Abboccaperta: una città viva!

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Bergamo e provincia, Lombardia
Civico, Arte, Cultura
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Abboccaperta: una città viva!

Bergamo ritorna a vivere attraverso un progetto di teatro, cultura, narrazioni per bambini, incontri e laboratori in un quartiere di periferia

655€
-32 giorni
Contribuisci
Tutto o niente
Obiettivo: 10.000€

Abboccaperta: una città viva!

Bergamo ritorna a vivere attraverso un progetto di teatro, cultura, narrazioni per bambini, incontri e laboratori in un quartiere di periferia

655€
-32 giorni
Contribuisci
Tutto o niente
Obiettivo: 10.000€

L’arte di raccontare come forza vitale di una comunità

Abboccaperta: una città viva! è un progetto di Teatro Caverna per ritornare a vivere la città di Bergamo, dopo la funesta epidemia. E’ un progetto che si sviluppa nel quartiere periferico di Grumello al Piano: un luogo spesso dimenticato o additato come maglia nera della città. In questo quartiere da poco più di un anno abbiamo inaugurato un teatro che crediamo possa essere centro vitale non solo per il territorio circostante, ma per l’intera città e anche per chi proviene da fuori provincia.

La nostra intenzione è quella di creare una serie di attività partendo dal nome storico della nostra rassegna: Abboccaperta. Vogliamo che si rimanga incantati ed affascinati dalla cultura come segno di apertura agli altri, coinvolgendo il più possibile anche le fasce disagiate che hanno maggiori difficoltà ad accedere ai servizi culturali della città.

Da sempre in questo quartiere ci siamo mossi in un contesto di forte disagio sociale e di una certa ristrettezza economica e ancor di più accadrà dopo la crisi che ha attraversato la città. E' quindi necessario ridare vita e forma alle idee, costruire progetti che creino comunità.

Intendiamo partire dalle fiabe, che secondo noi bene interpretano le paure e le liberazioni del popolo, da sempre ed a tutte le latitudini. Pertanto andremo nelle piazze e nei cortili a raccontare fiabe per le famiglie.

Creeremo inoltre un percorso di formazione per adulti, aiutandoli a ritrovare il valore del racconto. E realizzeremo coi genitori una grande fiaba finale da raccontare ai bambini della nostra scuola.

Inviteremo ospiti di fama internazionale a parlarci della loro esperienza con il mondo fiabesco o a leggerci una fiaba in esclusiva. Ospiteremo spettacoli che vedono la fiaba al centro della messa in scena come rituale comunitario. Ci occuperemo di un percorso di animazione teatrale dedicato ai bambini che veda al centro la figura del lupo e che vedrà coinvolti 120 ragazzi tra i 6 ed i 12 anni, in collaborazione con la locale scuola primaria.

Cercheremo di coinvolgere il pubblico che ha meno possibilità economiche con iniziative come il biglietto sospeso, l’ingresso gratuito al terzo spettacolo dopo 2 ingressi consecutivi. Biglietti scontati per i residenti del nostro quartiere.

Vogliamo rilanciare la coesione sociale di questa città attraverso il teatro e la narrazione, in modo da creare una comunità aperta e solidale verso tutti.


I soldi saranno spesi per rilanciare un’idea di incontro

La parte di finanziamento raccolta tramite crowdfunding sarà destinata a coprire le spese per gli artisti e gli allestimenti.

Proprio per dare spazio al progetto, in ottica di rilancio della città, verrà chiesto agli artisti di costruire un progetto specifico di narrazione. Questo significa creare le attività calandole nel contesto sociale esistente.

Ad ogni artista presente sarà assegnato un contributo fisso, più la copertura di tutte le spese vive relative alla realizzazione del progetto in loco. Questo vuol dire che ospiteremo per alcuni giorni gli artisti in residenza a Bergamo, in modo da creare una relazione tra la città e la forma d’arte espressa. 

Altra spesa fondamentale ai fini del progetto sarà quella relativa all'allestimento degli spazi, sia come attrezzature che dovranno essere messe a disposizione, sia come consulenza del personale tecnico esterno a Teatro Caverna. 

Le spese di allestimento riguardano soprattutto la sistemazione degli spazi pubblici dove verranno realizzare le narrazioni fiabe, nei quartieri popolari. Un sostegno a questa parte del progetto significa credere nella possibilità di costruire cultura anche fuori dai luoghi deputati ad essa, sempre più deserti. Significa andare ad incontrare le persone, che è l’obiettivo ed il motivo di questo progetto.

La situazione sanitaria ha fatto sì che le piccole realtà culturali si ritrovino oggi con una prospettiva economica davvero incerta. Rilanciare la cultura sul territorio, attraverso una piccola donazione, significa permettere di reinvestire risorse che ritornano poi alla comunità sotto forma di aggregazione e stimoli alla convivenza.

Il progetto è tutto incentrato sulla forza dello stare insieme raccontando: è per questo che crediamo possa essere un valore finanziarlo.

Un’associazione culturale che agisce con quartiere e città

Il promotore del progetto Abboccaperta; una città viva! è l’associazione di promozione sociale Teatro Caverna, con sede operativa nella città di Bergamo. È nel quartiere cittadino di Grumello al Piano che l’associazione ha costruito un progetto culturale volto a creare socializzazione tra le persone e a intessere una serie di reti di collaborazioni con tutta la città.

Teatro Caverna è l’ente a cui il Comune di Bergamo ha assegnato prima lo spazio Polaresco (spazio culturale delle politiche giovanili, gestito dal 2012 al 2016) e poi lo spazio Caverna dal 2018. Il mandato del Comune è stato proprio quello di favorire i rapporti e gli scambi umani sul territorio disagiato, a maggior ragione dopo le tristi notizie che hanno visto Bergamo al centro delle cronache negli ultimi mesi.

Sul territorio l’associazione ha creato una fitta rete di collaborazioni e sinergie che intersecano vari livelli sociali.

La parrocchia ha spesso offerto spazio alle iniziative.

La Scuola Primaria Don Milani ci ha reso partecipi di numerosi progetti.

Il Centro Terza Età e il Centro Socio Culturale sono due luoghi di costante confronto.

Ecco perciò che il progetto promosso da Teatro Caverna diventa a pieno titolo un progetto culturale e sociale del quartiere. Diventa un momento per produrre cultura di qualità in relazione alle esigenze del territorio ed in ascolto dei suoi abitanti.

Teatro Caverna è un’associazione che si occupa da sempre di cultura: ha prodotto svariati spettacoli e diretto numerose rassegne, negli ultimi 15 anni, a Bergamo, sul territorio nazionale ed in Europa.

Ha stretto importanti collaborazioni con Claudio Morganti, Goffredo Fofi, Teatro delle Albe, Olinda Milano, Crearc Grenoble, Takku Ligey Dakar. I suoi progetti sono stati sostenuti da numerosi enti pubblici e privati che hanno riconosciuto il valore artistico e culturale di quanto proposto.

1584969141541828 logo sito 1

Un progetto a cura di

Teatro Caverna

Teatro Caverna è una compagnia teatrale e si occupa di teatro.
Teatro Caverna è un’associazione culturale e organizza iniziative culturali.
Teatro Caverna è questo e molto altro.

Caverna è anche il nome del nostro spazio a Grumello del Piano Bergamo
Caverna perché è uno spazio aperto.
Caverna perché è un nome facile, che tutti ricordano, breve e italiano. 
Caverna perché questa parola racconta la nostra storia e ciò che siamo per chi ci conosce. 

Bergamo e provincia, Lombardia
Potrebbe interessarti anche