Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Montalcino
Viaggi, Food, Ambiente
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Cinelli Colombini - Toscana

La scelta di Crowdwine per la Toscana

1.706€
Chiuso il 20 lug 2020
Finanziato
Raccogli tutto
Obiettivo: 1.706€

Cinelli Colombini - Toscana

La scelta di Crowdwine per la Toscana

1.706€
Chiuso il 20 lug 2020
Finanziato
Raccogli tutto
Obiettivo: 1.706€

Il Casato Prime Donne

Donatella Cinelli Colombini vi dà il benvenuto al Casato Prime Donne di Montalcino, nella terra del Brunello.

Gli antenati di Donatella possedevano già questa tenuta alla fine del Cinquecento che oggi è aperta al pubblico per visite e soggiorni in cui condividere l’esperienza della campagna più bella del mondo. La volontà di tenere le porte aperte ai winelover è sempre stata un tema fondamentale per noi tanto che Donatella è stata il fondatore del Movimento Turismo del Vino nel 1993 inventando gli eventi di Cantine Aperte e Calici di Stelle.

La proprietà di Donatella si divide nel Casato Prime Donne, la prima cantina italiana gestita interamente da donne che ha raggiunto il successo internazionale grazie alla qualità dei suoi Brunello, e la Fattoria del Colle, uno scrigno di memorie dove i turisti possono vivere soggiornando in appartamenti e camere immersi nella nobile storia della campagna toscana in mezzo a una natura incontaminata e coltivata in modo biologico.

Adesso Donatella è presidente nazionale dell’Associazione Donne del Vino ed anche del Consorzio del Vino Orcia.

La Storia di Donatella

Era il 1998 quando Donatella Cinelli Colombini lasciò la fattoria della sua famiglia per fondare la propria azienda composta dal Casato a Montalcino e dalla Fattoria del Colle a Trequanda. Insieme alle vigne e alle case da ristrutturare, Donatella aveva ricevuto una quantità di Brunello di Montalcino ancora in botte. Un vino che richiedeva cure quotidiane e quindi le serviva un cantiniere. Donatella telefonò alla scuola di enologia di Siena chiedendo di assumere un bravo studente ma le risposero di no perché bisognava prenotarlo con anni di anticipo; c’erano però molte “enotecnico donna” perché nessuna buona cantina le assumeva. La costatazione di un grande divario fra le opportunità destinate a donne e uomini con la stessa qualifica professionale spinse Donatella Cinelli Colombini a creare un progetto finalizzato a ridurre questa discriminazione e dimostrare che la produzione di grandi vini non dipende dai muscoli ma dalla passione e dal talento che entrambi i sessi possiedono in egual misura.

Il Vino Proposto: Un Brunello tutto al femminile

Il Brunello di Montalcino Prime Donne viene prodotto solo nelle annate migliori. E’una piccola selezione di 6.000 bottiglie destinate a ristoranti e enoteche di alto livello di tutto il mondo. E’ il primo Brunello prodotto e pensato al femminile. Infatti la cantina che lo produce, il Casato Prime Donne a Montalcino, è la prima in Italia con un organico di sole donne, enologa compresa. Inoltre è il primo vino rosso a lungo invecchiamento che viene seguito, dalla nascita all’imbottigliamento, da un pannel di 4 espertissime assaggiatrici internazionali: una enotecaria, una sommelier e due Master of Wine: Astrid Schwarz, Daniela Scrobogna, Rosemary George MW a cui sta per aggiungersi la svedese Madeleine Stenwreth MW.  Sono loro a scegliere il vino fra le diverse vigne di Sangiovese Brunello, decidono il tipo di botte di rovere e infine il blend fra il vino di più fusti in legno. 

Ovviamente il Brunello Prime Donne piace molto anche agli uomini ed ha ottimi rating nella principale stampa internazionale, ma è anche una bandiera per il vino al femminile. Infatti, nel 1998 quando Donatella Cinelli Colombini ha inaugurato il “progetto Prime Donne” e il ruolo del gentil sesso in enologia era piccolissimo, questo vino è stato il primo a celebrare l’importanza del gusto femminile.

 

Il Brunello Prime Donne è  molto tradizionale, di ottima struttura con tannini vellutati e grande armonia. Negli ultimi dieci anni le assaggiatrici hanno sempre scelto i vini ottenuti dalle uve del vigneto Ardita sulla sommità della collina del Casato Prime Donne. Un appezzamento piantato nel 2001 a 250 m sul mare, con splendida esposizione e suolo con prevalenza di argilla e calcare.

