Festival Leggere Le Montagne

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Milano
Viaggi, Food, Ambiente
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Festival Leggere Le Montagne

Serata teatrale ed enogastronomica per la tutela delle montagne, con spettacolo sulla vita di Walter Bonatti e gli amici di Mountain Wilderness.

120€
-20 giorni
8%
1.500€
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

Festival Leggere Le Montagne

Serata teatrale ed enogastronomica per la tutela delle montagne, con spettacolo sulla vita di Walter Bonatti e gli amici di Mountain Wilderness.

120€
-20 giorni
8%
1.500€
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

Serata per il Festival internazionale “Leggere le Montagne”

L’evento sarà l’11 Dicembre 2019 al Teatro Verdi di Milano e fa parte del Festival “Leggere le Montagne”, che celebra la Giornata Internazionale della Montagna. 

L’iniziativa è organizzata dalla Cooperativa EST – Educazione Sostenibilità Territorio e Mountain Wilderness Italia, con il sostegno del Teatro del Buratto

La serata ha lo scopo di raccontare e mostrare le meraviglie e la complessità del paesaggio montano, attraverso l’esperienza di chi su questo legame ha costruito la propria vita, imparando a trasmetterne agli altri l’essenza stessa. 

La montagna è proprio questo: complessità. Non è solo un paesaggio incantevole, ma anche un luogo di insidie, che esige rispetto. La montagna è fascino senza tempo, ma può essere anche pericolo. La montagna è fonte di vita, ma anche un durissimo avversario. Sovrasta le valli, le pianure e le città, dominando l’orizzonte; è sotto gli occhi di tutti, eppure può apparire così refrattaria e inaccessibile. La montagna è maestosità, ma allo stesso tempo uno degli ecosistemi più fragili del nostro Pianeta e spetta a noi rispettarla e preservarla. Essendo la montagna un bene irrinunciabile, è a tutte le persone che questo evento intende rivolgersi, anche attraverso l’utilizzo di uno dei mezzi più potenti e divulgativi a nostra disposizione: il Teatro. Grazie alla potenza del linguaggio artistico e allo strumento dell’emozione, con lo spettacolo “In capo al mondo” di Teatro Invito racconteremo il grande alpinista Walter Bonatti, le cui parole danno il titolo all’iniziativa. 

La serata inizierà con una chiacchierata teatrale sulla montagna “che cambia pelle” con Gabriella Suzanne Vanzan e Nicola Pech, di Mountain Wilderness, insieme al poliedrico Michele Comi, geologo, guida alpina e ideatore del raduno internazionale Melloblocco, che ha partecipato a spedizioni alpinistiche in tutto mondo. Ci spiegherà come andare per montagne, fare alpinismo e girovagare per sentieri, sia anche una questione di sguardi. Una “Montagna che cambia pelle”, sempre più povera di ghiaccio e sempre più instabile, e che dobbiamo saper interpretare e salvare, per noi stessi e per i nostri figli. 

Quale miglior modo di celebrare la montagna se non degustando le eccellenze enogastronomiche dei suoi territori? Ecco quindi a seguire un fantastico aperitivo alpino, offerto ai nostri ospiti all’interno di Posto Unico, il Bistrot sostenibile del Teatro Verdi, e che aprirà agli attori di Teatro Invito.

Evento organizzato da EST, Mountain Wilderness, Teatro Verdi

Il progetto è interamente organizzato e gestito dai membri della Cooperativa Impresa Sociale EST – Educazione Sostenibilità Territorio e dell’organizzazione Mountain Wilderness.

La Cooperativa EST nasce nel 2018 dalla volontà di tre ex studenti specializzatisi nel corso di laurea magistrale "Valorizzazione culturale del territorio e del paesaggio" dell’Università degli Studi di Milano. Lo scopo è quello di contribuire alla crescita dell’interesse, alla diffusione di informazioni, alla correzione di alcune diffuse distorsioni e a fare chiarezza intorno ai luoghi comuni relativi alle tematiche geografico-ambientali.

La concezione di educazione alla base delle attività di EST si fonda sulla diffusione delle conoscenze fondamentali relative al patrimonio storico, culturale, ambientale, paesaggistico e sulle interconnessioni tra queste, che in generale costituiscono le basi su cui si fondano le società umane, sia a livello locale, sia su una scala più ampia. I progetti e i percorsi proposti da EST si basano quindi sui principi dell’educazione non formale, integrale e permanente, e sono appositamente ideati e modellati ad hoc in base ai contesti e al tipo di pubblico a cui si rivolgono.

Mountain Wilderness nasce nel 1987 con lo scopo di difendere e recuperare gli ultimi spazi incontaminati del pianeta attraverso strategie che prevedano il ricorso sistematico ad azioni concrete, anche ricorrendo all'uso della provocazione utopistica, per stimolare la crescita dei livelli di consapevolezza ambientale di strati sempre più ampi di frequentatori della montagna. Mountain Wilderness Italia è un'associazione ambientalista riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente e fa parte di un’organizzazione internazionale con rappresentanze in diversi Paesi.

L'evento gode del supporto del Teatro del Buratto.

Tutti i fondi saranno usati per sostenere la serata

I fondi raccolti saranno utilizzati esclusivamente per sostenere le spese per l’organizzazione della serata e saranno:

- Costi di gestione della location (sala del Teatro Verdi e di Posto Unico, il Bistrot del Teatro);

- Costi per l’organizzazione dei vari momenti in cui è articolata la serata, inclusi i viaggi, gli spostamenti e i soggiorni delle organizzazioni coinvolte;

- Costi di promozione della serata;

- Materiali informativi da offrire al pubblico durante la serata;

- Costi per l’organizzazione dell’aperitivo a tema montano che verrà offerto ai partecipanti;

- Spese per l’organizzazione dello spettacolo teatrale. 

1573051795093568 img 20190401 144934

Un progetto a cura di

Posto Unico

La Cooperativa EST nasce nel 2018 dalla volontà di tre ex studenti specializzatisi nel corso di laurea magistrale Valorizzazione culturale del territorio e del paesaggio dell’Università degli Studi di Milano allo scopo di contribuire alla crescita dell’interesse, alla diffusione di informazioni, alla correzione di alcune diffuse distorsioni e a fare chiarezza intorno ai luoghi comuni relativi alle tematiche geografico-ambientali.


Milano