RIPARTIRE SUL BINARIO GIUSTO

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Roma
Solidarietà
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

RIPARTIRE SUL BINARIO GIUSTO

Per non lasciare indietro nessuno: un aiuto concreto alle persone senza dimora e alle famiglie in difficoltà

1.975€
65%
|
-21 giorni
+ 3.000€
MSD Crowdcaring
Contribuisci

RIPARTIRE SUL BINARIO GIUSTO

Per non lasciare indietro nessuno: un aiuto concreto alle persone senza dimora e alle famiglie in difficoltà

1.975€
65%
|
-21 giorni
+ 3.000€
MSD Crowdcaring
Contribuisci

Di cosa si tratta

Con il perdurare dell’emergenza COVID-19, la vita delle persone in stato di povertà si è ulteriormente complicata: per le persone senza dimora si sono interrotte le possibilità di accoglienza da parte della grande maggioranza dei servizi sociali; per quelle che si trovavano alle soglie della povertà assoluta, con la perdita del lavoro e l’esaurimento delle pochissime risorse economiche si è aperto uno scenario di indigenza totale, che il nostro progetto vuole tentare di alleviare.  

All’interno delle attività legate al centro di accoglienza Binario 95, NeXtop MSC (Magazzino Sociale Cittadino), in via di Porta San Lorenzo 5 a Roma, ha servito, prima dell’emergenza COVID-19, le persone senza dimora e le associazioni di volontariato con la raccolta e distribuzione di indumenti e di generi alimentari, senza finanziamenti regolari. Per questi mesi di emergenza NeXtop MSC è stato chiuso al pubblico rifornendo solo le poche organizzazioni che sono riuscite a rimanere ancora attive sul territorio, ma ora è importante farlo ripartire con una marcia in più, per offrire supporto non solo alle persone senza dimora, ma questa volta anche a tutte le famiglie bisognose del quartiere, che da questa crisi sono state ferite e rischiano di cadere da una povertà relativa ad una povertà assoluta, finanche ad una povertà estrema dalla quale, da sole, sarà difficile che si rialzino. NeXtop le supporterà attraverso una distribuzione gratuita di beni di prima necessità, di abiti e, se possibile, di DPI per coloro che non potranno comprarli.

Come verranno utilizzati i fondi

Ci auguriamo di raccogliere, attraverso la piattaforma Eppela, un totale di € 6000 per avviare il progetto.

I fondi serviranno a sostenere quattro attività specifiche:

  • l’approvvigionamento e lo stoccaggio di beni primari per le famiglie povere e le persone senza dimora del quartiere
  • l’acquisto degli strumenti e delle apparecchiature necessari a garantire l’igiene e la sanificazione di quanto verrà distribuito, inclusi gli indumenti, per scongiurare ogni rischio di ripresa del contagio
  • il sostegno all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate che potremo coinvolgere nel progetto, per la gestione del magazzino, la consegna a domicilio alle persone anziane, piccole riparazioni di sartoria con le macchine da cucire che già possediamo
  • la copertura del personale specializzato (operatori sociali, psicologi, educatori) che farà di NeXtop non un supermercato, ma un luogo di scambio, di supporto, di rilancio di relazioni e opportunità

Il progetto prevede l’acquisto o il reperimento di beni alimentari con cui realizzare pacchi famiglia da distribuire 3 giorni a settimana per 4 ore al giorno, la mattina o il pomeriggio presso il Magazzino NeXtop. Il servizio, attivato nella Fase 2 dell’emergenza in forma sperimentale, permetterebbe non solo di rispondere ad una esigenza impellente che sta emergendo questo momento particolarmente drammatico, ma, lavorando in sinergia con gli operatori dell’Help Center, con i servizi per l’impiego del territorio e con i percorsi di recupero e formazione al lavoro attivati dall’ONDS - Osservatorio nazionale della solidarietà nelle stazioni italiane, anche di costruire percorsi di aggancio e di recupero per quelle  persone o famiglie diventate povere, inserendole in un’azione più ad ampio spettro di supporto alle “nuove povertà” e reinserimento al lavoro.

Chi c'è dietro al progetto

Binario 95 è un centro di accoglienza per persone senza dimora, nato nel 2006 in locali concessi in comodato d’uso gratuito da Ferrovie dello Stato Italiane alla stazione di Roma Termini. È gestito dalla Cooperativa Sociale Europe Consulting Onlus e finanziato al 50% da Roma Capitale. Il resto dei costi è sostenuto dalla Cooperativa, integrando, per quanto e quando possibile, risorse e funzioni recuperate da altri progetti istituzionali, da Fondazioni private o dalle donazioni dei sostenitori.

