Suono anch'io

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Milano
Solidarietà, Musica, Civico
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Suono anch'io

Un progetto sulla musica per ragazzi con disabilità, per sviluppare sensorialità ed emozioni, con l'uso di strumenti musicali e nuove tecnologie.

115€
5%
|
-23 giorni
+ 2.000€
MSD Crowdcaring
Contribuisci

Suono anch'io

Un progetto sulla musica per ragazzi con disabilità, per sviluppare sensorialità ed emozioni, con l'uso di strumenti musicali e nuove tecnologie.

115€
5%
|
-23 giorni
+ 2.000€
MSD Crowdcaring
Contribuisci

Di cosa si tratta

L’impronta Associazione ONLUS ha recuperato uno edificio abbandonato nel quartier Gratosoglio a Milano (via Feraboli 15) convertendolo in un centro polifunzionale denominato RI.ABI.LA. (Riabilito, Abito e Lavoro). Uno spazio innovativo per la cura e riabilitazione, l’accoglienza abitativa, la formazione e l’inserimento al lavoro di persone fragili. All’interno del nuovo centro è previsto l’allestimento di un Centro Diurni per Disabili (CDD).

La musica è una componente importante per la riabilitazione, lo svago, lo sviluppo sensoriale e delle emozioni. Esiste dunque la necessità di allestire una stanza della musica, negli spazi del CDD, come vero e proprio laboratorio musicale dove poter ricercare i propri gusti musicali in base ad esperienze di ascolto personalizzate che generano un beneficio emotivo, utilizzare strumenti musicali e nuove tecnologie per generare suoni composti che suscitano emozioni e interesse, utilizzare la voce e l’intonazione ed eseguire il canto di gruppo. Il progetto "Suono anch'io" prevede l’acquisto di strumenti musicali di vario genere (chitarra, tastiera, campionatore, altro…) mixer, microfoni, cavi e casse audio, pc e software di audio editing.

La musica ha un forte impatto sui ragazzi con disabilità con diversi risultati in termini di: migliorata autostima, creazione di un buon clima di gruppo, sviluppo dei sensi, e naturalmente svago e benessere psicologico.

Lo spazio, una volta allestito, sarà utilizzabile dai ragazzi con disabilità in primis ma anche, su prenotazione, dai ragazzi del quartiere Gratosoglio di Milano, quartiere con problematiche sociali evidenti.


Come verranno utilizzati i fondi

I fondi raccolti serviranno per l'allestimento tecnico di una stanza per la musica:

un mixer con casse budget necessario 2000 euro

un pc budget necessario 1500 euro

una tastiera budget necessario 600 euro

una chitarra acustica amplificabile budget necessario 400

un software per l'audio editing budget necessario 300

cavi e microfoni budget necessario 200 euro



Chi c'è dietro al progetto

Dal 1999 Il Gruppo L’Impronta realizza, nell’area Sud Milano e  nell’hinterland, interventi rivolti a persone con disabilità, appartenenti a diverse fasce di età e a minori in situazione di fragilità, caratterizzati da una progettualità specifica e miranti al raggiungimento di obiettivi personalizzati. Obiettivi comuni per tutti i progetti sono: il benessere della persona che vive forme di disagio, l’integrazione con il territorio e con le persone e risorse che lo abitano, e la “vicinanza alla famiglia”. L’Impronta propone anche attività di promozione del volontariato e della cultura della solidarietà. Tra le ultime importanti iniziative la realizzazione del Centro polifunzionale RI.ABI.LA (Riabilito, Abito e Lavoro), situato nel quartiere Gratosoglio di Milano, che offre risposte su tre aree di bisogno della popolazione più fragile, con interventi riabilitativi (poliambulatorio e centro diurno disabili), soluzioni abitative (housing sociale) ed opportunità di formazione e lavoro in un piccolo complesso commerciale aperto ai cittadini.

1573556077629892 andrea foschi grazie

Un progetto a cura di

Andrea Foschi

Mi occupo di progetti sociali da oltre vent'anni, prima nella cooperazione internazionale e ora in quella sociale. Sono convinto che con l'innovazione si raggiungono risultati inaspettati. Per questo motivo sono convinto che anche sui temi della disabilità l'offerta di un servizio come quello del progetto di "Suono anch'io" avrà forte impatto e benefici sul benessere dei ragazzi che coinvolgeremo all'interno del nuovo centro Riabila.

Milano