Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Bussia
Solidarietà, Food, Ambiente
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Costa di Bussia - Piemonte

La scelta di Crowdwine per il Piemonte

170€
Chiuso il 20 lug 2020
Finanziato
Raccogli tutto
Obiettivo: 170€

Costa di Bussia - Piemonte

La scelta di Crowdwine per il Piemonte

170€
Chiuso il 20 lug 2020
Finanziato
Raccogli tutto
Obiettivo: 170€

La nostra storia

Quasi 150 anni di storia riassunti tra le mura di questa struttura: oggetti e lettere che parlano di un passato importante e di un territorio che ha molto da raccontare.

Tutto ebbe inizio nel 1760, quando venne costruita il primo nucleo della cascina Bertoroni, circondata da boschi e vigneti, in un paesaggio simile a quello attuale.

La storia cambiò nel 1873, quando il giovane Luigi Arnulfo ricevette una lettera dal cugino Zabaldano in cui gli veniva proposto l’acquisto della proprietà.

A soli 22 anni, Arnulfo rinunciò a seguire la sicura carriera di famiglia come farmacista e diventò un produttore di vino, vivendo direttamente la faticosa attività in questo angolo di Langa. Gli studi non furono però vani e la formazione farmaceutica gli tornò presto utile, agevolandolo per tutto il corso della sua vita lavorativa con idee avveniristiche.

A partire dal 1890 si aprirono nuovi mercati ed opportunità e proprio grazie all’intraprendenza di Arnulfo, il vino Barolo sbarcò finalmente nel Nord America e per la precisione in California.

La morte di L. Arnulfo nel 1928 segnò purtroppo l’inizio del declino della cantina. La figlia Carolina non fu animata dalla stessa passione e lungimiranza del padre e dopo pochi anni scelse di cedere i terreni ereditati in usufrutto, abbandonando del tutto la produzione diretta di vino. Quando, nel 1975, anche Carolina morì senza altri eredi, la proprietà rimase nelle mani del Sig. Barale il quale continuò come prima la coltivazione dei vigneti, ma la cascina rimase disabitata.

La rinascita

Nel 1988 il colpo di fulmine e la svolta: Paolo e Guido Sartirano investono in questa proprietà con il sogno di riportarla all’antico splendore. E’ qui che rinasce la cantina di Arnulfo sotto il nome di Costa di Bussia, antico toponimo usato già nell’Ottocento per identificare questa proprietà. I lavori di ristrutturazione necessari per rimettere in sesto i locali della vinificazione e affinamento dove già Arnulfo operava, così come i reimpianti e le cure ai vigneti durano circa un paio d’anni, ma ecco nel 1990 la prima vendemmia produttiva e Costa di Bussia presenta di nuovo i suoi vini.

Tra il 2012 e il 2014 sono stati restaurati i locali al primo piano, quelli dove Arnulfo e successivamente la figlia aveva trascorso la propria vita, oggi tranquillo ed elegante agriturismo.

La porzione più antica della cascina, invece, ospita oggi il Museo Storico Luigi Arnulfo e l’annessa sala di degustazione.

Il Vino Proposto: Barolo, due annate a confronto

BAROLO DOCG BUSSIA 2014: La strategia in vigna e il finale di stagione favorevole ci ha permesso di ottenere un ottimo Barolo nonostante l’annata difficile: fresco floreale con tannini vivi e persistenti. Classico e invitante, speziato. Il colore rosso rubino tenue tipico del nebbiolo, un eccellente armonicità di gusti e tannini, setoso e persistente, i sentori di rosa lo rendono inconfondibile.

BAROLO DOCG BUSSIA 2017: L'annata 2017 sarà ricordata per l’andamento climatico caldo e in modo particolare per le scarse precipitazioni. Ma tra fine agosto e primi di settembre le tanto attese piogge ci hanno portato ad accumulare acqua che è servita per riequilibrare la dotazione idrica degli acini. Le temperature sono poi scese e riavvicinate alle medie stagionali. A giovare maggiormente da questa situazione è stato sicuramente il Nebbiolo: infatti abbiamo registrato valori migliori sia in quantità, di accumulo di tannini e sia di estraibilità degli stessi, fattore essenziale sui vini da invecchiamento come il Barolo. La vendemmia del Nebbiolo nel 2017 ci ha lasciati con grandissime aspettative che ora culliamo in cantina nell’attesa che il Barolo sia finalmente pronto per raggiungere le vostre tavole.