Binario 95 offre accoglienza diurna a una media di circa 30 persone al giorno. Offre, inoltre, un servizio a bassa soglia di accoglienza, doccia, cambio d’abiti e piccolo ristoro ad altre 15 persone ed ha a disposizione 12 posti letto per la notte, per uomini senza dimora che gravitano intorno alla stazione di Roma Termini, su segnalazione dell’Help Center e della Sala Operativa Sociale di Roma Capitale.

L’obiettivo di Binario 95 è contrastare il cronicizzarsi dell’emarginazione sociale e rappresentare un punto di riferimento e di aggregazione alle persone senza dimora, italiane e straniere, per dare loro l’opportunità di raggiungere il massimo grado di autonomia possibile, avviando percorsi di recupero delle capacità relazionali, creative e di reinserimento sociale.

Ai servizi di Binario 95 si affiancano quelli dello Sportello Sociale di ascolto e orientamento dell’Help Center, del Magazzino sociale cittadino NeXtop MSC, entrambi in via di Porta San Lorenzo 5 a Roma, e dell’Unità di contatto in strada “Help Center Mobile”.

All’interno dell’Help Center vengono poi svolti ulteriori servizi specifici di supporto alle persone più bisognose, tra cui, di particolare rilevanza, l’Assistenza all’acceso alle politiche attive e passive del lavoro (Reddito Cittadinanza, ISEE, collocamento mirato, pensioni invalidità, disoccupazione, etc.).

La Europe Consulting Onlus è una cooperativa sociale di tipo A e B, costituita nel 1997 ai sensi della L. 381/1991 ed iscritta all’Albo delle società cooperative (A132658). Conta circa 60 lavoratori di cui 31 soci e opera nell’ambito dell’assistenza socio-sanitaria, dell’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati, dell’accoglienza, dell’orientamento ed inclusione sociale delle persone senza dimora, dell’immigrazione, della comunicazione, dell’informatica orientata a servizi sociali o culturali e dell’editoria.

Dicono di noi

Sin dall’inizio dell’emergenza Covid-19, Binario 95 si è visto costretto a rimodulare il suo metodo di intervento. È stato chiaro fin da subito che per le persone senza dimora sarebbe stato impossibile rispettare le misure di autoisolamento, per il semplice ed evidente fatto che una casa dove restare loro non ce l’hanno

Così, rispondendo all’appello del governo e all’hashtag ufficiale #iorestoacasa, Binario 95 ha rilanciato creando una campagna con l’altro hashtag #vorreirestareacasa, con l’intenzione di portare all’attenzione dell’opinione pubblica e del governo le problematiche che le persone che una casa non hanno si sono trovate a fronteggiare in questo difficile momento ed alla loro difficoltà a seguire le disposizioni governative. 

La campagna ha avuto una risonanza mediatica notevole ed è stata ripresa da tutti i media nazionali, oltre ad alcuni stranieri, che hanno portato all’attenzione la problematica dell'homelessness.


BINARIO 95: "Tutti i nostri ospiti vorrebbero restare a casa, ma qual è la loro casa?" | LA REPUBBLICA

#VORREIRESTAREACASA. L'emergenza vissuta dai senza dimora. "Dobbiamo proteggerli | REDATTORE SOCIALE

AIUTARE CHI AIUTA GLI ULTIMI | CORRIERE DELLA SERA

La solitudine dei SENZATETTO ai tempi del CORONAVIRUS | INTERNAZIONALE

SENZA FISSA DIMORA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS | Speciale TG1

I SENZATETTO DI ROMA | RSI

EMERGENZA VIRUS: l'appello dei più deboli, non dimenticateci | SKY Tg24

BINARIO 95 E L'EMERGENZA COVID-19 | TG3


1589210268927395 52970892 2607199412686859 6185448287215026176 o

Un progetto a cura di

Binario 95

Binario 95 è un centro di accoglienza per persone senza dimora inserito nel Polo Sociale della Stazione Roma Termini, insieme all’Help Center e Nextop, Magazzino sociale Cittadino. I servizi sono gestiti dalla cooperativa sociale Europe Consulting Onlus, che da anni si occupa di arginare il disagio nelle stazioni ferroviarie.

Roma