Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Firenze
Formazione, Cultura
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Dacci una spinta

Aiutaci a far ripartire le domeniche teatrali a Fiesole.

8.650€
Chiuso il 24 ott 2020
Finanziato
Tutto o niente
Obiettivo: 8.000€

Dacci una spinta

Aiutaci a far ripartire le domeniche teatrali a Fiesole.

8.650€
Chiuso il 24 ott 2020
Finanziato
Tutto o niente
Obiettivo: 8.000€

C'eravamo quasi

Domenica dopo domenica ci siamo conosciuti, abbiamo lavorato e creato, ed eravamo quasi pronti a mostrarne a tutti i risultati. Poi è arrivata la chiusura, il lockdown, ed è stato necessario fermarsi. Ma non ci siamo separati, la voglia di ritrovarci e continuare ad esprimerci  è cresciuta e adesso, nonostante le difficoltà che la nuova condizione ci impone, vogliamo ripartire. 

Per farlo dobbiamo investire energie e risorse, tutti insieme, come il Cerchio che vogliamo creare non possiamo ripartire senza l’aiuto di tutti, gli animatori, gli attori, gli artisti, e i sostenitori.

Le Domeniche del Generale aiutano una comunità di persone a crescere ad esprimersi, a creare possibilità per tutti.

Il Cerchio di Gesso del Caucaso

In questo testo Brecht racconta di un bambino abbandonato e di  una donna che senza pensarci su lo prende con sé e gli dà ciò che può, qualche goccia di latte, molto sudore, un riparo. La chiusura ci ha imposto la distanza, ci ha impedito il contatto necessario per creare ciò che con lo spettacolo amiamo trasmettere. Un’idea di collettività, uno stare insieme vitale. Tutto questo ha lasciato il nostro progetto abbandonato, solo come il bambino nel Cerchio, ognuno a se stesso senza speranza e senza  ascolto.

Un secondo personaggio muove la storia verso il finale, è un giudice, uno straccione che ridisegnando le sorti della storia e le regole del gioco a suo piacimento ci mostra un mondo ideale per poi andarsene lasciando a noi la possibilità di scegliere: che fare?

Perché nascono le Domeniche del Generale

Praticare individualmente il canto, la musica, la danza può aiutare a sviluppare competenze in campo espressivo e comunicativo. Praticare le stesse forme d'arte creando collettivamente uno spettacolo teatrale ci restituisce uno spirito di comunità, la potenza dei linguaggi espressivi produce un senso comune di partecipazione e di crescita. Per giovani cantanti, musicisti, attori e danzatori, spendere la propria arte in momenti di condivisione, e non solo di spettacolo aiuta a conoscere nuovo pubblico e a trasmettere la passione per la propria arte fianco a fianco anziché uno di fronte all'altro.

Le Domeniche del Generale sono un appuntamento ricorrente, rivolto a chiunque abbia più di 8 anni, un percorso che si concluderà con la creazione di un grande spettacolo collettivo. Il confronto è innescato da un nucleo di giovani artisti ed educatori che preparano il terreno portando un tema, un testo, una traccia di lavoro per ogni disciplina così che tutti possano apprendere una base comune di come si canta, come si sta in scena, come si può usare il corpo e così sulla base di improvvisazioni e tentativi la proposta iniziale si plasma e si adatta al gruppo che la modella e la restituisce nella forma che prende domenica dopo domenica, con lo scopo per tutti di raggiungere quella condizione in cui ognuno, secondo le proprie possibilità, possa esprimersi e partecipare alla creazione.

A cosa servono i fondi

Il contributo servirà per far ripartire gli incontri dopo la chiusura e per sostenere tutte le spese straordinarie di produzione dello spettacolo, fino al nuovo debutto, previsto a settembre 2021. In particolare, la somma raccolta sarà investita nell’  arricchirlo di nuove forme espressive, che rilancino il progetto verso il futuro:

  • Una maestra di canto per i cori di scena;

  • Un percussionista per formare un ensemble di tamburi;

  • Tanta legna e un falegname per costruire una platea circolare;

  • I costi straordinari per realizzare le prove e lo spettacolo in ottemperanza alle vigenti norme sanitarie, per la sicurezza dei partecipanti e del pubblico.

  • La promozione per diffondere in lungo e in largo i frutti del nostro lavoro.

Oltre alle spese già presenti:

  • Il nucleo di animatori: educatori e artisti;

  • L'affitto di uno spazio abbastanza grande per tutti;

  • Il noleggio dei fari e dell'attrezzatura tecnica necessaria per lo spettacolo.

La nostra missione

Crediamo nel valore della comunità e del proprio territorio come dimensione di vita a misura d'uomo ideale per intrecciare relazioni e per scambiarsi stimoli per una crescita individuale e collettiva. Crediamo nella forza del teatro che permette il confronto e aiuta ad ampliare la coscienza di ognuno. Crediamo che i nuovi artisti possano costruirsi da sé uno spazio dove esibirsi e che per farlo sia necessario un confronto attivo con il pubblico.

In un territorio di periferia l'offerta culturale e quella aggregativa possono essere discontinue, inefficaci, soprattutto per i giovani che non sentendo un legame verso il posto dove vivono si allontanano, dalle persone e dalle realtà che altrimenti potrebbero renderlo più vitale.

Per questo ci impegniamo a dedicare un giorno di festa, una domenica ogni mese, per offrire a chi la vorrà cogliere l’opportunità di dare nuovo senso allo stare insieme, ai posti e alle persone che abbiamo vicine.

1584091094468320 tsf2018 fb cover

Un progetto a cura di

Teatro Solare

Teatro Solare oggi è un gruppo di giovani artisti ed educatori che, volendo rilanciare una lunga esperienza di animazione teatrale, ha deciso di far fronte comune e imbarcarsi in questo primo esperimento di “laboratorio orizzontale”, al quale partecipano allo stesso titolo  artisti, amatori, ragazzi nell'intento di co-creare teatralmente.

Da sempre attenti ai bisogni dei luoghi e delle persone, vogliamo realizzare questo progetto per superare l’isolamento degli ultimi mesi e offrire allo stesso tempo alla nostra comunità l’opportunità di beneficiare di una forma innovativa di aggregazione, espressione e promozione dell’arte.

Firenze
Potrebbe interessarti anche