Brunello di Montalcino DOCG Progetto Prime Donne 2015

CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE

Un colore rosso rubino brillante. La rotazione lenta del vino nel bicchiere mette in evidenza la sua struttura e la sua ricchezza. Il profumo è complesso, profondo, fine, pieno di suggestioni che iniziano con i piccoli frutti rossi maturi, continuano con il sottobosco, la frutta esotica e le spezie più sensuali. Il gusto si distingue per la perfetta armonia delle sue componenti: la solida struttura, la pienezza del frutto, i tannini setosi, l’ampiezza appagante del sapore che si allunga elegantemente in un finale piacevolissimo e persistente.

CLASSIFICAZIONE: Brunello di Montalcino DOCG
GRADAZIONE: 14,00%
PROVENIENZA: Toscana
VITIGNO: Sangiovese
COLORE: Rosso
STRUTTURA: Fermo
STILE DI VINO: Rosso secco
ABBINAMENTI: Vino gastronomico che va accompagnato a piatti importanti come gran pezzi di carne arrosto, formaggi stagionati, cacciagione.

Brunello di Montalcino DOCG Progetto Prime Donne 2016

Nella primavera 2016 le viti germogliarono con 15 giorni d’anticipo ma la vendemmia avvenne i primi di ottobre, secondo il calendario tradizionale. L’accumulo degli zuccheri dell’uva è andato avanti più lentamente della maturazione dei polifenoli e tutto è avvenuto in modo graduale grazie a bella giornata assolate e notti fredde. Al momento della vendemmia la maturazione era perfetta sia nella buccia che nella polpa degli acini. Dopo il suo periodo in tonneau da 5 e 7 ettolitri di rovere francese la maturazione è terminata in botti tradizionali da 15-40 hl di rovere di Slavonia. Ora sta “riposando” in bottiglia.


CLASSIFICAZIONE: Brunello di Montalcino DOCG
PROVENIENZA: Toscana
VITIGNO: Sangiovese
COLORE: Rosso
STRUTTURA: Fermo
STILE DI VINO: Rosso secco
ABBINAMENTI: Vino gastronomico che va accompagnato a piatti importanti come gran pezzi di carne arrosto, formaggi stagionati, cacciagione.

Il progetto Crowdwine

CrowdWine è la prima piattaforma di crowdfunding dedicata al mondo del vino italiano. Nasce con l’obiettivo di sostenere le piccole e medie cantine italiane in un momento di grande difficoltà strutturale e finanziaria, offrendo loro un canale diretto per raggiungere i wine lovers di tutto il mondo, e poter così continuare, grazie al loro finanziamento e alla loro fedeltà, a produrre e offrire vini di alta qualità.

Come posso sostenere il produttore Crowdwine?

  1. Diventa un Crowdwiner: un piccolo ma importantissimo contributo al produttore che sarà entusiasta di ringraziarti. 
  2. Due calici e visita in cantina: Un fondamentale supporto per la cantina che, nella speranza della ripartenza dell'enoturismo, ti garantirà la visita due calici gratuiti presso la cantina stessa, che sarà felice di accogliere chi l'ha sostenuta in questa campagna. 
  3. Acquisto 6 bottiglie pronta spedizione: alla fine della raccolta il produttore spedirà direttamente a casa tua una cassa del suo vino di punta, ad un prezzo scontato e con spedizione inclusa.
  4. 6 bottiglie in Anteprima: prenota ora in anteprima il vino della cantina in uscita nel 2021. Avrai la possibilità di seguire le varie fasi della vinificazione fino alla spedizione a casa tua l'anno prossimo. Un aiuto concreto in termini di liquidità per far rendere al massimo la produzione corrente
  5. Perché Scegliere?  Goditi i vini già pronti e preparati a degustare in anteprima i vini dell'anno prossimo. Un'esperienza a 360° della cantina. 
1589811745235815 donatella bruchi 2016

Un progetto a cura di

Donatella Cinelli Colombini

Nata nel 1953 in una famiglia di produttori di Brunello di Montalcino, Donatella si è laureata in Storia dell’arte medioevale.
Nel 1993 ha fondato il “Movimento del turismo del vino” ed ha inventato “Cantine aperte”, la giornata che in pochi anni ha portato al successo l’enoturismo in Italia Nel 2012 ha ricevuto il Premio Internazionale Vinitaly e nel 2014 è stata nominata Cavaliere della Repubblica Italiana. Nel 2016 è stata eletta Presidente Nazionale delle Donne del Vino.

Montalcino
Potrebbe interessarti anche