Barolo D.O.C.G. Bussia 2014

CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE

La strategia in vigna e il finale di stagione favorevole ci ha permesso di ottenere un ottimo Barolo nonostante l’annata difficile: fresco floreale con tannini vivi e persistenti. Classico e invitante, speziato. Il colore rosso rubino tenue tipico del nebbiolo, un eccellente armonicità di gusti e tannini, setoso e persistente, i sentori di rosa lo rendono inconfondibile.
CLASSIFICAZIONE: Barolo DOCG
GRADAZIONE: 14,00%
PROVENIENZA: Piemonte
VITIGNO: Nebbiolo
COLORE: Rosso
STRUTTURA: Fermo
STILE DI VINO: Rosso secco
ABBINAMENTI: carni di selvaggina, arrosti, formaggi stagionati

​Barolo D.O.C.G. Bussia 2017

L’annata 2017 sarà ricordata per l’andamento climatico caldo e in modo particolare per le scarse precipitazioni. Ma tra fine e agosto e primi di settembre le tanto attese piogge ci hanno portato ad accumulare acqua che è servita per riequilibrare la dotazione idrica degli acini. Le temperature sono poi scese e riavvicinate alle medie stagionali. La vendemmia del Nebbiolo nel 2017 ci ha lasciati con grandissime aspettative che ora culliamo in cantina nell’attesa che il Barolo sia finalmente pronto per raggiungere le vostre tavole.

Dopo 18 mesi in grandi botti di rovere di Slavonia da 5000L ora sta “riposando” in bottiglia.

CLASSIFICAZIONE: Barolo DOCG
PROVENIENZA: Piemonte
VITIGNO: Nebbiolo
COLORE: Rosso
STRUTTURA: Fermo
STILE DI VINO: Rosso secco
ABBINAMENTI: carni di selvaggina, arrosti, formaggi stagionati

Il Progetto Crowdwine

CrowdWine è la prima piattaforma di crowdfunding dedicata al mondo del vino italiano. Nasce con l’obiettivo di sostenere le piccole e medie cantine italiane in un momento di grande difficoltà strutturale e finanziaria, offrendo loro un canale diretto per raggiungere i wine lovers di tutto il mondo, e poter così continuare, grazie al loro finanziamento e alla loro fedeltà, a produrre e offrire vini di alta qualità.

Come posso sostenere il produttore Crowdwine?

  1. Diventa un Crowdwiner: un piccolo ma importantissimo contributo al produttore che sarà entusiasta di ringraziarti. 
  2. Due calici e visita in cantina: Un fondamentale supporto per la cantina che, nella speranza della ripartenza dell'enoturismo, ti garantirà la visita due calici gratuiti presso la cantina stessa, che sarà felice di accogliere chi l'ha sostenuta in questa campagna. 
  3. Acquisto 6 bottiglie pronta spedizione: alla fine della raccolta il produttore spedirà direttamente a casa tua una cassa del suo vino di punta, ad un prezzo scontato e con spedizione inclusa.
  4. 6 bottiglie in Anteprima: prenota ora in anteprima il vino della cantina in uscita nel 2021. Avrai la possibilità di seguire le varie fasi della vinificazione fino alla spedizione a casa tua l'anno prossimo. Un aiuto concreto in termini di liquidità per far rendere al massimo la produzione corrente
  5. Perché Scegliere?  Goditi i vini già pronti e preparati a degustare in anteprima i vini dell'anno prossimo. Un'esperienza a 360° della cantina.
1589792504225571 12800114 458301061036168 5655822246967398515 n

Un progetto a cura di

Costa di Bussia

Cantina fondata nel 1874 da Luigi Arnulfo, Pioniere del Barolo nel mondo. Undici ettari di vigneti di proprietà e un Museo dedicato al fondatore.

Bussia
Potrebbe interessarti anche