Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Italia
Salute, Civico
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

CoVid-19 - Io Resto a casa Ronald

EVENTO: Emergenza CORONAVIRUS

315€
Chiuso il 29 apr 2020
100%
315€
Finanziato

Raccogli tutto Questo progetto verrà finanziato indipendentemente dal raggiungimento del traguardo

Raccogli tutto

CoVid-19 - Io Resto a casa Ronald

EVENTO: Emergenza CORONAVIRUS

315€
Chiuso il 29 apr 2020
100%
315€
Finanziato

Raccogli tutto Questo progetto verrà finanziato indipendentemente dal raggiungimento del traguardo

Raccogli tutto

#iorestoacasaronald

COVID-19 - Aiutateci a continuare il nostro lavoro. LE CASE RONALD DEVONO RIMANERE APERTE! Le cure dei bambini sono INDIFFERIBILI!

Ogni giorno Fondazione Ronald supporta con l’accoglienza in una vera Casa le famiglie dei bambini in cura presso le eccellenze pediatriche di tutto il territorio italiano. Da Brescia a Roma, nelle 6 strutture che gestiamo, abbiamo supportato 43.000 persone dalla nostra nascita. Abbiamo dato una vera Casa a famiglie spaventate e preoccupate. Abbiamo vissuto con loro momenti di gioia e di belle notizie, e momenti di paura. Al loro fianco abbiamo costruito una grande Famiglia. 

I nostri bambini provengono principalmente dal reparto di oncoematologia, sono immunodepressi e necessitano di tutele e attenzioni particolari, soprattutto in questo momento. Per questo la protezione e la precauzione devono essere al centro del nostro lavoro quotidiano, per loro, per le loro famiglie e per gli operatori delle Case. 

Per garantire tutto questo ORA CI SERVE IL TUO AIUTO! Il nostro impegno non basta in questo momento di difficoltà dovuto al Coronavirus. Stiamo mettendo a disposizione delle Famiglie ogni mezzo che possa tutelarle, da mascherine a gel igienizzati, dal servizio spesa che permette loro di non dover frequentare supermercati affollati, dal supporto psicologico che permetta loro di gestire al meglio lo stress aggiuntivo provocato da questa emergenza, fino alla sanificazione eccezionale degli ambienti in cui vivono. 

DONA ORA E AIUTACI A PROTEGGERLI

Kit di protezione

I bambini ospiti delle Case Ronald in molti casi sono immunodepressi, la mascherina per loro è una costante magari da anni. In questo momento reperirle è sempre più difficile e anche gli ospedali spesso ne hanno poche. Vogliamo fare in modo che nessun bambino e nessun genitore si debba trovare nella condizione di non potersi proteggere al meglio, fornendo loro kit di protezione con mascherine, guanti e gel igienizzanti.

Sostegno psicologico

Le famiglie ospiti delle Case Ronald combattono ogni giorno con le malattie molto gravi dei loro bambini. Malattie le cui cure non possono essere rimandate o sospese. In un momento di tale emergenza sanitaria, che nel caso delle famiglie ospiti delle Case Ronald si va ad aggiungere alla già difficile e delicata situazione legata alla malattia dei loro bambini, vorremmo dar loro un supporto psicologico professionale, che possa aiutarli a gestire lo stress, l’ansia e le paure legate a questo difficile periodo. 

Sanificazione eccezionale

Le Case Ronald mantengono standard di pulizia sempre altissimi per la tutela delle famiglie in ogni momento e in ogni luogo della Casa. L'emergenza sanitaria attuale ci porta, però, a dover intervenire con sanificazioni degli spazi eccezionali. La sicurezza delle famiglie ospiti dipende anche da questo!

Chi c'è dietro al progetto

Fondazione per l'infanzia Ronald McDonald Italia

È la sede italiana di Ronald McDonald House Charities (RMHC), un’organizzazione non profit internazionale che, dal 1974, è al fianco delle famiglie che vivono la drammatica esperienza dell’ospedalizzazione di un figlio, supportandole affinché possano accedere alle cure ospedaliere necessarie per il loro piccolo anche quando si trovano lontano da casa.
Perché una famiglia unita è la prima forma di cura.

1584371321398598 20191218 193858

Un progetto a cura di

Marco De Faveri

«Quanti bimbi hanno imparato a camminare durante la loro permanenza in questa Casa di Accoglienza?
Una è Abim, detta Cioccolatina.
L’ho incontrata Martedì a Bellosguardo.
Mi ha riconosciuto, mi è corsa incontro e mi è saltata in braccio.
Sempre sorridente.
Sempre. Anche quando stava tanto male e non aveva in testa quel riccio di capelli nerissimi che ha ora».

Italia
Potrebbe interessarti anche