Festival dell'Arte Irregolare e ...

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Italia
Arte
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Festival dell'Arte Irregolare e dell'Outsider Art

Artemente - Differenti via d'accesso alla bellezza. Un percorso culturale che dà valore alla creatività differente, alla bellezza spesso nascosta.

730€
-19 giorni
18%
4.000€
Contribuisci

Raccogli tutto Questo progetto verrà finanziato indipendentemente dal raggiungimento del traguardo

Raccogli tutto

Festival dell'Arte Irregolare e dell'Outsider Art

Artemente - Differenti via d'accesso alla bellezza. Un percorso culturale che dà valore alla creatività differente, alla bellezza spesso nascosta.

730€
-19 giorni
18%
4.000€
Contribuisci

Raccogli tutto Questo progetto verrà finanziato indipendentemente dal raggiungimento del traguardo

Raccogli tutto

Di cosa si tratta

Siamo alla quinta edizione del Festival dell'Arte Irregolare e dell'Outsider Art che vede Bologna come città ospitante. Quest'anno la manifestazione che celebra gli artisti dalla creatività "differente" che non trovano spazio nei normali canali espositivi si terrà soprattutto online. Dal 2 al 4 ottobre chi si collegherà al sito www.festivalarteirregolare.it potrà seguire tutto il Festival comodamente da casa: potrà ammirare la Mostra che non c'è. Quattro itinerari nell'arte irregolare, seguire gli interventi dei maggiori esperti di Outsider Art come Giorgio Bedoni ed Eva Di Stefano; seguire Francesca Renda che ci accompagna nelle vie del Pratello, storico quartiere di Bologna, alla scoperta dell'artista outisider Roberto Mastai; emozionarsi con lo spettacolo del Teatro di Camelot che ripercorre e rivisita la storia del Primo miracolo di Gesù Bambino tratta da Mistero Buffo di Dario Fo.

Gli atelier più famosi ci mostreranno il loro lavoro  e i loro artisti e discuteremo insieme del futuro dell'arte in questi tempi di relazioni sospese in due conversazioni condotte da Simona Olivieri, architetto e artista terapista, attraverso una piattaforma webinar.

Un Festival atipico come atipico è questo anno ma non per questo meno intenso, alla scoperta dell'arte e della bellezza nascosta per far conoscere e diffondere le opere di coloro che a pieno diritto devono essere considerati artisti, artisti che esprimono la loro sensibilità in modo spontaneo, senza filtri concettuali, senza interessi per la fama o per il mercato.

Per aiutare questi artisti è nata anche la galleria virtuale al sito http://arteirregolare.comitatonobeldisabili.it/ , una mostra permanente aperta a tutti coloro che vogliono mostrare e vendere le proprie opere, una sorta di mercato dell'arte "alternativo" sorto dalla collaborazione del Nuovo Comitato Nobel per i Disabili e i  Dipartimenti di Salute Mentale delle Aziende Sanitarie, Associazioni, Atelier, Cooperative Sociali, Osservatorio Outsider Art ed artisti di diverse città italiane.

Il progetto Arte irregolare vuole essere uno stimolo per produrre un reale cambiamento nella vita della persona e più in generale un cambiamento culturale che riguarda tutti noi quando parliamo di salute e in particolare della salute mentale. Conosciamo il potere dell’arte, della bellezza e delle passioni, perché lo abbiamo vissuto anche personalmente, soprattutto nei momenti di difficoltà.

Come verranno utilizzati i fondi

Il progetto muove dal fare, comporta impegno pratico, capacità organizzativa e ricerca di soluzioni, confronto tra pensieri differenti. Le tante tappe di questo progetto sono occasioni in cui ogni artista e ogni operatore si è sentito coinvolto e ha dato il meglio di sé.
Il Festival è una bella occasione per condividere obiettivi comuni, per ampliare ad altre realtà l’opportunità di valorizzare opere e artisti attraverso la galleria dedicata, per mettere in connessione competenze ed esperienze, dare forza ai progetti già attivi nei diversi territori, avviarne dove non ci sono, trovare spazi culturali ed economici per garantire continuità e sviluppo, resistere alle crisi attraverso l’arte.

I fondi raccolti saranno utilizzati per la realizzazione di un catalogo della mostra, sviluppare il sito del Festival e della Galleria, mantenendo alta l'attenzione sull'Outsider Art; finanziare progetti che prevedano l'ulteriore sviluppo della diffusione della conoscenza dell'Arte Irregolare così che il Festival sia presente non solo nei due giorni della manifestazione ma tutto l'anno.  Per l'implementazione del sito e la realizzazione dei video degli atelier abbiamo bisogno di operatori video, di chi si occupa del montaggio, in un secondo momento sottotitolarli per agevolarne la visione. Inoltre i fondi raccolti serviranno alla campagna stampa per arrivare a un pubblico più vasto per non rivolgersi solo a chi di Outsider Art già si occupa o conosce. Per far conoscere quest'arte fantastica che fa bene a chi la fa e anche a chi la riceve. 


Chi c'è dietro al progetto

Il Festival nasce dalla collaborazione tra il Nuovo Comitato Nobel per i Disabili, ONLUS creata da Dario Fo, Franca Rame e Jacopo Fo e Associazioni, Atelier, Cooperative Sociali, Dipartimenti di Salute Mentale, tutti i partner e collaboratori potete conoscerli sul sito www.festivalarteirregolare.it. Questa edizione ha  il patrocinio  del Comune di Bologna, dell'Azienda Sanitaria Locale di Bologna e in particolare del Dipartimento di Salute Mentale e il sostegno dell'Associazione Daedalos nell'ambito del progetto Prisma. 
I nostri partner inoltre sono, tra gli altri, l'Osservatorio Outsider Art di Palermo, Piscoradio, L'associazione Fuoriserie di Piacenza, Gli Acrobati di Torino, DiBlu di Melegnano e tanti altri. 

1598365895085199 gabriok

Un progetto a cura di

Gabriella Canova

Ciao, sono Gabriella e ormai da quasi 30 anni vivo in Umbria collaborando con la Famiglia Fo e in particolare con il Nuovo Comitato un Nobel per i disabili. Il progetto del Festival è stato immaginato con Cinzia Lenzi per dare voce ad artisti che altrimenti non ce l'hanno, per continuare una tradizione di arte popolare che serve a esprimere quello che magari a voce non si riesce a raccontare; per creare collaborazioni, visibilità e connettere chi lavora per il riconoscimento della bellezza

Italia
Potrebbe interessarti anche