)studia all’Accademia delle Belle Arti di Brera. Ha frequentato l’Accademia Albertina e un corso di specializzazione di fotografia allo IED. Ha partecipato ad alcune mostre collettive e collaborato con la fotografa Viola Armellino. 

Chiara Enzo(Venezia,1989)Nel 2018 ha concluso gli studi presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia. Ha studiato presso la De Montfort University a Leicester. Ha vinto diversi premi e partecipato a mostre, anche collettive, e residenze artistiche, a Venezia e in altre città italiane. 

Barbara De Vivi(Venezia, 1992)si diploma all’Accademia di Belle Arti di Venezia nel 2018 dopo aver studiato all’Universidad Complutense di Madrid. Ha già ottenuto diversi premi e partecipato a numerose mostre collettive. 

EGO La maggior parte del gruppo è formato da studenti del Politecnico di Torino del corso di Ingegneria del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione. L’obiettivo primo è contribuire alle produzioni italiane con idee innovative osando in ambiti ancora poco considerati. Secondo questo giovane gruppo, la creatività non deve essere bloccata da alcuna barriera. 

Francesco Piva (Venezia, 1991)Nel 2016 si laurea in Nuove Tecnologie dell’Arte presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia. Ha sperimentato diversi linguaggi. Attualmente si dedica allo studio del paesaggio sonoro e a diverse pratiche con il suono. 

Francesco Pozzato(Vicenza, 1992)ha iniziato i suoi studi universitari allo IUAV di Venezia, laureandosi in Teatro e Arti Visive e, successivamente, in Arti Visive nel 2018. Attualmente sta conseguendo una seconda laurea in Storia del Mondo Mediterraneo dall’Antichità al Medio Evo. Ha preso parte a differenti mostre, workshop e a numerose residenze artistiche in tutta Italia. 

Eva Chiara Trevisan(Venezia,1991)compie i suoi studi a Venezia presso l'Accademia di Belle Arti in Arti Visive diplomandosi nel 2017 in Decorazione. Dopo una residenza a Matera, si sposta a Pamplona presso il Centro de Arte Contemporanea de Huarte. Torna a Venezia come vincitrice di uno degli atelier presso la Fondazione Bevilacqua la Masa. Ha partecipato a diverse esposizioni collettive.

Paolo Siletti(Napoli,1996) preferisce presentarsi come fotoamatore. Col passare del tempo ha iniziato a praticare fotografia di matrimoni portando alla nascita del progetto "wild", che unisce natura e l'amore.

1601927185321411 p9030612

Un progetto a cura di

Marta Blanchietti ed Eleonora Da Col

Siamo Marta ed Eleonora, veneziane per scelta ma torinese e cadorina di nascita. Ci ha legate il desiderio di creare un luogo d'incontro aperto alla creatività, alla condivisione e al confronto. Così, abbiamo ideato Beyond The Wall: laboratorio creativo che dà voce ai giovani artisti, intenzionato ad accendere l'anima pulsante di Venezia e unire generazioni diverse. Le idee che abbiamo per creare connessioni sono tante e questa mostra vuole essere l'avvio di un progetto più grande che unisca arte, culture, luoghi e persone distanti ma che condividono il bisogno di essere ascoltati.

Italia
Potrebbe interessarti anche